Pagina 16 di 22 PrimoPrimo ... 678910111213141516171819202122 UltimoUltimo
Mostra risultati da 226 a 240 di 317

Discussione: Da dove nasce l'odio per gli sciatori e come si può combattere

  1. #226

    Predefinito

    gente con laurea scientifica che necessita del cellulare per fare due banali conti..........però han il pezzo di carta

  2. Skife per saluti75:


  3. #227

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Gafred68 Vedi messaggio
    Lombardia in zona rossa; RT ,1,40. Provincia di Bolzano 1,50, anch'essi in zona rossa.
    A me piacerebbe capire come fanno i conti...
    Con un incremento % medio sui 7 giorni del 7% (in calo) mi piacerebbe capire come hanno fatto saltar fuori un rt dell’1.4
    Sarebbe una questione di correttezza e trasparenza pubblicare insieme al report i dati e i calcoli su cui si basa.
    Dopotutto la revisione è la base della scienza.

    In Lombardia la situazione risulta tranquilla come non lo era da tempo e ci ritroviamo con più restrizioni che mai

  4. Skife per cleon:


  5. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  6. #228

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Gafred68 Vedi messaggio
    Lombardia in zona rossa; RT ,1,40. Provincia di Bolzano 1,50, anch'essi in zona rossa.
    Alla fine anche AA non è da meno del governo in quanto a sparate di improbabili aperture impianti .........

  7. Lo skifoso Slalom64 ha 2 Skife:


  8. #229

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da saluti75 Vedi messaggio
    gente con laurea scientifica che necessita del cellulare per fare due banali conti..........però han il pezzo di carta
    Vale anche il discorso contrario, non è perché se uno non ha una laurea è più furbo di chi ce l'ha. Questi al governo hanno un diploma e sono dei completi incapaci. Alla fine l'individuo si giudica dai risultati... Mi sembra che le cose in Germania vadano decisamente meglio che in Italia. Quello che non sopporto comunque, è vedere ministri senza conoscenze dirette indispensabili per il ruolo che ricoprono! Mi aspetto che un ministro dell'economia abbia minimo una laurea in medicina e abbia avuto esperienze importanti sul campo, idem per gli altri ruoli.

    Poi c'è sempre l'eccezione, per me Craxi resta il miglior statista di sempre. Dopo di lui il nulla...
    Ultima modifica di Beloot; 15-01-2021 alle 03:35 PM.

  9. Lo skifoso Beloot ha 4 Skife:


  10. #230

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da delta2 Vedi messaggio
    Non sono d'accordo col discorso laurea...
    Non e' il titolo di studio (tranne professioni specifiche) a determinare la competenza e la bravura di un soggetto.
    E' ora di smetterla con lo "sbandieramento del pezzo di carta", in certi settori ci sono laureati che non valgono un'unghia rispetto a colleghi diplomati che al contrario hanno capacita' fuori del comune.
    Soprattutto in politica, la laurea conta ben poco. Cio' che conta e' l'intelligenza e la capacita' di creare un indirizzo.
    Ad esempio (senza alcun riferimento all'ideologia politica, tanto e' vero che ne indico di vari partiti e nazionalita'...) ma come capacita' e "spessore" politico:
    Benedetto Croce non laureato
    Bettino Craxi non laureato
    Enrico Berlinguer non laureato
    Massimo D'Alema non laureato
    Winston Churchill non laureato
    Ike Eisenhower non laureato
    o, in senso piu' ampio, non politici:
    Piero Angela non laureato
    Eugenio Montale (Premio nobel per la letteratura) non laureato
    Bill Gates, Steve Jobs, Richard Branson (Virgin e altre 300 aziende) non laureati

    Al contrario:
    Lucia Azzolina laureata
    Matteo Renzi laureato
    ...solo per citarne alcuni...

    Ripeto, indipendentemente dalle idee politiche, alcuni uomini politici che hanno comunque avuto ruoli importanti e determinanti e dimostrato (che piaccia o no) grandi capacita' in politica, non avevano nessuna laurea.

    Scusate l'OT...
    Benedetto Croce è nato nel 1866...

    un giovincello ai giorni d'oggi che aspira a una carriera politica, e sceglie intenzionalmente di non laurearsi (o peggio, inizia, ma non riesce a finire) secondo me è alquanto sospetto

    poi magari sarà un fottuto genio come Steve Jobs, ma di geni come lui ce n'è uno al mondo ogni 20 anni, mentre di capre che non hanno finito l'università è piena l'Italia

    quindi statisticamente preferisco un laureato a un fallito che ha mollato... le probabilità di trovare lo Steve Jobs degli anni 20 di questo secolo sono moooolto basse

    invece sono ancora più sospetti quelli con due lauree, quelli o sono dei sociopatici, o non hanno voglia di lavorare

    poi certamente c'è anche quell'epsilon che finita una laurea viene folgorato sulla via di Damasco e vuole ricominciare da capo...

  11. Skife per testataecassa:


  12. #231
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Scarponi Rossignol Hero WC 130 (Made in Italy); sci Rossignol Hero LT Ti 2019

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da testataecassa Vedi messaggio
    Benedetto Croce è nato nel 1866...
    un giovincello ai giorni d'oggi che aspira a una carriera politica, e sceglie intenzionalmente di non laurearsi (o peggio, inizia, ma non riesce a finire) secondo me è alquanto sospetto
    poi magari sarà un fottuto genio come Steve Jobs, ma di geni come lui ce n'è uno al mondo ogni 20 anni, mentre di capre che non hanno finito l'università è piena l'Italia
    quindi statisticamente preferisco un laureato a un fallito che ha mollato... le probabilità di trovare lo Steve Jobs degli anni 20 di questo secolo sono moooolto basse
    invece sono ancora più sospetti quelli con due lauree, quelli o sono dei sociopatici, o non hanno voglia di lavorare
    poi certamente c'è anche quell'epsilon che finita una laurea viene folgorato sulla via di Damasco e vuole ricominciare da capo...
    Io invece, per valutare un individuo, non mi limito al titolo di studio, ma osservo altri parametri, proprio perchè molto spesso ho incontrato laureati che erano capre ma avevano la presunzione di ostentare il pezzo di carta ritenendosi per questo superiori.
    Poi li metti alla prova all'atto pratico e si dimostrano capre due volte (prima come livello umano e poi in quello professionale)...

    E ti dirò di più: tempo fa ho visto in tv Francesco Rutelli (altro NON laureato) che parlava dei monumenti di Roma.
    Mi sono stupito del fatto che mi sembrasse (e sto parlando di Rutelli...) un gigante rispetto agli attuali esponenti politici, perchè si esprimeva con una sintassi e una capacità dialettica da apparire Cicerone al confronto con i politici attuali, i quali se intervistati, recitano a pappagallo la filastrocca dettata dal partito, con sguardo fisso come scolaretti delle elementari... Che pena...!

  13. #232

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Alberto 2 Vedi messaggio
    la mia libertà non la può comprimere nessuno. Mia madre è morta di cancro ma io non ho preteso che i miei amici fossero in lutto e non non andassero a sciare o altro. Ognuno ha le proprie disgrazie e se le sgrugna. Io non voglio addossarmi le altre e non pretendo che gli altri si addossino le mie. Siamo su due visioni diverse.
    Mi domando perchè vai a sciare quando ci sono milioni che soffrono e muoiono di fame, siete incoerenti. uesto vale in qwuesto momento e anche per il futuro. Se aprissero voi non dovreste andare altrimenti siete ipocriti, come fondamentalmente lo sono tutte le persone in tutto il mondo, ma la cosa non mi turba più di tanto.
    Mi copro, metto la mascherina, prendo le precauzuìioni ma basta niente altro.

    MW non la considero nemmeno, sono i terroristi della montagna, se potessero farebbero saltare i pali dgli impianti. Perfino Messner si è allontanato da loro
    Perchè fino a prova contraria il cancro non si trasmette in cabinovia, prendendo il caffè al bar o facendo uno starnuto. Questo Covid invece sì e per quanto tu sia il più prudente al mondo, queste disposizioni si fanno anche sapendo che una buona parte della popolazione non ha la stessa disciplina e rispetto del prossimo di Alberto 2.

    Inoltre se ti ammali di Covid e magari finisci in ospedale, le tue disgrazie diventano degli altri che ti dovranno assistere e peggio ancora se decideranno di dare l'ossigeno a te piuttosto che ad una pensiona più anziana, sarà evidente che la tua libertà avrà sconfinato in casa d'altri..

  14. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  15. #233

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Beloot Vedi messaggio
    ...Quello che non sopporto comunque, è vedere ministri senza conoscenze dirette indispensabili per il ruolo che ricoprono! Mi aspetto che un ministro dell'economia abbia minimo una laurea in medicina e abbia avuto esperienze importanti sul campo, idem per gli altri ruoli...
    Una piccola svista ha creato un risultato esilarante!

  16. #234

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da pat Vedi messaggio
    Una piccola svista ha creato un risultato esilarante!
    Ahhahahah ops, ho mandato a p*****e tutto il mio discorso. Ahah

  17. #235

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ANDREA GAS 23 Vedi messaggio
    Perchè fino a prova contraria il cancro non si trasmette in cabinovia, prendendo il caffè al bar o facendo uno starnuto. Questo Covid invece sì e per quanto tu sia il più prudente al mondo, queste disposizioni si fanno anche sapendo che una buona parte della popolazione non ha la stessa disciplina e rispetto del prossimo di Alberto 2.

    Inoltre se ti ammali di Covid e magari finisci in ospedale, le tue disgrazie diventano degli altri che ti dovranno assistere e peggio ancora se decideranno di dare l'ossigeno a te piuttosto che ad una pensiona più anziana, sarà evidente che la tua libertà avrà sconfinato in casa d'altri..
    Non accetto il tuo ragionamento, è una condanna all'ergastolo senza aver commesso nulla.

  18. #236

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da delta2 Vedi messaggio
    Non sono d'accordo col discorso laurea...
    Non e' il titolo di studio (tranne professioni specifiche) a determinare la competenza e la bravura di un soggetto.
    E' ora di smetterla con lo "sbandieramento del pezzo di carta", in certi settori ci sono laureati che non valgono un'unghia rispetto a colleghi diplomati che al contrario hanno capacita' fuori del comune.
    Soprattutto in politica, la laurea conta ben poco. Cio' che conta e' l'intelligenza e la capacita' di creare un indirizzo.
    Ad esempio (senza alcun riferimento all'ideologia politica, tanto e' vero che ne indico di vari partiti e nazionalita'...) ma come capacita' e "spessore" politico:
    Benedetto Croce non laureato
    Bettino Craxi non laureato
    Enrico Berlinguer non laureato
    Massimo D'Alema non laureato
    Winston Churchill non laureato
    Ike Eisenhower non laureato
    o, in senso piu' ampio, non politici:
    Piero Angela non laureato
    Eugenio Montale (Premio nobel per la letteratura) non laureato
    Bill Gates, Steve Jobs, Richard Branson (Virgin e altre 300 aziende) non laureati

    Al contrario:
    Lucia Azzolina laureata
    Matteo Renzi laureato
    ...solo per citarne alcuni...

    Ripeto, indipendentemente dalle idee politiche, alcuni uomini politici che hanno comunque avuto ruoli importanti e determinanti e dimostrato (che piaccia o no) grandi capacita' in politica, non avevano nessuna laurea.

    Scusate l'OT...
    Diciamo che i tempi sono cambiati e l'istruzione media si è alzata...
    Però Ministeri che presiedono specificità e settori dove i praticanti stessi sono Laureati, non possono prevedere che chi li regge non sia a livello dell'ultimo del settore che egli rappresenta, faccio degli esempi a caso, Sanità, Giustizia, Istruzione, Economia ecc...
    Io credo che chiunque possa farsi eleggere ed andare in parlamento ma un Ministro per essere nominato tale dovrebbe avere un curriculum degno del ruolo ed una preparazione adeguata al ruolo ed al ministero che va ad occupare, non invece semplicemente una pedina strategica del partito che rappresenta.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da Alberto 2 Vedi messaggio
    Non accetto il tuo ragionamento, è una condanna all'ergastolo senza aver commesso nulla.
    Esagerato è solo carcerazione preventiva, scaduti i termini ti rilasciano

  19. Lo skifoso ANDREA GAS 23 ha 2 Skife:


  20. #237

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ANDREA GAS 23 Vedi messaggio
    - - - Updated - - -



    Esagerato è solo carcerazione preventiva, scaduti i termini ti rilasciano
    A chi posso chiedere i danni morali e i risarcimenti? a giuseppi, a boccia, a speranziella?

    Se pagano loro stessi di tasca propria li .chiedo subito. Li vorrei vedere sul lastrico e chiedere l'elemosina... e ricevere quanto hanno dato ai cittadini

  21. Skife per Alberto 2:


  22. #238

    Predefinito

    AHAHAHAHAH

    https://www.ilfattoquotidiano.it/202...alate/6063589/

    Ma se viene l'altro stronzo a difendere questa pattumiera é la volta che lo meno.

    Citazione Originariamente scritto da il rutto quotidiano
    Altro che ‘etica dell’alpinismo’: chi aggira le restrizioni in montagna merita multe salate

    Tra i piccoli e più avvilenti risvolti, a margine di questo interminabile periodo di restrizioni da pandemia, ilfattoquotidiano.it ha già più volte sollevato la questione dei furbetti da ‘lockdown’ che si travestono da atleti, con una qualche tessera di federazione del Coni, e si autopromuovono ‘d’interesse nazionale’, grazie alle piccole complicità delle società sportive: si notava bene, durante il periodo festivo a cavallo dell’anno nuovo, dagli assembramenti di sciatori, più o meno oscurati dalle webcam, davanti ai pochi impianti di risalita aperti.

    Ma ancora pochi giorni fa a Milano la questione è stata sollevata da alcuni circoli di tennis ligi alle regole, perché lo stesso fenomeno di aggiramento dei divieti grazie al trucco dell’upgrade tecnico dei tesserati alla federazione accadrebbe anche sui campi di terra rossa.

    Di sicuro, in giro per le Alpi, capita con gli sci-alpinisti, che ancora impazzano qua e là, nonostante provvedimenti restrittivi appositi, come quelli reiterati dalla valle d’Aosta per non intasare le strutture sanitarie fino al 15 gennaio.

    Non si sa poi bene a quale magheggio possano richiamarsi quelli che continuano imperterriti ad andare sulle montagne a scalare, su roccia e su ghiaccio, con i rischi conseguenti magari pure strombazzati via social: il fine settimana dopo la Befana un diligente arrampicatore ha segnalato ad alcune guide e sul suo profilo Facebook la presenza di un pericoloso masso in bilico sopra alcune vie di salita a lato del monte Medale di Lecco, altresì chiamato dagli abitanti dei dintorni sic et simpliciter ‘monte Marcio’…

    Del resto, che vuoi mai che facciano gli alpinisti se il presidente del Club Alpino Italiano ha dichiarato pubblicamente, ancora in una recente intervista al Corriere della Sera, che questi divieti, seppur temporanei e limitati a due-tre settimane, “danneggiano i diritti fondamentali dell’individuo e la bellezza dell’alpinismo”. L’ argomento pseudo-libertario appassiona da sempre i tradizionalisti dell’ambiente, che rifiutano qualunque regola, sia di sicurezza sia di tutela ambientale, in un campo dove, chissà perché, si presume che debba essere lasciato libero sfogo agli istinti ‘eroici’ di chi vi si avventura.

    Oltre al divieto di sci-alpinismo in val d’Aosta, per esempio, il rappresentante del Cai se la prendeva con il progetto di regolamentare anche la pratica delle escursioni con ciaspole o racchette da neve, estendo l’obbligatorietà di pala, sonda e apparecchio di ricerca anti-valanga. Sic. Ma non dovrebbe essere invece compito di questa storica associazione, finanziata dagli iscritti ma anche dallo Stato, l’educazione alla montagna?

    Per fortuna che, contemporaneamente, l’ottimo Lorenzo Cremonesi, inviato di guerra e alpinista appassionato, ha dato la parola anche al presidente dimissionario delle guide alpine Pietro Giglio, che non ha gradito le ultime polemiche, e dall’alto della sua veneranda carriera non ha nessuna paura di prendere posizione contro i troppi “anarchici delle montagne” (sia detto con tante scuse ai seguaci del movimento anarchico storico) che si vedono in giro: “Tirare in ballo l’etica dell’alpinismo, in questo momento di emergenza”, ha detto chiaro e forte Giglio, “è cinico“.

    A proposito di etica, sono i giorni del tentativo di assalto al K2 invernale. Una delle spedizioni più agguerrite, dopo qualche giorno di maltempo, ha dovuto fare i conti con la perdita completa dei materiali (tende, bombole d’ossigeno, fornelli e cibo, solette riscaldanti di ricambio per gli scarponi, batterie per i guanti e così via) nel secondo dei campi alti: tutto volato chissà dove per una tempesta di vento.

    Ecco una ragione in più per stare dalla parte dei puristi dello stile alpino alla Messner, che considerano etico affrontare la montagna senza eccessivi artifici tecnici e lasciando il terreno così come lo si è trovato: l’impronta ecologica di sfide come quella in atto sotto al K2, nel povero e sfortunato Pakistan, non sarebbe accettabile in California, a Yosemite, o nelle nostre Alpi, costerebbe salatissime multe e susciterebbe generale esecrazione. Magari pure degli alpinisti da Club.
    Ma nemmeno una zitella ottantenne che abbia ricevuto un "no" da un dildo di plastica rubato da un sexy shop (perchè nemmeno il commesso voleva venderglielo) ha così tanta acredine verso il prossimo.

    Questo ha scritto tonnellate di inchiostro contro il turismo di massa, elogiando il turismo "lento".
    Poi è passato a lamentarsi che gli escursionisti nei posti di pregio delle Dolomiti sono troppi.
    Infine ha chiuso il cerchio insultando tout-cour tutti gli alpinisti.


    E voi vi interrogate sul perchè vi sia così tanto astio generalizzato contro gli sciatori?


  23. #239

    Predefinito

    https://www.ilfattoquotidiano.it/202...upido/6062694/

    Diciamo che a qualcuno, magari con buone ragioni, lo sci non sta simpatico. O almeno chi vi investe.

  24. Skife per AsioOtus:


  25. #240
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Head i.GS RD 178, Black Crows Orb Freebird 172, Black Crows Corvus 176

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Carlo84 Vedi messaggio
    Pensavo fosse il solito articolo delle alternative allo sci, ma dice solo di quanto gli piace stare nel bosco. Che ci vada nelle migliaia di posti senza impianti e non rompa i cosidetti.
    Che piaccia o no dubito che senza impianti di risalita si possano fare 10 miliardi di PIL comrpeso l'indotto.
    In montagna ci sono decine di posti incontaminati, ma anche decine di posti contaminati senza neanche mezza pista da sci.
    Forse i posti al mare più belli sono privi di alberghi e spiagge con spogliatoi, docce, ombrelloni ecc.? Almeno in montagna la stragrande maggioranza ha una regolare licenza edilizia. Non è sono contro il turismo al mare, ma se si vuole l'ambiente incontaminato bisognerebbe pretenderlo anche al mare, in pianura ed in collina.


    Da dove nasce l'odio per lo sci?
    Ultimamente soprattutto da un governo disperatamente alla caccia di facili consensi che sta attuando una campagna denigratoria che però probabilment farà una strage di PIL nelle zone alpine e creando pericolo d'infiltrazioni mafiose dove prima erano assai scarse.
    Il primo paragrafo è un uomo di paglia grosso come una casa: anzi, di norma, chi ha una sensibilità ambientale la ha ovunque.

    Il secondo... vabbè, mi pare che si commenti da se: infiltrazioni mafiose come risultato della campagna denigratoria contro lo sci (manco dell'attiva rimozione degli impianti)
    Senza parole.

    Se il livello dell'argomentazione è questo stiamo messi bene

Pagina 16 di 22 PrimoPrimo ... 678910111213141516171819202122 UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •