Marmolada e Sella - 14-15/12/2019

subsahara

Coldest Ice
Tendenzialmente, al tornare in posti già conosciuti, preferisco sempre la scoperta del nuovo.
La settimana scorsa mi sono sorpreso a riflettere sul fatto che l’ultima sciata in Marmolada me la feci nel marzo del 2006, quindi più di tredici anni fa!
Il ricordo della Bellunese è talmente sbiadito che ritengo opportuno rinnovellare l’esperienza, a buon diritto da considerarsi “nuova”.

E allora, sabato 14 dicembre a mezzogiorno in punto, dopo avere lasciato l’autovettura nel parcheggio dell’albergo a Malga Ciapela, prendiamo la seggiovia Padon II che ci porterà sulla cresta del Padon.
Il piano è di sciare prima a Porta Vescovo e poi chiudere salendo sulla Marmolada e percorrendo la Bellunese. La scelta è un po’ obbligata perché quel giorno le due seggiovie Padon chiudono alle 15:00: se non si va subito verso Porta Vescovo quelle bellissime piste che scendono ad Arabba non si possono certo far tutte per mancanza di tempo.
258535-marmolada-sella-img9648.jpg


Sul Padon a 2370 m. Guardiamo all’indietro e salutiamo con reverenza il Civetta.
258536-marmolada-sella-img9649.jpg


Lato Arabba, ci accolgono le tre Tofane, e poi verso sinistra Fanes, Conturines, Sass dla Crusc.
258537-marmolada-sella-img9652.jpg


Sulla placida Sass de la Vegla, con il Sella e il Sassongher.
258538-marmolada-sella-img9653.jpg


Discesa ad Arabba con l’Ornella e le sue Varianti.
258539-marmolada-sella-img9655.jpg


Questo fine settimana la cabinovia Europa (ambedue i tronchi) è chiusa; per salire in cima a Porta Vescovo prenderemo quindi per quattro volte lo scomodo funifor.
Muro iniziale Porta Vescovo.
258540-marmolada-sella-img9656.jpg


Parte alta dell’Ornella fotografata da Pescoi.
Fa freddo, e le piste sono spazzate da raffiche a tratti anche violente.
258541-marmolada-sella-img9657.jpg


La fantastica Sourasass, a mio modesto parere la più bella pista di Arabba e tra le più belle dell’intero Sellaronda e zone limitrofe.
258542-marmolada-sella-img9659.jpg


In attesa del funifor, ad Arabba. Inquadrati anche l’arrivo della Sourasass e la cabinovia Portados.
258543-marmolada-sella-img9660.jpg


Ora è la volta della Fodoma, aperta solo nella parte alta.
258544-marmolada-sella-img9664.jpg


258545-marmolada-sella-img9665.jpg


Alle tre e qualcosa siamo di nuovo in cima al Padon, pronti per affrontare la lunga discesa verso la funivia.
258546-marmolada-sella-img9666.jpg


Il versante nord della Marmolada, a dire il vero in quel momento non particolarmente invitante, viste le basse temperature e il vento violento.
Più o meno in prossimità del passo Fedaia la mia signora viene letteralmente scaraventata a terra da una folata.
Torniamo giù a Malga Ciapela e lei, saggiamente, decide di andare subito in albergo mentre io mi avvio a prendere la funivia.
L’operatore mi dice che la corsa delle 15:30 sarebbe saltata, e che quindi io e le altre dieci persone in attesa avremmo dovuto prendere l’ultima delle 15:40 limitata a Serauta.
Tutto questo perché il terzo tronco era stato chiuso per il forte vento.
258547-marmolada-sella-img9667.jpg


Saliamo… l’approdo alla stazione di monte del secondo tronco si rivela un po’ difficoltoso per il vento: nonostante gli inviti che si chiudono gradualmente la cabina viene sballottata a destra e sinistra.
Scendiamo alle quattro precise e ci dirigiamo verso il tunnel.
258548-marmolada-sella-img9668.jpg


All’uscita del tunnel.
Sassolungo, Sella e compagnia bella sono magnifici, ma siamo ben sotto i -10°C, e in più c’è un vento devastante.
258549-marmolada-sella-img9669.jpg


258550-marmolada-sella-img9670.jpg


258551-marmolada-sella-img9671.jpg


Ahò, ve volete sbrigà? Stamo a chiude le piste!

Io e gli altri veniamo immediatamente richiamati all’ordine dagli operatori incaricati di fare le “scope” (così si chiamano in ambito podistico), che ci esortano a cominciare la discesa e ci seguono dappresso.
Pungolato dalle “scope”, dal vento e dal freddo, scendo giù velocemente e mi fiondo in albergo.


——————————



E’ ovvio che la giornata di domenica, che si preannuncia per fortuna bellissima e senza vento, deve cominciare con la salita in cima alla Marmolada.
Ce la prendiamo comoda: prendiamo la funivia delle 9:30 e una ventina di minuti dopo, dopo avere salito le scale, ci troviamo sul terrazzo panoramico a quota 3265 m.
La foto di punta Penia e (di parte) della celebre parete Sud purtroppo non rende molto l’idea…
258552-marmolada-sella-img9674.jpg


Pelmo, Antelao, Sorapiss, Cristallo, Tofane… da destra a sinistra si offrono alla vista le più alte e celebri cime dolomitiche.
Interamente inquadrato anche il terzo tronco della funivia e la bellissima parte iniziale della Bellunese.
258553-marmolada-e-sella-img9680.jpg


Si vede chiaramente l’uscita dal tunnel di Serauta percorso il giorno prima.
258554-marmolada-e-sella-img9683.jpg


258555-marmolada-e-sella-img9684.jpg


258556-marmolada-e-sella-img9686.jpg


Parte alta Bellunese. Neve magnifica, impagabili panorami.
258557-marmolada-e-sella-img9687.jpg


258558-marmolada-e-sella-img9688.jpg


Verso il lago Fedaia e l’omonimo passo.
258559-marmolada-e-sella-img9689.jpg


258560-marmolada-e-sella-img9691.jpg


258561-marmolada-e-sella-img9692.jpg


Scendiamo fino alla partenza della Padon II e saliamo in seggiovia.
258562-marmolada-e-sella-img9693.jpg


258563-marmolada-e-sella-img9694.jpg


Al passo Padon, con la maestosa Marmolada perennemente in ombra. Sono le 10:30.
Che si fa?
Parte una veloce consultazione e si decide per un bel Sellaronda Antiorario. Ci dirigiamo senza deviazioni al rifugio Dantercepies sopra passo Gardena al quale arriviamo a mezzogiorno in punto.
258564-marmolada-e-sella-img9696.jpg


Ornella
258565-marmolada-e-sella-img9697.jpg


Verso Arabba
258566-marmolada-e-sella-img9698.jpg


Dopo aver sciato l’ultimo muro della Sourasass, prendiamo “la mosca di Arabba” HIHIHI
258567-marmolada-e-sella-img9699.jpg


Arabba Fly
258568-marmolada-e-sella-img9700.jpg


Burz. Avrei volentieri fatto l’omonima nera, ma oramai si era deciso di andare subito in val Gardena.
258569-marmolada-e-sella-img9701.jpg


Quindi subito seggiovia Le Pale
258570-marmolada-e-sella-img9702.jpg


Arrivo alla spianata del Bec de Roces
258572-marmolada-e-sella-img9703.jpg


Il Pelmo ci guarda
258573-marmolada-e-sella-img9704.jpg


Discesa al passo Campolongo. Conturines e Sass dla Crusc ci accolgono in Obergadertal.
258574-marmolada-e-sella-img9705.jpg


Salita con la Costoratta
258575-marmolada-e-sella-img9706.jpg


Guardando indietro si ammirano le due Cherz che portano in cima all’omonimo panettone.
258576-marmolada-e-sella-img9707.jpg


Peccato per la Vallon… vabbè, non si può far tutto…
258577-marmolada-e-sella-img9708.jpg


Ancora sulla Costoratta. Tofana di Rozes tutta imbiancata.
258578-marmolada-e-sella-img9709.jpg


Ohh, è arrivato il momento di percorrere l’unica pista badiotta della giornata, la Boè.
258579-marmolada-e-sella-img9710.jpg


Arrivati a Corvara, non resta che cominciare a salire.
258580-marmolada-e-sella-img9712.jpg


258581-marmolada-e-sella-img9713.jpg


258582-marmolada-e-sella-img9714.jpg


258583-marmolada-e-sella-img9715.jpg


258584-marmolada-e-sella-img9716.jpg


258585-marmolada-e-sella-img9717.jpg


258586-marmolada-e-sella-img9718.jpg


258587-marmolada-e-sella-img9719.jpg


Bene! E’ mezzogiorno e siamo entrati in Val Gardena.
258588-marmolada-e-sella-img9722.jpg


Ci fermiamo una mezz’oretta a mangiare. Poi, mentre la signora prende un po’ di sole, io mi faccio una bella Dantercepies in solitaria
258589-marmolada-e-sella-img9723.jpg



258590-marmolada-e-sella-img9724.jpg


258591-marmolada-e-sella-img9725.jpg


Risalita con cabinovia Dantecepies
258592-marmolada-e-sella-img9726.jpg


Alle 12:45 ci rimettiamo in moto, scendendo per una Cir in gran spolvero.
258593-marmolada-e-sella-img9728.jpg


258594-marmolada-e-sella-img9729.jpg


258595-marmolada-e-sella-img9730.jpg


Attraversiamo Selva e saliamo sul Ciampinoi
258596-marmolada-e-sella-img9731.jpg


Ecco il Sasslong.
258597-marmolada-e-sella-img9734.jpg


Sguardo in direzione del passo Sella, e inizio della discesa verso Plan de Gralba.
Dobbiamo andare là, ma prima una discesa per la Sasslong ci sta tutta.
258598-marmolada-e-sella-img9735.jpg


Sasslong nera o rossa? Prendiamo la nera, che si rivelerà discretamente devastata. Con il senno di poi sarebbe stato meglio la rossa.
258599-marmolada-e-sella-img9736.jpg


Fervono i preparativi per la Coppa del Mondo.
258600-marmolada-e-sella-img9737.jpg


258601-marmolada-e-sella-img9738.jpg


258602-marmolada-e-sella-img9739.jpg


Un caffettino al parterre e poi subito a prendere la cabinovia Sasslong.
258603-marmolada-e-sella-img9740.jpg


E a ruota la seggiovia che ci riporta in cima al Ciampinoi.
258604-marmolada-e-sella-img9742.jpg


Sono le 13:50 ed è tempo di imboccare la rossa 5 per Plan de Gralba. Il muretto iniziale è discretamente rovinato.
258605-marmolada-e-sella-img9743.jpg


Ma la pista è bella…
258606-marmolada-e-sella-img9744.jpg


Plan de Gralba
258607-marmolada-e-sella-img9746.jpg


Cabinovia Piz Seteur
258608-marmolada-e-sella-img9747.jpg


E si finisce proprio ai piedi del Sassolungo.
258609-marmolada-e-sella-img9748.jpg


258610-marmolada-e-sella-img9749.jpg


Piz Sella, Ciampinoi, e dietro le Odle.
C’è poco da fare: il Sellaronda paesaggisticamente è su livelli stratosferici.
258611-marmolada-e-sella-img9750.jpg


Seggiovia Città dei Sassi
258612-marmolada-e-sella-img9751.jpg


L’omonimo ameno stradello, che porta verso passo Sella.
258613-marmolada-e-sella-img9753.jpg


258614-marmolada-e-sella-img9754.jpg


Il passaggio sul versante fassano segna la ricomparsa sulla scena della maestosa Marmolada.
258615-marmolada-e-sella-img9760.jpg


Lunga piacevolissima discesa verso il Lupo Bianco. Spicca in alto a sinistra il Sass Becè.
258616-marmolada-e-sella-img9761.jpg


Terminata la discesa, è tempo di salire al Belvedere.
258617-marmolada-e-sella-img9762.jpg


Il nome è meritato. Ci accomiatiamo dal Sassolungo e abbandoniamo il bacino dell’Adige.
258618-marmolada-e-sella-img9764.jpg


Eccola la linea di displuvio, che corre fino al Sass Becè e poi dietro, giù al Pordoi e poi su per il Sella. A destra Piave, a sinistra Adige.
258619-marmolada-e-sella-img9765.jpg


Marmolada
258620-marmolada-e-sella-img9766.jpg


Più che il cartello verde poterono le Tofane sullo sfondo: bisognava andare per forza in quella direzione
258621-marmolada-e-sella-img9767.jpg


Bella discesa dal Belvedere fino al Pont de Vauz.
258622-marmolada-e-sella-img9768.jpg


Scendendo, si apprezzano sulla sinistra la seggiovia Lezuo e la cabinovia Fodom.
A proposito, si dice Fodòm e Fodòma.
Porre l’accento sulla sillaba giusta mi sembra importante; ogni volta che sento qualcuno pronunciare pèrformans o sàspens vengono colto da istinti omicidi
258623-marmolada-e-sella-img9769.jpg


Ma lasciamo perdere gli accenti e continuiamo la discesa, guidati dalle Tofane...
258624-marmolada-e-sella-img9770.jpg


...fino al Pont de Vauz, 1851 m, dove prendiamo la seggiovia Alpenrose.
258625-marmolada-e-sella-img9771.jpg


258626-marmolada-e-sella-img9773.jpg


Sbarchiamo dalla Alpenrose, alle 15:25.
Sourasass a sinistra e Fodòma a destra ci danno il benvenuto a Porta Vescovo
Il Sellaronda è praticamente finito; Arabba è giù a pochi minuti.
258627-marmolada-e-sella-img9774.jpg


Noi però dobbiamo prendere la seggiovia Carpazza. A destra il muro della Fodòma.
258628-marmolada-e-sella-img9775.jpg


Quasi arrivati
258629-marmolada-e-sella-img9776.jpg


Sotto il muro di Porta Vescovo
258630-marmolada-e-sella-img9777.jpg


Si segue un tratto di Ornella per andare a prendere il penultimo impianto, la seggiovia Sass de la Vegla
258631-marmolada-e-sella-img9778.jpg


Una foto che inquadra l’intera Val Badia, tra le due colonne del Sassongher a sinistra e del Sasso della Croce a destra.
Sullo sfondo la cresta di confine con le Alpi Aurine.
E’ perfettamente riconoscibile anche il Plan de Corones, sopratutto la Furcia rossa.
258632-marmolada-e-sella-img9779.jpg


E’ tutto in ombra, ma il Pelmo davanti a noi brucia.
258633-marmolada-e-sella-img9780.jpg


Ultimo impianto di giornata, la vetusta biposto Padon I che chiude alle 16:00. Arriviamo con dieci minuti di margine alle 15:50.
258634-marmolada-e-sella-img9781.jpg


Di nuovo in cima al Padon. Enrosadira dal Sass dla Crusc alle Tofane.
258635-marmolada-e-sella-img9781a.jpg


Dall’altra parte possiamo di nuovo guardare in faccia la Marmolada.
258636-marmolada-e-sella-img9782.jpg


Noi però, come certamente questo affaticato tavolaro, dobbiamo scendere in basso verso Malga Ciapela, accompagnati in alto a sinistra dalla montagna più bella delle Dolomiti.
258637-marmolada-e-sella-img9783.jpg



Il bombardino della staffa a Baita Sole, e poi in macchina.
 

Sach1980

New member
Complimenti. Userò questo report per illustrare a chi ancora non conosce il Dolomiti Superski, se ancora vi fosse qualcuno, quali sono le sue potenzialità.
 

Cocojambo

Ski & Beer
mi è venuto il fiatone a guardar le foto e a leggere didascalie con tempistiche HIHIHI

che bello:PPINK
 

Gafred68

Well-known member
Hai aperto una ferita al mio amor proprio....Ho sciato quasi dappertutto, tra Limone Piemonte a Piancavallo, ma non ho mai fatto il sellaronda. (Aiutatemi!!) Bellissimo reportage.
 

subsahara

Coldest Ice
Hai aperto una ferita al mio amor proprio....Ho sciato quasi dappertutto, tra Limone Piemonte a Piancavallo, ma non ho mai fatto il sellaronda. (Aiutatemi!!)

Il Sella non si muove: quando puoi vai!
E non si muove neanche Limone Piemonte nel quale, a differenza di Piancavallo, vergognosamente non ho mai sciato... tocca rimediare.

mi è venuto il fiatone a guardar le foto e a leggere didascalie con tempistiche HIHIHI

che bello:PPINK

Bello, sì... e infatti noi non abbiamo potuto fare altro che pascolare, irretiti da tanta bellezza. Insomma, niente fiatone HIHIHI
Le indicazioni dei tempi le ho messe per dare un ritmo alla "narrazione", e del resto durante il giro guardavo spesso l'orologio per sapere con quanto margine viaggiavamo e cosa si poteva fare
 
M

MAXINMARE

Guest
Quante volte uno può guardare report sul Sellaronda??

Per me: infinite.

Peraltro questo è uno dei report più belli, perchè "condito" con la Marmolada: 10 :HIP
 

mauropd

Well-known member
@subsahara ti sei dimenticato di fare una foto per me bellissima... Scendendo dalla Padon, dopo aver fatto il muretto, quando sei sul piano prima di fare la curva che immette nello stradello con vista lago Fedaia, io resto sempre estasiato da quanto incombente è la Marmolada in quel punto. Da lì si capisce la grandezza e la maestosità della montagna ed è un punto che mi fa amare totalmente la pista Padon.

Rimedio io, con un video di qualità non buonissima, purtroppo.
 

subsahara

Coldest Ice
@subsahara ti sei dimenticato di fare una foto per me bellissima... Scendendo dalla Padon, dopo aver fatto il muretto, quando sei sul piano prima di fare la curva che immette nello stradello con vista lago Fedaia, io resto sempre estasiato da quanto incombente è la Marmolada in quel punto. Da lì si capisce la grandezza e la maestosità della montagna ed è un punto che mi fa amare totalmente la pista Padon.

E' vero, poco prima dell'incrocio con la bellunese.

Più o meno in prossimità del passo Fedaia la mia signora viene letteralmente scaraventata a terra da una folata.

E' successo esattamente in quel piano di cui parli.
 

Fabio

Member
Staff Forum
Concordo su tutto tranne sulla scomodità del funifor. Sarà che a priori è un tipo di impianto che adoro ma non lo trovo scomodo :D
Belle le parole nuove che ho imparato leggendoti: displuvio la farò mia :D
Report bellissimo: scorrevole, intelligente, con citazioni e con consigli sugli accenti. Peccato che sbaglio ugualmente per Fodom.
 

ingago64

Member
mi è venuta una voglia ................................................
 

subsahara

Coldest Ice
Concordo su tutto tranne sulla scomodità del funifor. Sarà che a priori è un tipo di impianto che adoro ma non lo trovo scomodo :D
Diciamo che diventa scomodo, perlomeno secondo me, se lo prendi per quattro volte di fila e ogni volta ti fai la risalita in piedi, stretto come una sardina, accaldato e senza possibilità di muoverti :D
Fosse stata aperta la cabinovia, anche l’utilizzo del funifor sarebbe stato più piacevole


Report bellissimo: scorrevole, intelligente, con citazioni e con consigli sugli accenti. Peccato che sbaglio ugualmente per Fodom.
Grazie. Quanto a Fodòm e Fodòma, mi è venuto in mente di indicare la corretta pronuncia perché credo che di default, per assonanza magari con Sòdoma e derivati, si sia portati a mettere l’accento sulla sillaba sbagliata.
Un paio di anni fa, parlando di “Fòdom” con una signora dell’Agordino, sono stato gentilmente ripreso e corretto.
Ora non sbaglio più HIHIHI
 

mario1969

Member
Complimenti! Report spettacolare!!!
Foto meravigliose e Sellaronda insuperabile...
A proposito di accenti, magari molti già lo sapranno, ho scoperto recentemente che la dizione corretta di Falzarego è Falzarègo (falso re). Almeno così ho trovato in un sito ladino...
 

subsahara

Coldest Ice
^
Però credo che nell'uso anche locale la versione Falzàrego domini.

E l'uso sancisce la correttezza o meno di una data pronuncia: si dovrebbe ad esempio pronunciare scandinàvo, ma il fatto che quasi tutti dicano scandìnavo rende automaticamente quest'ultima variante anch'essa corretta (o perlomeno non sbagliata).
 

boss!!

Active member
mi è venuto il fiatone a guardar le foto e a leggere didascalie con tempistiche HIHIHI

che bello:PPINK

hAHAHA si si ho la tachicardia !Quando ho visto che alle 15.30 era ancora in Gardena ho pensato.. come cacchio ha fatto ad arrivare!?!?HIHIHIHIHIHI
 

mauropd

Well-known member
hAHAHA si si ho la tachicardia !Quando ho visto che alle 15.30 era ancora in Gardena ho pensato.. come cacchio ha fatto ad arrivare!?!?HIHIHIHIHIHI

ALLE 13:50!!! Non alle 15:30!!
 
Top