25-04-2016 Sella Nevea. Il Friuli OPEN.

matteo81

Pendolare dello Sci
Ciao a tutti.
Ieri probabile personale chiusura della stagione nell’unica località friulana che non avevo ancora visitato.
Avevo dei dubbi se salire per poche piste aperte ma ho deciso di non gettare l’occasione di avere una mattinata libera con bimba e moglie dai nonni e finalmente qualche giornata fresca dopo una quasi estate anticipata.

Breve premessa.
Per chi non conoscesse Sella Nevea è una località delle Alpi Giulie sorta negli anni 60-70 in un passo posto fra Canin e Jof di Montasio al termine della Val Raccolana che sale da Chiusaforte.
E’ probabilmente uno dei posti più nevosi d’Italia. La conca Prevala, grazie alla sua particolare conformazione, è stata in passato perfino un luogo adatto allo sci estivo nonostante la sua bassa quota (2000-1700m ) .
Negli ultimi anni Promotur, la finanziaria regionale per la promozione turistica, ha intrapreso un forte progetto di rilancio. La vecchia funivia del Canin e’ stata sostituita con una cabinovia 2s ed e’ stato realizzato il collegamento con la località slovena di Bovec (Plezzo in italiano) situata nell’alta valle dell’Isonzo.
Sembrava tutto avviato verso un processo di crescita finchè 2013 si è verificato un gravissimo incidente alla cabinovia di arroccamento dal lato sloveno. Gli impianti sono stati chiusi, la società è fallita e l’anno successivo le abbondanti nevicate associate alla non manutenzione hanno danneggiato anche altri impianti nel lato sloveno.
Negli ultimi mesi grazie all’intervento pubblico si sta lavorando per il ripristino degli impianti sloveni, la cabinovia pare possa tornare in funzione quest’estate.


167726-1481.jpg



Parto da Pordenone alle 6.30 e grazie al poco traffico arrivo a Sella in 1h30 circa in tempo per l’apertura degli impianti. La temperatura in paese è intorno allo zero.
Sono aperte la cabinovia 501 Canin (senza piste), la seggiovia 503 Gilberti e il 502 Funifor Prevala con piste (7b, 8,9 e 10 sulla mappa) .
Pochi km di piste aperte in effetti ma la qualità molto buona della neve in Prevala ha compensato ampiamente le poche piste aperte.
Le piste di rientro (Canin turistica e agonistica) ,seppur ufficialmente chiuse, erano praticabili fino quasi alla fine.
Skipass 18 euro le 3 ore (quello che ho fatto) e 25 euro il giornaliero.

Il parcheggio è alla partenza della vecchia funivia. La nuova cabinovia 2S parte qualche decina di metri più in basso normalmente raggiungibili scendendo con la pista.
Ma ieri non c'era neve quindi tocca farsela a piedi sull'erba.

Skilift Poviz.
167727-e0b17c77f6e345b7253a560d8de232da1.jpg



Verso il Montasio
167728-220f07e10fe1453fdfb2eada57c8dc1a1.jpg


168106-03e9072ba3f90cefd076327c347d31121.jpg



Tratto finale pista Canin turistica.
168107-3a5877eca7f5901b40c6e9135d6cf8ba1.jpg


Bila Pec
168108-9767f82f8c1a36e0c04ad1f49dee8a261.jpg


In cammino verso la cabinovia.
168109-85112d617dc245e19d4b0bf80cb518711.jpg


c17c8ed06ddbf1d2c7f909c36f73ba94.jpg


Eccomi alla cabinovia.
168110-aa93300c9e6a61a0c1987e08d16350831.jpg


Cabinovia Sella Nevea
168111-c1be2c06d6d66347aab6d6f1da6985e21.jpg



73a2933104b7dc5b052f7be96612ad84.jpg



All'arrivo della cabinovia. Montagne attorno al rifugio Gilberti . Moltissimi scialpinisti.

167729-76b5186efe182a9b40e2a11dc9299c3e1.jpg


167730-0487b622ed564cc24b8c8f42740c19f91.jpg


99580d6d436b8448996ff2a31e928387.jpg


4b8ec07ac40792fe75fd6c2758251d2c.jpg


Prevala con funifor.
La pista scende in una conca dove non si può fare altro che prendere la seggiovia Gilberti che riporta alla partenza del funifor.
9ee8da18067e4c48859933422dfe1edc.jpg


519cdfe65a8ee01af0240edce667c713.jpg


Rifugio Gilberti e partenza del funifor Prevala.
1f673cf1ce37017be606049429deea92.jpg


a7dcd081527b752e0440f5202455525b.jpg


Arrivo del funifor.
35e983b04d13bd8d0db9c80f31a2ce5d.jpg


Verso il Montasio
2b12cc9107af85cd11ae8701a7a60e52.jpg


Verso l'Austria.
2b964dc089a83856d7acec71c63af542.jpg


Ancora Montasio.
e36c90808c6357f221ae6c1420a05fa0.jpg



2c415bfb901eb264eb1cee50b217ba0a.jpg


52c4dfd82de332fcb58b64d9107f5642.jpg


Montasio con Sella Nevea in basso.
Notare la pista Slalom ora abbandonata.

e6cff29174d3c539dbf8b047c7f7f900.jpg


Forcella Prevala. Il confine di Stato passa di qui. La seggiovia che porta alle piste slovene è chiusa.
Unendo la pista di quest'ultima a quella che scende in Prevala (7a + 7b) deve venir fuori una bella pista.

167731-cb3e67bc2c6bd2d17bb98a9cdbfd974d1.jpg



Monte Forato
3b2ad7896c8d292614a356d30416a531.jpg


Tratto iniziale pista Prevala.
167732-4e017376381448b0e1b2e680c2d827821.jpg



Forcella Prevala. Panorama verso la Slovenia e Valle dell'Isonzo.

898e839fcf6b5574042d4b68f62e379d.jpg


Seggiovia chiusa.
74674ccb365bdbfebeea742221ec715a.jpg
0a45f0e7a07a59b16b31964435aa7879.jpg


298d7b44bd54868168af0040f2167816.jpg


Pista Prevala.
Qui neve invernale.
167733-c2f0411049c0a9b9291e4f0c87c66e911.jpg


d0e282c5bcc14413d81a7ddbc71e4dc6.jpg


10ab5cf34b7e1fafd0c5fd2bba0a6f75.jpg


be3a5f728994b7f3208265c2ecb40a1c.jpg


3dd132762523b6ef5c85655f867a5a26.jpg


Stazione partenza funifor.
167734-bba8f45367f253e33419d31376cd40c01.jpg



Seggiovia Gilberti.
167891-bcaeb3966fd98251dc8a632e6587158e1.jpg


Ancora pista Prevala.
167890-2d8b4794c4e4231770bca83dc3f227401.jpg


Stazione arrivo cabinovia Canin
167889-e77a8ca83fad67bb01d874e246df3a161.jpg



A questo punto verso le 11.30 comincio la discesa verso il paese.
Le piste, come detto, sono chiuse ma ugualmente affollate.
Un gatto ha battuto una parte come dire.. e' chiusa ma scendete..
La neve e' durissima e non ha mollato.
Le piste mi sono sembrate entrambe splendide.

167888-607b366ac671a7e73cb4fc03841ceeb21.jpg


d837db11da4a86f439d437369a1a906b.jpg


94be17055075c226b6e008cc8fa2a4eb.jpg


Parete del Bila Pec
ff096472dbf8b8deb34656c1f7a828a7.jpg


Canin Turistica
80e9bafbb2047a3b0725e9ccbcfd1441.jpg


a3d3775290a2adbc6a1ee626103c7ec2.jpg


167886-afb58384f6712ddc4ba74b8a9eba39e31.jpg



Fine della neve. Si procede sulle ultime strisce rimaste fino al parcheggio.
167887-9f80f68779002748dc6a2455d277a2d51.jpg



c3ddbd78fa4a9f595abc1a560aaa92e0.jpg


Fine della stagione ?
ca6e44e70ec04c1d7b321c79a66fb6b1.jpg


Concludendo la località mi è piaciuta molto. Combina innevamento eccellente, esposizione favorevole e due belle piste fino in paese. Mi riservo di tornare con gli impianti sloveni aperti che dovrebbero offrire qualche pista in più.
Ho letto che c’e’ l’idea di riaprire e collegare al resto la vecchia pista Slalom (impianto 506 e pista 18) ora abbandonata.
La località soffre, come tutte quelle friulane, di scarse strutture ricettive. Il paese e’ veramente triste, malinconico e i palazzi danno l’idea di abbandono.
Rifugi. Non ho provato il Gilberti. Sono stato a bere un cappuccino e una coca cola dei bar posti nelle vecchie stazioni della funivia. Li ho trovati entrambi squallidi anche se gestiti da due ragazze cortesi e disponibili.
In definitiva credo che come in TAA bisognerebbe stimolare con incentivi l’iniziativa privata su alberghi e rifugi altrimenti si rischia veramente di lasciare Sella al mero turismo pendolare e dare ragione a chi dice che i mega impianti costruiti sono solo cattedrali nel deserto.

Vecchia pista Slalom.
f40fd7fff912fe027d9dc61c4e89bf80.jpg


Sella Nevea.
cb75101a24780e26aace9d17e543b41c.jpg
 

Allegati

  • uploadfromtaptalk1461671577358.jpg
    uploadfromtaptalk1461671577358.jpg
    56.3 KB · Visualizzazioni: 384
  • uploadfromtaptalk1461671596527.jpg
    uploadfromtaptalk1461671596527.jpg
    42.3 KB · Visualizzazioni: 360
Ultima modifica:
Concludendo la località mi è piaciuta molto. Combina innevamento eccellente, esposizione favorevole e due belle piste fino in paese. Mi riservo di tornare con gli impianti sloveni aperti che dovrebbero offrire qualche pista in più.
Ho letto che c’e’ l’idea di riaprire e collegare al resto la vecchia pista Slalom (impianto 506 e pista 18) ora abbandonata.
La località soffre, come tutte quelle friulane, di scarse strutture ricettive. Il paese e’ veramente triste, malinconico e i palazzi danno l’idea di abbandono.
Rifugi. Non ho provato il Gilberti. Sono stato a bere un cappuccino e una coca cola dei bar posti nelle vecchie stazioni della funivia. Li ho trovati entrambi squallidi anche se gestiti da due ragazze cortesi e disponibili.
In definitiva quindi credo che come in TAA bisognerebbe stimolare con incentivi l’iniziativa privata su alberghi e rifugi altrimenti si rischia veramente di lasciare Sella al mero turismo pendolare e dare ragione a chi dice che i mega impianti costruiti sono solo cattedrali nel deserto.

Le prime due righe naturalmente sono corrette, impeccabili. Ma vieni più spesso, ti farai un'idea più precisa!

La pista Slalom credo proprio che non sia in via di ripristino, bensì si è ampiamente dibattuto di portare una seggiovia ai Piani del Montasio, decisamente più a occidente. Il paese è triste e scarso in strutture ricettive, sì, ma ci sarà un motivo. Incentivare nuove strutture è solo un passo successivo a molti altri, rifugi invece non credo ne servano ulteriori. Basterebbe finanziare la sistemazione del Di Brazzà (CAI) e la zona è sufficientemente coperta.

Disgraziatamente non hai provato l'unica struttura che funziona, il Gilberti, e che si muove almeno nella stessa direzione in cui si muove il mondo. E non in quella opposta, come troppo spesso si vede negli ambiti montani meno sviluppati.
 
Bello. Concordo sulla bellezza delle piste Canin turistica e agonistica.

Quando ci sono stato non avevano ancora realizzato il funifor, ma mi sono divertito lo stesso. Due-piste-due ma veramente belle.

Il paese più che "cadente" è inesistente. Allora mi sembra ci fossero tre alberghi (pieni perché era la settimana di capodanno) e il valore aggiunto era che costavano poco :D Spero che da allora abbiano almeno piazzato un bancomat visto che per prelevare ero dovuto arrivare a Tarvisio HIHIHI
 

.

Le prime due righe naturalmente sono corrette, impeccabili. Ma vieni più spesso, ti farai un'idea più precisa!

La pista Slalom credo proprio che non sia in via di ripristino, bensì si è ampiamente dibattuto di portare una seggiovia ai Piani del Montasio, decisamente più a occidente. Il paese è triste e scarso in strutture ricettive, sì, ma ci sarà un motivo. Incentivare nuove strutture è solo un passo successivo a molti altri, rifugi invece non credo ne servano ulteriori. Basterebbe finanziare la sistemazione del Di Brazzà (CAI) e la zona è sufficientemente coperta.

Disgraziatamente non hai provato l'unica struttura che funziona, il Gilberti, e che si muove almeno nella stessa direzione in cui si muove il mondo. E non in quella opposta, come troppo spesso si vede negli ambiti montani meno sviluppati.

Hai ragione in Friuli non scio quasi mai. Negli ultimi anni con lo stagionale DS sono sempre andato altrove. Prossimi anni toccherà rimediare in qualche modo. :D

Per i progetti sulla pista Slalom avevo letto qualcosa qui
http://messaggeroveneto.gelocal.it/...al-2018-chiuse-le-attivita-a-valle-1.12233803

Cambia la geografia dello sci a Sella Nevea, ma non per una strategia imprenditoriale o commerciale, ma per il rischio valanghe. Entro il 2018 infatti sarà rimossa una sciovia e sarà chiusa l’attività a valle, quella dove attualmente ci sono i campetti per imparare a sciare.L’attività sarà spostata verso la ex pista di slalom, riavviando in quell’area il sistema sciistico complessivo e valutando, se in prospettiva, sia opportuno proseguire verso le malghe.

Interessante il tuo punto di vista. Secondo te quali sarebbero i passi da fare prima di incentivare il miglioramento della ricettività ?
 
friuli open grande!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
bel posto cacchio!!!!!!!!!!!!!!!!!!
che impianti!!!!!!!!!!!!!!!!!particolari da alta montagna il funifour....
bravo!!!!!!!!!!!!anche tu open in closed!!!!!!!!!!!!!HIHIHIHIHIHIHIHIHIHIHIHI
 
Interessante il tuo punto di vista. Secondo te quali sarebbero i passi da fare prima di incentivare il miglioramento della ricettività ?

Direi che abbiamo ampiamente sviscerato l'argomento nelle discussioni più "private" sui Poli Friulani e in altre ancora. Adesso non riesco a riformulare le varie idee già espresse da me e da altri.

http://www.skiforum.it/forum/showthread.php?t=81952
e molti altri topic nei quali parzialmente si è parlato dell'argomento.
 
Complimenti,ottimo colpo,non ci sono mai stato,deve essere un posto molto bello e con il suo fascino
 
A me affascina, anche se non ci sono mai stato; leggo avidamente ogni report su Sella Nevea e con la fantasia non solo volo tra quei roccioni e quelle piste, ma immagino Colere con gli impianti di Sella (e ci vedo anche altre affinita', come l'ambientazione rocciosa, la tecnicita' delle piste, l'esposizione, la eccezionale nevosita', una ricettivita' alberghiera ridotta - anzi inesistente del tutto per la "mia" localita'); anche a Colere, nel cuore gelato della nord della Presolana, si organizzava negli anni migliori una garetta di slalom a luglio (ma senza impianti, risalita al max in motoslitta). Ed entrambe soffrono il fatto di avere un turismo sostanzialmente pendolare. Almeno da voi hanno ammodernato gli impianti! Noi abbiamo Orio al Serio e Ryanair a meno di un'ora e ci presentiamo con i catorci, che rammarico!
 
A me affascina, anche se non ci sono mai stato; leggo avidamente ogni report su Sella Nevea e con la fantasia non solo volo tra quei roccioni e quelle piste, ma immagino Colere con gli impianti di Sella (e ci vedo anche altre affinita', come l'ambientazione rocciosa, la tecnicita' delle piste, l'esposizione, la eccezionale nevosita', una ricettivita' alberghiera ridotta - anzi inesistente del tutto per la "mia" localita'); anche a Colere, nel cuore gelato della nord della Presolana, si organizzava negli anni migliori una garetta di slalom a luglio (ma senza impianti, risalita al max in motoslitta). Ed entrambe soffrono il fatto di avere un turismo sostanzialmente pendolare. Almeno da voi hanno ammodernato gli impianti! Noi abbiamo Orio al Serio e Ryanair a meno di un'ora e ci presentiamo con i catorci, che rammarico!

E' vero che delle analogie con Colere, dal punto di vista sciistico ci siano. Quota e qualita' neve sono molto simili, cosi' come la dipendenza dalle montagne su cui poggiano i loro comprensori e la loro storia, da una parte il Canin e dall'altra la Presolana.
Se e' vero che gli impianti di arroccamento a Sella Nevea sono di altro genere rispetto a Colere, e' pero' non confrontabile a mio parere l'affluenza, decisamente a favore della localita' orobica, che offre anche - al momento, quindi senza collegamento con Bovec - maggiori possibilita' sciistiche e piu' varieta'. Anche il paese, per quanto non sia una "perla" e' decisamente piu' servito e vivo, frutto anche della vicinanza con altri centri. Sella Nevea e' a 20 km circa dagli altri paesi degni di questo nome, Tarvisio e Chiusaforte.
 
Fossimo su un forum sloveno scriverei Kanin... ma in italiano è Canin, non ci sono possibili interpretazioni diverse.
A meno che esistano forum resiani, ma ne dubito! :D
 
Top