Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 18

Discussione: Da Sur En a Burgusio per il passo di Slingia - Gruppo del Sesvenna - Luglio 2021

  1. #1

    Predefinito Da Sur En a Burgusio per il passo di Slingia - Gruppo del Sesvenna - Luglio 2021

    Un’improvvisa improcrastinabile urgenza fisiologica mi è fatale: arrivo alla rotatoria di Burgusio in leggerissimo ritardo, quel tanto che basta per perdere l’autobus delle 09:12






    Pazienza! Un’ora dopo salgo sul mezzo diretto a Martina



    Nauders sfila sulla destra…



    … dopo una quarantina di minuti di viaggio entro in Elvezia. L’autopostale e il suo autista mi stanno aspettando



    Alle 11:14, con proverbiale puntualità svizzera, vengo depositato alla fermata in località Crusch



    E’ veramente tardissimo, ma il tempo è buono, il percorso è semplice e io non ho nessuna fretta.
    Allora, mi trovo sulla sinistra dell’Eno: devo scendere al fiume, passare dall’altra parte e poi risalire la Val d’Uina, che in questo momento mi si para davanti



    Quindi comincio a scendere per il sentierino…



    Engadina, verso valle



    Engadina, verso monte



    In breve arrivo al ponte sull’Eno, che mi traghetterà in località Sur En






    L’Eno, verso valle



    L’Eno, verso monte






    Il ponte, visto dalla riva destra



    Campeggio di Sur En



    Bene, sono pronto a risalire la Val d’Uina. Una gentile signora mi mostra la strada



    Parete di una casa a Sur En. Quella figura, un fauno silvatico, regge con la mano destra un alberello, però… visto distrattamente, ricorda piuttosto un satiro lascivo, che si trastulla ammirando la gentile signora della foto precedente
    Sulla panchina si legge: “la giassa es stipa at ferm’ün mumaint! La prescha dal muond nu’ rend cuntaint”



    Avvertimenti per i ciclisti. Il contenuto non mi interessa minimamente, però è bello leggerlo in romancio



    E’ praticamente impossibile sbagliarsi: basta seguire la forestale che porta fino alla malga Uina Dadaint, 600 metri più in alto



    La parte bassa della valle è stretta e profonda; la carrabile la segue ora da una parte ora dall’altra del torrente












    Da uno dei ponti: vista verso valle









    Salendo un po’ la valle si fa finalmente meno aspra, e la vista si apre



    Da uno dei ponti, vista verso monte



    Sono più o meno all’altezza della malga Uina Dadora, a 1500 m slm, (raggiungibile con una breve deviazione)



    Salendo ho incontrato un pannello che racconta la storia dell’orso in questa valle: l’ultimo esemplare, il penultimo di tutta la Svizzera, venne abbattuto nel 1897 (se mi ricordo bene)



    Dopo un paio di tornanti (gli unici della strada), noto due macchine parcheggiate: è la fine della forestale!
    Sono in una bellissima radura, in vista di Uina Dadaint






    Mi lascio alle spalle la malga…



    … e proseguo verso l’orrida gola che chiude la Val d’Uina in alto, separandola dagli stupendi pascoli d’alta quota di Slingia che si trovano appena dietro.
    E’ già perfettamente visibile il sentiero tagliato nella roccia



    L’avvicinamento alla gola comporta qualche piccolo saliscendi



    Uno sguardo all’indietro



    E’ quasi l’una e mezza e ho fame. Mi siedo all’ombra e consumo un pasto frugale



    Dopo essermi rifocillato attacco il sentiero che consente di superare la gola d’Uina






























    Quasi alla fine



    Un ultimo sguardo all’indietro...



    … e sbuco fuori.



    Sono a circa 2150 m in un vasto pascolo d’alta quota.
    Una specie di paradiso, meritata “ricompensa” dopo il lungo attraversamento dell’aspra - a tratti asperrima - val d’Uina









    Ora posso proseguire per comoda traccia verso il passo di Slingia



    Prima di arrivare al passo però incontro il confine di stato.
    Sono le 14:20, il mio “blitz” in Svizzera è durato esattamente tre ore e mezza.



    Immancabile foto ai cippi di confine: quello bianco piccolino, posto in opera dopo la prima guerra mondiale da Italia e Svizzera, si va a ad aggiungere al cippo grande e scuro dei tempi dell’impero asburgico



    Il passo di Slingia, 2310 m slm, è qualche centinaio di metri più avanti. Insomma, anche in questo angolo d’Alto Adige l’Italia “sfora” un po’, tracimando nel bacino del Danubio



    Una volta scolllinato l’ambiente si fa ancora più bello



    Appare l’antica Pforzheimerhütte, eccezionale balcone panoramico su Ortles e Cevedale






    A pochi passi sorge un altro rifugio, quello attivo: il Sesvenna












    Io però preferisco di gran lunga il primo, accanto al quale mi stendo una ventina di minuti per riposare e contemplare






    Alle 15:10 mi rimetto in marcia, seguendo dappresso il placido torrente Slingia






    Dopo poco però lo Slingia compie un balzo di circa 200 metri, finendo nella piana sottostante



    Il sentiero supera il salto aggirandolo dalla sinistra orografica



    La cascata dello Slingia












    Continuo a perdere quota, avanzando nella bellissima vallata



    In questa foto si notano le numerose briglie per la regimazione del torrente



    Arrivo in breve alla Schliniger Alm, a 1868 m slm.



    “Va bene” - mi dico - “ora che ho fatto trenta mi pare pure il caso di sedermi una mezz’oretta con una bella birra in mano”.
    In realtà (puntino rosso) ero a circa due terzi del percorso



    Comunque ci stava tutta!



    Alla fine lascio la malga…






    … e arrivo a Slingia



    La fermata dell’autobus è piena di gente in attesa.
    “E se lo prendessi pure io?” - mi chiedo - “non è che ora per scendere a Burgusio il sentiero si rivelerà noioso?”



    No, il sentiero per Burgusio non è affatto noioso; anzi, la seconda metà in particolare è molto bella.
    Comunque: appena dopo il paese imbocco la ciclabile…



    … scendo giù trotterellando...






    … e infine a un bivio giro a sinistra e imbocco il cosiddetto “sentiero delle ore” (Stundenweg), che correndo a mezza costa con un po’ di saliscendi collega l’Abbazia di Monte Maria al Monastero di San Giovanni



    Quando il bosco si dirada, i panorami d’insieme sulla val Venosta sono veramente fantastici


















    Arrivo infine alla chiesetta di Santo Stefano sopra Burgusio






    Ora manca solo la picchiata finale verso il paese, con un sentierino che taglia i tornanti della strada















    Alle 17:40 sono davanti alla dugentesca Fürstenburg



    Per tornare alla macchina, che è a circa 1 km, devo attraversare il paese



    Ho soggiornato a Burgusio qualche anno fa, e mi fa molto piacere rivederlo.
    Nei mesi invernali la “popolazione” del paese cresce, perché i piani-terra di diverse abitazioni sono stalle nelle quali gli allevatori tengono le loro mucche.
    Ha “carattere”, Burgusio: per quanto mi riguarda è mille volte meglio dei paesini della Val Gardena o della Val Badia.









    L’ultima foto è dedicata a l’abbazia di Monte Maria, e al minuscolo Adige


  2. #2

    Predefinito

    che bel giro e che bello burgusio!
    Praticamente è li paese del nonno di heidi

    chissà se c'è un libro con tutti i sentieri scavati nella roccia, che figata sono

  3. Skife per cocojambo:


  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #3
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Atomico come
    sempre.

    E quello storytelling semi nascosto, di te alla ricerca degli angoli non ortodossi dei nostri confini, delle linee di displuvio (tra l’altro più modestamente se ne parlava in un altro topic con ste1258 ad esempio di certi assurdi confini tra Emilia e Toscana e tra Bologna e Modena),
    mi lasciano sempre estasiato!

    Poi la val Venosta 😍 i suoi conoidi… va matto anche un appassionato di ghiaie come me!

    Ma il sentiero scavato mi pareva a dimensione più che umana, ovvero dove cammini ritto senza troppi problemi di “corna”, cosa che ad esempio non capita con le gallerie della guerra in Dolomiti 😩

  6. Skife per madflyhalf:


  7. #4

    Predefinito

    Subsahara vedo che bazzichi spesso quella zona a cavallo tra 3 nazioni. Sei mai stato nella stupenderrima Val Mora?


  8. Skife per pierr:


  9. #5

  10. Skife per Crespeina:


  11. #6

    Predefinito

    Bravo!! Fatto parecchie volte in mtb!! Un gran classico del giro delle 3 nazioni

  12. Skife per montfort:


  13. #7

  14. Skife per pat:


  15. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  16. #8

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Crespeina Vedi messaggio
    Subsahara, se vuoi avrei qui anche il cippo di Fuorcla Sesvenna da farti vedere...
    Che colori affascinanti anche in quella stagione!

    Quanto al cippo:
    Kühl und rein
    Laaser Wasser, Laaser Stein


    Citazione Originariamente scritto da pierr Vedi messaggio
    Subsahara vedo che bazzichi spesso quella zona a cavallo tra 3 nazioni. Sei mai stato nella stupenderrima Val Mora?

    A dir la verità non l’ho mai neanche sentita nominare!
    Porca miseria, però Prendo nota!
    Citazione Originariamente scritto da madflyhalf Vedi messaggio
    Atomico come
    sempre.

    E quello storytelling semi nascosto, di te alla ricerca degli angoli non ortodossi dei nostri confini, delle linee di displuvio (tra l’altro più modestamente se ne parlava in un altro topic con ste1258 ad esempio di certi assurdi confini tra Emilia e Toscana e tra Bologna e Modena),
    mi lasciano sempre estasiato!

    Poi la val Venosta 😍 i suoi conoidi… va matto anche un appassionato di ghiaie come me!

    Ma il sentiero scavato mi pareva a dimensione più che umana, ovvero dove cammini ritto senza troppi problemi di “corna”, cosa che ad esempio non capita con le gallerie della guerra in Dolomiti 😩
    Hai ragione sulla Val Venosta: tra le grandi valli alpine, se non è la più bella poco ci manca!
    Mi fa piacere che tu abbia riconosciuto e che tu stia seguendo con interesse il mio” filo rosso”, Mad
    Ma ti assicuro che è una cosa inconscia: la scelte delle mete è dettata dal momento e dalle opportunità.
    Insomma... vado un po’ a casaccio

  17. Skife per subsahara:


  18. #9

  19. #10

  20. #11

    Predefinito

    ^ Pensi che a Berlino vogliono cambiare il nome alla storica Mohrenstraße (che, secondo l'ipotesi più accreditata, sarebbe stata così battezzata in onore dei membri della prima delegazione "diplomatica" africana provenienti dall'attuale Ghana = l'ex colonia brandeburghese di Großfriedrichsburg). Dopo le discussioni sulla Capanna Negra non mi sorprenderebbe che qualche esagitato colpisca pure nel sonnacchioso Sud-Tirolo.

  21. #12

    Predefinito

    Sul sito c'è la storia del Maso e si spiega perchè si chiama così (i "mori" erano i viandanti, i pellegrini o le servitù dei principi e dei nobili che vi transitavano).

  22. #13

    Predefinito

    Subsahara, visto che ti piacciono i sentieri in zone di confine, posso consigliarti il sentiero dei contrabbandieri (si chiamano tutti così, compreso questo della Gola Uina) della cresta Gurglerkamm. Parti da Hochgurgl su per la Königstal, sconfini dal Königsjoch e scendi nella Seebertal, arrivando poi alla strada del passo Rombo, nei pressi della malga Oberglanegg.

    Königsjoch 2825m


    Seebertal


    Purtroppo non trovo più le altre foto per vedere se c'erano dei cippi segnaconfine e com'erano fatti.. 🙄
    Magari potrai documentare meglio tu...

  23. #14
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kaliningrad Vedi messaggio
    ^ Pensi che a Berlino vogliono cambiare il nome alla storica Mohrenstraße (che, secondo l'ipotesi più accreditata, sarebbe stata così battezzata in onore dei membri della prima delegazione "diplomatica" africana provenienti dall'attuale Ghana = l'ex colonia brandeburghese di Großfriedrichsburg). Dopo le discussioni sulla Capanna Negra non mi sorprenderebbe che qualche esagitato colpisca pure nel sonnacchioso Sud-Tirolo.
    Però le discussioni intorno alla capanna Negra non furono alimentate soprattutto da bot e troll vari?

    Ricordo che una serie di messaggi erano palesemente di bot

  24. #15

    Predefinito

    ^ Non lo so. Intanto c'è qualcuno che ha iniziato a catalogare le farmacie "del moro":

    https://de.wikipedia.org/wiki/Liste_der_Mohrenapotheken

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •