Pagina 168 di 206 PrimoPrimo ... 68118158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 2506 a 2520 di 3085

Discussione: Quando si torna a sciare? (era: Dal 7 gennaio 2021...)

  1. #2506

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    Non amo nè la cina,nè le dittature,ma in certe occasioni un pò di dittatura vera ci vorrebbe
    La Russia ad esempio per i parametri occidentali di democrazia, si può considerare una dittatura, eppure succede questo:

    https://youtu.be/GGmvxy8khqY

    Tra l'altro questo povero cristo ha dovuto mettere la descrizione che inizia al minuto 17:59 dopo che nei precedenti dieci video la maggior parte dei commenti erano di connazionali scandalizzati che, piuttosto di scrivere qualcosa a riguardo degli interessanti contenuti riportati, si agitavano e litigavano tra di loro con frasi della forza di: oddio ma in Russia non c'è il Covid? Ohmaigad sto morendo, mi viene l'ansia solo a vedere queste immagini. Oh dear pazzi furiosi ma come si fa moriranno tutti a fare così.

    Tra l'altro mi chiedo che c**** debba interessare ad un italiano impaurito dal Covid, come si viva in Russia attualmente.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    ma infatti io parlo della cina,una dittatura
    Il covid non è sparito solo in Cina ma in Vietnam non si è praticamente fatto vedere così come in Cambogia, in Laos ed in Thailandia.

    Il Vietnam è sì teoricamente una dittatura ma non paragonabile a quella cinese secondo me, la Thailandia idem anche se ufficialmente è più democratica ed anche più liberale (o perlomeno lo era fino allo scorso marzo) verso gli stranieri. La Cambogia è un paese del terzo mondo e non so quanto possa essere efficiente a livello sanitario, sul Laos non so quasi niente ma mi sembra simile alla Cambogia ma leggermente più ricco e senza un passato con una guerra spaventosa, sebbene sia uno degli ultimi stati cosiddetti a guida socialista (ma che oramai ha poca valenza visto che anche la turbocapitalista Cina lo è sulla carta, tanto quanto ad esempio Cuba).
    Mi sembra che siano tutte situazioni diverse da quella cinese, ma non ci sono elementi sufficienti per potere paragonare i dati e le varie modalità di contenimento.

    Per la Corea del Sud si potrebbe secondo me fare un discorso a metà tra una società in stile giapponese ed un governo che ha utilizzato strategie alla cinese, ma anche da loro quel poco di virus che avevano non ha mai smesso di circolare sottobanco e ogni qualche tempo ritorna a farsi vedere, e bisogna considerare che anche la Corea del sud è politicamente un'isola e tra l'altro è in cattivi rapporti con tutti i vicini (e quindi potrei pensare che abbia meno scambi commerciali rispetto ad esempio a quelli che ci sono tra il Regno Unito e gli altri paesi europei, ma questa è solamente una mia ipotesi priva di alcun fondamento concreto e verificato).

  2. #2507

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio
    Il Giappone è sì una democrazia ma per gli standard occidentali ai quali siamo abituati lo è più o meno, a mio avviso.
    Ed i giapponesi, da sempre presi ad esempio come popolo ineccepibile nel comportamento verso gli altri dove l'importanza delle singolo viene annullata in favore degli interessi della comunità in modo più netto che in qualsiasi altro paese dell'Asia occidentale, ad eccezione di forse Singapore ed a parimerito con la Corea del Sud, il covid è stato gestito in modo pessimo ed un positivo può bellamente andarsene in giro perché tra l'altro vengono effettuati tamponi solamente a chi presenta sintomi influenzali con almeno 38 di febbre per alcuni giorni consecutivi.
    Discorsi simili li ho sentiti su YouTube da italiani che vivono in Corea del Sud, dove dopo tutti questi mesi anche da loro la serietà comincia a vacillare perché la gente è stanca ed ha voglia di riprendere la propria vita in mano.
    la stanchezza ci può stare..ma questo non giustifica in alcun modo un allentamento da parte del governo fino a cessato pericolo e deciso avanzamento della vaccinazione
    La tenuta del sistema sanitario e la garanzia delle cure per tutti gli ammalati di covid,nonchè la necessità di non intasare il sistema per garantire le normali prestazioni sanitarie extra covid in tempi ragionevoli viene prima di ogni stanchezza
    Per farti un esempio..lo stesso esame del sangue che ho potuto fare prima del covid in una settimana ora mi ha richiesto 3 mesi..pensa il caso delle cure necessarie ed urgenti..il sistema sanitario deve continuare a garantirle,il che significa che non si può lasciare in alcun modo il covid libero di circolare e di assorbire tutte le energie della sanità pubblica..questo è più importante del fatto che tu o io siamo stanchi.

  3. Skife per missouri:


  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #2508

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    semplicemente tu dovresti rinunciare ad ogni assistanza sanitaria
    Una società civile deve assicurare le cure a tutti. E se per assurdo la sanità fosse privata e tutti avessero i soldi per fare l'assicurazione (può darsi che in svizzera funzioni così, negli Stati Uniti ovviamente no perché non tutti possono accedere alle cure) funzionerebbe allo stesso modo di quella pubblica.

    Se si applicasse questo ragionamento a chi si ammala di covid perché non segue le prescrizioni, bisognerebbe applicarlo anche a tutti quelli che hanno contribuito con un cattivo stile di vita ad ammalarsi (non intendo solo di covid per causa di patologie pregresse, ma lo intendo a riguardo di qualsiasi altra malattia), e sono abbastanza sicuro che in tal caso potresti vivere un'esistenza serena anche con me in giro che mi comporto male secondo il tuo punto di vista perché i reparti ospedalieri si svuoterebbero, sempre che tu sia veramente sicuro che la tua condotta di vita sia irreprensibile sotto tutti i punti di vista. Altrimenti come ho scritto non avremmo diritto ad essere curati entrambi, visto che affermo pubblicamente di non essere esente da cattive condotte che arrecano probabilmente danni al mio stato di salute, ad iniziare dall'alimentazione.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    Vorrei davvero vedere quanti baratterebbero uno due anni di non libertà sotto un regime di distanziamento non democratico
    Tra l'altro è proprio questo aspetto che fa sì che queste siano solo speculazioni prive di alcuna possibilità di concretizzazione. Un regime non democratico non si può avere a comando e solo quando farebbe (secondo alcuni, io credo che non lo vorrei in nessun caso perché nulla è più sacro di quella cosa che noi chiamiamo libertà e che comunque non è affatto una libertà in senso assoluto) comodo; di solito quando "arriva" (lo scrivo tra virgolette perché non viene calato dal cielo dove prima non esisteva) da solo poi non se ne va più.

  6. #2509

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio
    Una società civile deve assicurare le cure a tutti. E se per assurdo la solita fosse privata e tutti avessero i soldi per fare l'assicurazione, funzionerebbe allo stesso modo di quella pubblica.

    Se si applicasse questo ragionamento al covid bisognerebbe applicarlo anche a tutti quelli che hanno contribuito con un cattivo stile di vita ad ammalarsi (non intendo solo di covid per causa di patologie pregresse, ma lo intendo a riguardo di qualsiasi altra malattia), e sono abbastanza sicuro che in tal caso potresti vivere un'esistenza serena anche con me in giro che mi comporto male secondo il tuo punto di vista perché i reparti ospedalieri si svuoterebbero, sempre che tu sia veramente sicuro che la tua condotta di vita sia irreprensibile sotto tutti i punti di vista. Altrimenti come ho scritto non avremmo diritto ad essere curati entrambi, visto che ha fermo pubblicamente di non essere esente da cattive condotte che fanno male alla salute, ad iniziare dall'alimentazione.
    Il problema è che tutti non hanno i soldi per la sanità privata..quanto alle cattive condotte per quanto sia non mettono in crisi il sistema sanitario portando i cattivi tutti all'ospedale nello stesso momento..certo rimangono i costi ma siamo a fronte a un problema di gestione economica generale e sostenibile e non a un problema emergenziale pandemico impellente..con la differenza oltretutto che fumo e cattive abitudini alimentari non sono contagiose a quanto sappia..nè dannose agli altri specie da quando fumare in locali pubblici è proibito..se ti ammali di covid e mi contagi la sanità deve pagare le cure per te e per me..il fumatore è un unico costo.
    E non espone il medico che cura una sua patologia derivata dal fumo al rischio di contagiarsi a sua volta

  7. #2510

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    Per farti un esempio..lo stesso esame del sangue che ho potuto fare prima del covid in una settimana ora mi ha richiesto 3 mesi..pensa il caso delle cure necessarie ed urgenti..il sistema sanitario deve continuare a garantirle,il che significa che non si può lasciare in alcun modo il covid libero di circolare e di assorbire tutte le energie della sanità pubblica..questo è più importante del fatto che tu o io siamo stanchi.
    Io ho una malattia genetica che mi richiede cure e controlli da quando sono nato e sono in attesa di un'operazione che è stata rimandata per il covid e che mi costringe a sopportare fastidiosissime e continue fascicolazioni al braccio destro.
    Inoltre è da ottobre 2019 (NB: non è stata scatenata dal covid, ed è comunemente accettato da parecchi medici che questa situazione non aiuti affatto la salute mentale di chi già ce l'aveva compromessa, sebbene per chi ne soffre un periodo di lockdown possa anche non essere una situazione completamente nuova) che la depressione della quale soffro da oltre metà della mia vita è ritornata a farmi visita ed ultimamente è così precipitata che a tratti desidero di trovare la forza per suicidarmi.

    Tuttavia ho un pensiero diverso dal tuo. Ma ti assicuro che non vivo su un altro pianeta ed è tutta la vita che frequento ospedali da paziente.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    se ti ammali di covid e mi contagi la sanità deve pagare le cure per te e per me..il fumatore è un unico costo.
    Il fumo solo in Italia ogni anno fa più morti di questo primo anno (sì, incompleto, ma mi auguro che la situazione non venga stravolta in questo mese e mezzo che rimane) di covid ma soprattutto si ripresenta ogni anno mentre si spera che il covid non continui in eterno.
    E comunque i fumatori pagano tantissime accise anche per assicurare le proprie cure.

    Tra l'altro fumare fa malissimo* e ne sono pienamente convinto ma nel mondo attuale le condotte dannose sono oramai così tante che ritengo praticamente impossibile rifuggirle, a cominciare dall'inquinamento da sostanze chimiche tossiche che si può potenzialmente riscontrare in qualsiasi cibo ed in ambiente nel quale ci si reca.

    *A tal proposito, oltre ai fortunatissimi che per una probabile predisposizione genetica campano cent'anni anche da tabagisti, c'è chi per ironia della sorte, come un mio parente, fumava due pacchetti/tre di sigarette al giorno ed è morto di cancro..... Alla prostata, che dalle ricerche che ho fatto sembrerebbe uno di quei tumori per il quali il fumo non rappresenta un grosso fattore di rischio. Di giusto ma soprattutto di certo in questa vita c'è veramente poco o nulla.

  8. #2511

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio
    Io ho una malattia genetica che mi richiede cure e controlli da quando sono nato e sono in attesa di un'operazione che è stata rimandata per il covid e che mi costringe a sopportare fastidiosissime e continue fascicolazioni al braccio destro.
    Inoltre è da ottobre 2019 (NB: non è stata scatenata dal covid, ed è comunemente accettato da parecchi medici che questa situazione non aiuti affatto la salute mentale di chi già ce l'aveva compromesso, sebbene per chi ne soffre un periodo di lockdown possa anche non essere una situazione completamente nuova) che la depressione della quale soffro da oltre metà della mia vita è ritornata a farmi visita ed ultimamente è così precipitata che a tratti desidero di trovare la forza per suicidarmi.

    Tuttavia ho un pensiero diverso dal tuo. Ma ti assicuro che non vivo su un altro pianeta ed è tutta la vita che frequento ospedali da paziente.
    Mi dispiace ma non per questo sei libero di non rispettare le regole,oggi ad es.per superare il distanziamento fisico puoi rapportarti agli altri con i social..stiamo parlando ad es. ora anche se non siamo liberi di vederci.,nessun virus può bloccare la comunicazione
    Quando sei depresso parla e qualcuno vedrai che covid o non covid è in ascolto..e per dirti che la vita vale sempre la pena,anche nei momenti difficili e per quanto mi riguarda è affidata alla pura volontà di dio
    Programma un viaggio complesso,so che ti piacciono,il tempo di organizzarlo in tutti i dettagli e vedrai che il covid avrà mollato la presa
    Se no riorganizza per ora la tua vita su tutte quelle piccole cose che il covid non puo scalfire..una lettura o una buona musica sono una compagnia giornaliera immuni da covid..e mi raccomando accetta ogni giorno anche le difficoltà del vivere.vivere è la conquista più bella per cancellare qualsiasi desiderio di morte

    AI VECCHI GIORNI.

    Ai vecchi giorni
    il vento
    riporti
    solo
    un garbuglio di capelli.
    Per l’allegria
    il pianeta nostro
    è poco attrezzato.
    Bisogna
    strappare
    la gioia
    ai giorni futuri.
    In questa vita
    non è difficile
    morire.
    Vivere
    è di gran lunga più difficile.

    Vladimir Majakovskij.

    Appena si può andiamo a viverci una sciata insieme..io se vuoi ci sono.



    Ultima modifica di missouri; 27-01-2021 alle 12:47 AM.

  9. Skife per missouri:


  10. #2512

    Predefinito

    Io farei un bel liberi tutti e poi chi non vuol rischiare resta a casa fino a fine pandemia o fine vaccinazione.
    Se uno si ammala di Covid non va in ospedale e sta a casa.
    In questo modo non si saturano gli ospedali e si può andare a sciare!

  11. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre


  12. #2513

    Predefinito

    per chi dice che l'italia è la maglia nera europea della pandemia--specie in questa seconda ondata non direi proprio..e anche come numero di morti complessivi ..permettetemi di dire che la gran bretagna è europa

    https://www.ilfattoquotidiano.it/202...riera/6078443/

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da Guido68 Vedi messaggio
    Io farei un bel liberi tutti e poi chi non vuol rischiare resta a casa fino a fine pandemia o fine vaccinazione.
    Se uno si ammala di Covid non va in ospedale e sta a casa.
    In questo modo non si saturano gli ospedali e si può andare a sciare!
    con questi dati europei lo sci resterà un miraggio..sarà già tanto se ne staremo fuori da sta nuova mazzata..pare un bollettino di guerra
    Speriamo che l'estate e il caldo aiutino a bloccare il contagio come già avvenuto..in inverno il covid galoppa

  13. #2514

    Predefinito

    prima del covid in Italia e nel mondo vi era un livello di accettazione sociale della morte relativamente alto

    mi ricordo da bambino che feci un morbillo particolarmente aggressivo, non da lasciarci la pelle, ma i miei genitori mi raccontarono che ero talmente debilitato che quell'inverno mi portarono al mare per un paio di mesi su suggerimento del medico

    Leggo su Wikipedia che negli anni 80 poco dopo che lo feci io, morivano quasi 3 milioni di bambini all'anno

    e anche solo in Italia, dove le condizioni sanitarie erano ovviamente migliori di tanti stati poveri, leggo che vi erano 1-2 morti ogni 1000 bambini infettati. e il morbillo lo facevano moltissimi bambini (10%) vista l'altissima contagiosità

    applicando il delirio collettivo che c'è oggi per il covid, che ricordo ha una età media di morte sovrapponibile alla morte per vecchiaia, se oggi non disponessimo di un vaccino per il morbillo, cosa succederebbe?

    se finito il covid 19 arrivasse un covid 22 che uccide 2 bambini su 1000 e ha un tasso RT altissimo, assisteremmo a:

    chiusura scuole? confinamenti?
    obbligo di mascherina a tutti i bambini?
    tutti chiusi in casa per anni?

    eppure abbiamo sempre accettato queste morti

    accettiamo 500 morti al giorno per malattie cardiovascolari, per lo più causate da cattiva alimentazione e sedentarietà, contro cui nessuno agisce, perché giustamente uno vuole viversi la vita come vuole, mangiando e bevendo a più non posso

    accettiamo altrettanti morti per tumore, di cui molti favoriti da cattive abitudini (fumo, alimentazione, ...)

    perché non sono accettabili 500 morti al giorno di covid?

    abbiamo sempre accettato con la più totale indifferenza 20 mila morti l'anno di influenza (pensate solo ai tanti che manco si vaccinavano), perché 80 mila di covid non sono accettabili? e non credo che sia questo fattore 4x visto che di tumore o infarto ne muoiono il doppio

    è davvero solo la numerosità di morti che ci sconvolge ? (io reputo di no, sono troppo pochi per giustificare tutto ciò che sta succedendo)

    molta gente ha scoperto ora che si muore e si sta cagando sotto? (per lo più senza motivazione visto che i vecchi li vedo sempre in giro spavaldi e quelli che mi sembrano più terrorizzati sono i 40enni dove il tasso di morte è insignificante)

    è un fenomeno di isteria autoalimentata anche dai media/internet?

    sotto quale soglia di morti torneremo giustamente ad accettare il fatto?
    mi preoccupa che questo caso abbia attivato un meccanismo di reazione isterica che sarà reiterato in futuro alla minima cagata, "per evitare anche solo il rischio"

  14. Lo skifoso testataecassa ha 9 Skife:


  15. #2515

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    Se no riorganizza per ora la tua vita su tutte quelle piccole cose che il covid non puo scalfire..una lettura o una buona musica sono una compagnia giornaliera immuni da covid..
    Queste cose hanno sempre fatto parte della mia vita e la depressione non è causata dal Covid, che semmai ne ha acuito i sintomi (soprattutto da novembre in poi) e ne rende difficile l'allontanamento, essendo che più che vegetare nei dintorni di casa non è consentito fare (ed al momento non sono nel giusto "mood" di pensare ad eventuali tentativi di evasione legali districandosi tra le normative incomprensibili; magari si vedrà con l'arrivo della bella stagione. Io tra l'altro detesto l'inverno e non potendo andare a sciare mi hanno tolto l'unica ragione che mi permetteva di sopportarlo - e naturalmente spesso di apprezzarlo - e mi trovo attualmente in uno stato letargico in attesa dell'arrivo del tepore primaverile come una marmotta).

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    Mi dispiace ma non per questo sei libero di non rispettare le regole
    Io, lo ripeto per l'ennesima volta qualora non avessi letto i post dei mesi scorsi, ho rispettato tutte le regole imposte dove sono stato, tranne l'obbligo della mascherina all'aperto tanto più in presenza di qualche sparuto passante al massimo perché i luoghi affollati li evito a priori, che non metterei nemmeno sotto tortura perché lo trovo un insulto all'intelligenza, a meno che non sia obbligatoria come in Giappone, dove potrei forse tollerarla (ma il grosso fastidio che mi causa rimarrebbe) a patto però che sia (e lo è, o forse lo era perché qualcosa dovrebbe essere cambiato negli ultimi tempi) tutto aperto e si possa vivere quasi normalmente.

    Sicuramente non ho mai nascosto di aver scelto e di scegliere in futuro luoghi nei quali le prescrizioni sono
    per me accettabili e solitamente meno restrittive di quelle italiane; sempre che mi passi un po' il malessere perché ora come ora non avrei voglia di andare da nessuna parte, né tantomeno a sciare.

    Il coprifuoco che mi vieta di fare un giro in macchina di sera e da solo, il limite chilometrico agli spostamenti, che per me se mi trovo in una situazione di malessere critico è forse l'unico modo per rilassarmi e calmarmi un po' (in mancanza di alternative più allettanti) lo trovo un'ingiusta nonché inutile vessazione alla quale devo sopperire con l'uso di psicofarmaci. Pregasi di astenersi dai paragoni con persone che vivono o hanno vissuto situazioni di guerra per sminuire i malesseri personali perché altrimenti posso rispondere con una frase del mio scrittore preferito: ogni cosa è ridicola se paragonata alla morte.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    Appena si può andiamo a viverci una sciata insieme..io se vuoi ci sono.
    Solo se la fotocamera la porti te!

  16. #2516

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    Se fosse una pandemia spietatamente mortale (e magari per tutte le classi di età) la tua libertà arbitraria di ammalarsi durerebbe molto poco..fate gli spavaldi perchè è il covid e non la peste bubbonica.
    Sennò tranquillo che alla tua libertà rinunceresti di corsa per un pò..e andresti di corsa anche in cina se là fossi davvero protetto da un governo che impone un vero distanziamento e ti salvasse il cul.o
    Non amo nè la cina,nè le dittature,ma in certe occasioni un pò di dittatura vera ci vorrebbe.. invece di parlare di dittatura sanitaria di conte..questa per i cinesi è burro e marmellata
    Se, se, se, ma purtroppo (per quelli come te) e per fortuna per i normali, non lo è... quindi visto che non è tutti i se che quelli come voi farneticano, tutto quello che dici sono farneticazioni da film di fantascienza! Quando avremo una Pandemia spietatamente mortale che colpisce tutte le classi di età ci adegueremo; ma visto che purtroppo per voi e per fortuna per i normali al momento non è così, quelli che la pensano come voi hanno solo l'alternativa di andate a fare in cül.o

  17. #2517

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    ...quanto a quel che preferirei in tempo di una pandemia grave sicuramente preferirei essere in cina..si risolverebbe in metà del tempo e con la metà dei rischi..basta guardare come è andata
    Io sceglierei la svizzera...anche a fine pandemia

  18. #2518

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da testataecassa Vedi messaggio
    prima del covid in Italia e nel mondo vi era un livello di accettazione sociale della morte relativamente alto

    mi ricordo da bambino che feci un morbillo particolarmente aggressivo, non da lasciarci la pelle, ma i miei genitori mi raccontarono che ero talmente debilitato che quell'inverno mi portarono al mare per un paio di mesi su suggerimento del medico

    Leggo su Wikipedia che negli anni 80 poco dopo che lo feci io, morivano quasi 3 milioni di bambini all'anno

    e anche solo in Italia, dove le condizioni sanitarie erano ovviamente migliori di tanti stati poveri, leggo che vi erano 1-2 morti ogni 1000 bambini infettati. e il morbillo lo facevano moltissimi bambini (10%) vista l'altissima contagiosità

    applicando il delirio collettivo che c'è oggi per il covid, che ricordo ha una età media di morte sovrapponibile alla morte per vecchiaia, se oggi non disponessimo di un vaccino per il morbillo, cosa succederebbe?

    se finito il covid 19 arrivasse un covid 22 che uccide 2 bambini su 1000 e ha un tasso RT altissimo, assisteremmo a:

    chiusura scuole? confinamenti?
    obbligo di mascherina a tutti i bambini?
    tutti chiusi in casa per anni?

    eppure abbiamo sempre accettato queste morti

    accettiamo 500 morti al giorno per malattie cardiovascolari, per lo più causate da cattiva alimentazione e sedentarietà, contro cui nessuno agisce, perché giustamente uno vuole viversi la vita come vuole, mangiando e bevendo a più non posso

    accettiamo altrettanti morti per tumore, di cui molti favoriti da cattive abitudini (fumo, alimentazione, ...)

    perché non sono accettabili 500 morti al giorno di covid?

    abbiamo sempre accettato con la più totale indifferenza 20 mila morti l'anno di influenza (pensate solo ai tanti che manco si vaccinavano), perché 80 mila di covid non sono accettabili? e non credo che sia questo fattore 4x visto che di tumore o infarto ne muoiono il doppio

    è davvero solo la numerosità di morti che ci sconvolge ? (io reputo di no, sono troppo pochi per giustificare tutto ciò che sta succedendo)

    molta gente ha scoperto ora che si muore e si sta cagando sotto? (per lo più senza motivazione visto che i vecchi li vedo sempre in giro spavaldi e quelli che mi sembrano più terrorizzati sono i 40enni dove il tasso di morte è insignificante)

    è un fenomeno di isteria autoalimentata anche dai media/internet?

    sotto quale soglia di morti torneremo giustamente ad accettare il fatto?
    mi preoccupa che questo caso abbia attivato un meccanismo di reazione isterica che sarà reiterato in futuro alla minima cagata, "per evitare anche solo il rischio"
    Condivido anche le virgole.

    Aggiungiamoci i 6000 morti all'anno sulle strade. Applicassimo la strategia COVID, per cui anche solo UN morto é di troppo, dovremmo vietare la circolazione di tutti i veicoli seduta stante.

  19. Skife per Matteo Harlock:


  20. #2519

    Predefinito

    Visto che non si sa quando si torna a sciare e sé si torna, e la discussione ha preso la solita piega, fatemi gli auguri. Ieri ho iniziato a leggere "l'ombra dello scorpione" di Stephen King, la versione integrale senza tagli, di 1372 pagine. La storia: "L'errore di un computer, l'incoscienza di pochi uomini e si scatena la fine del mondo. Il morbo sfuggito a un segretissimo laboratorio semina morte e terrore. 99% della popolazione non sopravvive all'apocalittica EPIDEMIA e ....." La storia è stata scritta decenni addietro.

  21. Lo skifoso nonnosciatore ha 4 Skife:


  22. #2520

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da testataecassa Vedi messaggio
    prima del covid in Italia e nel mondo vi era un livello di accettazione sociale della morte relativamente alto

    mi ricordo da bambino che feci un morbillo particolarmente aggressivo, non da lasciarci la pelle, ma i miei genitori mi raccontarono che ero talmente debilitato che quell'inverno mi portarono al mare per un paio di mesi su suggerimento del medico

    Leggo su Wikipedia che negli anni 80 poco dopo che lo feci io, morivano quasi 3 milioni di bambini all'anno

    e anche solo in Italia, dove le condizioni sanitarie erano ovviamente migliori di tanti stati poveri, leggo che vi erano 1-2 morti ogni 1000 bambini infettati. e il morbillo lo facevano moltissimi bambini (10%) vista l'altissima contagiosità

    applicando il delirio collettivo che c'è oggi per il covid, che ricordo ha una età media di morte sovrapponibile alla morte per vecchiaia, se oggi non disponessimo di un vaccino per il morbillo, cosa succederebbe?

    se finito il covid 19 arrivasse un covid 22 che uccide 2 bambini su 1000 e ha un tasso RT altissimo, assisteremmo a:

    chiusura scuole? confinamenti?
    obbligo di mascherina a tutti i bambini?
    tutti chiusi in casa per anni?

    eppure abbiamo sempre accettato queste morti

    accettiamo 500 morti al giorno per malattie cardiovascolari, per lo più causate da cattiva alimentazione e sedentarietà, contro cui nessuno agisce, perché giustamente uno vuole viversi la vita come vuole, mangiando e bevendo a più non posso

    accettiamo altrettanti morti per tumore, di cui molti favoriti da cattive abitudini (fumo, alimentazione, ...)

    perché non sono accettabili 500 morti al giorno di covid?

    abbiamo sempre accettato con la più totale indifferenza 20 mila morti l'anno di influenza (pensate solo ai tanti che manco si vaccinavano), perché 80 mila di covid non sono accettabili? e non credo che sia questo fattore 4x visto che di tumore o infarto ne muoiono il doppio

    è davvero solo la numerosità di morti che ci sconvolge ? (io reputo di no, sono troppo pochi per giustificare tutto ciò che sta succedendo)

    molta gente ha scoperto ora che si muore e si sta cagando sotto? (per lo più senza motivazione visto che i vecchi li vedo sempre in giro spavaldi e quelli che mi sembrano più terrorizzati sono i 40enni dove il tasso di morte è insignificante)

    è un fenomeno di isteria autoalimentata anche dai media/internet?

    sotto quale soglia di morti torneremo giustamente ad accettare il fatto?
    mi preoccupa che questo caso abbia attivato un meccanismo di reazione isterica che sarà reiterato in futuro alla minima cagata, "per evitare anche solo il rischio"
    Ti ho messo un like perchè è un ragionamento molto lucido e difficilmente confutabile.

    In effetti, tante altre malattie le combattiamo a parole. Se lo Stato obbligasse i cittadini sopra i 40 anni ad un ECG sotto sforzo all'anno, ad un ecodoppler alle carotidi all'anno ed ogni 5 anni ad una TAC coronarica .... i morti per malattie cardiovascolari calerebbero drasticamente. Con costi di molto inferiori a quelli dei lockdown e della lotta al Covid.

    Forse è vero che questa malattia, incarnando una paura atavica ci fa più paura di altre. In fondo perchè abbiamo più paura dell'aereo, quando sappiamo benissimo che la possibilità di morire in auto è di diversi ordini di grandezza superiori?

    Detto questo, però, ti invito ad una considerazione.

    1. E' innegabile che anche i poveri infartuati o potenziali tali in questo momento hanno meno cure
    2. E se eliminando tutte le misure anticontagio, i morti invece che 500/mese, fossero 500/giorno? cambieresti idea? hai voglia di fare la prova?

  23. Lo skifoso botto ha 4 Skife:


Pagina 168 di 206 PrimoPrimo ... 68118158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178 ... UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •