Corno Grande, Gran Sasso (Scialpinismo 2023-2024)

Fonzie

Utente malamente
Ieri, Domenica: fine 2024? Credo di si per impegni piuttosto invasivi (danaro e tempo), prossimamente, molto prossimamente. Altrimenti una trasfertina nordica, previo sondaggio familiare, poteva anche starci.

Classicissima Corno Grande da Prati di Tivo (Valico del Laghetto esattamente), 9,5 km a/r circa, 1250 metri dsl+ circa in stato di forma ovviamente pessimo vista la stagione. Attendevo molto più traffico dato che resta l'unico posto innevato in maniera continua e che al Sabato causa giro d'Italia le strade pare fossero tutte chiuse, ma la cabinovia ferma (sigh sob) e quindi la scarpinata sci e scarponi in spalla forse screma abbastanza.

Mattino sgombro di nubi con addensamenti dal primo pomeriggio che hanno reso forse anche più belli i colori dell'ambiente con un effetto buio/luce Caravaggesco: atteso molto più caldo invece temperatura relativamente bassa e neve piuttosto buona (sulla morena diverse curve mach3 su firnacchione perdonatutto).

Ovviahh, si dia spazio alle fotine.

Dal parcheggio fa capolino il re e circondati da cinguettii primaverili con alle spalle l'Adriatico, ci avviamo lento pede, scarpati, con sci e scarponi sulle spalle.

1.JPEG


2.JPEG


3.JPEG


La solitudine dello sciappenninista 2024

4.JPEG


Arriviamo dopo circa 300 metri dsl+ all'arrivo della cabina che inizia a versare in condizioni preoccupanti (oltre ai gasex e obelix in zona Corno Piccolo).

5.JPEG


Si entra così nel vallone delle Cornacchie per il passo delle scalette, ovviamente sgombro di neve, osservando greggi di camosci là sotto.

6.JPEG


7.JPEG


Poco dopo il pittoresco passaggio sotto le rocce, predisponiamo la scarpiera nascosta e mettiamo le pelli, su fino al rifugio Franchetti che giudica le nostre inversioni dall'alto.

8.JPEG


9.JPEG


10.JPEG


11.JPEG


12.JPEG


Salendo valutiamo se variare dalla classica reiterata gita, girando verso l'antecima che è la gimcana sulla pala alla destra nella seguente foto.

13.JPEG


Ma un distacchino nella conca sotto la sella e soprattutto un dubbio sulla durezza della neve (poi vista da vicino, dubbio fondato) ci ha fatto scegliere la cautela: una caduta in quella zona non sembrava proprio igienica soprattutto per il salto sulla sinistra.

14.JPEG


E quindi via per la morena ramponando su ben scalettato, fino al traverso che si apre sul fotogenico Calderone e su alla selletta deposito sci (qui ho dato grosso dispiacere al compare bocciando la salitella di 30 metri alla trafficata ed inutile cima: non si scia e c'era nebbia, a che serve? Continua la mia campagna di destituzione dell'orgoglio tra i valori dell'uomo).

15.JPEG


16.JPEG


17.JPEG


18.JPEG


19.JPEG


Modalità discesa con prime due curve saltate e poi sciata comoda: unico whiteout su traverso di rientro alla morena, quindi non ci siamo persi nulla. E' bastato attendere 5 minuti che è tornata la visibilità per dare fuoco alle polveri.

20.JPG


21.JPEG


22.JPEG


23.JPEG


24.JPEG


Sciando fino alla scarpiera tra i classici bastioni per tornare a far trekking sempre osservati da sospettosi camosci.

25.JPEG


26.JPG



27.JPEG


29.JPEG


Di nuovo il colpo al cuore dell'abbandono locale: nella prima foto il vecchio arrivo della mono-seggiola che per un brevissimo periodo fu trasformato a sfornatore di arrosticini con incredibile panorama sul fronte Nord del Gran Sasso e nella seconda l'albergo diruto sulla corroborante passeggiata dell'Arapietra.

30.JPEG


31.JPEG


Tempistiche abbastanza indovinate vista la chiusura definitiva ormai alle nostre spalle.

32.JPEG



Voto, un incoraggiante 8. Giro molto rigenerante.
 
Immenso ! Proprio l'altro giorno guardando la tappa di Prati di Tivo mi chiedevo perchè non inquadrassero questa meraviglia....al Tour ci avrebbero ricavato chissà quante inquadrature. Che montagna cazz.....
 
Immenso ! Proprio l'altro giorno guardando la tappa di Prati di Tivo mi chiedevo perchè non inquadrassero questa meraviglia....al Tour ci avrebbero ricavato chissà quante inquadrature. Che montagna cazz.....
Mmm non seguo, ma con l'arrivo ai Prati non c'è stata una singola carrellata montana? Nemmeno del Corno Piccolo? Lo trovo abbastanza impossibile: è una presenza che INCOMBE sul piazzale.

"Che montagna cazz..." vero... manca la gestione MINIMA. Ahinoi 😕 Da centrappenninico do per scontato che non ci siano servizi, ormai son formato e in un certo senso mi sta anche bene, però così non si sopravvive.
 

.

Ieri, Domenica: fine 2024? Credo di si per impegni piuttosto invasivi (danaro e tempo), prossimamente, molto prossimamente. Altrimenti una trasfertina nordica, previo sondaggio familiare, poteva anche starci.

Classicissima Corno Grande da Prati di Tivo (Valico del Laghetto esattamente), 9,5 km a/r circa, 1250 metri dsl+ circa in stato di forma ovviamente pessimo vista la stagione. Attendevo molto più traffico dato che resta l'unico posto innevato in maniera continua e che al Sabato causa giro d'Italia le strade pare fossero tutte chiuse, ma la cabinovia ferma (sigh sob) e quindi la scarpinata sci e scarponi in spalla forse screma abbastanza.

Mattino sgombro di nubi con addensamenti dal primo pomeriggio che hanno reso forse anche più belli i colori dell'ambiente con un effetto buio/luce Caravaggesco: atteso molto più caldo invece temperatura relativamente bassa e neve piuttosto buona (sulla morena diverse curve mach3 su firnacchione perdonatutto).

Ovviahh, si dia spazio alle fotine.

Dal parcheggio fa capolino il re e circondati da cinguettii primaverili con alle spalle l'Adriatico, ci avviamo lento pede, scarpati, con sci e scarponi sulle spalle.

Visualizza allegato 144702

Visualizza allegato 144703

Visualizza allegato 144704

La solitudine dello sciappenninista 2024

Visualizza allegato 144705

Arriviamo dopo circa 300 metri dsl+ all'arrivo della cabina che inizia a versare in condizioni preoccupanti (oltre ai gasex e obelix in zona Corno Piccolo).

Visualizza allegato 144706

Si entra così nel vallone delle Cornacchie per il passo delle scalette, ovviamente sgombro di neve, osservando greggi di camosci là sotto.

Visualizza allegato 144707

Visualizza allegato 144708

Poco dopo il pittoresco passaggio sotto le rocce, predisponiamo la scarpiera nascosta e mettiamo le pelli, su fino al rifugio Franchetti che giudica le nostre inversioni dall'alto.

Visualizza allegato 144709

Visualizza allegato 144711

Visualizza allegato 144712

Visualizza allegato 144713

Visualizza allegato 144714

Salendo valutiamo se variare dalla classica reiterata gita, girando verso l'antecima che è la gimcana sulla pala alla destra nella seguente foto.

Visualizza allegato 144715

Ma un distacchino nella conca sotto la sella e soprattutto un dubbio sulla durezza della neve (poi vista da vicino, dubbio fondato) ci ha fatto scegliere la cautela: una caduta in quella zona non sembrava proprio igienica soprattutto per il salto sulla sinistra.

Visualizza allegato 144716

E quindi via per la morena ramponando su ben scalettato, fino al traverso che si apre sul fotogenico Calderone e su alla selletta deposito sci (qui ho dato grosso dispiacere al compare bocciando la salitella di 30 metri alla trafficata ed inutile cima: non si scia e c'era nebbia, a che serve? Continua la mia campagna di destituzione dell'orgoglio tra i valori dell'uomo).

Visualizza allegato 144717

Visualizza allegato 144718

Visualizza allegato 144719

Visualizza allegato 144720

Visualizza allegato 144721

Modalità discesa con prime due curve saltate e poi sciata comoda: unico whiteout su traverso di rientro alla morena, quindi non ci siamo persi nulla. E' bastato attendere 5 minuti che è tornata la visibilità per dare fuoco alle polveri.

Visualizza allegato 144722

Visualizza allegato 144723

Visualizza allegato 144724

Visualizza allegato 144725

Visualizza allegato 144726

Sciando fino alla scarpiera tra i classici bastioni per tornare a far trekking sempre osservati da sospettosi camosci.

Visualizza allegato 144727

Visualizza allegato 144728


Visualizza allegato 144729

Visualizza allegato 144730

Di nuovo il colpo al cuore dell'abbandono locale: nella prima foto il vecchio arrivo della mono-seggiola che per un brevissimo periodo fu trasformato a sfornatore di arrosticini con incredibile panorama sul fronte Nord del Gran Sasso e nella seconda l'albergo diruto sulla corroborante passeggiata dell'Arapietra.

Visualizza allegato 144731

Visualizza allegato 144732

Tempistiche abbastanza indovinate vista la chiusura definitiva ormai alle nostre spalle.

Visualizza allegato 144733


Voto, un incoraggiante 8. Giro molto rigenerante.
Grandissimo Fonzi.. se mi avessi avvisato sarei venuto di corsa, giro stupendo!
 
giro stupendo!
Diciamo che se fosse in funzione la cabina oserei aggiungere giro piuttosto semplice in tarda stagione: col passo delle scalette (esposto) senza neve (quando c’è, è facile trovarlo “attrezzato”), firn da cima a fondo, dislivello contenuto (900?), cima ripida non sciabile evitabile (50 metri?), tragitto piuttosto trafficato e discesa agevole (sempre con firn eh: se neve dura giro i tacchi, ovunque, se frescone da evitare).

Forse il fatto che sia la cima più alta carica il giro di una assurda “mitologia”. Non sto dicendo che non sia bello, anzi è proprio meraviglioso, ma ci sono tanti altri posti altrettanto belli che man mano negli anni grazie a questa attività ho scoperto e tra l’altro senza andare troppo lontano. (Ad esempio nella stessa location trovo molto più bello il vallone dei ginepri per motivi sciistici)

Per il mancato invito ho delle giustificazioni che poi ti scriverò in privato…
 
Top