Posizione classifica anno 2019: 103/130 | Posizione in classifica generale: 2807/3302.

icona Skitags: Monte Rosa [4]

Mostra risultati da 1 a 13 di 13

Discussione: Scialpinismo Punta Gnifetti 4554 m. Monte ROSA 12/13 Maggio 2019

  1. #1
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Movement Response x-series - Dynafit Tlt6 Performance - Atk RT (tutto sprecato per le mie capacità)

    Predefinito Scialpinismo Punta Gnifetti 4554 m. Monte ROSA 12/13 Maggio 2019

    Partiamo Domenica mattina alla volta della Valle d'Aosta, l'eccezionale apertura del Rifugio Capanna Gnifetti nel periodo di chiusura degli impianti ci invoglia nel vedere quelle alte terre senza la consueta ressa estiva o invernale. Giungiamo ad ora di pranzo all'ampio parcheggio di Staffal, in località Gressoney la Trinitè e iniziamo, sci in spalla, a percorrere il sentiero in direzione del Rifugio Gabiet; a circa 2000 metri di quota calziamo gli sci e proseguiamo la salita sulla pista fino all'arrivo della funivia. Da qui abbandoniamo il tracciato e tagliamo, con lungo traverso, in direzione del Weilfsch Gaveno: intercettato il centrovalle, continuiamo in moderata pendenza per l'Orestes Hutte. Proseguiamo, tra facili vallette, verso il Colle di Salza che lasciamo poi sulla sinistra per risalire su diversi ripiani fino circa a quota 3000 dove un lungo traverso porta al pendio sotto ai rifugi. Con un'ultima lunga tirata, siamo in prossimità del Rifugio Gnifetti che, con non facile percorso finale, raggiungiamo sfiancati. Dopo una ricca cena e qualche chiacchera davanti alla stufa, ci buttiamo a letto piuttosto provati dai 1800 metri di dislivello appena compiuti. Le temperature nella notte sfiorano i -10 ma per fortuna le camere sono attrezzate con ottimi piumini e un leggero riscaldamento.
    Il mattino di Lunedì ce la prendiamo con calma, una sostanziosa colazione e poi via verso i 4000. La prima parte del percorso verso il Colle del Lys è la più pericolosa per via dei grossi crepacci che tagliano latitudinalmente i pendii. Raggiunto poi il ripiano sotto al Cristo delle Vette, la via si fa più tranquilla e con moderata pendenza, su eterno falsopiano glaciale, arriviamo al suddetto colle, quota 4250 metri. Un'amara sorpresa ci accoglie: le vette principali sono coperte di fitte nuvole. Decidiamo a malincuore di ripiegare verso la cima appena sopra il passo, la Ludwigshohe che vanta la ragguardevole quota di 4344 metri. Picca e ramponi vinciamo un'emozionante cresta ghiacciata e torniamo quindi agli sci, lasciati poco sotto. In quel preciso istante le nuvole si aprono in direzione delle cime del Rosa: passiamo un breve momento di esitazione ma ci lasciamo velocemente sedurre. Torniamo al Colle del Lys e continuiamo la marcia verso la cima. Compiamo dapprima un lungo traverso sotto la punta Parrot e riprendiamo la salita nonostante le forze siano ormai verso la fine: teniamo un passo lento mentre tracciamo su neve talvolta ventata e, con ampio semicerchio, raggiungiamo l'alto pianoro del Colle Gnifetti. Il vento freddo ci sferza il viso e rende la salita ancora più difficoltosa. Poco sotto la rampa, lasciamo gli sci e proeguiamo picca e ramponi in direzione della mèta, ormai a portata di mano. Superato quest'ultimo, non banale, ostacolo, finalmente mettiamo piede sulla Punta Gnifetti, quota 4554 metri, una delle più alte vette alpine su cui sorge l'ambita Capanna Regina Margherita, il più alto rifugio gestito di tutta Europa (chiuso in questo periodo). La vista è impagabile, i 3000 sembrano colline al cospetto di queste cime, persino il Cervino, nella sua severità, pare più piccolo (altezza 4476 metri). Poi la vista corre sulla formidabile nord del Lyskamm, i 4000 svizzeri e infine lontano ma imponente il Re delle Alpi, il Monte Bianco. Ultimo impagabile panorama che balza all'occhio è la spaventosa parete est al di sotto del balcone del rifugio, un salto vertiginoso che sprofonda per 3000 metri verso la Val Sesia.
    Abbandoniamo quindi a malincuore questa terra alta: una sfiancante discesa di 2700 metri ci aspetta. Raggiunti gli sci, iniziamo a perdere quota su neve ventata e piuttosto “difficile” dopodichè una sorta di polvere leggermente scaldata ci accompagna fin sotto la Punta Parrot dove dobbiamo ripercorrere un breve tratto di salita verso il Colle del Lys. Sputando l'anima, guadagnamo quei 50 metri e riprendiamo la sciata. Ancora neve ventata ci aspetta sul lungo pendio glaciale mentre, una volta sopra al tratto crepacciato, un timido firn si fa strada. Dobbiamo fare tappa al Rifugio Gnifetti per riprendere alcune cose lasciate al mattino al fine di alleggerire gli zaini: dopo una breve sosta per idratarci, riprendiamo la discesa ora su neve mollata e più interessante. Le condizioni rimangono ottimali fino quasi alle piste dove la coltre inizia ad essere piuttosto marcia. Sono le piste stesse a salvarci permettendoci un'ottima sciata fin a quota 2000 dove, sfiniti, togliamo gli sci e li rimettiamo in zaino. Un ultimo tratto a piedi, quasi come automi inanimati, e raggiungiamo la macchina dove guardiamo verso le alte vette, ora nascoste dalle nuvole. Torniamo stanchissimi da quest'avventura davvero devastante per il fisico ma con nel cuore tante emozioni e ricordi indelebili di seracchi, ghiacciai, pareti, zone ancora così selvagge che sembrano stare in altre dimensioni tanta è ormai la nostra distanza dalla natura, abituati come siamo alla freddezza del nostro mondo antropizzato. Dalla pianura, al tramonto, un ultimo sguardo al gigante Monte Rosa, ora a buon ragione di essere chiamato così, mentre si incendia all'ultima luce del sole radente lasciandoci un'ultima emozionante immagine impressa per sempre nelle nostre menti.(writer Ricky)

    https://connect.garmin.com/modern/activity/3645155263

    https://connect.garmin.com/modern/activity/3645158766




































































































































































































    Ultima modifica di sambo76; 20-05-2019 alle 02:33 PM.


  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  3. #2

  4. #3

    Predefinito

    Complimentissimi a tutti e 2,bellissimo

  5. #4

    Predefinito

    Bellissimo! Ma...sotto la Est c'è la Valle Anzasca (Macugnaga) non la Valsesia

  6. #5

    Predefinito

    Giù il cappello!
    Complimenti, il fatto che eravate soli rende il tutto ancora più bello.

  7. #6
    Dalle Murge ... alle Alpi Skifoso
    Attrezzatura
    Kneissl Black Star SM 183R21 - Salomon BBR 8.9 186 - Fischer RC4 110 Vacuum - Casco Ruroc RG1-DX

    Predefinito

    Al netto dei soliti 2453 selfie.... report e gita davvero spaziali





    Citazione Originariamente scritto da mappoLc Vedi messaggio
    E sticazzzi...complimenti !!!!
    Un giorno o l'altro capirò perchè al nord usate quest'espressione romanesca... al contrario

    Sticazzi = chi se ne frega

    Mejcojoni = urca , incredibile.


    Una delle fonti più divertenti in proposito:

    https://www.parolacce.org/2015/08/04...***-me-cojoni/

    Un suo libricino (consigliatissimo in caso di periodi di stress )
    https://www.amazon.it/metodo-sticazz.../dp/B0096G324K

  8. Lo skifoso MAXINMARE ha 7 Skife:


  9. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  10. #7

    Predefinito

    Grazie per la condivisione della bellissima escursione.
    Ma, possibile tu abbia trovato la Capanna Margherita chiusa?
    E niente foto della discesa?
    Quanto ai selfie, sei in competizione serrata con Marcolski!
    Colgo l'occasione per postare una foto a conferma del significato dell'esclamazione utilizzata:
    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	Drole_CartelliRidicoli38StiCazzi.jpg
Visite:	508
Dimensione:	134.0 KB
ID:	69347

  11. Skife per Childerique:


  12. #8

    Predefinito

    Giro strepitoso nella vera montagna

    Occhio solo a una cosa, prima che qualche integralista montano ti venga a cercare per bere il tuo sangue, a seguito della seguente profanazione: il Cervino è alto 4478 m, non 4476

  13. #9

    Predefinito

    Ricky, il ghost-writer, ha sbagliato secolo....

    toh, sono passati 15 anni esatti dalla MIA salita alla capanna Margherita ( giro diverso, ma pur sempre molto contorto ... ). fugit irreparabile tempus

  14. #10
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    JJ Solution Splitboard 164 + Spark R&D Burner + Fitwell Backcoutnry (e sono comunque una capra)

    Predefinito

    Bellissimo il Rosa. Alla Margherita ci sono stato nel 2013 e voglio assolutamente tornarci quest'anno, se facesse un weekend di sole o senza vento

    Posti magici! Da Gressoney senza impianti è una bella sfacchinata, complimenti


    Detto ciò, mi permetto di dire una cosa in ottica costruttiva. Dalle foto deduco che non abbiate assolutamente esperienza di ghiacciaio (lo dico perché ad entrambi non vedo addosso l'imbrago!!!): avete fatto un itinerario che, seppur senza difficoltà tecnica, presenta ampi tratti crepacciati (alcuni di questi buchi penso potrebbero accogliere dei palazzi). Ogni anno qualcuno ci lascia le penne nel tragitto tra la Capanna Gniffetti e il Colle del Lys (l'ultimo un paio di settimane fa o poco più quando c'è stato il Mezzalama). Avere corda e il necessario per il recupero da crepaccio non serve a nulla se poi non lo si sa fare, però se si va su un ghiacciaio, almeno un imbrago con una fettuccia e un moschettone legato allo spallaccio dello zaino è cosa buona e giusta, almeno per facilitare i soccorsi (un po' come andare in giro da soli a fare skialp/freeride: avere l'arva non serve a nulla, ma almeno non fai smadonnare i soccorritori).

  15. Lo skifoso sollazzo ha 7 Skife:


  16. #11
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    JJ Solution Splitboard 164 + Spark R&D Burner + Fitwell Backcoutnry (e sono comunque una capra)

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da MAXINMARE Vedi messaggio
    Al netto dei soliti 2453 selfie.... report e gita davvero spaziali







    Un giorno o l'altro capirò perchè al nord usate quest'espressione romanesca... al contrario

    Sticazzi = chi se ne frega

    Mejcojoni = urca , incredibile.


    Una delle fonti più divertenti in proposito:

    https://www.parolacce.org/2015/08/04...***-me-cojoni/

    Un suo libricino (consigliatissimo in caso di periodi di stress )
    https://www.amazon.it/metodo-sticazz.../dp/B0096G324K
    scusate OT...a me piace molto la spiegazione di Giallini

    https://youtu.be/iAyka1BFfGY

  17. Lo skifoso sollazzo ha 4 Skife:


  18. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da sollazzo Vedi messaggio
    Detto ciò, mi permetto di dire una cosa in ottica costruttiva. Dalle foto deduco che non abbiate assolutamente esperienza di ghiacciaio (lo dico perché ad entrambi non vedo addosso l'imbrago!!!): avete fatto un itinerario che, seppur senza difficoltà tecnica, presenta ampi tratti crepacciati (alcuni di questi buchi penso potrebbero accogliere dei palazzi). Ogni anno qualcuno ci lascia le penne nel tragitto tra la Capanna Gniffetti e il Colle del Lys (l'ultimo un paio di settimane fa o poco più quando c'è stato il Mezzalama). Avere corda e il necessario per il recupero da crepaccio non serve a nulla se poi non lo si sa fare, però se si va su un ghiacciaio, almeno un imbrago con una fettuccia e un moschettone legato allo spallaccio dello zaino è cosa buona e giusta, almeno per facilitare i soccorsi (un po' come andare in giro da soli a fare skialp/freeride: avere l'arva non serve a nulla, ma almeno non fai smadonnare i soccorritori).
    No no dopo un inverno parecchio secco e nevicate primaverili salire dal Gnifetti alla Margherita senza indossare l'imbrago è oltre il geniale

  19. Skife per Epaps:


  20. #13

    Predefinito

    Qualche selfie di troppo....peccato veniale rispetto ad un report favoloso.




Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •