Vincere due volte: TOFANE - CENGIA JELINEK 15 agosto 2018

Blitz_81

Ravanatore seriale
P
16 agosto 2016 - Ore 18.47


Cortina d' Ampezzo - Cenge sopra la Val Travenanzes



Suona il telefono

Lo vedo, mi è sopra la testa, digli di spostarsi indietro...
Ok, fallo virare 45° a destra e mi arriva in bocca...
"Ok ti vedono"

173634-xxx-img3395.jpg


Da quel giorno per me andare per montagne non è piú stata la stessa cosa.
Ansie, paranoie, panico, sparita la mia sicurezza, sparita la quasi esaltazione che provavo...
Si, avevo ricominciato quasi subito, ma il PTSD, lo stress post-traumatico, è un gran bastardo, ti colpisce anche a distanza.
E allora via con gli scleri, l' incapacità di sopportare il rumore di un elicottero anche se mi passava sopra l' ufficio, la paura a tornare ad affrontare certi ambienti, certe esposizioni...

Sono passati due anni da quel giorno, l' anno scorso avevo ricominciato a girare per monti dandoci dentro, ma ancora col timore di affrontare certe situazioni, e con quell' elicottero che non voleva andarsene via da dentro di me.

Qualche giorno fa sono salito alla Cresta di Costabella, sul Cristallo: volevo vedere se tornava il feeling, volevo vedere come andava la testa.
Il feeling c' è, è tornato.
Mi sento pronto.
Pronto ad andare a riprendermi ciò che mi appartiene, pronto ad andare a riprendermi la mia anima.

Questo giro sarà una doppia sfida: prima di passare dove due anni fa mi ero incasinato infatti affronteremo la Cengia Jelinek, uno splendido percorso di cengia sotto la Tofana di Dentro, alto 400m sopra la Cengia Paolina, scoperto durante la guerra dall' Alfiere Kajetan Jelinek - dello Streifkommando del Capitano Emmanuel Barborka - cercando un passaggio per neutralizzare la postazione italiana di Punta Giovannina.
Avremmo dovuto farla l' anno scorso, il giorno dopo aver risalito integralmente la Tofana di Dentro per sentieri di guerra lungo le creste settentrionali (Orti di Tofana - Cima Formenton - Tofana di Dentro), ma sul piú bello non ero riuscito ad affrontarla: affacciatomi alla cengia non me l' ero sentita, non riuscivo a sostenerla, ed eravamo scesi per la normale alla Tofana di Mezzo fino al Rifugio Giussani.
Probabilmente era troppo presto, le ferite dentro di me erano ancora troppo fresche.

Adesso mi sento pronto a riprovarci.
Chiamo il boss, la Guida che l' anno scorso mi ha fatto ricominciare ad andare in ambienti... "osé".
"Sei sicuro, te la senti?"
SI
"Ok accendiamolo"

Il pomeriggio precedente sono tesissimo, in ansia.
Si, mi sento pronto ma non so come reagirò. La testa è una gran brutta bestia.
La sera ci bevo su, vediamo se mi rilasso...
Mojiti e Rum-cooler sembrano fare effetto, e vado a dormire relativamente tranquillo :DRUNK
Arriva la mattina, è il fatidico giorno.
Preparo lo zaino, poi via fino a Fiames a beccarmi col boss.
Un veloce cappuccino :buongiorno: lasciamo giú la mia macchina per il ritorno e torniamo a Cortina, a prendere la funivia.
Primo tronco, ok
Secondo tronco, ok
Terzo tronco, la tensione torna a farsi sentire.

Mi distraggo un po' fumando una :sig: e guardandomi il panorama, Pelmo, Civetta e Pale regalano sempre emozioni :skiamo:

297593-p1060831.jpg


297594-p1060833.jpg


mentre piú vicino le Cinque Torri si preparano a ricevere il loro quotidiano assalto di visitatori

297595-p1060834.jpg


Via, cominciamo.
Saliamo la scaletta della stazione ed andiamo a metterci in coda sulla ferrata, davanti a noi la Tofana di Dentro.
Il nostro viaggio ci porterà esattamente là dietro, nel suo lato oscuro e semisconosciuto.

220581-jelinek-p1060840.jpg


Scendiamo con calma dalla Tofana di Mezzo

297596-p1060842.jpg


Sotto di noi compare il ghiaione che ricopre i Jaze de Tofana, col caratteristico laghetto; davanti, oltre la Val Travenanzes, lo spettacolo delle Cime di Fanes :skiamo: :skiamo: :skiamo: :arf: :arf: :arf:

220582-jelinek-p1060845.jpg


mentre piú in là sono i Lagazuoi a dominare la scena :ad:

297597-p1060847.jpg


Poco prima di raggiungere la sella tra le due Tofane, una scritta indicante il Rifugio Giussani ci fa abbandonare la ferrata: da qua proseguiamo lungo la via normale

297598-p1060851.jpg


puntando dritti verso il laghetto

297599-p1060853.jpg


Ci abbassiamo velocemente, guardandomi alle spalle la cresta è tutta una processione di ferratisti, ciao ciao fatevela voi la coda :skiciao:

297600-p1060861.jpg


Arriviamo all' altezza del laghetto: qua si vede bene come le ghiaie ricoprano ciò che resta dell' antico ghiacciaio

297601-p1060864.jpg


mentre a sinistra...

... a sinistra le bancate della Tofana di Mezzo fanno impressione, sono qualcosa di grandioso :arf:

220583-jelinek-p1060872.jpg


arriviamo alla fine di una specie di dorsale, davanti ci si para la Tofana di Rozes in tutta la sua solennità :ad:

297602-p1060873.jpg


Questo secondo me è il posto piú spettacolare delle Tofane: una immensa conca di ghiaie e bancate chiusa tra poderosi contrafforti e con davanti panorami pazzeschi :arf: :skiamo:

297603-p1060882.jpg


guarda che roba le Cime di Fanes :skiamo: :skiamo: :skiamo: :ad: :ad: :ad:

220584-jelinek-p1060876.jpg


Sono in estasi totale, estasi che però cede il passo all' ansia ed alla tensione quando il boss mi dice "andiamo".

Abbandoniamo la normale, e cominciamo ad attraversare lo spettacolare circo di ghiaie

220585-jelinek-p1060880.jpg


Provo a distrarmi concentrandomi sul panorama, ma non c' è verso, la tensione continua a salire.
Allora comincio a ripetermi che qua non è piú facile di quella cengia: in effetti il terreno è rotto, sporco, e alcuni passaggi sono poco sopra dei saltini di roccia che una scivolata non sarebbe molto opportuna...

297604-p1060883.jpg


Anche il boss me lo dice:
"Blitz stai passando tranquillo su sta porcheria qua, cosa vuoi avere problemi sulla cengia? non è piú difficile".

Intanto passiamo nei pressi del Ricovero Carugati: qua il Tenente Gino Carugati, del Battaglione Pieve di Cadore, aveva allestito un piccolo posto d' osservazione per tenere d' occhio la Nemesis.

297606-p1060893.jpg


Proseguiamo, ormai sotto cresta: stiamo seguendo la dorsale che separa la Nemesis dalla Tofana di Dentro

297607-p1060895.jpg


L' ambiente è sempre piú imponente :ad:

297609-p1060898.jpg


Mi affaccio alla cresta, ho un tonfo al cuore, eccola, ecco la Cengia Jelinek, tra poco sarò a tu per tu con lei

220585-jelinek-p1060899.jpg


Seguiamo la cresta

297610-p1060905.jpg


Ed ecco comparire la Nemesis, la cima dai tre nomi

297611-p1060906.jpg


Storia bizzarra quella di questa cima.
Conosciuta dagli Ampezzani come Piccola Tofana, era stata occupata dagli uomini del Capitano Barborka che l' aveva fatta trasformare in un potente caposaldo ribattezzandola Nemesis: da qua infatti sarebbe dovuta partire la sua vendetta contro gli italiani che avevano preso le cime delle Tofane e Fontananegra.
Ironia della sorte, proprio il punto di partenza della conquista fu a sua volta conquistato.
Il 9 luglio 1916 infatti il tenente Carugati, dopo essere sceso dalla Tofana di Dentro ed aver appostato i suoi uomini nei pressi del ricovero che prese il suo nome, aveva martellato la postazione con mitragliatrici. Era la Battaglia del Masarè, battaglia che si rivelò fatale all' eroico Capitano Barborka.
Successivamente, intercettata in basso la via di rifornimento e tagliati i cavi telefonici - rendendo la postazione virtualmente indifendibile - la conquistò senza colpo ferire.
Era il 9 agosto 1916. Nemesis cambiò nome ancora una volta. Divenne Punta Carugati.

297612-p1060907.jpg


297613-p1060911.jpg


Arriviamo al paletto che segna il bivio: dritti si va alla Nemesis/Punta Carugati, a destra si va alla Cengia Jelinek.
È il momento della verità. Sono tesissimo.

297614-p1060913.jpg


Mi affaccio, sono esattamente dove l' anno scorso me l' ero fatta sotto e avevo detto al boss che non me la sentivo.
Lui mi chiama, gli dico di aspettare.
La guardo, la guardo bene.
Non capisco perché l' anno scorso me la fossi fatta sotto, è un posto spaziale.
Ma soprattutto mi sento estremamente a mio agio, come fossi a casa, una sensazione stupenda.
ANDIAMO!!! :YIGO

220586-jelinek-p1060917.jpg


Iniziamo a camminare, come prima il terreno è rotto, marcio, instabile, una scivolata potrebbe voler dire rotolare e saltare per 1200 metri fino al fondovalle, la concentrazione è piena, antenne dritte, ma l' animo è leggero come il passo.
Il boss vedendomi andar piano ogni tanto si ferma e mi chiama, temendo che vada in blocco.

297615-p1060918.jpg


"Boss, non puoi capire cosa sto provando, è bellissimo.
Tranquillo che arrivo."
Vado piano perché me la sto godendo. Passo dopo passo, metro dopo metro, sono in esaltazione mistica
sepincia.png

Ancora piú esaltato con gli scenari ed i colori che mi si presentano davanti :arf:

297616-p1060926.jpg


E giú com' è?
Eh, giú è un bel rabaltón HIHIHI

297617-p1060927.jpg


Pian piano prendo confidenza col fondo, ed i passi diventano sempre piú sicuri, anche se la cautela non manca mai. Guai se mancasse in questi posti!

297618-p1060937.jpg


297619-p1060944.jpg


Qualche passaggio è un po' piú osé

297620-p1060946.jpg


e fatalità son proprio i punti piú bastardi quelli dove ti saltan fuori le viste piú belle: guarda qua che roba :arf: :arf: :arf:

297592-220587-jelinek-p1060950.jpg


Ci avviciniamo all' enorme dentone, intanto il boss scova qualcosa tra le rocce

297621-p1060952.jpg


andiamo a passargli proprio sotto

297622-p1060959.jpg


Altro punto un po' piú osé

297623-p1060962.jpg


Ma alla fine, non è osée TUTTA questa cengia? HIHIHI

297624-p1060963.jpg


Sotto il dentone termina il "semicerchio principale" e ne comincia un altro, ben piú breve

297625-p1060965.jpg


qua l' esposizione aumenta, e di pari passo aumenta la concentrazione

297626-p1060968.jpg


Aggiro anche questo e...

SBADADAM! :shock::shock::shock::skiamo::skiamo::skiamo:

220588-jelinek-p1060973.jpg


Vallon Bianco, con la Graa de Traenanzes, e dietro il Col Bechei... sto male... un acquerello del genere non sembra neanche vero... :arf:

e chi glielo dice adesso al boss che non voglio piú venire via da qua? :rotlf:

Tanta, davvero tanta roba qua!

Via, di nuovo in marcia sull' ultimissimo tratto di cengia, che ormai volge alla fine.

297627-p1060980.jpg


CIAONE :skiciao:

220589-jelinek-p1060981.jpg


Impongo al boss uno stop, sarebbe da criminali non fermarsi imbambolati davanti a questo spettacolo.
Lui concorda, e rimaniamo là imbalsamati qualche minuto, persi con la mente chissà dove...

Le montagne, le Dolomiti in particolare, sono tutte stupende. Ma qua mi fa un effetto assurdo... mai visto delle acquerellate del genere...

Rimettiamo i cervelli in ordine e ripartiamo: la cengia è finita ed entriamo nel circo di Potofana.

297628-p1060987.jpg


Sotto di noi la distesa di ghiaie dove passa il sentiero della Cengia Paolina, proprio dove termina la salita del canale di metà cengia e dove si stacca il bivio per la discesa in Val Travenanzes, quello del mio casino di due anni fa.

297629-p1060988.jpg


Non bisogna farsi prendere dalla tentazione di scendere subito: sotto infatti ci sono dei brutti salti di roccia.
Attraversiamo quindi tutta la conca

297630-p1060989.jpg


e puntiamo al canalone finale, che viste le nevicate finalmente decenti dell' inverno scorso si presenta ancora innevato.
In base all' innevamento invernale ed al caldo estivo infatti può essere o tutto innevato, o presentarsi come un apparente ghiaione, sotto cui però si nasconde un infido lastrone di ghiaccio. Picca e ramponi quindi sono buoni compagni per venire qua.

297631-p1060992.jpg


La prima parte del nevaio è bella ripida, attrezza una calata e mi fa iniziare a scendere.
La seconda parte è invece piú morbida, e me ne vado giú tranquillo

297632-p1060996.jpg


Poi mentre scende anche lui mi riposo qualche minuto fumando la :sig: della soddisfazione: mi son fatto la Jelinek :YIGO

297633-p1060998.jpg


Da qua andiamo giú a rotta di collo per il ghiaione :CICCIO

297634-p1070004.jpg


puntando verso la cresta che si protende verso la Val Travenanzes

297635-p1070005.jpg


297636-p1070006.jpg


"Vieni che ti porto a vedere una cosa"

Pronti!

Incrociamo il sentiero della Paolina, ed incontriamo una prima postazione

297637-p1070008.jpg


poi puntiamo alla cresta vera e propria, deviando quindi dal nostro percorso

297638-p1070012.jpg


297639-p1070014.jpg


molliamo gli zaini e ci inerpichiamo, sopra le nostre teste ci aspetta una caverna di guerra

297640-p1070022.jpg


a segnare la strada, vari resti di reticolati

297641-p1070024.jpg


dentro ci sono ancora i resti dei letti :shock:

297642-p1070029.jpg


ma ciò che è piú grandioso è che da qua si domina tutta l' alta Val Travenanzes, spettacolo :arf:

220590-jelinek-p1070023.jpg


mentre appena dietro si può controllare la Cengia Paolina. Nascosta alla vista delle posizioni italiane del Formenton, e con dominio su tutti i dontorni, e chi la prendeva sta postazione?

297643-p1070035.jpg


e chi può essere piú contento di me? :YIGO

297644-p1070034.jpg


Dopo la breve divagazione recuperiamo gli zaini e torniamo sui nostri passi

297645-p1070040.jpg


puntando ad un grande masso squadrato, in mezzo al ghiaione, al cui interno era stata ricavata una postazione

297646-p1070041.jpg


297647-p1070043.jpg


Ora la tensione torna a crescere, ma piú che tensione è una sorta di groppo allo stomaco, stiamo andando a prendere il sentiero di due anni fa.

297648-p1070051.jpg


Lasciamo lo splendido circo alle nostre spalle

297649-p1070052.jpg


Ecco i ruderi che avevo visto due anni fa

297650-p1070056.jpg


ecco i buffi spuntoni, i "pupazzi di roccia"

297651-p1070061.jpg


Invece di fare "tornante' agli spuntoni, tagliamo dritto per dritto e puntiamo al canalone principale

297652-p1070067.jpg


via, iniziamo a scenderlo, ogni tanto troviamo il poco che rimane del vecchio sentiero

297653-p1070069.jpg


Il groppo aumenta, ci siamo, lo ricordo questo rinforzo

297654-p1070073.jpg


Qua bisogna andare a destra, e mi girano doppiamente le balle perché inizialmente avevo preso proprio di qua, ma non si capiva un granché...
e quegli ometti? perché non li avevo visti? forse non c' erano? forse cercavo in basso mentre avrei dovuto guardare in alto? non lo so, non so dare risposta...

297656-p1070079.jpg


Fatto sta che sono tornato indietro e me ne sono andato a sinistra, che sembrava piú invitante

297655-p1070078.jpg


e sono andato ad infognarmi, ad incrodarmi come un pirla :MM

Dico al boss di andare avanti, ho bisogno di restare qualche minuto da solo.

Vedo la mia anima, è la che vaga in pena su quella cengia da due anni, come uno spirito dannato.
È ora di riprendermela e riportarla a casa.
Vieni qua, è questa la strada giusta, dammi la mano.

Sento un brivido, poi mi metto a ridere, è una sensazione di benessere, sono di nuovo io.
È bello riuscire a ridere dei propri errori.

Raggiungo il boss, mi fermo a guardare un' ultima volta il luogo del delitto

297657-p1070082.jpg


poi ricomincio a scendere

297658-p1070088.jpg


Sono finalmente sereno, e la Croda Rossa mi sorride con un' esplosione di colori, lei che due giorni fa mi si era negata alla vista :skiamo:

220591-jelinek-p1070090.jpg


Adesso il sentiero gira a sinistra, adesso, cinquanta metri sotto a dove avevo girato io

297659-p1070093.jpg


e prende una piacevole bancata

297660-p1070095.jpg


297661-p1070098.jpg


Poi assume le caratteristiche di vera e propria cengia, ma è larga e comoda

297662-p1070101.jpg


e ci porta ad incontrare altri resti:

uno sbarramento di reticolati

297663-p1070104.jpg


la discarica delle postazioni

297664-p1070106.jpg


ed i resti di una baracca, neanche tanto piccola, purtroppo completamente bruciata

297665-p1070108.jpg


Via, proseguiamo sempre in direzione sud

297666-p1070114.jpg


Superiamo cosí la verticale del ponte angolato di quota 1781, ma la cosa non deve spaventare, la direzione è giusta, ed infatti poco dopo quel che resta di un ometto segnala una traccia che scenda a destra tornando indietro: è il Sentiero Lancedelli! si, quello che due anni fa avevo fatto in salita! :PPINK

297667-p1070118.jpg


297668-p1070121.jpg


eccolo il ponte sotto di noi

297669-p1070123.jpg


ed ecco la baracca del comando austriaco!

297670-p1070125.jpg


Non ci posso credere, sono riuscito a finirlo! Ho finito un giro lunghissimo, un vero e proprio viaggio tra mille tormenti cominciato una mattina di due anni fa.

Ed ho vinto. Oggi ho vinto due volte.

In un attimo siamo giú al sentiero 401, ci aspetta la lunga, bibbiosa discesa fino al parcheggio, ma chissenefrega.

Mando un messaggio ad un amico, che ieri sera mi aveva visto bello teso: STASERA SI FESTEGGIA :YIGO
 
Ultima modifica da un moderatore:

Beloot

Member
Che posti spettacolariiiii. Grande Blitz, te lo sei meritato.

Inviato dal mio RNE-L21 utilizzando Tapatalk
 

botto

I &#x2665 Pelmo
Quando leggo i tuoi report e vedo le tue foto dai toi punti privilegiat capisco come le Tofane non siano delle semplici montagne, ma un microcosmo, un mondo a sè. C'è tutto in quel mondo: l'imponenza, l'arditezza, i colori, le vestigia della guerra ... poi cambi versante e sei invece nella quintessenza delle vacanze da merenderos, con funivie, seggiovie e rifugi ...

Ma sulla cengia Jelinek camminavate proprio senza traccia su ghiaie e detriti inclinati, o c'era un traccia dove il piede appoggiava dritto?
 

brigas pride

New member
tanta roba come sempre.. ma questa volta il 10 non te lo leva nessuno.. foto e panorami tanto belli che non sembrano veri.. :shock: :CC
 

Sperem

Mare,montagna, campo da tennis
:CC:CC:CC:CC:CC:CC:CC:CC:CC

Standing ovation di 90 minuti ed ancora non basta ....
Bellissime foto di montagne che da quell’angolazione, da quelle altezze non avrò mai la possibilità di vedere.
Di norma mi fai emozionare con il tuo racconto questa volta mi hai portato ad un livello tale che una lacrima è scesa. So che cosa hai provato ci sono passato anch’io anche se con l’attività subacquea e devo dire che ne sono uscito più forte di prima, riesco ora ad affrontare meglio le situazioni che mi si presentano sia a livello sub che nella vita.
Un grazie non basta per questa perla che ci hai regalato.....

Chapeau
 

apo

Cialtroskier
Pazzesco, ci sono un paio di foto da un altro pianeta. :shock:
 

Kaliningrad

Kayakçı-ı ekrem
Tutto è bene quel che finisce bene. Grande prova o Blitz!
 

Blitz_81

Ravanatore seriale
Grazie ragazzi! :D

Quando leggo i tuoi report e vedo le tue foto dai toi punti privilegiat capisco come le Tofane non siano delle semplici montagne, ma un microcosmo, un mondo a sè. C'è tutto in quel mondo: l'imponenza, l'arditezza, i colori, le vestigia della guerra ... poi cambi versante e sei invece nella quintessenza delle vacanze da merenderos, con funivie, seggiovie e rifugi ...

Ma sulla cengia Jelinek camminavate proprio senza traccia su ghiaie e detriti inclinati, o c'era un traccia dove il piede appoggiava dritto?
Si, le Tofane sono proprio cosí, un mondo dai molteplici aspetti.
Sulla cengia una traccia praticamente non c’è, anche se è relativamente semplice da seguire


:CC:CC:CC:CC:CC:CC:CC:CC:CC

Standing ovation di 90 minuti ed ancora non basta ....
Bellissime foto di montagne che da quell’angolazione, da quelle altezze non avrò mai la possibilità di vedere.
Di norma mi fai emozionare con il tuo racconto questa volta mi hai portato ad un livello tale che una lacrima è scesa. So che cosa hai provato ci sono passato anch’io anche se con l’attività subacquea e devo dire che ne sono uscito più forte di prima, riesco ora ad affrontare meglio le situazioni che mi si presentano sia a livello sub che nella vita.
Un grazie non basta per questa perla che ci hai regalato.....

Chapeau
Grazie a te, anch’ io ho avuto questo effetto

Pazzesco, ci sono un paio di foto da un altro pianeta. :shock:
Uno dei piú bei commenti che abbia mai ricevuto :ad:
 

fla5

(Super) Skifoso!
Bellissimo tornare a leggere i tuoi splenditi racconti e complimenti per il coraggio per aver affrontato le paure ed un territorio ostico ma che da grandi soddisfazioni! 10 e lode :D
 

Fabio

Member
Staff Forum
Ohhh che roba!
Ma quale è la cengia di queste?

P1060963.jpg


Alla fine non ho capito bene ma stasera me lo riguardo con calma.

:CC[SUP]2[/SUP]
 

alfpaip

Well-known member
bravissimo, blitz! :D

sapevo che saresti tornato a chiudere i conti in sospeso... il solito, meraviglioso report è la ciliegina sulla torta...

comunque quoto apo, alcune foto sono pazzesche... talmente vive da dare quasi un senso di vertigine... grande!
 

Cocojambo

Ski & Beer
Ciaonevecchiofurfantediunblitz
 

Blitz_81

Ravanatore seriale
Bellissimo tornare a leggere i tuoi splenditi racconti e complimenti per il coraggio per aver affrontato le paure ed un territorio ostico ma che da grandi soddisfazioni! 10 e lode :D
Grazie :D

Ohhh che roba!
Ma quale è la cengia di queste?

P1060963.jpg


Alla fine non ho capito bene ma stasera me lo riguardo con calma.

:CC[SUP]2[/SUP]
Quella giusto sotto la parete dritta giallo/nera, un po' piú marcata.
Comunque, riguardando le foto, in certi punti fatico io stesso a capire dove cavolo siamo passati HIHIHI

bravissimo, blitz! :D

sapevo che saresti tornato a chiudere i conti in sospeso... il solito, meraviglioso report è la ciliegina sulla torta...

comunque quoto apo, alcune foto sono pazzesche... talmente vive da dare quasi un senso di vertigine... grande!
Grazie! Due anni che non mi davo pace!

Ciaonevecchiofurfantediunblitz
HIHIHIHIHIHIHIHIHI
 

hammer1969

Active member
belle le foto...il primo che mi dice che preferisce il mare potrei anche buttarlo di sotto da uno di quei dirupi....
da psicoterapeuta e psichiatra ti dico BRAVO!!! non è da tutti accettare di affrontare i propri demoni..talvolta è più comodo piagnucolare....tu invece sei andato a riconquistare la tua libertà e questo merita grande rispetto...però è bello vero? e bravo per non esserci andato da solo ! a parte questo grazie per delle foto che secondo me sono fantastiche...qualcuno ha detto di un altro pianeta....concordo...il pianeta TOFANE ! :D:D:D:D
 

macs

Well-known member
Sono finalmente sereno, e la Croda Rossa mi sorride con un' esplosione di colori, lei che due giorni fa mi si era negata alla vista :skiamo:

220591-jelinek-p1070090.jpg

Ecco, questa in particolare secondo me è super! Sembra un acquerello con questi colori assurdi!
Sembra Perù, Bolivia...incredibile la Croda Rossa, un bellissimo ammasso di ghiaie sanguinanti :D
 
Top