Bloccata la costruzione della nuova pista in Val Senales

  • /
  • 28/08/2016
  • 4855

A nemmeno 3 giorni dall'inizio dei lavori per la nuova pista da discesa in Val Senales, il 23 agosto, arriva già lo stop: il tribunale amministrativo ha accolto la richiesta di blocco del cantiere avanzata da l’Alpenverein e la Federazione protezionisti sudtirolesi (associazione ambientalista).

 

La nuova pista di rientro

Dopo un lungo iter durato più di un anno la società Funivie ghiacciai Val Senales spa era riuscita a far approvare una modifica al piano di settore della provincia di Bolzano per migliorare la fruibilità della skiarea e collegare l'impianto Lazaun.
Nel vecchio piano la vecchia seggiovia biposto sarebbe dovuta essere sostituita con una cabinovia con partenza più a valle avvicinandosi così alla funivia e al campo scuola, ipotesi poi abbandonata.

A febbraio scorso era stato approvato lo studio di fattibilità per un nuovo progetto complessivo della skiarea da attuare su più anni nel quale si prevedeva la realizzazione (già per la prossima stagione) di una nuova discesa da Teufelsegg fino a valle, oltre che due skiweg di collegamento tra la pista Lazaun e la nuova pista di rientro.
Il nuovo tracciato sarebbe compreso tra le quote di 2340 m e 2025 m in una zona priva di alberi, con una lunghezza di circa 2,3 km e una larghezza iniziale di 15 m per poi passare a 40 m, dotato di innevamento artificiale e con una connessione con l'attuale discesa a valle.

Zona interessata dalla nuova pista a metà tracciato

 

L'obbiettivo della nuova discesa è creare un'alternativa di rientro agli sciatori meno esperti dal momento che l'attuale pista è classificata come difficile, inoltre si connetterebbe finalmente la zona Lazaun che attualmente è penalizzata per via del mancato collegamento.
Rispetto al primo stralcio del nuovo progetto c'è stato un ridimensionamento del tracciato per evitare zone a rischio valanghe e venire incontro alle rischieste dell'ufficio ambientale.
Il costo della pista e dei due skiweg ammonta a circa 1 milione.

 Zona interessata dalla nuova pista nei pressi della seggiovia Roter Kofel

 

Un progetto più ampio per il futuro

Nel progetto complessivo approvato sono previsti anche altri interventi per i prossimi anni come l'ampliamento delle due piste Lazaun con singole nuove sezioni e la sostituzione della seggiovia, intervento già previsto nel piano del 2010 e volto all'omologazione FIS della pista di allenamento.

Cartografia dei progetti nei prossimi anni

 

Ma la novità più rilevante consiste in una nuova cabinovia in tre tronchi che sostituisca la seggiovia Roter Kofel (che parte dal paese) e arrivo in località Bellavista nei pressi della seggiovia Hintereis con intermedia al Teufelsegg e a metà della prima parte della discesa a valle (quest'ultima intermedia inserita nell'ultima versione approvata per evitare una zona a rischio valanghe).

Si va quindi a perfezionare quello che si ipotizzava già anni fa (una funivia Teufelsegg-Bellavista) al fine di garantire un secondo accesso al ghiacciaio in aggiunta alla funivia che è spesso soggetta a lunghe code e meteo avverso, inoltre sarà possibile ripetere direttamente la pista di rientro senza salire fino al Grawand.

A completare il quadro sono compresi interventi sui rifugi Teufelsegg e Gletschersee e l'ampliamento del parcheggio a valle.

 

Per questi ultimi interventi bisognerà attendere visto che si parla di un piano di settore, mentre per la nuova pista il direttore della società, Elmar Pichler Rolle, afferma che i lavori si stavano svolgendo nel rispetto delle regole e delle 28 prescrizioni imposte, il 27 settembre ci sarà la prima udienza al TAR dove si avranno ulteriori novità.

 

 
Per commentare e seguire gli aggiornamenti >> LINK

 

articolo scritto da per SkiForum


Galleria 7 foto