Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 18

Discussione: Appennino misterioso: Il giro delle 4 province - 25.05.21

  1. #1

    Predefinito Appennino misterioso: Il giro delle 4 province - 25.05.21

    Un reportage ogni 6 mesi ci può stare, e così dopo l'apprezzatissimo Appennino bianco di dicembre vi propongo una gita nell'Appenino verde di primavera, attraverso zone insolite e irraggiungibili, a cavallo tra 4 province e 4 Regioni. Posti che sebbene non lontani in linea d'aria da importanti città e crocevia, sono letteralmente sperduti nel nulla. Posti che un piacentino raggiunge nello stesso tempo in cui va a Courmayeur, anche se il Lesima lo vede dalla finestra di casa. Posti tra i più isolati dell'Appennino intero, credo.

    Si parte.
    Dalla curva della cantoniera sull'appena riasfaltata SS45, poco dopo Marsaglia, le anse del nostro amato fiume e il Monte Lesima ci danno il benvenuto in alta Val Trebbia:


    La deviazione a causa del ponte Lenzino crollato ci porta a costeggiare la Pieve di Montarsolo, a pochi metri dalla Lombardia:


    Ritornati in Emilia dopo aver percorso la "viabilità alternativa", ecco la Madonnina della 45, in uno dei punti più impervi della statale:


    Poco dopo Ottone si entra in Liguria, qui abbiamo un giovane Trebbia presso Montebruno:


    A meno di 40 km da Genova si abbandona la fida 45 e si inizia a risalire su strette provinciali immerse nella boscaglia in direzione di questo muretto...


    ...che dà origine al lago del Brugneto, riserva d'acqua per la Superba, situato ai piedi del Monte Antola:


    Ci si alza di quota vista lago superando alcuni piccoli borghi semideserti appartenenti al comune di Propata, sparsi sulle terrazze che contornano la valle del Brugneto:


    Verso i 1000 mslm il bosco cede il passo ai prati, e alla quota di 1406 m si raggiunge la località Casa del Romano, dove si ha una bella vista sulle massime vette dell'Appennino Ligure (a sinistra il gruppo Bue-Maggiorasca, al centro Penna-Aiona, in basso l'alta Val Trebbia):


    L'Osservatorio Regionale:


    Si sconfina ora in Piemonte alle Capanne di Carrega (1367 mslm), iniziando la discesa in Val Borbera, e sullo sfondo appaiono le Alpi:


    Un vecchio torrione dei Malaspina veglia...


    ...sul sottostante e semideserto abitato di Carrega Ligure:


    Da Carrega ci si infila in un tunnel spazio-temporale di 10 km, su una strada sulla quale piovono sassi come non ci fosse un domani e dove non s'incrocia anima viva, e dalla quale non si vede nient'altro che verde, a parte qualche manciata di case che spunta qua e là tra la giungla:


    Al termine della discesa nella foresta del Borneo ci accoglie un bel ponte ad archi sul Borbera:


    La tregua pianeggiante dura poco perchè dopo il ponte si attacca la salita verso Montaldo di Cosola, che a differenza di Carrega si presenta meno decadente e più movimentato, con tanto di alberghetti:


    Una vista verso ovest, poco prima di lasciare il Piemonte e tornare nell'amata Emilia scollinando ai 1493 mslm delle Capanne di Cosola, il più alto valico stradale dell'Appennino Ligure:


    Sul versante est si apre la Val Boreca, dominata dal Lesima e dall'Alfeo, sullo sfondo ancora le cime tra Val Nure e Val d'Aveto (Maggiorasca & c.):


    Fatta la tara "appenninica" ed evitando improbabili paragoni alpini, riconosco che questo valico regala delle viste di grande respiro che difficilmente offrono gli altri passi stradali della zona spesso incastrati tra i boschi e le montagne soprastanti. Guardando a nord si vedono le Orobie nella loro interezza:


    Scendendo in Val Boreca, il primo paese che s'incontra è Pej, a quasi 1200 mslm, il più alto paese della provincia di Piacenza:


    Sempre visibile da tutto il circondario, il pallone del Lesima veglia su di noi:


    La chiesa di Vesimo, altro simpatico villaggio dove gli unici rumori sono il vento, l'acqua e qualche cane che abbaia. La Val Boreca è disseminata di questi piccoli paesi fermi a un'altra epoca, parte in comune di Zerba e parte di Ottone, raggiungibili in auto con precarie strade o a piedi su storiche mulattiere:


    Dopo una curva ecco apparire Zerba, il comune meno popoloso dell'Emilia Romagna, abbarbicato sulle pendici meridionali del Lesima, qualche centinaio di metri sopra lo scrosciante Boreca:


    Da Zerba una stretta ed esposta strada asfaltata porta al Brallo di Pregola, in provincia di Pavia, tagliando i fianchi orientali del Lesima e offrendo alcune viste vertiginose sulla val Trebbia:


    Il fiume 1000 m più in basso, e il villaggio di Ponte Organasco:


    Verso nord appaiono la Pietra Parcellara, la zona industriale di Piacenza, e la ex centrale di Caorso:


    I verdi Piani del Lesima, a 1400 mslm, punto di partenza della via normale piacentina alla vetta (di là si arriva in cima con la strada asfaltata, ma il piacentino pur di non pestare il suolo lombardo sale col sentiero):


    Come dimenticarsi di lui! Anche se ci copre la vista sulle retrostanti Alpi, il Penice è sempre il Penice


    Dalla strada che dal Brallo porta al passo Penice ecco una vista su Ceci, frazione di Bobbio...


    ...mentre dall'altro lato appare Varzi:


    Attraversando per la settima e ultima volta un confine regionale, si rientra definitivamente in Emilia al passo del Penice (1149 mslm), scendendo velocemente su Bobbio:


    Fine. Spero, con queste foto, di aver completato una panoramica esaustiva delle montagne della mia zona, dopo averle ritratte in veste invernale. C'erano troppe Alpi nei miei report. Adesso però è ora di tornare di là.
    Grazie per l'attenzione.


  2. #2
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    L’Appennino è bello.
    A modo suo, ma è bello.

    Che il resto del mondo se ne faccia una ragione.


    Grazie del giro

  3. Lo skifoso madflyhalf ha 3 Skife:


  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #3

    Predefinito

    Ma la strada che da cosola va al Brallo si riesce a percorrere con gomme normali?

    dovessi mai sparire dalla circolazione per un po’ senza farmi trovare sicuramente casa del romano e dintorni sarebbe il posto ideale .

    Il punto più panoramico, imho, è la vetta del monte Ebro, ca1700slm, facilmente raggiungibile da cosola con quella stradina che passa sotto la seggio del Poggio e poi con 4 passi a piedi in cresta. A parte il vicino Chiappo che blocca un po’ la vista verso Sud, per i restanti 300 gradi non hai nulla davanti e spazi dall’isola di Bergeggi fino al Brenta, 2/3 dell arco alpino.

  6. #4

    Predefinito

    Anche a me interessa molto la strada da Zerba al Brallo. Ma è vagamente "sicura" o è totalmente a rischio e pericolo degli utenti?

  7. #5

    Predefinito

    Stupendo! Zona a suo modo celebre anche per l'importante tradizione musicale di balli popolari... prima o poi ci verrò!

  8. #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Jms-1 Vedi messaggio
    Ma la strada che da cosola va al Brallo si riesce a percorrere con gomme normali?
    Se intendi quella diretta che taglia il versante NW del Lesima (e da cui si stacca la strada per la vetta) è una normale provinciale asfaltata. Sullo stato della pavimentazione non ti so dire perché è un po' che non la faccio, ma sicuramente si percorre con una normale auto.

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    Anche a me interessa molto la strada da Zerba al Brallo. Ma è vagamente "sicura" o è totalmente a rischio e pericolo degli utenti?
    È una striscia di asfalto larga 2 metri, spesso senza banchina, molto ripida lato Zerba (si fa in II e qualche tornante in I) e con un breve tratto esposto (sotto c'è un salto di 1000 m e sopra cadono i sassi). La sconsiglierei di domenica per eventuali incroci difficoltosi, e ovviamente durante o subito dopo un pesante maltempo. Il tratto stretto non è molto lungo, saranno 5 km dalla chiesa di Zerba a Prodongo, da lì al Brallo è una normalissima strada.

  9. #7

  10. Skife per apo:


  11. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  12. #8
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Si l’Appennino in questa stagione è davvero verdissimo!

    Anni fa andai a un matrimonio di un mio caro amico nel Collio a cavallo tra Gorizia e Nova Goriça, e la sensazione fu uguale: verde verde verde a non finire, sembravano paesaggi quasi tropicali!

    Era fine agosto 😳

  13. #9

    Predefinito

    Mi avete fatto incuriosire col vostro verde, e sono andato a vedere qualche carta delle precipitazioni. Tutta la zona a cavallo delle 4 Regioni in questione è tra le più piovose d'Italia, e in particolare in alta val d'Aveto si superano i 2300 mm all'anno.

    Credo che se uno è appassionato di raccolta zecche, da quelle parti possa fare caccia grossa.

  14. Lo skifoso ste1258 ha 2 Skife:


  15. #10

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da madflyhalf Vedi messaggio
    Anni fa andai a un matrimonio di un mio caro amico nel Collio a cavallo tra Gorizia e Nova Goriça,
    OT
    Bevuto quindi gran vini bianchi :)

  16. Skife per saluti75:


  17. #11
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da saluti75 Vedi messaggio
    OT
    Bevuto quindi gran vini bianchi :)
    Non ricordo granché, probabilmente ero già molto sbronzo PRIMA della cerimonia al castello di Gorizia.

    Però il giorno dopo stavo benissimo quindi sicuro erano ottimi vini

  18. Skife per madflyhalf:

    apo

  19. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da madflyhalf Vedi messaggio
    Si l’Appennino in questa stagione è davvero verdissimo!

    Anni fa andai a un matrimonio di un mio caro amico nel Collio a cavallo tra Gorizia e Nova Goriça, e la sensazione fu uguale: verde verde verde a non finire, sembravano paesaggi quasi tropicali!

    Era fine agosto 😳
    Se ti spingi verso Cividale e le valli del Natisone la somiglianza coi luoghi di questo report è impressionante.

  20. #13

    Predefinito

    È veramente frustrante notare che voi tutti abitate in province più belle della mia. Perfino a Lodi hanno la collina di San Colombano, a Mantova le colline moreniche.

    E a Cremona un tubo di niente.... Solo un'autostrada relativamente poco trafficata per andare via.

  21. #14

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    Perfino a Lodi hanno la collina di San Colombano
    San Colombano è provincia di Milano
    Illo tempore, quando venne creata la provincia di Lodi scorporandola dalla provincia di Milano, i "sancolombanesi" non ne vollero proprio sapere di cambiare casacca, e giurarono eterna fedeltà al capoluogo lombardo

  22. Skife per subsahara:


  23. #15

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    E a Cremona un tubo di niente
    Non per altro avete costruito il campanile più alto d'Italia... per guardarvi intorno

    (Facendo 2 conti, il punto alla maggior altitudine della provincia di Cremona è proprio il Torrazzo).

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    San Colombano è provincia di Milano
    Le colline omonime sono divise anche tra Pavia e Lodi, credo Ema si riferisse a questo.

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •