Posizione classifica anno 2021: 25/55 | Posizione in classifica generale: 1993/3509.
Mostra risultati da 1 a 14 di 14

Discussione: Anzère (CH - VS), 19/02/2021

  1. #1

    Predefinito Anzère (CH - VS), 19/02/2021

    Bene, buonasera.

    Visto che mi è stato richiesto da un paio di utenti di caricare qualche fotografia - nonostante negli ultimi tempi siano scarseggiate per ovvie ragioni le uscite in montagna e non abbia assolutamente voglia il più delle volte di armeggiare al computer - "recensirò" la prima sciata della stagione in quel di Anzère, ridente località vallesana situata a poca distanza dalla ben più nota Crans Montana, dalla quale si vedono reciprocamente le piste da sci, e volendo ipotizzo che un collegamento tra le due località non sia affatto difficile tecnicamente da realizzare.

    Non starò a descrivere la skiarea per filo e per segno perché non ne ho onestamente voglia e si possono trovare online tranquillamente tutte le informazioni, quindi questa fotocronaca, diversamente da altre, avrà poche parole scritte in rapporto alle fotografie.

    Quindi iniziamo subito dalle classiche foto di rito di avvicinamento alla località. Partendo la mattina da Torino non si riesce ad arrivare molto presto alla località in questione, ma essendo essa stessa di dimensioni ridotte, senza fare tante pause la si può esplorare anche con un pomeridiano.























    Una volta raggiunta Briga ci vuole ancora un po' di tempo soprattutto perché l'autostrada in tanti posti non c'è ancora (ed onestamente mi chiedo il motivo, trattandosi fondamentalmente di un fondovalle) ma non c'è nemmeno una di quelle strade statali senza attraversamenti di centri urbani che oltralpe chiamano "semiautostrade". Tuttavia, una volta entrati finalmente in autostrada si può ammirare un curioso edificio in stile brutalista, e ciò rappresenta una piccola ed inaspettata divagazione per chi è interessato alla materia:

























    La strada che sale dal fondovalle:



    Tuttavia, ipotizzando dove potesse trovarsi un parcheggio gratuito, ho deciso di non recarmi nel centro del paese, dove temevo tra l'altro di non trovare nemmeno posto vista l'ora alla quale sarei arrivato ed il periodo di vacanze scolastiche ed il conseguente affollamento delle piste, ma di parcheggiare nel lato più ad est della skiarea, dove avevo notato su Google Earth che esiste appunto un parcheggio presso la partenza della seggiovia. La strada che porta lì è lunga quasi dieci chilometri e molto stretta, ma fortunatamente una volta giunto a destinazione riesco a trovare subito posto per parcheggiare non lontano dalla partenza della seggiovia.

    Sullo sfondo, le piste di Crans Montana:



    Purtoppo, una volta arrivato noto che non c'è la cassa degli skipass (o perlomeno io non l'ho trovata) e, piuttosto contrariato, non mi resta che tentare di fare lo skipass online. Per fortuna che avevo attivato l'"opzione Svizzera" di Tim la mattina stessa che prevede un po' di traffico dati da utilizzare in questo paese - altrimenti la cosa sarebbe stata impossibile in partenza - ma devo sperare che la procedura vada a buon fine, altrimenti dal momento che sono già vestito e che l'altra partenza degli impianti è piuttosto lontana, la sciata sarebbe saltata. Riesco a comprarlo ma poi una volta che sono al tornello non si apre e solo dopo che ho bloccato un po' la coda un signore mi dice che "capita sempre così" e che bisogna andare a farsi "attivare" la carta dall'addetto alla seggiovia, il quale non me l'attiva affatto ma piuttosto mi consegna una keycard Skidata nuova in luogo di quella che avevo caricato, dandomi il "privilegio" tra l'altro di ottenere una carta senza pagare la cauzione.

    In ogni caso una volta arrivato lì la coda inizialmente fa un po' paura vista la lunghezza, dettata anche dalle norme di distanziamento, e qualche dubbio sul piacevole svolgimento del pomeriggio sciistico al sottoscritto è venuto. Fortunatamente i timori si sono rivelati infondati perché nella totalità degli altri impianti l'attesa si rivelerà minima o nulla:











    In ogni caso come si può vedere, una non proprio recente e lunga - ma abbastanza curiosa - seggiovia con intermedia porta in altitudine dalla località chiamata "les Rousses" compiendo un dislivello diretto di ben 800 metri, il che non è male e nemmeno molto comune per una seggiovia:











































    Una volta in altitudine scendo subito verso le piste che vanno in direzione ovest verso l'opposto del comprensorio:





    Curioso è il fatto che, perlomeno secondo la mia esperienza, questa località è tra le poche se non l'unica che ho visitato a non utilizzare la cartellonistica standard di colore rosso che caratterizza le indicazioni sulle piste in terra elvetica:



    La cima della telecabina che parte dal centro del paese e l'area sottostante:







    Questo è invece il téléski, seppure non alla francese, de la Combe:







    E questo dovrebbe essere l'ex téléski Tsalan, probabilmente dismesso dal momento che è presente in quella zona una seggiovia automatica all'apparenza molto recente:



    In ogni caso io continuo fino alla partenza di una delle altre seggiovie in altitudine, la quadriposto che sulla skimap riporta il nome di "Grillesse-Conches":

















    E con essa risalgo più o meno da dove la pista si era biforcata:







    Adesso con una pista che porta apparentemente di nuovo alla partenza della seggiovia, e poi con una stradina panoramica ma lungo la quale sono presenti parecchi tratti nei quali bisogna racchettare, raggiungo direttamente per gravità (più o meno, vedasi comma precente) la partenza della telecabina nel centro abitato principale:































    E naturalmente con essa risalgo in altitudine, anche in questo caso percorrendo circa ottocento metri di dislivello con un solo impianto:































    Adesso, anche se dovrei ritornare nell'angolo opposto della skiarea, dal momento che la seggiovia di collegamento chiude presto, alle 15 e 45, non posso lasciare questa skiarea senza aver provato la pista nera più conosciuta e che scende in paese seguendo il percorso della telecabina, la pista Masques:









    Una volta risalito velocemente - due scatti presi dal secondo tronco dell'impianto:





    Mi accingo a ritornare, percorrendo però ancora le piste che mi portano all'impianto del quale mi sfugge il nome perché non è ancora presente nella cartina che ho trovato su internet e che sto consultando.

    In cima alla skiarea ci sarebbero anche due corte piste blu servite dalla sciovia dal curioso nome di Turin:



    Purtroppo però, dal momento che me la sono presa con tutta calma e temo di non arrivare in tempo per rientrare (il che sarebbe un grande problema perché non credo che esista uno skibus che collega il centro del paese al parcheggio nel quale ho lasciato la macchina) piuttosto che quella pistina scendo come ho scritto pocanzi alla seggiovia dal nome ignoto, e con essa risalgo più o meno allo stesso luogo:











    Purtroppo, percorrendo la bella pista che scende parallela allo skilift precedentemente immortalato:



    Per raggiungere la seggiovia di collegamento denominata Duez-le Bate è necessario percorrere qualche centinaio di metri in salita, cosa che richiede un qual certo sforzo ed un qual certo ammontare di tempo allo sciatore non proprio in forma o un po' avanti con l'età. Non mi capacito molto della mancanza di un tapis roulant; la possibilità per raggiungere la partenza per gravità sarebbe stata quella di scendere di nuovo fino alla seggiovia "Grillesse-Conches" e risalire con essa, ma tra la neve sfatta per via dell'esposizione delle temperature e risalire, ciò avrebbe richiesto troppo tempo e ci sarebbe stato il rischio di arrivare alla seggiovia dopo il suo orario di chiusura:





    In ogni caso, una volta riguadagnata la prima vetta della mattinata (in realtà era già pomeriggio) una lunga pista rossa riporta al parcheggio, pista della quale ho solamente una forografia che immortala la parte superiore perché l'ho percorsa senza fermarmi sperando di arrivare in tempo per poterla riprendere per l'ultima volta poco prima dell'orario di chiusura, speranza che si è rivelata vana perché l'orario di chiusura, benché se non erro era indicato sulla skimap alle 16 e 15, in realtà sul tabellone alla partenza era indicato alle 16 come tutti gli altri impianti (tranne la seggiovia di collegamento), e per questo motivo almeno una parte di questa skiarea resterà ignota al pubblico e la si potrà solamente immaginare guardando la skimap o leggendo una cronaca senza foto di missouri:



    Rientro alla macchina ed ultime fotografie della giornata:











    Le ultime delle quali sono dedicate in particolar modo a Marcolski:









    Conclusione: una skiarea di dimensioni modeste ma a mio avviso con piste piacevoli e sufficiente volendo per sciare anche per l'intera giornata senza annoiarsi. L'esposizione e la vista sul fondovalle è la stessa che si può avere dalla vicina e più nota, nonché oggetto delle ultime fotografie, Crans Montana. Naturalmente il comprensorio è di dimensioni più ridotte e non si raggiungono i tremila metri di quota, ma non si raggiunge ovviamente nemmeno la stessa tariffa per acquistare lo skipass per accedere agli impianti e probabilmente per alloggiarci.

    Grazie per l'attenzione, per il momento è tutto.


  2. #2

  3. Skife per isaia:

    Edo

  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #3

    Predefinito

    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	287006-img20210219084917.jpg
Visite:	55
Dimensione:	127.5 KB
ID:	76060

    ^ Che ha riverniciato la màchina dotto'?

    PS: e io che tutto il tempo puntavo Renaults grigie ... m'ha fregato davvero o diabolico

  6. #4

    Predefinito

    Edo in un commento ha descritto in maniera un po' triste il Sempione, io lo trovo affascinante e consiglio a tutti una visita al palazzo si Stockalper a Briga per un po' di storia locale e riguardo il passo.

  7. #5

  8. Skife per testataecassa:

    Edo

  9. #6

    Predefinito

    Grazie per il reportage, più che sufficiente per farsi un'idea concreta della località. Attendo e attendiamo anche tutti gli altri!

  10. #7

    Predefinito

    Bellissima la VonRollona con intermedia! Adoro le vecchie automatiche con la meccanica a vista (anche se ogni tanto scappa qualche goccia di grasso ), mi ricorda la ns gloriosa Doss del Sabion by Gradio.

  11. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  12. #8

    Predefinito

    Ohhhh
    Grazie mille!!!!
    Be bello panoramico il posto per sciare come piace a me!!!
    Addirittura dei palazzoni...simil grattacielo...top top!!!!!

    Ps: la seggiovia mi pare molto simile a quella che c'era a zermatt la.kumme....piuttosto veloce in relazione all età...


    Bravo buon giro svizzerotto.

  13. Skife per marcolski:

    Edo

  14. #9

    Predefinito

    Grazie x la esaustiva e ben illustrata condivisione, per chi non ha la velleita` di macinare solo dislivelli direi ottima location x un giornaliero.
    L`ultima pista che non hai potuto recensire ,a naso credo meritasse, o sbaglio ??

  15. Skife per camosci:

    Edo

  16. #10

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kaliningrad Vedi messaggio
    ^ Che ha riverniciato la màchina dotto'?

    PS: e io che tutto il tempo puntavo Renaults grigie ... m'ha fregato davvero o diabolico
    È stato necessario per sfuggire al suo controllo, ma è costato parecchio. Mi sa che purtroppo questa sia l'unica volta nella quale ho potuto permettermi di giocare questa carta.


    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da vendul Vedi messaggio
    Edo in un commento ha descritto in maniera un po' triste il Sempione, io lo trovo affascinante e consiglio a tutti una visita al palazzo si Stockalper a Briga per un po' di storia locale e riguardo il passo.
    Mi riferivo alla parte italiana; come si supera la dogana si entra in un altro mondo.
    Anche se devo ammettere che ho sempre trovato un po' inquietante per il suo isolamento nei confronti del resto della Svizzera il centro abitato di Gondo.

    Il palazzo ho visto che è quella specie di castello: l'ho visitato già in passato ma solo da fuori; se è interessante l'interno lo terrò in considerazione per il futuro ma bisogna ovviamente passare da lì in orari non sciistici.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da testataecassa Vedi messaggio
    bellissimo, grazie mille!
    In questi dieci giorni di assenza dal forum cos'hai fatto?

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da ste1258 Vedi messaggio
    Bellissima la VonRollona con intermedia! Adoro le vecchie automatiche con la meccanica a vista (anche se ogni tanto scappa qualche goccia di grasso ), mi ricorda la ns gloriosa Doss del Sabion by Gradio.
    Concordo e con questo messaggio vorrei nuovamente fare presente come un impianto del genere porti bene gli anni che ha. In Francia sarebbe un rottame una seggiovia Poma della stessa età.

    Ma la interessante seggiovia di Pinzolo - al momento non ricordo per nulla la storia - di che costruttore è? Chi è questo Gradio? È un unicum in Italia o forse la seggiovia monte Spolverino di Folgarida è una sua parente?

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da marcolski Vedi messaggio
    Ps: la seggiovia mi pare molto simile a quella che c'era a zermatt la.kumme....piuttosto veloce in relazione all età...
    Grazie!!

    La seggiovia effettivamente credo che sia gemella di quella di Zermatt e che mi piaceva molto. Fortuna che visto che non siamo in Italia lì hanno già risolto il problema, però mi aspetto a questo punto che facciano qualcosa per ripristinare le piste per lo Stockhorn, visto che ho notato che hanno eliminato lo skilift.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da camosci Vedi messaggio
    L`ultima pista che non hai potuto recensire ,a naso credo meritasse, o sbaglio ??
    Sì, è lunga e molto bella.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da pat Vedi messaggio
    Grazie per il reportage, più che sufficiente per farsi un'idea concreta della località. Attendo e attendiamo anche tutti gli altri!
    Purtroppo tranne che per i primi, se ci saranno anche gli altri il materiale fotografico sarà di qualità minore perché che ci crediate o no mi hanno abbandonato in seguito: la fotocamera (che sarebbe comunque da sostituire, ma di compatte "superzoom" di qualità ed ad un costo ragionevole non ne trovo), la quale ha problemi con il cavo di alimentazione ed il telefono che fa foto abbastanza belle e che ho utilizzato qua. Ho fatto foto con il telefono vecchio che non sono brutte in assoluto ma non c'è l'obbiettivo grandangolare ed i colori sono decisamente meno belli.

  17. #11

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio

    Concordo e con questo messaggio vorrei nuovamente fare presente come un impianto del genere porti bene gli anni che ha. In Francia sarebbe un rottame una seggiovia Poma della stessa età.

    Ma la interessante seggiovia di Pinzolo - al momento non ricordo per nulla la storia - di che costruttore è? Chi è questo Gradio? È un unicum in Italia o forse la seggiovia monte Spolverino di Folgarida è una sua parente?
    Gradio era una joint-venture tra Graffer e Agudio. Di impianti Gradio credo proprio che abbiano fatto solo le 2 seggiovie citate, ma mentre la prima (Spolverino) era quasi tutto materiale Poma (motrice da seggiovia fissa separata dalle travi di accelerazione/rallentamento), quella di Pinzolo era la versione "evo" con stazioni integrate.

    Tornando ad Anzère non capisco l'utilità dell'intermedia di quella seggiovia, visto che serve piste rosse sia sopra che sotto e non c'è bisogno di avere ricircolo su metà impianto. È stata fatta solo per "fare la curva" magari a causa di un'orografia che impediva il tracciato rettilineo? Tra l'altro leggo 2889 m di lunghezza... non sarà mica la più lunga d'Europa per caso?

  18. Skife per ste1258:

    Edo

  19. #12

    Predefinito

    Edo fanno una funivia nuova e si rientra a fantasia gli skilift sono evitabili
    ( parlo di zermatt)

  20. #13

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ste1258 Vedi messaggio
    Tra l'altro leggo 2889 m di lunghezza... non sarà mica la più lunga d'Europa per caso?
    L'altra sera leggevo su remontees-mecaniques di una seggiovia in uno di questi luoghi che ho visitato recentemente - ma non mi pare di ricordare che fosse questa di Anzère - che aveva una lunghezza di poco meno di tre chilometri come questa ed era indicata essere una tra le più lunghe della Svizzera (sono sicuro che ci fosse scritto così e non d'Europa, di solito su quel sito sono piuttosto precisi), ma non la più lunga.....

    Però non ricordo di quale impianto si trattasse.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da ste1258 Vedi messaggio
    era quasi tutto materiale Poma (motrice da seggiovia fissa separata dalle travi di accelerazione/rallentamento), quella di Pinzolo era la versione "evo" con stazioni integrate.
    Ah si, adesso mi ricordo: mi sa che fosse una tra le poche motrici Poma (al di fuori della Vialattea) presenti in Italia ma in quel caso visto che era automatica rassomigliava molto ad una "Alpha Évolutif" francese della seconda metà degli anni ottanta.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da marcolski Vedi messaggio
    Edo fanno una funivia nuova e si rientra a fantasia gli skilift sono evitabili
    ( parlo di zermatt)
    Ma ho visto sulla skimap che il secondo skilift non esiste proprio più.

    Ma a Cervinia notizie affidabili sul futuro della seggiovia Goillet e sullo skilift di Valtournenche? Sul collegamento con Champoluc? Chamois in un futuro sarà magari destinata a chiudere o la collegheranno con Valtournenche?

    - - - Updated - - -

    https://www.remontees-mecaniques.net...-roll-223.html

    La seggiovia è effettivamente data come una delle più lunghe in Europa, ma ricordo che a Morillon ce n'è una di lunghezza simile ma senza stazione intermedia:

    https://www.remontees-mecaniques.net...-poma-162.html

    - - - Updated - - -

    Ed anche questa nuova seggiovia arriva più o meno a questa cifra:

    https://www.remontees-mecaniques.net...mayr-6461.html

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da ste1258 Vedi messaggio
    anche se ogni tanto scappa qualche goccia di grasso
    Io ricordo che c'era un cartello alla partenza di quella vecchia biposto Nascivera ad Arabba, vicino al dmc che diceva più o meno: la società non risarcirà eventuali danni da gocciolamento; astenersi sciatori con giacche costose dal prendere questo impianto

  21. #14

    Predefinito

    Il paese dalle foto non mi sembra troppo caratteristico rispetto agli altri del vallese.

    Comunque bel report, localitá sfiorata nel 2013

-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •