Pagina 11 di 15 PrimoPrimo 123456789101112131415 UltimoUltimo
Mostra risultati da 151 a 165 di 216

Discussione: Viva la Fludità e l’imperfezione

  1. #151

    Predefinito

    E questo perché qui si pensa che il gesto tecnico fatto bene sia limitante della libertà di godersi la sciata.......e invece è esattamente l'opposto....

  2. Skife per fausto1961:


  3. #152

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da fausto1961 Vedi messaggio
    E questo perché qui si pensa che il gesto tecnico fatto bene sia limitante della libertà di godersi la sciata.......e invece è esattamente l'opposto....
    Esatto Fausto , la fluidità va a braccetto con la tecnica , ma non quella forzata o scimmiottata , ma quella assimilata e acquisita come gesto naturale

  4. Skife per Gianpa79:


  5. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  6. #153

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Gianpa79 Vedi messaggio
    Esatto Fausto , la fluidità va a braccetto con la tecnica , ma non quella forzata o scimmiottata , ma quella assimilata e acquisita come gesto naturale
    Questo vale anche per chi scimiotta tra i pali. Mi spiace ma vedo questa deriva, forse frutto dalla mania race che contraddistingue lo sci italiano turistico.

    Sono dell’idea che la sensibilità nei piedi, che contraddistingue la fluidità nello sci, si impara da piccoli, e sia influenzata pesantemente dal talento. Da grandi si può fare pali quanto volete, ma sarà molto difficile ottenere grandi evoluzioni. Sempre se stiamo parlando veramente di fluidità.

  7. Lo skifoso op1976 ha 3 Skife:


  8. #154

    Predefinito

    Io comincierei a dare una definizione chiara e univoca di fluidità negli sci....
    e da che cosa è determinata ....

  9. #155

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da op1976 Vedi messaggio
    Questo vale anche per chi scimiotta tra i pali. Mi spiace ma vedo questa deriva, forse frutto dalla mania race che contraddistingue lo sci italiano turistico.

    Sono dell’idea che la sensibilità nei piedi, che contraddistingue la fluidità nello sci, si impara da piccoli, e sia influenzata pesantemente dal talento. Da grandi si può fare pali quanto volete, ma sarà molto difficile ottenere grandi evoluzioni. Sempre se stiamo parlando veramente di fluidità.
    Ecco la questione. Sensibilità che non necessariamente è preclusa agli adulti privi di talento secondo me: certo, ci vuole molta applicazione e la classica lampadina che si accende (di solito sperimentando una qualche "sensazione" e comunque nel quadro di un "percorso", non certo per casualità).

  10. #156

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da fausto1961 Vedi messaggio
    Io comincierei a dare una definizione chiara e univoca di fluidità negli sci....
    e da che cosa è determinata ....
    Giusta considerazione. Non mi sento di dare una definizione univoca, ci mancherebbe. Dal mio punto di vista una sciata fluida è il risultato di una continuità di movimenti, dettati dalla sensibilità dei piedi, dal sentire veramente il terreno e dal riuscire ad assecondarlo, in modo intuitivo, senza pensare.

    La tecnica, o meglio le tecniche visto che ci sono numerose interpretazioni a mio avviso tutte valide a dipendenza di contesti e morfologia fisica, posso aiutare ad accendere quella luce che dice apo. Facilmente da piccoli, più difficilmente da grandi. Ma sentire che i pali siano un punto fondamentale nella possibile evoluzione degli adulti mi fa storcere il naso, non lo condivido. Per alcuni saranno senz’altro una parte motivante nel cercare l’evoluzione, per altri saranno semplicemente un supplizio inutile. Generalizzare è assolutamente inutile, se non a cercare conferme delle proprie scelte e visioni. Lo dico nonostante tra i pali ci sia nato e cresciuto e so fin troppo bene cosa siano.

  11. Skife per op1976:


  12. #157

    Predefinito

    Per sciare fluido bisogna stare a posto tecnicamente.
    Per raggiungere certi livelli di tecnica c'è bisogno anche dell'allenamento in gs.
    Questo non vuol dire dover diventare dei campioni, significa acquisire la padronanza della gestione dell'attrezzo sempre e comunque e di sviluppare la capacità di adattarsi ad ogni condizione.
    Molti sciatori da fresca (ne conosco diversi che magari avete anche ammirato nei filmati su youtube) hanno avuto un passato agonistico per lo meno fino alla categoria giovani/senjor.
    Migliorare la propria tecnica e saper sfruttare per bene l'attrezzo non significa dover fare gare, ma semplicemente sciare in sicurezza e per più anni, vale a dire arrivare anche a 70 anni e sciare continuando a divertirsi perchè ottimizzare il gesto significa anche stancarsi di meno.
    Comprendo che questo può non essere l'obiettivo dello sciatore medio, a lui magari basta scendere in discreto stile e sicurezza su tutte le piste, ma se si fa un discorso più tecnico certi passaggi sono dovuti.
    E non capisco questa presa di posizione così ostile verso chi fa gare o si allena.

  13. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre


  14. #158

    Predefinito

    @giò, questo è un thread creato da chi non fa gare e non si allena penso..di thread di pali ce ne sono tanti, questo è per noi eretici!!!!
    se devo scegliere per correre tra il tapis roulant e il bosco scelgo il bosco, se devo scegliere di sciare tra pali e gli alberi, mi stampo contro gli alberi....arrivare al rifugio tutto insanguinato e con il goretex da 500 euro strappato appena comprato non ha prezzo!!!!

  15. Lo skifoso jeanabbetto ha 2 Skife:


  16. #159

    Predefinito

    Leggere che per sciare in sicurezza bisogna fare gs fa sorridere, e la dice lunga su certe derive.

    Che molti freerider di alto livello abbiano un passato agonistico è una gran verità (frutto anche di un retaggio storico, perché in certe lande le nuove generazioni cominciano a crescere a pane e fresca), ma non vuol dire che i pali siano indispensabili per essere buoni sciatori.

    Certo che sciare su terreni variabili e sconnessi non può nemmeno diventare una scusa per non imparare mai a sciare (obiettivo che leggo tra le righe di molti interventi); ma i pali non sono certo l’unico mezzo per arrivare a controllare la propria traiettoria in tutte le condizioni

    Alla fine ha ragione Fausto: una buona tecnica è irrinunciabile per divertirsi. Però è indispensabile che si sia in grado non di scimmiottarla, ma di adattarla alle condizioni e interpretarla in base al proprio fisico.

    Senza la capacità di adattare e interpretare (e senza piedi) non si scierà mai fluidi.

  17. Lo skifoso rebelott ha 3 Skife:


  18. #160

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da rebelott Vedi messaggio
    Leggere che per sciare in sicurezza bisogna fare gs fa sorridere, e la dice lunga su certe derive.

    Che molti freerider di alto livello abbiano un passato agonistico è una gran verità (frutto anche di un retaggio storico, perché in certe lande le nuove generazioni cominciano a crescere a pane e fresca), ma non vuol dire che i pali siano indispensabili per essere buoni sciatori.

    Certo che sciare su terreni variabili e sconnessi non può nemmeno diventare una scusa per non imparare mai a sciare (obiettivo che leggo tra le righe di molti interventi); ma i pali non sono certo l’unico mezzo per arrivare a controllare la propria traiettoria in tutte le condizioni

    Alla fine ha ragione Fausto: una buona tecnica è irrinunciabile per divertirsi. Però è indispensabile che si sia in grado non di scimmiottarla, ma di adattarla alle condizioni e interpretarla in base al proprio fisico.

    Senza la capacità di adattare e interpretare (e senza piedi) non si scierà mai fluidi.
    Penso che questo sia lo spirito che ha spinto Vettore a creare sta discussione, concordando con le DERIVE, cui si va sempre a finire. Santissime parole, quelle evidenziate in verde

  19. Skife per nonnosciatore:


  20. #161

    Predefinito

    Scusate tanto, ma le derive le state creando voi con questo atteggiamento di assoluta chiusura verso un aspetto di questo sport (l'agonismo) che è importantissimo da un certo livello in poi per migliorarsi.
    E la chiusura lo dimostra il fatto che create una assurda contrapposizione tra i due mondi (freeride/agonismo) quando invece sono l'uno il rovescio dell'atro e fanno parte della stessa medaglia.
    Non so che comprensori frequentiate, ma da me in appennino, se nevica, i ragazzi dello sciclub si portano in neve fresca e non si traccia, e con gli sci da sl, guarda un pò, solo perchè per andare in fresca ci vogliono i padelloni.......
    Così come degli amici ex olimpionici di freestyle (ora maestri anche se non esercitano) quando hanno dovuto prepararsi per le selezioni e hanno fatto gs hanno candidamente ammesso che lo step del gigante è stato fondamentale per completarsi come sciatori.
    Oppure vogliamo parlare del percorso inverso, dell'amico (maestro di sci anche lui e istruttore di snow) che da nazionale giovanile di DH ora è, appunto, maestro di telemark, di sci orientato al freeride e, appunto, istruttore di snow?
    Dai, ragazzi, se si continua con una visione bianco/nero o guelfi e ghibellini si corre il rischio di rimanere limitati.
    Non c'è interesse a fare pali, ok, mi sembra anche una cosa normale e naturale per chi non lo ha mai fatto o ne ha fatti talmente tanti da averne nausea, ma per buttarsi in tracciato con le vasche profonde un metro per fare il tempo, bè, devi avere cuore, gamba e piede, così come per buttarsi dalla cima di una montagna.
    Ma solo nelle vostre affermazioni l'una cosa esclude l'altra, è questo quello che contesto e continuo a non capire.

  21. Lo skifoso giò ha 2 Skife:


  22. #162

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da giò Vedi messaggio
    Scusate tanto, ma le derive le state creando voi con questo atteggiamento di assoluta chiusura verso un aspetto di questo sport (l'agonismo) che è importantissimo da un certo livello in poi per migliorarsi.
    E la chiusura lo dimostra il fatto che create una assurda contrapposizione tra i due mondi (freeride/agonismo) quando invece sono l'uno il rovescio dell'atro e fanno parte della stessa medaglia.
    Non so che comprensori frequentiate, ma da me in appennino, se nevica, i ragazzi dello sciclub si portano in neve fresca e non si traccia, e con gli sci da sl, guarda un pò, solo perchè per andare in fresca ci vogliono i padelloni.......
    Così come degli amici ex olimpionici di freestyle (ora maestri anche se non esercitano) quando hanno dovuto prepararsi per le selezioni e hanno fatto gs hanno candidamente ammesso che lo step del gigante è stato fondamentale per completarsi come sciatori.
    Oppure vogliamo parlare del percorso inverso, dell'amico (maestro di sci anche lui e istruttore di snow) che da nazionale giovanile di DH ora è, appunto, maestro di telemark, di sci orientato al freeride e, appunto, istruttore di snow?
    Dai, ragazzi, se si continua con una visione bianco/nero o guelfi e ghibellini si corre il rischio di rimanere limitati.
    Non c'è interesse a fare pali, ok, mi sembra anche una cosa normale e naturale per chi non lo ha mai fatto o ne ha fatti talmente tanti da averne nausea, ma per buttarsi in tracciato con le vasche profonde un metro per fare il tempo, bè, devi avere cuore, gamba e piede, così come per buttarsi dalla cima di una montagna.
    Ma solo nelle vostre affermazioni l'una cosa esclude l'altra, è questo quello che contesto e continuo a non capire.
    Si discute sulla "discussione" iniziata da Vettore, tutto qua. Non penso proprio che c'entri qualcosa le gare e tutto ciò che è correlato (gare degli amatoriali)

  23. #163

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da giò Vedi messaggio
    Per sciare fluido bisogna stare a posto tecnicamente.
    Per raggiungere certi livelli di tecnica c'è bisogno anche dell'allenamento in gs.
    Questo non vuol dire dover diventare dei campioni, significa acquisire la padronanza della gestione dell'attrezzo sempre e comunque e di sviluppare la capacità di adattarsi ad ogni condizione.
    Molti sciatori da fresca (ne conosco diversi che magari avete anche ammirato nei filmati su youtube) hanno avuto un passato agonistico per lo meno fino alla categoria giovani/senjor.
    Migliorare la propria tecnica e saper sfruttare per bene l'attrezzo non significa dover fare gare, ma semplicemente sciare in sicurezza e per più anni, vale a dire arrivare anche a 70 anni e sciare continuando a divertirsi perchè ottimizzare il gesto significa anche stancarsi di meno.
    Comprendo che questo può non essere l'obiettivo dello sciatore medio, a lui magari basta scendere in discreto stile e sicurezza su tutte le piste, ma se si fa un discorso più tecnico certi passaggi sono dovuti.
    E non capisco questa presa di posizione così ostile verso chi fa gare o si allena.
    Quali ? Diventare maestro ? Allora sì. Per ambire al sesto livello devo sapermela cavare in gigante ? Suvvia...

  24. #164

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da apo Vedi messaggio
    Quali ? Diventare maestro ? Allora sì. Per ambire al sesto livello devo sapermela cavare in gigante ? Suvvia...
    Assolutamente si .... inarrivabile un 6 livello senza fare agonismo, anche perchè sciare in quel modo su uno sci da archi , vuol dire saper padroneggiare un fis .

    Solo imparando a sciare su uno sci difficle e tosto riesci a portare a certi livelli uno sci da archi.

  25. #165

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da apo Vedi messaggio
    Quali ? Diventare maestro ? Allora sì. Per ambire al sesto livello devo sapermela cavare in gigante ? Suvvia...
    Magari no.

    Però sicuro un 6 livello in gigante saprebbe cavarsela.

    Non a caso viene usato come strumento selettivo per l'accesso alla professione di maestro.

    L'allenamento in GS è uno strumento (e una verifica...).

    Se si ritiene che ce ne siano di più efficienti per raggiungere lo scopo non ci vedo nulla di male.

Pagina 11 di 15 PrimoPrimo 123456789101112131415 UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •