Sci non per tutti .Facciamo chiarezza ad inizio anno ?

Tornado68

Active member
Oggi mi sono imbattuto in una recensione del Dynastar Omegaglas SL R22 ( Ma lo avevo notato parecchie altre volte con modelli top di gamma da negozio) dove ,parte degli esimi recensori, lo dipingono come uno sci facile da usare a medio bassa velocità, una mi ha colpito in modo particolare perché lo ha descritto come uno sci adatto dal Liv 4 al 7....... Io penso che in una intervista a caldo si possa sbagliare ma in fase di montaggio certe cose andrebbero almeno tagliate. Sta, a mio avviso, passando il concetto sbagliato che gli sci di oggi, fatte salve alcune eccezioni, siano sci che vanno bene per tutti.
Chiedo a chi è più esperto di me di fare chiarezza ad inizio anno in modo da non dover tornare sempre sugli stessi concetti.
 

robertoginesi

Active member
ormai gli sci sono come le auto se puoi permetterti una ferrari la compri anche se non sei un pilota, al contrario potresti essere un gran manico ma doverti accontentare della panda .
io la vedo cosi e le recensioni (prezzolate dalle case) vanno sempre più in questa direzione, spesso le case spingono uno sci e lo fanno sembrare per tutti pur di venderlo.
basta vedere in CDM una volta l'atleta saliva sul podio con lo sci con cui era sceso oggi gli mettono subito in mano lo sci
che puntano a vendere di più come per dire che puoi avere lo sci della coppa del mondo.
 

Teo

Well-known member
E' così da sempre e in ogni settore sportivo, inizi a giocare a tennis e trovi l'invasato che ti consiglia la racchetta di Federer con incordatura mista quando hai dei problemi a mandare di la la palla, giracchi con la moto da enduro e ti consigliano il KTM 300 2T che manco fossi Cairoli, compri l'ebike e ti consigliano l'ammo della ohlins quando manco sai cos'è un ammo...

C'è e ci sarà sempre, specie tra i tester, chi sostiene che un FIS sia "educativo"... e lo è se sai portare al limite e oltre un racecarve, ma se a stento conduci, anche no...

Ci sono senza dubbio sci molto "trasversali" sui livelli, un buon racecarve di gamma medioalta, e l'esempio anche qua più usato e il SSS di head, è uno sci che effettivamente messo in mano a uno sciatore di medio livello è facile e divertente, poi lo usa al 50% delle sue potenzialità, ma non è controproducente e se continui ad evolvere ti diverti anche se sei un atleta di coppa europa, già un master se non hai preparazione tecnica e fisica (e la preparazione fisica è spesso più sottovalutata di quella tecnica) oltre a non divertirti rischi anche di prenderti dei difetti tecnici nel cercare di dominarlo.

Esistono, da che mondo e mondo, le categorie degli attrezzi sportivi, e chi compra deve avere l'umiltà di autovalutarsi, e non precludersi uno sci "easycarve" solo perchè non fa "pro"
 

Slalom64

Well-known member
È un fenomeno tipicamente italiano quello di prendere sci sovradimensionati rispetto alle proprie capacità .Sciando all' estero si nota subito la differenza di attrezzatura , il normale turista usa sci che da noi nemmeno trovi in molti negozi solo per il fatto che " non attirano "
 

ste89

Well-known member
È un fenomeno tipicamente italiano quello di prendere sci sovradimensionati rispetto alle proprie capacità .Sciando all' estero si nota subito la differenza di attrezzatura , il normale turista usa sci che da noi nemmeno trovi in molti negozi solo per il fatto che " non attirano "

bhe, in tutti gli sport..
ho diversi compagni di squadra che comprano gli scarpini di calcio di messi o ronaldo (250-270 euro) ma che non sanno fare un passaggio a 5 metri..
 

Teo

Well-known member
È un fenomeno tipicamente italiano quello di prendere sci sovradimensionati rispetto alle proprie capacità .Sciando all' estero si nota subito la differenza di attrezzatura

Se parli di francia sono d'accordo, ma per il resto sono piazzati come se non peggio di noi... vai in austria e capirai dove vendono tutti quegli stockli da nmila euro
 

ACE65

Active member
Se parli di francia sono d'accordo, ma per il resto sono piazzati come se non peggio di noi... vai in austria e capirai dove vendono tutti quegli stockli da nmila euro

Vero in parte, in Austria vendono più Stöckli “tutta la gamma” , ma l’Italia compra più Laser (La linea gara) dell’Austria HIHIHI

Ciao

Ps. Se metti la scritta Race, Equipe, Team anche sulla merda, in Italia la vendi HIHIHI
 

Tornado68

Active member
Vero in parte, in Austria vendono più Stöckli “tutta la gamma” , ma l’Italia compra più Laser (La linea gara) dell’Austria HIHIHI

Ciao

Ps. Se metti la scritta Race, Equipe, Team anche sulla merda, in Italia la vendi HIHIHI

Lo prendo come un affronto personale. I miei Carpani non sono merda comunque. Ovviamente scherzo
 

ACE65

Active member
Lo prendo come un affronto personale. I miei Carpani non sono merda comunque. Ovviamente scherzo

Ti manca solo la scritta Equipe :D e le avevi tutte HIHIHI Su questo Stöckli è avanti, ha messo la scritta World Cup HIHIHIHIHIHIHIHIHI che non ho mai capito a cosa serva…giusto per vendere :TTTT

Ciao
 

Leonard

Skifosamente Skifoso
Concordo con Teo, la preparazione fisica è fondamentale per portare certi sci.
Anche perché, se la gamba non è stabile e muscolarmente preparata, col cavolo che fai una conduzione come si deve con un Master M21...

Per fare una giornata di sci come si deve, bisogna essere fisicamente allenati, diversamente è meglio andare a mangiare strudel in rifugio....
 

giò

Active member
Oggi mi sono imbattuto in una recensione del Dynastar Omegaglas SL R22 ( Ma lo avevo notato parecchie altre volte con modelli top di gamma da negozio) dove ,parte degli esimi recensori, lo dipingono come uno sci facile da usare a medio bassa velocità, una mi ha colpito in modo particolare perché lo ha descritto come uno sci adatto dal Liv 4 al 7....... Io penso che in una intervista a caldo si possa sbagliare ma in fase di montaggio certe cose andrebbero almeno tagliate. Sta, a mio avviso, passando il concetto sbagliato che gli sci di oggi, fatte salve alcune eccezioni, siano sci che vanno bene per tutti.
Chiedo a chi è più esperto di me di fare chiarezza ad inizio anno in modo da non dover tornare sempre sugli stessi concetti.

E perchè mai trovi così strana una recensione come questa? In realtà ti stanno dicendo che è un ottimo sci con un perfetto equilibrio tra struttura e sciancratura, non scorbutico e nervoso da reazioni imprevedibili ma invece sempre prevedibile e sincero nelle reazioni.
Adatto dal 4 al 7 livello? Ottimo, vuol dire che è un vero tuttofare con il quale sciare a spasso con i figli piccoli oppure tirare due curve come si deve quando si può. E non è il solo degli alto di gamma ad avere questo pregio.
Ad esempio uno sci che trovai così "centrato" per accompagnare nell'evoluzione lo sciatore fu l'ormai dimenticato magnum chip della head, oltre al sempreverde SSS, ma anche l'atomic redster senza d2 (il modello di qualche anno fa) o anche, per stare su modelli più recentri, lo head erace no pro, il nordica / blizzard gs senza piastra piston, così come il volkl racetiger senza piston. Quindi sci con ottima struttura non troppo irrigidita da una piastra bella tosta che renderebbe l'attrezzo troppo "duro" per uno sciatore tecnicamento ancora non troppo evoluto. Ma parliamo di una piastra......
 

Albert 85

Active member
E' così nello sci e in tante altre cose, bici super leggere con i componenti migliori da 7, 8, 9 K€ e poi in salita sono inchiodati. Moto super adventure con 15 fari fendinebbia, serbatoio da 40 litri e la usano per andare in ufficio con i mocassini... :shock:
 

Teo

Well-known member
Per fare una giornata di sci come si deve, bisogna essere fisicamente allenati, diversamente è meglio andare a mangiare strudel in rifugio....

Beh dai non bisogna essere troppo tranchant, con un racecarve puoi goderti una giornata divertente, tirando anche qualche curva sulle piste giuste, senza dover essere necessariamente in perfetta forma, sei hai lo sci giusto puoi andare a spasso tutto il gg senza grandi fatiche...
Diversamente portare un FIS o anche un master per quanto "addomesticato" è stancante, anche andando piano, anzi forse stanca di più.
 

WolfBerg

Well-known member
C'è e ci sarà sempre, specie tra i tester, chi sostiene che un FIS sia "educativo"... e lo è se sai portare al limite e oltre un racecarve, ma se a stento conduci, anche no...
Secondo me questo è un po il punto della questione. Uno sciatore diciamo L4 sta ancora prendendo fiducia con la presa di spigolo e quindi la curva è gestita tutta con le rotazioni. Infatti l'arco ben eseguito è "naturale" (lo sciatore non ha controllo fine della direzione). Ora, se questa è la situazione, ruotare i piedi con uno sci top di gamma o con degli snowblade cambia si, ma non drasticamente; lo sciatore trova un adattamento (con tempi chiaramente differenti da persona a persona).

Quello che secondo me diventa disastroso è la progressione. Quindi il nostro L4 avanza tecnicamente, L5,6...magari 7. Con uno sci più impegnativo, apprendere sarà molto piu difficile e piu lento perchè non si crea una situazione favorevole ad apprendere. Se uno inizia ad andare a sci paralleli, gli consigliate di stare sulle blu o di passare subito su rosse?
Per esperienza personale, quando iniziai a fare Gs non tiravo una curva; l'allenatore mi ha allora imposto di usarne uno piu facile fino a che non lo trovavo troppo facile segno che tecnicamente ero cresciuto oltre quello sci. Risultato, tornando su quello piu impegnativo lo trovavo quasi facile.

La recensione di cui parla Tornado, probabilmente potrebbe intendere che è un attrezzo buono per progredire.
 

sigigno7

New member
La verita` e` che pochissimi fanno "test drive" sugli sci.
Se provassero qualcosa di piu` adatto se ne renderebbero subito conto che dire "ho un GS da gara" non vuol dire una mazza

PS: ovviamente non parlo qui sul forum, dove c e' un attenzione maggiore
 
Top