Rip powder ???

Zam

il Fù Zam il Bello
azzz .... sembra che a fine novembre chiuda POWDER :shock::shock:

spaciugando stamattina su instagram ho letto sta notiziaccia su parecchi account nord-americani
 

montfort

Well-known member
Si letto anch’io!! Chiude anche Bike magazine altro pezzo di storia della mtb!!son stato abbonato per anni sia a uno che all’altro, dispiace tanto
 

testataecassa

Grande Galaxie addict
è difficile fare quadrare i conti delle riviste specialistiche, quando in rete trovi forum, siti, canali YouTube ecc. che forniscono di piu, ricercabili e gratuiti
 

Gigiogigi

Deep white freebanfer
Sono il primo che non compra più nessuna rivista, prendo una volta all'anno la buyer's guide di Skialper, ho provato ad acquistare la rivista qualche volta ma è abbastanza povera. Meglio allora la rivista del CAS che mi arriva mensilmente essendo socio. Ero un patito di riviste motociclistiche, ma anche lì è rimasto poco e la qualità è scemata (ma del resto il mercato della moto è agonizzante).
 

WolfBerg

Well-known member
azzz .... sembra che a fine novembre chiuda POWDER :shock::shock:

spaciugando stamattina su instagram ho letto sta notiziaccia su parecchi account nord-americani
Che peccato!
Che ricordi! di quando in universitá sfogliavo la rivista invece di seguire le lezioniHIHIHI
 

Vettore2480

VETTORE
Caspita. Mi è arrivata la newsletter da poco, sembrava tutto normale...
Quando ero abbonato partecipai ad un loro concorso video, mi scontravo con i grandi capi delle case americane, ma per compassione dettero una honour mention a Dove il Vento Sibilla. Fu una grande soddisfazione!
 

rebelott

Well-known member
Qualche dettaglio in un link trovato in rete grazie ad un amico:

https://www.adventure-journal.com/2...k6Pcc84aHrHhoRgzlaeEWZG_JyemmF-n0ncXqV-C3S0w8
 
Ultima modifica:

testataecassa

Grande Galaxie addict
anche i maniscalchi dovettero per lo più fallire e chiudere. tranne quelli che trasformarono il loro negozio in un centro per il cambio pneumatici

purtroppo in genere i siti internet degli editori cartacei sono inguardabili e non hanno saputo tenere il passo con altre realtà sul web

onestamente tra andare in edicola a comprare una rivista sullo snowboard e aprire YouTube non ho alcun dubbio di cosa scegliere. sono già durati tanto per quello che posso capire
 

Vettore2480

VETTORE
Ricordo i tempi di spedizione dagli USA, l’incertezza di ricerverla o meno dopo... ma quando la trovavi nella cassetta l’adrenalina e l'emozione erano a livelli pazzeschi.
Ora è tutto diverso, prendi in mano il telefono ...ed hai immediatamente, a portata di click, 10.000 deficenti con le gopro a raggiera, attaccate anche sotto lo scroto, pieni di pecette redbull in bella vista, che si ingegnano in ogni maniera pur di riuscire a spaccarsi come cocomeri lanciati dal trentesimo piano...
 

jeanabbetto

Well-known member
e qualcuno ci è pure riuscito....purtroppo...
 

Zam

il Fù Zam il Bello
ma FREESKIER invece esiste ancora? o ha fatto la fine anche lei di POWDER e FREEZE ??
 

op1976

Skiunz
Peccato. Ma il cartaceo è morto da un pezzo. Mi sorprende piuttosto che cancellino anche i siti online, a parte snowboarder. Si vede che non hanno lavorato proprio benissimo su quel fronte.
 

Vettore2480

VETTORE
Ecco, stamani mi è arrivata la newsletter, che rimanda a questo comunicato.
https://www.powder.com/stories/news...mail&em_hash=8c368627f6525e66a6d34e40b19070a0
 

Zam

il Fù Zam il Bello
Si letto anch’io!! Chiude anche Bike magazine altro pezzo di storia della mtb!!son stato abbonato per anni sia a uno che all’altro, dispiace tanto

tra l'altro, leggevo ieri che chiude anche SURFER MAGAZINE dopo 60 anni
 

Teo

maestro di skilift
Beh dai... oggettivamente, ERA ORA...

https://www.powder.com/stories/news/the-future-of-powder-magazine

Io a BIKE e POWDER sono stato abbonato per oltre 15 anni, su BIKE al tempo avevo anche pubblicato qualche foto, ma era qualche anno ormai che non rinnovavo, gli ultimi li avevo presi in digitale ma vedevi cose che avevi già letto e strariletto altrove.
E' un settore finito, quello delle riviste stampate, da quasi 10 anni, oggi ci sono siti dinamici fatti molto meglio, fruibili ovunque, e immediati.
Mi sembra una decisione sensata per il gruppo, che sicuramente avrà risentito degli effetti del covid, ma credo abbia solo preso la palla al balzo per tagliare dei rami ormai secchi da un po'.

Le redazioni credo non avranno problemi ad organizzare una piattaforma online, e sono certo che gli investitori per supportare nuovi progetti non mancheranno.
Un'era si è chiusa, e una nuova era si apre...
 
Top