Pagina 25 di 28 PrimoPrimo ... 1516171819202122232425262728 UltimoUltimo
Mostra risultati da 361 a 375 di 418

Discussione: Svizzera istruzioni per l'uso

  1. #361

    Predefinito

    Alle 16 naturalmente il sottoscritto prendeva l'ultima seggiovia in quota, ma ha fatto bene a comunicare il luogo solo in differita perché lei avrebbe potuto venire ad aspettarlo davanti alla macchina e metterlo in trappola!

    Ah già che Lei quando è in vacanza per fortuna utilizza poco il cellulare.....

    - - - Updated - - -

    Com'è quel detto; se non ricordo male non dice più o meno: è meglio un morto in casa che un'eccellenza alla portiera?

    - - - Updated - - -

    Ecco una cosa che mi fa cadere le braccia della Svizzera e dei paesi affini: ieri per rientrare direttamente in Piemonte ho percorso la riva ovest del lago maggiore ed ho attraversato i centri abitati perché non avevo fretta, e ho notato che prima del confine, per gli ultimi quindici chilometri o più la strada aveva tutta il limite di 50 km/h, ma proprio tutta, nemmeno 500 metri avevano un limite più alto. Addirittura un lungo rettilineo che attraversa una zona industriale o quando la strada va da un paese all'altro sul lago ma fuori dal centro abitato, ed ho subito pensato che normalmente non è così perché in questi casi solitamente c'è il limite di 60 km/h e qualche tratto anche ad 80. Ricordavo tra l'altro che l'ultima volta che l'avevo percorsa (anni fa) non era così, e temevo che fosse stato abbassato.

    Una breve ricerca online infatti ha concretizzato i miei timori:

    https://www.tio.ch/ticino/attualita/...limiti-asfalto

    Mi auguro che sia tutta ipocrisia - anche se è la cosa che più detesto nel mondo - perché se veramente qualcuno crede che abbassare il limite da 60 a 50 possa portare dei benefici a livello acustico ha bisogno a mio avviso di un ricovero in un reparto psichiatrico, e spero che questo non sia l'inizio della distruzione di quel che resta del piacere di guida in terra elvetica (che ho sempre affermato che, benché non proprio congeniali per un italiano, i limiti di velocità sono generalmente coerenti con la cartellonistica presente lungo i punti di confine e non si abusa più di tanto del 50 fuori dai centri abitati) e che non si cinquantizzino tutti i sessanta nei prossimi anni, ma purtroppo queste cose una volta iniziate da qualche parte si espandono incontrollatamente come un cancro e conosco bene purtroppo l'andazzo comune che c'è un po' ovunque. Ho avuto veramente fastidio a mantenere quella velocità per tutti quei chilometri, che fosse un centro urbano o un tratto extraurbano (tra l'altro la velocità di 50 km/h che è da sonno lungo l'area industriale, tenuta con il cruise control è fin elevata dentro un paese del quale non ricordo il nome con alcune curve e un saliscendi che ho attraversato). Perché a questo punto non abbassarla a 30 lungo tutto il tratto? Non è una barzelletta perché in Germania lo fanno spesso, ma fortunatamente per tratti più limitati e magari solo nell'orario notturno.

  2. #362

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio

    Ma tanto non penso che esistano parcheggi gratuiti a San Moritz città, no?
    E tra l'altro in quel caso uno non avrebbe ancora comprato lo skipass e non potrebbe prendere "gratuitamente" l'autobus.
    A St.Moritz i parcheggi sono tutti a pagamento ma non sono cari, insieme alla birra é una delle poche cose che costano come o meno di Milano. Ad esempio il grande parcheggio a St.Moritz Dorf per accedere al centro (una Via Montenapoleone piú sfigata) di giorno costa 2 chf all'ora, la prima mezz'ora gratuita. Piú o meno il costo a St.Moritz é quello ovunque. Ben diverso da Zurigo dove costano una follia (un giorno che ci sono andato per lavoro la mia azienda mi ha dovuto rimborsare 40 chf). Ma là lo stipendio lordo annuo di un impiegato non in carriera é sui 120k chf....

    Un modo per risparmiare qualcosa é parcheggiare alla Coop di St. Moritz Bad, la prima ora e mezza é gratuita.

    A Celerina il parcheggio poco oltre l'hotel Inn Lodge, da cui si puó andare agli impianti con mini skibus (passa ogni 30 minuti) costa 50 centesimi all'ora.


    Non approvo molto la tua guerra ai parcheggi a pagamento, le auto nelle valli turistiche montane sono indubbiamente un male e la gente dovrebbe usarle il meno possibile. É un fatto anche culturale e che evolve coi tempi, una volta in Italia si parcheggiava anche a piazza San Pietro.... I parcheggi si pagano ovunque non tanto per la famigerata (e falsa) avidità svizzera ma perché i verdi hanno potere e impongono alcune loro idee. E in fondo tutti gli svizzeri hanno un animo verde e quindi accettano di buon grado.

    I bus locali sono gratuiti se hai con te gli sci. Puoi quindi soggiornare ovunque in Alta Engadina e sciare senza toccare l'auto e senza spendere di parcheggi e mezzi pubblici. Tra l'altro in inverno il bus tra Celerina e St.Moritz passa per una strada chiusa al traffico per via della pista di bob che l'affianca, il che dona al tragitto un'esperienza particolare.


    I trasporti pubblici per chi risiede in Svizzera non sono per niente cari, praticamente tutta la popolazione si fa la tessera per avere i biglietti a metà prezzo, che costa sui 150 chf annui. La considero una piccola tassa, molto meno salata rispetto ai 350 chf di canone televisivo o ai 200 che pago per i pompieri....
    Ultima modifica di pierr; 06-03-2021 alle 06:39 AM.

  3. Lo skifoso pierr ha 4 Skife:


  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #363

    Predefinito

    Perché paghi i pompieri?!?! Non c'è modo migliore per conoscere autoctoni che fare il volontario;-)
    Io oltre alla halbtax un paio di volte l'anno faccio anche un giro con la carta comunale

  6. #364

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da vendul Vedi messaggio
    Vedo che diversi utenti, vista la situazione in Italia, sono interessati ad una visita in terra Elvetica. Per molti sembra che si tratti di una prima visita, quindi ho pensato di raccogliere in un Thread le linee guida per godersi al meglio una vacanza in Svizzera.

    Clima:
    La Svizzera ha centinaia di microclimi, che possono differire di tantissimo in pochi km, pure all’interno dello stesso comprensorio sciistico… classico esempio: Arosa-Lenzerheide, se arriva una perturbazione da nord Arosa riceverà più del doppio della neve che Lenzerheide, caso diametralmente opposto nel caso di una perturbazione da sud.
    A grandi linee si può affermare che:
    - Più si va verso est e più fa freddo, quindi una stazione sciistica a 1500 mt nei pressi di Ginevra avrà una temperatura simile ad una posta a 1000 mt nei Grigioni orientali.
    - Clima intralpino, è una fascia che racchiude quasi tutte le valli laterali del Vallese, il centro dei Grigioni e l’Engadina, caratterizzata da grandi escursioni termiche tra giorno e notte, precipitazioni relativamente scarse e tante tante giornate di sole.
    - Sud delle Alpi clima praticamente uguale alla zona alpina di Piemonte e Lombardia.
    - Nord delle Alpi, nevicate frequenti ma non dai grandi apporti, nella zona prealpina, spesso nebbie alle basse quote.

    Costi:
    la Svizzera non è certamente economica, soprattutto ha un sistema di prezzi diverso da quello italiano, ergo se una cosa in Italia costa meno di un’altra non è detto che sia lo stesso in CH, esempio classico la benzina che qui costa meno del gasolio.
    Noto che l’utente medio conosce ogni comprensorio sciistico italiano da Campitello di Fassa a Campitello Matese, ma quando guarda oltre il confine vuole sciare a Zermatt, Verbier, Gstaat o St. Moritz ovviamente li i costi lievitano e non di poco.
    Gli Hotel hanno prezzi di circa 20% superiori ai rispettivi colleghi italiani, tranne l’alto settore dove è spesso il contrario.
    Il concetto “mangiare” è completamente diverso, l’italiano solitamente parte presto, scia, pranza a mezzogiorno quantità di cibo che per uno svizzero sarebbe impensabile, fa una pausa pranzo di un ora/ora e mezzo e riprende a sciare, la sera cena alle 8.
    Lo svizzero fa colazione molto abbondante e non comincia a sciare prima delle 9/10 si ferma per una zuppetta o fetta di torta e la sua pausa pranzo è ben al di sotto dell’ora, rientrano ed alle 6 massimo alle 7 cenano.
    I prezzi al ristorante sono nettamente più alti della media Italiana, più però si alza il livello e meno marcata è la differenza, anche qui fino ad arrivare a costare uguale se non meno.
    Acqua, caffè, cioccolata, birra, bibite etc. qui hanno tutte lo stesso prezzo.
    Si lascia la mancia e non si chiede lo sconto!!! Non ci si aspetta nulla in omaggio.
    Per chi opta per l’appartamento, per gli acquisti Aldi e Lidl sono arrivati anche qui, prezzi accessibilissimi. La carne costa di più, anche perchè c’è solo carne buona e già con una buona frollatura, a differenza dell’Italia dove si ha carne di 1, 2 e 3 scelta.
    Autostrada, 40 chf l’anno per tutta la rete stradale
    Mezzi di trasposto pubblici costosi, ma arrivi praticamente ovunque!
    Cambiando leggermente le proprie abitudini, come si farebbe nell’andare in un luogo lontano, si può comunque fare una vacanza senza svenarsi.

    In quanto ad affluenza nei comprensori, tra alta e bassa stagione c’è un abisso, molto più marcato che in Austria o Italia, l’alta stagione è dal 26.12 al primo week end di gennaio (zone vicino all’Italia anche fino all’Epifania) ed il mese di febbraio fino al primo week end di marzo.

    Lo sci in Svizzera è nella maggior parte dei casi ben lontano dal concetto di turismo di massa, i comprensori ski total sono inesistenti e tanti villaggi hanno mantenuto tutte le loro caratteristiche, non sono insiemi di case perfettamente ristrutturate stile Schladming o Livigno, per intenderci (spesso dal fuori sembrano semplici fienili poi dentro sono completamente ristrutturate ed abitate)

    La battitura delle piste potremmo dire che è a metà tra Francia e resto d’Europa.

    Spero che gli “esperti” della Confederazione possano correggere ed/o aggiungere a questo thread, magari linkando i vari report già esistenti.

    Per le aperture dei passi alpini
    https://www.alpen-paesse.ch
    .
    To be continued….
    QUI ANCHE UNA BELLA COMPARAZIONE DEI PREZZI ALIMENTARI

    https://www.dove-e-quando.it/budget/svizzera/

  7. #365

    Predefinito

    Edo puoi dire quale è stata la località che ti è piaciuta di più ed il motivo?
    Grazie

  8. #366

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da pierr Vedi messaggio
    Non approvo molto la tua guerra ai parcheggi a pagamento, le auto nelle valli turistiche montane sono indubbiamente un male e la gente dovrebbe usarle il meno possibile. É un fatto anche culturale e che evolve coi tempi, una volta in Italia si parcheggiava anche a piazza San Pietro.... I parcheggi si pagano ovunque non tanto per la famigerata (e falsa) avidità svizzera ma perché i verdi hanno potere e impongono alcune loro idee. E in fondo tutti gli svizzeri hanno un animo verde e quindi accettano di buon grado.
    Per me rimane inconcepibile pagare anche il parcheggio per andare a sciare dopo tutte le spese che già ci sono; e questo è sfavorevole ed in un certo modo classista se fosse come lo dici te perché chi non è sufficientemente benestante per potersi permettere un alloggio fronte piste o perlomeno in un centro abitato importante deve pagare.

    Dovrebbe essere gratuito perlomeno durante il giorno e per i possessori di skipass.

    Una cosa per me inconcepibile e che nuovamente nel mondo mi è successa solamente in Svizzera e forse in Austria (ma onestamente non ricordo) è il dover pagare per il parcheggio del supermercato e tanto più se esso non è affatto in una posizione centrale dove il parcheggio rischierebbe di essere utilizzato anche da chi non va a fare compere; forse la cosa poi insensata che possa esistere. Devo fare la spesa di corsa?
    A Chur ad una Coop ho pagato per 25 minuti di parcheggio esattamente la stessa cifra che per lasciare l'auto nel parcheggio sotterraneo del centro storico per un ora.

    E poi la Svizzera è la dimostrazione in terra che l'automobile è imprescindibile per lo stile di vita moderno e soprattutto per muoversi per turismo: è uno dei paesi più ricchi del mondo, con uno dei migliori sistemi di trasporto pubblico, eppure c'è un traffico notevole.

    Pagare per un piazzale sterrato e pieno di fango o per un parcheggio sotterraneo che mi risolve la problematica del trovare un posto che sarebbe altrimenti introvabile per me è del tutto differente; e comunque in ogni grande città dovrebbero esistere - come in qualche luogo c'è - dei parcheggi "P+R" fuori dal centro ed accessibili per l'intera giornata ad una cifra simbolica se non proprio gratuiti.

    Per fortuna che nella maggior parte dei posti non la pensano come te perché i parcheggi a pagamento all'aperto per sciare li ho trovati praticamente solo in Svizzera ed in qualche posto del Trentino Alto Adige, e mi hanno sempre dato molto fastidio.
    Il parcheggio per andare a sciare più costoso della mia comunque l'ho pagato a Sierra Nevada, ma nelle altre località sciistiche spagnole non costava.

  9. #367

    Predefinito

    Nei supermercati hai chiesto alle casse?

    In molti posti il parcheggio é a pagamento ma se fai acquisti anche di pochi euro ti timbrano gratuitamente per l'uscita. L'ho visto dall'Estonia al quartiere Giambellino di Milano

  10. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  11. #368

    Predefinito

    Ma nelle città può capitare: anche a Torino c'è un parcheggio a pagamento di un centro commerciale e devi farti timbrare il biglietto per uscire ed avere due ore gratis, ma la questione è che in Svizzera, soprattutto tedesca l'ho visto anche in supermercati di quartiere nelle cittadine, e questo non mi è MAI capitato da nessun'altra parte.

    Qualche giorno fa a Sargans alla Coop c'erano i cartelli che dicevano che il parcheggio è a pagamento e c'era il parcometro; poi non l'ho pagato perché il parcometro non funzionava - ed io nel dubbio ho fatto anche una foto per avere qualcosa da dimostrare nel caso di un controllo. Non so se avessero sospeso il pagamento ma ti assicuro che non è la prima volta che vedevo una cosa del genere è molto spesso ho dovuto mettere qualche moneta o se sotterraneo addirittura ritirare il biglietto e poi pagare alle casse automatiche, se ce l'avevo. Ricordo addirittura che una volta eravamo in due e uno ha aspettato in macchina proprio perché non avevamo monete in CHF.

    - - - Updated - - -

    Ricordo anche la follia del prezzo dei parcheggi sotterranei a Zurigo: ci avevo un fatto un giro nel 2012 di qualche ora e avevo pagato 17 euro al cambio dell'epoca di parcheggio, ma non è questo che mi scandalizza, tutt'altro: i supermercati a pagamento dei paesini lo fanno molto di più.

  12. #369

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da pierr Vedi messaggio
    A St.Moritz i parcheggi sono tutti a pagamento ma non sono cari, insieme alla birra é una delle poche cose che costano come o meno di Milano.
    non dimentichiamo il SIDRO!. In Svizzera mi sembra buonissimo e ECONOMICISSIMO!!!!!

  13. Skife per enricobok:


  14. #370

    Predefinito

    Però la politica svizzera in materia di quarantena è davvero imperscrutabile ....

    Il Tirolo, che è la regione austriaca maggiormente colpita allo stato attuale non risulta tra le zone sottoposte ad obbligo di quarantena (ma ci sono quasi tutte le altre regioni)
    In Francia stesso identico discorso per la regione Grand Est rispetto alle altre
    In Italia idem per il Trentino Alto Adige (non era rossissimo? Ebbene, non è in lista)
    Il Belgio è stato inserito solo con quest'ultimo aggiornamento di oggi benché nei mesi scorsi abbia battuto ogni record di contagi e da un paio di settimane stia in realtà molto meglio
    Stesso discorso per il Portogallo che non risulta però più in lista


    Che bevano un po' troppo Pflümli dalle parti di Zurigo?


    https://www.bag.admin.ch/bag/it/home...nde/liste.html

  15. #371
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Rossignol Radical 9GS TPX, Atomic Redster PRO 130, Rossignol Experience 84

    Predefinito

    21caratteri di soppresso per errore

  16. #372

    Predefinito

    Le regioni di confine con la Svizzera non entrano nell'elenco.


    Le regioni di confine con la Svizzera possono essere escluse dall’elenco nonostante la loro incidenza soddisfi i criteri di inclusione, poiché esiste uno stretto scambio economico, sociale e culturale.
    Lo stretto scambio con gli Stati confinanti è anche il motivo per cui si operano queste nette distinzioni: si guarda all’incidenza delle singole regioni e non dell’intero Stato.
    Per maggiori informazioni si rimanda alla pagina Domande frequenti (FAQ).

  17. #373

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da petervalanga Vedi messaggio
    Le regioni di confine con la Svizzera possono essere escluse dall’elenco nonostante la loro incidenza soddisfi i criteri di inclusione, poiché esiste uno stretto scambio economico, sociale e culturale.
    Lo stretto scambio con gli Stati confinanti è anche il motivo per cui si operano queste nette distinzioni: si guarda all’incidenza delle singole regioni e non dell’intero Stato.
    E proprio questo è controverso: l'incidenza di singole regioni confinanti con la CH è in alcuni casi ben più alta che nel resto dello Stato di appartenenza.
    Posso capire una deroga specifica per i frontalieri, ma qui gli svizzeri preferiscono fare entrare uno sciatore tirolese o lorenese portatori di variante inglese, brasiliana o sudafricana, mentre con lo spauracchio della quarantena sbarrano l'entrata a un lucano o a un belga che sicuramente presentano un rischio statistico di gran lunga inferiore.

  18. Lo skifoso Kaliningrad ha 2 Skife:


  19. #374

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kaliningrad Vedi messaggio
    E proprio questo è controverso: l'incidenza di singole regioni confinanti con la CH è in alcuni casi ben più alta che nel resto dello Stato di appartenenza.
    Posso capire una deroga specifica per i frontalieri, ma qui gli svizzeri preferiscono fare entrare uno sciatore tirolese o lorenese portatori di variante inglese, brasiliana o sudafricana, mentre con lo spauracchio della quarantena sbarrano l'entrata a un lucano o a un belga che sicuramente presentano un rischio statistico di gran lunga inferiore.
    Allo stesso modo potremmo dire che preferiscono far entrare lo sciatore lombardo o piemontese.

    Il problema sono i controlli alle dogane, chiaramente la Svizzera si prende dei rischi controbilanciati dall'importanza degli scambi, soprattutto economici naturalmente, con le regioni confinanti.

    Poi, per la precisione, bevano un po' troppo Pflümli dalle parti di Berna.

  20. #375

    Predefinito

    Ma penso che il punto, molto razionale, sia "mi entrano ogni giorno 60k frontalieri dalla Lombardia, ha senso imporre la quarantena a qualche centinaio di turisti?"

  21. Lo skifoso cleon ha 8 Skife:


Pagina 25 di 28 PrimoPrimo ... 1516171819202122232425262728 UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •