stupa di ghiaccio in Ladakh e neve artificiale

gigiotto98

Well-known member
mi sono imbattuto in un articolo riguardante La pratica delle stupa di ghiaccio del Ladakh ( Himalaya indiano ) https://en.wikipedia.org/wiki/Ice_stupa che e’ praticata da secoli per immagazzinare acqua per l’estate . Morale la stupa e’ considerata come sistema sostenibile per aiutare gli agricoltori himalayani. Ma se invece il ghiaccio, sotto forma di cristalli chiamati neve artificiale, lo fanno gli abitanti delle Alpi, allora e’ chiamati spreco di acqua. Volete spiegarmi per cortesia?
 
Perchè la neve artificiale è "di destra" e serve per far divertire i ricchi (nel concetto del sinistroide landiniano-fratoiannico), la "stupa" è di sinistra e serve per alleviare le sofferenze dei poveri e dei disagiati.
 
Ah, uno e’ ghiaccio comunista mentre l’altro è’ ghiaccio capitalista? Io invece vedo entrambi come modi di immagazzinare acqua dolce utile in prima che altrimenti finirebbe sprecata in mare a dicembre.
 
Se lo scopo è il rilascio a primavera allora teniamola direttamente nei bacini artificiali che evapora meno. Dai su...è dura arrivare a novembre co ste minkiate 🤣
 

.

I bacini si riempiono più e più volte a novembre dicembre. La quantita Di neve sparata e’ almeno il triplo della capienza dei bacini. I bacini per la neve artificiale servono a fare polmone per sparare tantissimo nelle brevi finestre di freddo, durano 4-5 giorni, poi sono Vuoti, e dato che a novembre solitamente piove abbastanza da fare alluvioni in pianura, acqua fino a Natale non ne manca di certo e vengono riempiti nuovamente in attesa di un’altra finestra di freddo.
 
  • Like
Reactions: pat
mi sono imbattuto in un articolo riguardante La pratica delle stupa di ghiaccio del Ladakh ( Himalaya indiano ) https://en.wikipedia.org/wiki/Ice_stupa che e’ praticata da secoli per immagazzinare acqua per l’estate . Morale la stupa e’ considerata come sistema sostenibile per aiutare gli agricoltori himalayani. Ma se invece il ghiaccio, sotto forma di cristalli chiamati neve artificiale, lo fanno gli abitanti delle Alpi, allora e’ chiamati spreco di acqua. Volete spiegarmi per cortesia?
Credo che l'unica cosa spiegabile da questa analogia sia quanto tu sia imbecille.
 
Forse perchè in ladakh non c'è tanta gente che ha 70euro al gg da spendere in skipass...
Sempre di cibo da mettere in tavola si parla. C’è chi lo fa zappando la terra, c’è chi lo fa facendo lezioni di sci, vendere gli Sci, dare da mangiare e da dormire agli sciatori, e chi lo fa vendendo skipass. Dove sta la differenza?
 
Sempre di cibo da mettere in tavola si parla. C’è chi lo fa zappando la terra, c’è chi lo fa facendo lezioni di sci, vendere gli Sci, dare da mangiare e da dormire agli sciatori, e chi lo fa vendendo skipass. Dove sta la differenza?
Mi sembra di capire che si parli di ecosostenibilità e non di sostenibilità economica, senza entrare nel merito delle motivazioni dell'utilizzo, da una parte c'è un sistema che pompa acqua a valle trasportandola a monte per generare neve artificiale, dall'altra un sistema che grazie alla sola forza gravitazionale preleva acqua a monte, cumulandola a valle sotto forma di ghiaccio
 
Ma quell’energia usata per pompare acqua verso monte, quando serve, e’ ricavata dalla caduta di altra acqua, o anche la stessa acqua, in altri punti del suo inarrestabile viaggio verso il mare.
 
Hai sempre e comunque un costo che giustifichiamo solo grazie al ritorno economico del turismo dello sci.
Progetti simili alla stupa di ghiaccio sono studiati anche qui in Svizzera e non tanto per preservare la neve per la stagione invernale prossima, ma per creare punti di risorse idriche per le montagna stessa nella stagione estiva;
ad esempio sono molto preoccupati (rimanendo in tema di turismo) dell'acqua per i rifugi alpini, sempre più in difficoltà per la scarsità in estate; ma non mi risulta che qualcuno abbia proposto di pompare l'acqua da valle.
Rimanendo in ambito sciistico, forse il telone geotermico è equiparabile alla stupa.
 
Top