Alla scoperta di UCPA in Val Thorens

  • /
  • 20/12/2017
  • 4432

Per il ponte dell’immacolata del 2017 ho avuto il piacere di provare un format di vacanza completamente differente rispetto a quelli a cui siamo abituati qui in Italia. Si chiama UCPA (Union nationale des Centres sportifs de Plein Air - Unione nazionale dei centri sportivia all'aria aperta) ed è un’associazione no-profit con lo scopo di rendere accessibile a prezzi contenuti lo sport in Francia e non solo.
In particolare sono andato nella struttura in Val Thorens, comprensorio che fa parte della skiarea “Les 3 Valleès” la più grande del mondo con 600 km di piste sci ai piedi.

 

Il concept UCPA

La filosofia di UCPA è molto differente da qualsiasi struttura italiana, si rivolgono ad una fascia di età dai 18 ai 55 anni (eccetto qualche iniziativa particolare), a coloro che cercano una vacanza molto orientata allo sport senza troppi fronzoli e allo stesso tempo vogliono conoscere altre persone con la stessa passione.

Si parte dall’alloggio che comprende la pensione completa dal momento che la maggior parte delle strutture sono sci ai piedi (quelle più lontane dalle piste hanno la possibilità del pranzo al sacco).
Anche sulle camere la parola d’ordine è “condivisione”: alloggi da 4 persone e bagno in comune tra due camere oppure doppie, che tuttavia sono poche e disponibili con sovraprezzo. L’idea è proprio quella di far incontrare, a chi non ha la compagnia giusta, nuove persone mosse dalle stesse passioni.

Ovviamente il tutto condito da un prezzo veramente competitivo per l'offerta e i servizi inclusi, una possibilità per tutti di andare in vacanza, praticare sport e divertirsi ( vedi il listino).

 

Lezioni a tutto tondo

Incluso nel prezzo c’è tutto a partire dai corsi (part time o full time) a scelta tra moltissimi sport invernali (ed estivi) tenuti da maestri UCPA ( vedi tutti gli sport).
Corsi formati da massimo 12 persone (o meno per alcuni sport) e divisi in vari livelli per rendere più omogenei i gruppi. Per il freeride/scialpinismo è prevista una prima lezione (per i livelli base) sulla sicurezza con utilizzo dell’APS e le nozioni base. Inoltre per gli amanti dello skialp UCPA divide tra lo scialpinismo classico, indicato per coloro che vogliono fare un vero e proprio tour, e il freerando più orientato alla ricerca della discesa perfetta con salite non eccessivamente lunghe.

Una grande possibilità sia per chi è da solo sia per quei gruppi di amici dove c’è qualcuno con un livello inferiore o che comunque vuole intraprendere un nuovo sport senza rinunciare alla compagnia. Un esempio di un programma tipo per il freeride Camp sci La Plagne.

La scelta dello sport avviene in fase di prenotazione dal momento che alcune discipline più tecniche (come lo scialpinismo) prevedono prezzi leggermente superiori.
 

Una vacanza "tutto compreso"

Molto spesso bisogna mettere in conto molte altre spese oltre all'alloggio, ma non in questo caso: lo skipass della skiarea è sempre compreso nel prezzo così come il noleggio dell'attrezzatura che offre sci per pista, freeride o skialp e, ovviamente, kit APS compreso per i corsi che lo necessitano. Anche i principianti o chi si approccia ad un nuovo sport potrà iniziare senza ingenti spese per l’attrezzatura.

 

Le località: Val Thorens e molte altre…

Non solo Val Thorens ma una vasta scelta tra 11 località di montagna e altre 3 dedicate solo a sport estivi ( vedi nel dettaglio).
Parliamo di skiaree famose come Serre Chevalier, Les 2 Alpes, Chamonix, Chamonix-Argentière, Val d’Isère, Tignes, La Plagne, Les Arcs, Les Contamines e Flaine.

 

Tornando alla Val Thorens si tratta di una skiarea che da sola conta 150 km di piste (senza considerare Les Minuires, Courchevel e Meribèl), con una quota che oscilla dai 2000 ai 3000 metri in un bellissimo contesto di alta montagna.

Anche chi è abituato a quote più basse non potrà che farsi stregare dalla vastità dei panorami, dall'elevata quantità e qualità della neve e dalle numerose possibilità di freeride nella zona che la rende una delle mete più interessanti delle alpi.

Senza contare un paese che, seppur senza un centro autoctono, è in ogni suo angolo moderno pur mantenendo quello stile montano che ognuno di noi si aspetta. Mentre per i giovani ci sono numerosi après-ski tra i più famosi dell'arco alpino.

 

Un format che per molti in Italia potrà sembrare nuovo e innovativo ma che in Francia e all’estero è ben collaudato fin dal 1965, data di nascita di UCPA, e che è molto apprezzato dai clienti che tornano ogni anno (spesso più volte all’anno) per ripetere questa esperienza.

 

Ulteriori Info vai al sito

Report Completo → sul forum

articolo scritto da per SkiForum


Galleria 23 foto