Monte Catria (che in realtà è...) - 26 gennaio 2017

Lanfi

Member
Dopo il reportage dell'anno scorso al monte Nerone anche quest'anno il Vostro vi porta a fare un giro nelle piccole stazioni sciistiche del montefeltro!

Vista la delusione patita nei giorni precedenti sul monte Carpegna (dove la neve era stata portata via dal vento) decido di puntare alla stazione sciistica del monte Catria (qui trovate il sito) dove la neve dovrebbe essere presente in quantità.

Si parte poco dopo la frazione di Caprile, nel comune di Frontone, dove arriviamo ad un grande parcheggio (gratuito) e ci prepariamo a prendere l'impianto che ci porterà in quota. Lo skipass è di quelli old style, a saperlo mi sarei portato uno di quegli aggeggini riavvolgibili che hanno accompagnato la mia infanzia sciistica


186073-skipass.jpg



Sganciata la pecunia (niente mattiniero, il giornaliero feriale viene 18 Euro) ci lanciamo su un'ovovia - come dire - d'antan! In realtà è un mix tra ovovia o cestellovia, al Vostro tocca il cestello (vagamente rugginoso) e con abile balzo alla Carlo Martello salta in groppa.


Qui potete vedere la stazione di partenza (se qualche esperto volesse deliziarci con dei dati tecnici sarebbe cosa gradita)


186074-img20170126091959.jpg



Ed ecco i famosi cestelli, ovviamente si sta in piedi


186075-img20170126091947.jpg



Siccome la risalita per coprire i circa 600 mt di dislivello dura poco meno di una ventina di minuti il Vostro si è armato di coraggio e ha scattato qualche istantanea

Ecco la linea della ovovia, corre dritto per dritto sul fianco del monte Acuto senza divagazioni


186295-img20170126092539.jpg



Volgendoci di lato troviamo una delle pareti verticali che si incontrano risalendo, forse sarà di qualche interesse per coloro a cui piace l'arrampicata. So che da queste parti ci sono diverse linee


186296-img20170126093151.jpg



Accanto ai piloni della ovovia invece possiamo vedere l'elettrodotto che fornisce la corrente per alimentare l'impianto. La domenica precedente uno dei cavi si era lesionato (freddo+neve+vento appeninico+una certa età) bloccando tutto per parecchie ore.


186297-img201701260940001.jpg



Alla fine arriviamo alla stazione di monte della ovovia, un agile balzo e il vostro è pronto alla pugna!


186298-img20170126135450.jpg



Subito sotto la stazione di arrivo troviamo la zona per i principianti servita da un tappeto


186299-img20170126114514.jpg



dopo averla percorsa ci troviamo all'unico impianto che effettivamente serve le piste di questa località


186329-vlcsnap-2017-01-31-11h50m07s575.png



Direi che a questo punto è d'uopo esaminare la skimap che si trova sul sito


186310-cartinamontecatria.jpg



Per prima cosa come potete vedere tutti parlano di monte Catria per identificare l'area sciistica ma in realtà la stazione è tutta situata sul pendio nord-est del monte Acuto (fratellino del Catria). In secondo luogo come potete vedere ci sono due skilift, beh in realtà il secondo (quello più a monte) è dismesso da parecchio tempo. Quindi la skimap corretta a cui mi riferirò d'ora in poi è questa


186311-cartinamontecatria-effettiva.jpg



comunque prendendo lo skilift si comincia a salire in mezzo all'immancabile bosco appenninico


186312-file0017.jpg



e si arriva in cima alle piste


186313-file0018.jpg



186316-img20170126110402.jpg



Ci troviamo in una zona molto panoramica e il Vostro, che ha un cuore sensibile, calma un attimo la scimmia sciistica per fare qualche foto


A sinistra la puleggia della sciovia attualmente funzionante, a destra quel casotto credo sia tutto ciò che rimane dello skilift a monte con sopra - a dominare la situazione - la cima del monte Acuto.


186317-img20170126095706.jpg



Sopra la nuvolaglia possiamo vedere che emergono a sinistra il monte Nerone e a destra il monte Carpegna.


186318-img20170126100546mod.jpg



Cominciamo con le piste. Fondamentalmente come potete vedere dalla skimap corretta si tratta di tre piste, mollando lo skilift e tenendo leggermente la destra si comincia la blu che inizialmente è bella larga (strano per i canoni appenninici)


186319-img20170126110408.jpg



poi ovviamente si restringe ed entra nel bosco, sempre mantenendo una pendenza adatta al principiante


186327-catria1-vlcsnap-2017-01-31-11h45m15s181.png



ed infine sbuca proprio sopra il rifugio Cotaline 1400 congiungendosi con una rossa che esaminerò dopo.


186350-file0023.jpg



Già che ci siamo eccovi il rifugio, il Vostro non l'ha provato perché era troppo impegnato ad andare su e giù come un criceto ma ne ha sentito parlare bene


186351-img20170126103715.jpg



tornando alla pista dopo essersi congiunta con la rossa prosegue verso la base dello skilift offrendo un bel panorama


186328-vlcsnap-2017-01-31-11h46m17s427.png



Riprendendo lo skilift svoltando seccamente a destra ci si immette nella pista rossa sopracitata, all'inizio la pendenza è poca


186352-file0020.jpg



Poi si entra in una curva bella lunga e pendente che in sostanza esaurisce la pista riportandoci nella zona di congiunzione con la blu.


186353-file0022.jpg



Purtroppo il giorno precedente aveva riscaldato un po' trasformando la neve e poi rigelandola e dato che questo muro rimane sempre in ombra la neve si è mantenuta fin troppo dura per tutto il giorno


Molto meglio è andata invece nella terza pista del comprensorio, quella in cui il vostro ha potuto soddisfare con lascivia i suoi appetiti sciistici. Questa volta al termine della sciovia si prende a sinistra


La pista inizia stretta


186354-file0045.jpg



ma poi si allarga e comincia una piacevolissima alternanza di muretti da carvare con stile (per quel che si può!)


186355-file0046.jpg



186332-vlcsnap-2017-01-31-11h47m32s510.png



186356-file0047.jpg





neve ottima grazie all'esposizione al sole, l'unica pecca è la parte finale dove la pista si chiude bruscamente in pieno muretto e l'arrivo allo skilift si presenta un po' complesso dovendo fare lo slalom tra reti e dossi


186333-vlcsnap-2017-01-31-11h48m02s075.png



186335-vlcsnap-2017-01-31-11h48m36s838.png



E con questo direi che le piste principali del comprensorio sono finite. Segnalo che all'arrivo dello skilift si può accedere anche ad uno snowpark


186357-img20170126124231.jpg



186359-img20170126124206.jpg



186358-img20170126124209.jpg



Vista l'assenza di tavolari il Vostro ha voluto marcare il territorio mangiandosi un panino seduto su un rail, evvai con le emozioni forti :CICCIO!


Da segnalare proprio sotto il rifugio anche la presenza di un parco giochi per bambini, magari utile per chi volesse impegnare il pargolo e l'eventuale compagna/o mentre si gode una sciata


186360-img20170126114206.jpg



Sempre in quella zona fa bella mostra di sé l'unico cannone che abbia visto, tra l'altro che io sappia non ci sono neanche invasi per alimentarlo quindi credo che si possa fare ben poco sul fronte neve artificiale


186361-img20170126132309.jpg



Si potrebbe concludere qui...e invece no, con un one more thing alla Steve Jobs (o se preferite alla tenente Colombo) riporto la vostra attenzione alla skimap. Noterete che dalla stazione di arrivo della ovovia parte una pista che, con un tracciato un po' arzigogolato, arriva al parcheggio delle macchine. Si tratta della pista (o fuoripista battuto - sul sito e su facebook si mantegono un po' sul vago) fondovalle. Eccovi qui tutte le statistiche e una mappa dettagliata.

Ovviamente il vostro, ingolosito da quei 5 km di pista e dai quasi 1000 mt di dislivello che la rendono (a detta dei gestori) il tracciato sciabile più lungo delle Marche, a fine giornata si è buttato e l'ha provato. Aggiungeteci nelle motivazioni anche il fatto che questa pista (?) viene aperta una volta ogni morte di papa visto che è necessario un innevamento del tutto straordinario. Ad ulteriore motivazione guardando dalla ovovia avevo visto questi scorci di tracciato che mi sembravano promettenti


186362-img20170126092613.jpg



186363-img20170126092602.jpg



In realtà la presenza del ciaspolatore mi avrebbe dovuto mettere in guardia. Non si trattava infatti né di una pista né di un fuoripista ma semplicemente di una strada forestale battuta alla meno peggio con il gatto, larga massimo 2 metri per la maggior parte del tempo e diventata di un ghiaccio durissimo a causa del rigelo. Piena di buchi lasciati dalle impronte dei camminatori, di cingolate a profusione e di dossi notevolissimi offriva un divertimento sciistico (per me) pari a 0. Ad ogni modo il Vostro ha fedelmente svolto il suo dovere di documentatore


Inizia abbastanza larga, ma già si capisce che il gattista stava tirando a finire alla svelta


186336-vlcsnap-2017-01-31-11h50m43s434.png



Nel prosieguo comincia a restringersi...


186337-vlcsnap-2017-01-31-11h52m50s777.png



e il Vostro comincia a rendersi conto che è meglio non distrarsi


186338-vlcsnap-2017-01-31-11h53m12s513.png



poi si arriva al primo tornante


186339-vlcsnap-2017-01-31-11h53m37s043.png



e la situazione comincia a farsi stretta


186340-vlcsnap-2017-01-31-11h54m24s728.png



di qui in poi i tratti rettilinei molto stretti si alternano con i tornatini a dir poco....sconnessi


186341-vlcsnap-2017-01-31-11h55m26s635.png



186342-vlcsnap-2017-01-31-11h56m05s183.png



poi verso la fine la pista si allarga ma non è che lo spettacolo sia proprio entusiasmante


186343-vlcsnap-2017-01-31-11h57m32s088.png



186344-vlcsnap-2017-01-31-11h57m52s654.png



186345-vlcsnap-2017-01-31-11h58m05s520.png



infine si affronta l'ultimo tratto che ci riporta al parcheggio


186346-vlcsnap-2017-01-31-12h00m04s803.png



186347-vlcsnap-2017-01-31-12h00m31s107.png



dove tra l'altro si trovano abbanondati dei piloni (futuri apliamenti? magari)


186349-vlcsnap-2017-01-31-12h00m46s293.png


Riguardando le foto (che in realtà sono fotogrammie estratti da un filmato destinato ad essere cestinato a breve) come spesso accade non si rende l'idea. La pista (?) era messa molto peggio di quanto vedete, forse avrebbero fatto meglio a non batterla anche se viste le condizioni atmosferiche si sarebbe comunque cementata di brutto.

Ecco, arrivati a questo punto direi che del comprensorio avete visto praticamente tutto. A livello di opinione personale continuo a preferire il monte Nerone dove ho sempre trovato la preparazione delle piste davvero ottima, la migliore della zona. Come lunghezza delle piste (non considerando - che è meglio - la fondovalle) entrambi i comprensori sono piuttosto simili.

Sperando che questo reportage appenninico non vi abbia annoiati troppo il Vostro vi porge i suoi più cordiali saluti e coglie l'occasione per augurarvi buone sciate!
 
Ultima modifica:

seba92r

New member
ci sono stato l'unica volta nel 2012, beh quella volta quei 2 metri di neve avevano reso tutta la zona della cestovia un freeride paradise, per le piste non ne vale molto la pena
 

billi

Member
bel report, e bella la stazione d'antan...che emozione vedere i mitici cestelli..
da piccolo andavo spesso a campolino (impianto ora dismesso nel comprensorio dell'abetone)
e salire e scendere da sti bidoni, di corsa,con gli scarponi, tenendo sci e racchette rappresentava per me sempre una piccola impresa...HIHIHIHIHIHI
 
M

MAXINMARE

Guest
Cestelli simili mi hanno visto ospite solo da bambino nella selvaggia Sila (ce n'erano di simili sia a Camigliatello che a Lorica, in Calabria).
Parlo peró di quasi quaranta anni fa :shock: HIHIHI

Comunque anche a me piace provare questi posti "alternativi" con tutti negli anni 70 che ormai solo l'Appennino puó regalare.
 

Edo

???
Comunque anche a me piace provare questi posti "alternativi" con tutti negli anni 70 che ormai solo l'Appennino puó regalare.

In verità anche in altre zone si può fare un tuffo nel passato...
 
M

MAXINMARE

Guest
In verità anche in altre zone si può fare un tuffo nel passato...

Sulle alpi ci sono ancora cestelli in giro ?? :shock:
 

Edo

???
Sulle alpi ci sono ancora cestelli in giro ?? :shock:

Certo, in Piemonte ad esempio ci sono ad Oropa in provincia di Biella e sono proprio quelli originali:

186376-cestovia-2.jpg


e a Lurisia in provincia di Cuneo ma si tratta di un impianto recente:

186377-cestovia1.jpg


Per altro anche la cestovia del reportage mi sembra una realizzazione recente di CCM (costruttore di quelli cuneesi) ma hanno mantenuto quasi tutti i vecchi(ssimi) cestelli, non avevo mai visto fare una scelta del genere...
 

ste1258

Well-known member
Enjoy the bidons!!
Se non si ha fretta (e magari non si hanno gli scarponi da sci ai piedi) è bellissimo salire con quegli impianti.

Segnalo anche, tra le altre:
- Laveno-Sas del Fer sul lago Maggiore
- Pozzatello-Monte Capanne all'isola d'Elba
- Gubbio-Colle Sant'Ubaldo in Umbria
 

caioemanu

SnowBoarder
:per altro anche la cestovia del reportage mi sembra una realizzazione recente di CCM (costruttore di quelli cuneesi) ma hanno mantenuto quasi tutti i vecchi(ssimi) cestelli, non avevo mai visto fare una scelta del genere...

Diciamo che è stata una scelta "forzata" in quanto c'erano soldi solo per alcuni (pochi) cestelli nuovi
 

pat

Well-known member
E la cestovia del Fedaia...
 

Lanfi

Member
Diciamo che è stata una scelta "forzata" in quanto c'erano soldi solo per alcuni (pochi) cestelli nuovi

Tra l'altro caio correggimi se sbaglio...ma gli ovetti ci sono solo da quest'anno giusto? Prima mi sembra che fosse solo cestelli...su facebook ho letto che hanno avuto problemi nei giorni di grande affluenza perché la gente voleva salire solo sugli ovetti e non sui cestelli. In realtà il cestello alla fine lo trovo preferibile, soprattutto in una bella giornata, perché davvero ti permette di goderti al meglio il panorama ed è pure meno claustrofobico. Inoltre i piloni non è che siano chissà quanto alti, alla fine si rimane pure abbastanza vicini a terra...
 

derrick

New member
Bellissimo report con una fantastica e simpatica descrizione.
 

caioemanu

SnowBoarder
Tra l'altro caio correggimi se sbaglio...ma gli ovetti ci sono solo da quest'anno giusto? Prima mi sembra che fosse solo cestelli...su facebook ho letto che hanno avuto problemi nei giorni di grande affluenza perché la gente voleva salire solo sugli ovetti e non sui cestelli. In realtà il cestello alla fine lo trovo preferibile, soprattutto in una bella giornata, perché davvero ti permette di goderti al meglio il panorama ed è pure meno claustrofobico. Inoltre i piloni non è che siano chissà quanto alti, alla fine si rimane pure abbastanza vicini a terra...
Si esatto, gli ovetti chiusi ci sono solo da quest'anno e molti aspettavano quelli x salire creando code inutili :checepossofa:

Comunque anch'io preferisco il Nerone (e la carpegna) le cui piste secondo me sono più lunghe rispetto al Catria.

Il Catria avrebbe sicuramente più potenzialità rispetto ai vicini Nerone e Carpegna:
- generalmente prende più neve naturale rispetto agli altri,
- la strada per raggiungere Frontone, partenza della funivia, è sempre pulita trovandosi a soli 600mt
- Buon parco giochi per i bimbi
Purtroppo però attualmente le piste sono veramente TROPPO CORTE, certo se si potesse raggiungere la cima del monte Acuto il discorso cambierebbe.
 

fla5

(Super) Skifoso!
Un vero tuffo nel passato, uno di quei report pioneristici di SF :D

Quì in appennino centrale rarità simili sono scomparse :shock:
 

luca63

Well-known member
Un gioiellino di report,bravo e complimenti
 
Top