Pagina 4 di 5 PrimoPrimo 12345 UltimoUltimo
Mostra risultati da 46 a 60 di 64

Discussione: Consiglio installazione nuovo impianto fotovoltaico

  1. #46

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da blizzy Vedi messaggio
    Il problema è il tetto massimo di spesa, che per una casa singola mi pare sia 80mila euro. E su case pt + un piano, con 8-10 aperture per piano, di cui almeno un paio extralarge, come sono appunto le tipologie di abitazioni di sessant'anni fa, il costo per cambiare i serramenti comincia ad incidere pesantemente, e rischia di togliere disponibilità per gli altri interventi.
    In caso di villetta singola, i massimali sono questi (si possono cumulare):

    - cappotto 50.000
    - impianto riscaldamento 30.000
    - fotovoltaico 48.000 (2.400 a kW)
    - accumulo 1.000 Euro a kW
    - colonnina 3.000
    - infissi 54.000

    Tutto sommato mi sembrano generosi: per gli infissi, con 54.000 euro, riesci a fare un buon lavoro anche in una villa.

  2. #47

    Predefinito

    Il vantaggio grosso è per i condomini....

    In quanto oltre all'intervento trainante sullo stabile,tipicamente il cappotto,
    i massimali dei singoli appartamenti sono a parte quindi un condomino può farsi senza problema caldaia e serrramenti in concomitanza all'intervento sullo stabile.

    Anche se chiaramente un intervento su un condominio oltre le otto unità diventa impegnativo da gestire oltre che per costi e pratiche,
    anche in termini di realizzo da parte della ditta.

    Adesso se li chiami,edili,idraulici,etc,
    sono tutti presi per il collo....

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #48

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Leonard Vedi messaggio
    In caso di villetta singola, i massimali sono questi (si possono cumulare):

    - cappotto 50.000
    - impianto riscaldamento 30.000
    - fotovoltaico 48.000 (2.400 a kW)
    - accumulo 1.000 Euro a kW
    - colonnina 3.000
    - infissi 54.000

    Tutto sommato mi sembrano generosi: per gli infissi, con 54.000 euro, riesci a fare un buon lavoro anche in una villa.
    Assommando tutto si superano i 180mila euro: sicuro che lo ottieni su tutta la somma? Sarebbe bello.
    A me hanno spiegato che il superbonus è per interventi di efficientamento termico che assommati non devono superare gli 80mila euro. Almeno, io così ho capito. Mi piacerebbe essermi sbagliato.

  5. #49

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da blizzy Vedi messaggio
    Assommando tutto si superano i 180mila euro: sicuro che lo ottieni su tutta la somma? Sarebbe bello.
    A me hanno spiegato che il superbonus è per interventi di efficientamento termico che assommati non devono superare gli 80mila euro. Almeno, io così ho capito. Mi piacerebbe essermi sbagliato.
    Nono, non c'è alcun tetto massimale generale di 80.000 euro.
    Bisogna fare riferimento ai massimali dei vari interventi, tarati a seconda della tipologia di immobile.

  6. Skife per Leonard:


  7. #50

    Predefinito

    Grazie mi sono rivolto a ebp impianti una ditta nella mia zona in provincia di Biella.. il problema e che non sono ancora venuti a vedere e la mia casa e in una valle e vorrei capire se ne puo valere la pena.. grazie

  8. #51

    Predefinito

    Proseguono i lavori col 110%.

    Al momento hanno installato la nuova pompa di calore.

    A giorni monteranno il fotovoltaico...la configurazione finale sarà così:

    - potenza fotovoltaico 10kWp
    - inverter Fronius trifase (così come l'impianto elettrico dell'abitazione, che originariamente era monofase)
    - batteria accumulo BYD da 11 kWh

    Il gas è stato eliminato completamente dal'abitazione.

  9. Skife per Leonard:


  10. #52

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Leonard Vedi messaggio
    Proseguono i lavori col 110%.

    Al momento hanno installato la nuova pompa di calore.

    A giorni monteranno il fotovoltaico...la configurazione finale sarà così:

    - potenza fotovoltaico 10kWp
    - inverter Fronius trifase (così come l'impianto elettrico dell'abitazione, che originariamente era monofase)
    - batteria accumulo BYD da 11 kWh

    Il gas è stato eliminato completamente dal'abitazione.
    Invidia, noi siamo alla prima platea controterra....
    Il gas lo lasciamo perö, caldaia ibrida con pompa di calore, radiatori, e 4 Kwp di fotovoltaico, di piü non ci sta sul tetto.

  11. Skife per petervalanga:


  12. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  13. #53

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da petervalanga Vedi messaggio
    Invidia, noi siamo alla prima platea controterra....
    Il gas lo lasciamo perö, caldaia ibrida con pompa di calore, radiatori, e 4 Kwp di fotovoltaico, di piü non ci sta sul tetto.
    se tieni il gas e la casa non è molto grande, con 4kWp fotovoltaico te la cavi benone

  14. #54

    Predefinito

    Fv senza batteria rimane un grosso impegno,
    per farlo fruttare come serve specie nei mesi peggiori quindi novembre-febbraio occorre lavorare molto di ottimizzazione,
    quindi timer sempre e domotizzare il possibile dal condizionatore in pdc al pannello radiante a infrarossi in bagno.

    La batteria aiuta moltissimo a ridurre le operazioni di programmazione dei carichi,
    peccato che per il normale intervento al 50% i prezzi siano ancora improponibili...

    Per la seconda abitazione in Friuli,finalmente il prossimo mese dovremmo riuscire a fare notaio per sistemare in via definitiva le proprietà catastalmente,
    poi si partirà con il cartaceo propedeutico il 110.

    In quel caso,ovviamente,fv con accumulo (io installo tutto solaredge avendo già il monitoraggio qui con lo stesso sistema) poi una pdc ibrida per termosifoni e acs.

    Il metano e la caldaia ci sono già,la caldaia la potrei sostituire a gratis con il superecobonus e averla più recente con il controllo remoto,
    l'idea di togliere completamente il metano mi attrae da un certo punto di vista ma se và via una stagione fredda o con neve come quest'anno,
    il rischio è che i pannelli non bastano e che poi sia poco sfruttabile in inverno,qualche giro di freddo magari un mese lo fà di sicuro ogni anno e non voglio avere dubbi,almeno finchè ho le bambine piccole.

  15. #55

    Predefinito

    @Bibe

    sì, nelle zone montane utilizzare una pompa di calore (solo elettrica) è un po' un rischio. Soprattutto se la casa ha termosifoni e non è recente.

    Detto questo, ad oggi l'accumulo per il fotovoltaico è conveniente solo se si fa col 110%.
    Vero, ci sono dei contributi regionali (qualora si decida di prenderlo senza 110%), ma non sarebbe così conveniente.

    Molte ditte, sfruttando l'assenza di limiti in grandezza dell'accumulo in relazione alla grandezza del fotovoltaico, montano accumuli enormi e sproporzionati.
    Ho visto lavori, fatti col 110%, in cui montavano 30kWh di batterie (30.000 Euro di costo) su 6kWp di fotovoltaico. Robe da pazzi, fatte solo per speculare.
    In pratica, l'accumulo costa il doppio dell'impianto fotovoltaico stesso. E' paradossale.

    Conviene montare un accumulo dimensionato, anche perchè in inverno le batterie si caricano a fatica.
    Se poi l'impianto è piccolo, si rischia di avere batterie scariche per mesi, che si andaranno a deteriorare nel tempo, perdendo capacità e funzionalità.
    In linea di massima, la funzione delle batterie è quella di fornire energia di notte. Stop.

    Consiglio, inoltre, di affidarsi a ditte che permettano di scegliere i materiali. Molte montano prodotti casuali e scadenti (pagati, però, a peso d'oro).
    Io ho scelto una BYD perchè è modulare e di ottima qualità (non ha cobalto). Inoltre, dialoga perfettamente con l'inverter della Fronius. La garanzia è di 10 anni.
    Evitate Tesla che, come assistenza e garanzia, è pessima. Si paga solo il nome.

  16. #56

    Predefinito

    Con i,termosifoni normali in alluminio, molto peggio se sono in ghisa, con pompa di calor solo elettica é un bagno di sangue in tutto il nord non solo in. Montagna.

    Per il. Discorso dell’accumulatore ad oggi é la larte più debole dell’impiantistica, come per le auto ancora, inizia a diventare conveniente se si ottiene lo sconto in fattura al 50%, ma non si hanno ad oggi certezze sulla durata nel lungo leriodo.

    Con il 110 tutto é conveniente....

    Per il discorso di mega accumuli, non avendo dati statistici storici non si sa esattamente come ragiranno, ovvio che i 30.000 sono uno sproposito, ma fino ai 13/15 kwh hanno un senso, dato che l’energia immessa in rete con il 110 non viene rimborsata, quindi é meglio tenersene il più possibile.

    L’accumulo migliora anche le potenzialitá dell’utilizzo dell’impianto avendo una foto preciso del momento di come si stanno muovendo i consumi.

    Cioé quanto prodice il ftv, quanto la casa sta utilizzando, quanto vieme prelevato dalla batteria o immesso in essa ed anche quanto viene immesso in rete o prelevato, permettendo di poter gestire i consumi in modo di rimanere all’interno dell’autoconsumo.

  17. #57

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da maxxxce Vedi messaggio
    Con i,termosifoni normali in alluminio, molto peggio se sono in ghisa, con pompa di calor solo elettica é un bagno di sangue in tutto il nord non solo in. Montagna.

    Per il. Discorso dell’accumulatore ad oggi é la larte più debole dell’impiantistica, come per le auto ancora, inizia a diventare conveniente se si ottiene lo sconto in fattura al 50%, ma non si hanno ad oggi certezze sulla durata nel lungo leriodo.

    Con il 110 tutto é conveniente....

    Per il discorso di mega accumuli, non avendo dati statistici storici non si sa esattamente come ragiranno, ovvio che i 30.000 sono uno sproposito, ma fino ai 13/15 kwh hanno un senso, dato che l’energia immessa in rete con il 110 non viene rimborsata, quindi é meglio tenersene il più possibile.

    L’accumulo migliora anche le potenzialitá dell’utilizzo dell’impianto avendo una foto preciso del momento di come si stanno muovendo i consumi.

    Cioé quanto prodice il ftv, quanto la casa sta utilizzando, quanto vieme prelevato dalla batteria o immesso in essa ed anche quanto viene immesso in rete o prelevato, permettendo di poter gestire i consumi in modo di rimanere all’interno dell’autoconsumo.
    sìsì, fino a 13/15 kWh ci sta, assolutamente. Oltre mi pare eccessivo.

    Cosa importante, a parer mio, è far "dialogare" impianto fotovoltaico e pompa di calore.
    In quella che mi hanno montato c'è un settaggio particolare, in modo che la produzione di acqua calda sanitaria avvenga quando il fotovoltaico produce maggiormente (e quando non vi è richiesta di energia dalla casa).
    Anche nel caso dei cicli anti legionella, che necessitano di scaldare l'acqua sanitaria a 65°C, il processo avviene quando il fotovoltaico è più predisposto a cedere energia.

    Dopodichè, a parer mio, col fotovoltaico bisogna cambiare un po' le proprie abitudini.
    Ovvero cercare di utilizzare elettrodomestici energivori (lavatrice, lavastoviglie ecc.) durante il giorno.

    Una cosa molto utile, a parer mio, è che gli impianti (termico e fotovoltaico) sono sempre connessi ad Internet.
    Tramite app possono essere facilmente monitorati e settati a distanza (anche per quanto riguarda l'assistenza).

  18. #58

    Predefinito

    Io ho scelto Solaredge qui a casa proprio per quello,
    perchè facendo il classico 50% e usando ssp in attesa del contatore di scambio era uno dei pochi che permette di bloccare l'immissione e quindi usare il fv dal primo giorno di installazione,
    scoperto poi che l'ufficio addetto alle pratiche della dita zona Vicenza ha cappellato la prima richiesta a gennaio e poi non si è interessata di verifica con accuratezza la documentazione,
    motivo per cui Enel ha richiesto integrazioni e sono passati due mesi buoni,quindi hanno iniziato a conteggiare i loro classici 60gg per l'allaccio.

    Di fatto,mi sono @@@@@@ e tra un pò bestemmio buoni due mesi di produzione "tagliata" dall'inverter per evitare immissioni non autorizzate in rete,
    fossero anche pochi Kwh al giorno sto buttando via decine di euro al mese.

    Ovviamente mai più con questa ditta di cialtroni,il secondo impianto se lo faremo in Friuli con il 110 lo affiderò ad altri.

    Per fortuna la piattaforma di monitoraggio è prestazionale a parte qualche blocco periodico,
    per cui domotizzando il possibile e usando timer tattici riesco a fare valori di autoconsumo eccellenti,gli ultimi due mesi sopra il 70% con punte di 13Kwh al giorno che per un appartamento di 90mq sono tanta roba.

    Certo ho dovuto discutere più volte in due mesi per far cambiare sistema alla moglie che ancora spesso storce il naso,ma adesso sembra iniziare a comprendere il metodo per sfruttare al massimo l'impianto.

  19. #59

    Predefinito

    Per imparare ad usare il ftv e cambiar le abitutdini servono anche anni.

    Un impianto nuovo non può essere usato fino a che non viene installato il secondo contatore per le immissioni in rete, se usato prima il gse potrebbe calcolare l’energia immessa come energia consumata.., é un’assurditá ma é cosi

    Il solaredge che viene idemtificato come il migliore, in realtá ha la sua utilitá in caso di necessitá di utilizzo di ottimizzatori ler scolegare i pannelli in caso di condizioni larziali di ombra su di essi, per il resto il funzionamentno é simile agli altri


    @ Leonard, tornando al discorso accumulatori il costo imposto di 1000€ kw sarebbe difficile da sostenere per gli accumulatori che normalmente vengono vendute, invece aumentanto i kwh si spalmano meglio i costi , ovvio che 30000 kwh son tanti ma comunque vi é un tetto oer il ftv di 48.000 ivi compresi gli accumulatori con 2400€ kw

    Per quanto riguarda la furbizia delle societá ci sono poi gli asseveratori che devono ufficializzare il tutto impianti cosi non sense sono a rischio

  20. #60

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da maxxxce Vedi messaggio


    @ Leonard, tornando al discorso accumulatori il costo imposto di 1000€ kw sarebbe difficile da sostenere per gli accumulatori che normalmente vengono vendute, invece aumentanto i kwh si spalmano meglio i costi , ovvio che 30000 kwh son tanti ma comunque vi é un tetto oer il ftv di 48.000 ivi compresi gli accumulatori con 2400€ kw

    Per quanto riguarda la furbizia delle societá ci sono poi gli asseveratori che devono ufficializzare il tutto impianti cosi non sense sono a rischio
    Ehhh infatti mi meraviglio degli asseveratori, è questo il fatto.

    E' pieno di ditte che offrono pacchetto pompa calore + ftv + colonnina + accumulo. Fanno lo sconto in fattura e non permettono di fare altro come infissi, cappotto ecc.
    Alcune di queste, installano accumuli più che esagerati.

Pagina 4 di 5 PrimoPrimo 12345 UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •