Abruzzo: situazione neve, piste, aperture impianti, strade, etc.

È il momento!
 

Allegati

  • Screenshot_20240111_184331_Chrome.jpg
    Screenshot_20240111_184331_Chrome.jpg
    139.4 KB · Visualizzazioni: 74
Al di la della sicurezza, bisognerebbe "scioperare" dal prendere l'impianto!! ma si sa che noi italiani non siamo avvezzi a questo genere di iniziative e la politica lo sa bene. Ho sentito già diverse persone che non vedono l'ora che la funivia riapra, e che non avrebbero problemi a prenderla convinti che i rischi non sussistono, e che i provvedimenti sono sovradimensionati rispetto al rischio reale. Detto ciò mantenere aperta quella strada se ci fossero nevicate abbondanti non è cosa facile..
 
oltre alla majelletta l'unico che "riprirà" in condizioni decenti, visto anche il freddo sarà roccaraso che oltre a un po di neve caduta ora potrà innevare senza buttare soldi. Per adesso impianti stanno apreno ma piste ancora poche.
CF e Ovo non so cosa e come apriranno considerato che a base impianti non ci sta proprio neve (soprattutto OVO) e tra scarsa neve, poca acqua e fondi sassosi, a parte alcune aree sommitali inizieranno a metà gennaio ma in salita drammatica la stagione. Ovo ha due pistarelle in quota che fanno una sorta di minisettore con migliore innevamento, cf vista anche l'esposizione manco quello. Certo pagare giornalieri a prezzo pieno per queste condizioni una sorta di beneficenza alle ns. stazioni.
Imperatore penalizzato dalla farsa della cabinovia, dovrebbe mantenere la strada aperta ma non sarà facile, altrimenti il weekend sarà caos con le capienze ridotte.
A me sembrerebbe una delle peggiori stazioni di sempre, a meta gennaio ancora quasi tutto chiuso e mi sembra quasi perculatio narrare di belle discesa ad aprile e maggio, lo sci nelle stazioni sciistiche in appennino finisce a marzo tranne imperatore e Maielletta, forse questa stagione con la pasqua potrebbero allungare qualche giorno, ma stiamo parlando di circa 2 mesi di sciabilità in un inverno a livello di afflussi per le stazioni, oltretutto iniziando con bacini mezzi vuoti e dovendo sparare molto, si prospetta stagione disastrosa per l'economia dello sci e turismo invernale in appennino
A mio avviso bisogna distinguere tra la stagione invernale sulle piste e sulle stazioni sciistiche ed attività "Individuali" indipendenti dall'impiantistica. Se qualcuno scende su lingue di neve a maggio giugno non si può dire che la stagione invernale in Abruzzo dura 5/6 mesi, sarebbe come considerare che siccome qualcuno si fa il bagno a natale allora la stagione balneare dura fino a gennaio. Anche perchè le attività scialpinistiche sussistono in assenza di impianti e potenzialmente sono praticabili dall'Etna al Monte Bianco, per un periodo esteso anche se piu rivolto alla stagione primaverile.
 
pure impero, cabinovia a parte si sta spellando molto il vento sta portando via tutta la neve in quota e non penso abbiano battuto le piste per preservarle
 
Top