Trekking 2021

Slalom64

Well-known member
Piccola escursione su neve , visto che non si può sciare , giusto per iniziare e prima dell' ennesimo blocco :
Monte Joanaz prealpi Giulie con moglie e cagnolona al seguito :

pianura friulana con laguna di Lignano/ Marano sullo sfondo

283952-img-20210116-wa0013.jpg


Golfo di Trieste che luccica

283953-img20210116111120.jpg



Io con Margot e a dx monte Nero ed in centro sullo sfondo cima monte Triglav

283956-img-20210116-wa0002.jpg
 

Crespeina

Camoscio
Un po' di trekking urbano/di campagna oggi per iniziare l'allenamento primaverile. Si parte dai 360m circa della città di Merano, per salire al maso Zmailerhof sul monte Scena, circa 1090m, quindi un dislivello di 730m.
Ho cercato di scegliere il più possibile un percorso che sia con meno fango e in gran parte è andata bene, alcuni tratti però con ghiaccio in scioglimento, soprattutto in una serpentina ripidina, fortuna che aveva il corrimano e in discesa si faceva fare scivolando allegramente giù. :D HIHIHI

Ecco qualche foto.


285442-2.jpg


285448-8.jpg




285444-4.jpg


285445-5.jpg


In lontananza il tetto dello Zmailerhof - la nostra meta per oggi
285446-6.jpg


285443-3.jpg






285449-9.jpg


285450-10.jpg
 

Crespeina

Camoscio
Riprendiamo il riscaldamento primaverile con un'altra passeggiata attraverso la città, la campagna e il bosco per arrivare alla chiesetta di Santa Caterina ad Avelengo a 1245m. Stavolta circa 950m di dislivello per 13 km di lunghezza. Per gran parte i sentieri erano coperti di neve, molto bella e croccante sotto i piedi, dura al punto giusto, si riusciva anche a correre e saltellare in discesa senza rischiare di scivolare, grip straordinario! Tra l'altro avevo le scarpe da avvicinamento estive (basse e senza gtx), ma solo in un tratto mi son pentita di non aver messo qualcosa di più pesante in quanto sentivo che un po' di neve si era infiltrata da sopra. Comunque poi una volta al sole si sono asciugate e riscaldate subito! :)

Dopo i primi 600 m di dislivello facciamo la prima sosta sul prato dietro un maso che in estate fa anche ristorante. E qui ad un tratto sbucca fuori un cane simpaticissimo che ci farà compagnia per un altro pezzo di strada facendo con noi altri 200-300m di dislivello ..:shock:

286101-1.jpg


286102-2.jpg


Bisognerà attraversare alcuni punti con alberi caduti

286103-3.jpg


286104-4.jpg


Al posto di questa casa una volta c'era la stazione a monte della vecchia funivia per Avelengo (in servizio tra il 1923 e i primi anni 80), in funzione quando ancora non c'era la strada asfaltata e per andare in città si usavano i sentieri.

286105-5.jpg


Finalmente la nostra meta.

286106-6.jpg


286107-7.jpg


286108-8.jpg


A destra la casa al posto della ex stazione a monte della vecchia funivia. Sotto la città e sullo sfondo la Cordillera Blanca di Merano, detta anche Giogaia di Tessa ;)

286109-9.jpg


Panchina panoramica per la seconda sosta :D

286110-10.jpg


286111-11.jpg


286112-12.jpg


286113-13.jpg


286114-14.jpg


286115-15.jpg


286116-16.jpg


Le api dormono ancora..

286117-17.jpg


Monte Ivigna
286120--1.jpg




Qui si vede già il centro città e si riesce a scorgere il campanile del Duomo.

286118-18.jpg
 
Ultima modifica:

Crespeina

Camoscio
Sara' stato il cane di qualche casa di quelle parti... spero che non si fosse perduto!
Esatto, penso sia il cane della casa nella prima foto. Ci eravamo fermati per mangiare un panino al salame. Lui avrà percepito a distanza la cosa ed è venuto a sedersi vicino, aspettando pazientemente. Così abbiamo condiviso con lui parte dei nostri panini e quando ci siamo alzati per andarcene lui a iniziato a correrci intorno e a voler giocare. Abbiamo continuato a camminare salutando ma lui è venuto con noi, ancora un bel pezzo. Correva in avanti per poi tornare saltellando indietro, tutto contento. E così per un 2-3km almeno (è 200-300 di dislivello) fino a che ad un tratto non l'abbiamo più visto e abbiamo pensato che fosse tornato a casa. Forse fa così con tutti (o molti) - una guida turistica locale praticamente! !! 😊😄
 

Crespeina

Camoscio
stazione a monte della vecchia funivia per Avelengo (in servizio tra il 1923 e i primi anni 80), in funzione quando ancora non c'era la strada asfaltata e per andare in città si usavano i sentieri.

286105-5.jpg

..
A destra l' ex stazione a monte della vecchia funivia. Sotto la città e sullo sfondo la Cordillera Blanca di Merano, detta anche Giogaia di Tessa ;)

286109-9.jpg

Siccome ho accennato alla vecchia funivia per Avelengo ecco un paio di foto che la ritraggono :
286307-ak-ansichtskarte-seilbahn-haflinger-merano-teleferico-avelengo-kat-bahnen.jpg


286308-seilbahn-meran-hafling-merano-avelengo-kat-bahnen.jpg
 

zetaemme

Well-known member
Gita di Domenica, partenza da Cimbergo località Redola, direzione Baite Del Volano
DSC06631.jpg
DSC06635.jpg
DSC06639.jpg

Le Baite del Volano
DSC06647.jpg
DSC06650.jpg

Le Baite del Volano, con sullo sfondo illuminata dal sole, parte della Concarena
DSC06653.jpg
DSC06656.jpg

II rifugio De Marie al Volano
DSC06659.jpg

La Chiesetta nei pressi del rifugio
Visualizza allegato 75919
Visualizza allegato 75917

Il Pizzo Badile Camuno
DSC06674.jpg

Panorama sulla Conca del Volano, sullo sfondo la Concarena e a sinistra il Pizzo Badile Camuno
IMG_20210214_162821_420.jpg
La conca del Volano e il rifugio
IMG_20210214_163111_403.jpg
Visualizza allegato 75916

La salita purtroppo è tutta in ombra, il freddo durante la sosta si fa sentire a mani e piedi (si è ghiacciata l'acqua nella borraccia sullo spallaccio), quindi bevo un po' di the caldo dal Thermos e decido di non fermarmi...alle 10.30 sono già all'auto.
La Concarena, che alla partenza era mezza in ombra, ora si rivela interamente baciata dal sole in tutto il suo splendore
DSC06690.jpg
DSC06694.jpg
Visualizza allegato 75920

Però tornare già verso casa così presto mi sembra una follia, al sole la temperatura è più mite e un cartello con la dicitura Mastellino mi invoglia ad andare a vedere dove porta la stradina che si dirige nella direzione opposta alla conca del Volano
Tunnel vegetale
DSC06699.jpg
Giochi di luce alle baite Mastellino
DSC06710.jpg
Alberi ancora imbiancati
DSC06711.jpg

Dopo un ampio giro e alcuni tornanti vedo che la mulattiera, in mezza costa nel bosco, procede in direzione opposta, verso quindi le baite del Volano; consultando un'applicazione sul telefono per orientarmi vedo che effettivamente tornerei proprio in quella zona...comunque visto che siamo in ballo, balliamo e decido di proseguire
DSC06715.jpg
DSC06717.jpg

Rieccomi alle baite del Volano, ora finalmente sono assolate
DSC06723.jpg
Visualizza allegato 75915
DSC06727.jpg
DSC06733.jpg
DSC06737.jpg

Visto la temperatura ancora fredda ma decisamente migliore della mattina presto all'ombra decido quindi di fermarmi e mangiare qualcosina, anche se dopo pochi minuti il sole ci nasconde dietro il Pizzo Badile Camuno; a questo punto finisco di pranzare e visto che la temperatura si riabbassa velocemente ridiscendo di buon passo all'auto.
 

zetaemme

Well-known member
Oggi, Val Grande: da Tù, frazione di Vezza D'Oglio, fino a poco dopo il Bivacco Saverio Occhi (poi senza ciaspole si affondava a mezza coscia)

DSC06755.jpg

Chiesetta stile messicano/alpino
DSC06762.jpg

Al mattino presto, prima che uscisse una splendida giornata di sole, le nuvole creano affascinanti giochi di luce
DSC06775.jpg

Malga Val Grande
DSC06784.jpg

Le montagne giocano a nascondino
DSC06790.jpg
DSC06789.jpg

Si prosegue...
DSC06808.jpg

Il bivacco Saverio Occhi
DSC06812.jpg
DSC06811.jpg

Verso il fondovalle
DSC06809.jpg

Il Bivacco Saverio Occhi dall'alto
DSC06832.jpg
DSC06831.jpg

Passo di Pietra Rossa o passo di Val Grande, visto che alcune cartine identificano come Passo di Pietrarossa un altro passaggio
DSC06826.jpg
DSC06840.jpg

La chiesetta al ritorno, quando il cielo si è totalmente rasserenato
DSC06867.jpg

Formazioni di ghiaccio
DSC06881.jpg
 
Ultima modifica:

Crespeina

Camoscio
Oggi siamo tornati sul sentiero della scorsa volta, ma lo abbiamo allungato di circa 100m di dislivello, salendo la collina a fianco della chiesetta di Santa Caterina, dal nome Hochsulfen, 1345 m. Sono sentieri che non ho mai fatto in vita mia, nonostante sono qui a portata di mano. Di solito si cerca sempre di prendere la macchina per andare a fare qualche giro più lontano, invece ora col lockdown, stiamo scoprendo cosa di bello c'è qui sotto al naso :D.
La scorsa volta la neve sul sentiero era bella compatta, mentre questa volta con le temperature miti la neve si sta sciogliendo e diventa molto scivolosa, tanto che su in cima ho visto persone coi ramponcini. Noi invece sempre con le scarpe da avvicinamento estive e senza ovviamente bastoncini (no a inutiliingombri!) HIHIHI. A salire sui tratti ripidi era parecchio faticoso, tanto che mi veniva da preoccuparmi un po' per la discesa. Non che il sentiero sia molto esposto, però.. insomma in alcuni punti se per sbaglio si scivola un po' troppo... ecco.. meglio evitare!! Quindi in discesa ho fatto andare avanti l'Uomo! E facendo un po' di attenzione si è rivelato tutto meglio di come immaginavo. Passati i punti un po' interessanti, poi giùù con la scivolata controllata! :D

Chiesa di San Valentino
(in alto a destra la collina Hochsulfen - la nostra meta)
286555-0.jpg



286556-1.jpg



Castel Rametz

286557-3.jpg



Vecchio sostegno in pietra - rimasuglio della ex funivia di Avelengo

286558-4.jpg


Monte San Vigilio e la cima innevata è Guardia alta di Naturno (o San Pancrazio)
286559-5.jpg



Segnaletica CAI

286560-6.jpg



286561-7b.jpg



Hochsulfen 1345 m con neve ancora invernale

286562-8.jpg



286563-9.jpg



Monte Ivigna guardando in direzione Merano 2000

286567-13.jpg



Tutte le panchine panoramiche sono all'ombra e ancora sommerse dalla neve

286564-10.jpg



286565-11.jpg



286566-12.jpg
 

Crespeina

Camoscio
...e il cagnone, avete incontrato ancora il cagnone?
eh.. in effetti ci è mancato, ma questa volta abbiamo fatto il sentiero più diretto (che la volta scorsa abbiamo fatto solo in discesa, mentre saliti eravano col sentiero che passa dal Greiterhof). Ci torneremo sicuramente, non appena apre il ristorante, o anche prima. Quel locale (nei cui paragi abbiamo incontrato il cane) è molto frequentato in estate, fa anche la birra propria. Ci ero stata anche a giugno scorso ma non avevo visto quel cane...
 

Ema93

Well-known member
Lo scorso week-end ho fatto un po' di giri con le ciaspole in Val Fondra (zona Foppolo/San Simone). Se riesco metto qualche foto!
 

ste1258

Well-known member
Passo di Pietra Rossa o passo di Val Grande, visto che alcune cartine identificano come Passo di Pietrarossa un altro passaggio

Giusta la seconda.
Il passo di Pietrarossa separa la valle delle Messi dalla valle di Rezzalo, il passo di Valgrande la Val Grande dalla Valle di Rezzalo.
L'Alta Via li attraversa entrambi, tant'è che tra il primo e il secondo compie un traverso sul versante valtellinese.

Ps. Bellissima camminata.
 
Top