Pagina 130 di 131 PrimoPrimo ... 3080120121122123124125126127128129130131 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1936 a 1950 di 1956

Discussione: Nuovo dpcm impianti chiusi

  1. #1936

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ste89 Vedi messaggio
    ancora oggi tutti i tg e i programmi tv allineati al governo (quindi tutti tranne rete4) affermano invece che la colpa di questa seconda ondata sia della movida di agosto e delle discoteche.
    discoteche che, per la cronaca, sono state chiuse in italia il 19 agosto (esattamente 3 mesi fa) e che nelle altre nazioni (spagna e grecia) sono state chiuse tutta l'estate.

    ora evidentemente il periodo di incubazione del covid dei discotecari si vede che è più lungo (forse il cuba libre lo prolunga) ma continuare ad affermare questo è veramente da caproni.
    nessuno ha le palle di dire invece che la seconda ondata è stata provocata dalla riapertura delle scuole ma sopratutto dal sovrafollamento dei mezzi di trasporto (dove i ministri di istruzione e trasporti affermavano rispettivamente che per evitare i contagi sarebbero bastati i banchi a rotelle e considerarsi "congiunti" nei viaggi in bus.

    dopo runners, ciclisti, frequentatore di spiaggie, discotecari, ragazzi dell'aperitivo, negazionisti in piazza.....gli sciatori (se mai riapriranno gli impianti) diventeranno quindi i nuovi untori.
    evviva
    Attento che ti sbagli : i sciatori non saranno i nuovi untori , lo sono già a prescindere .
    Non ti ricordi cos' è successo dal weekend 7/8 marzo in poi , dopo che siamo stati a sciare :
    LA PANDEMIAAAA.....

  2. Skife per Slalom64:

    wow

  3. #1937

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da sci-munito Vedi messaggio
    trovo che il coordinamento europeo sarebbe una delle prime buone notizie in tema sci/covid.
    Siamo un continente molto fluido con parecchhi spostamenti transnazionali.
    é inutile (sciocco ndr) pensare che ciò che si decide a Parigi (chamonix) non abbia ripercussioni a Roma (Courmayeur)
    Avere regole omogenee, finalmente, almeno in tema di sci (lo si sarebbe dovuto far ben prima su tutto) potrebbe evitare che chi ne ha la possibilità (economica / geografica) mandi in vacca i sacrifici di tanti.
    E forse sarebbe meno frustrante per chi si sente più sfortunato degli altri quando semplicemente credo tutti i governi stiano gestendo una situazione complessa per la quale non esistono soluzioni semplici (per intenderci io credo che l'unica nazione europea - CH compresa - che abbia gestito la situazione un pò meglio sia stata la Germania, ma non per abilità della Merkel o del suo cts, ma semplicemente perchè partiva da una condizione iniziale di miglior organizzazione del sistema sanitario).
    Concordo appieno. La zona euro con l'area Schengen, dovevano da subito stabilire comportamenti univoci per combattere la pandemia. Mi pare chiaro che se la cosasia realmente impossibile, non dovrebbe esistere ne l'area euro, ne l'area Schengen

  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #1938

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da madflyhalf Vedi messaggio
    ohhhhhh là.

    Cominciamo con le domande giuste, altroché gamba tesa!

    Applausi bravo!
    si potrebbe fare anche la domanda "contraria" e cioè: il governo e lo stato centrale come e quanto si è mosso nei mesi di "relativa calma" estiva per evitare di ritrovarci alle soglie di dicembre nella penosa situazione in cui ci troviamo?
    Comunque, l'Alto Adige dove si sono mossi in tal senso proprio in queste settimane non mi sembra abbia ricevuto particolari attenzioni "positive", purtroppo.

  6. Lo skifoso sci ha 3 Skife:


  7. #1939

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da RAFFAELE DI BARTOLOMEO Vedi messaggio
    ...in Italia secondo me da Gennaio ( sperando anche qualche giorno prima) non si potrà sciare solo nelle zone rosse.
    In quelle arancioni e gialle sci consentito con le dovute misure di sicurezza ( skipass limitati, portata impianti TC e Funivie ridotta, acquisto skipass on line, etc etc )
    Si oramai si legge da tutte le parti, questa possibile realtà, invece quello che non si capisce e se uno sciatore che abita in una zona rossa, può raggiungere la regione dove gli impianti sono aperti (con tutte le precauzioni del caso), salvo aprire gli impianti solo per gli stranieri, non saprei

  8. #1940
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da sci Vedi messaggio
    si potrebbe fare anche la domanda "contraria" e cioè: il governo e lo stato centrale come e quanto si è mosso nei mesi di "relativa calma" estiva per evitare di ritrovarci alle soglie di dicembre nella penosa situazione in cui ci troviamo?
    Comunque, l'Alto Adige dove si sono mossi in tal senso proprio in queste settimane non mi sembra abbia ricevuto particolari attenzioni "positive", purtroppo.
    E fin lì sappiamo qual è la risposta, ne abbiamo parlato per mesi.

    Ma il discorso è: c'è una ferita che sta sanguinando, magari qualcuno ci mette sopra un pezzo di nastro isolante pensando che possa funzionare, ma nessuno va a comprare i cerotti eh...

  9. #1941

    Predefinito

    E intanto la Svizzera toglie sempre più paesi dalla lista della quarantena obbligatoria..si sono aggiunte anche Francia e Belgio..ho come l’impressione che tutti i nostri vicini quest’anno faranno,economicamente,il botto nei loro comprensori! Noi resteremo col cerino in mano e l’indignazione sul fatto che altri non hanno ascoltato il nostro super statista e tenuto gli impianti chiusi come noi!!

  10. Lo skifoso Skiradu ha 4 Skife:


  11. #1942

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da sci Vedi messaggio
    si potrebbe fare anche la domanda "contraria" e cioè: il governo e lo stato centrale come e quanto si è mosso nei mesi di "relativa calma" estiva per evitare di ritrovarci alle soglie di dicembre nella penosa situazione in cui ci troviamo?
    Comunque, l'Alto Adige dove si sono mossi in tal senso proprio in queste settimane non mi sembra abbia ricevuto particolari attenzioni "positive", purtroppo.
    Mi pare una cosa sensatissima. In un amen trovano milairdi di euro per ristori. Da Maggio a tutto settembre cosa hanno fatto, per assumere medici, infermieri, acquistare macchinari e sostituire gli obsoleti, aumentare i posti letto, efficientare i piccoli ospedali di provincia? Nulla. Perchè non ci sono i soldi pre programamre ed investire, infatti la "speranza" era che non ci fosse la seconda ondata, hanno atteso, perchè spendere soldi nella normalità NON SI PUO' FARE. Poi una cosa semplice sempli manco hanno fatto, è vero avrebbe dato i frutti nel medio-lungo periodo, ma mai si inizia ........... ELIMINARE IL NUMERO CHIUSO A MEDICINA. Niente, non ci arrivano proprio

  12. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  13. #1943

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da madflyhalf Vedi messaggio
    E fin lì sappiamo qual è la risposta, ne abbiamo parlato per mesi.

    Ma il discorso è: c'è una ferita che sta sanguinando, magari qualcuno ci mette sopra un pezzo di nastro isolante pensando che possa funzionare, ma nessuno va a comprare i cerotti eh...
    certamente, ma anche l'esperienza passata insegna che serve a ben poco spesso visti gli ingenti investimenti fatti ad esempio da centri sportivi/palestre/piscine ecc per permettere di stare aperti e poi comunque costretti nuovamente a chiusure di mesi.
    Fossi un gestore prima di accollarmi ulteriori spese economiche ingenti con la non certezza nemmeno di poter riaprire magari un minimo di garanzie le vorrei.

  14. #1944

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da sci Vedi messaggio
    si potrebbe fare anche la domanda "contraria" e cioè: il governo e lo stato centrale come e quanto si è mosso nei mesi di "relativa calma" estiva per evitare di ritrovarci alle soglie di dicembre nella penosa situazione in cui ci troviamo?
    Comunque, l'Alto Adige dove si sono mossi in tal senso proprio in queste settimane non mi sembra abbia ricevuto particolari attenzioni "positive", purtroppo.

    Certo che no, così come lo aveva proposto la Sardegna (tamponi in entrata alla regione) gli hanno risposto con un generico "è incostituzionale". Con l'aggravante che questa estate non c'era vasta scelta di test rapidi affidabili mentre ad oggi ne abbiamo a costi bassissimi (meno di 20 euro) e molto affidabili (>95%).

    Quindi ricapitolando per il governo fare test ai turisti in ingresso è incostituzionale mentre tenere tutto chiuso facendo fallire imprese del settore e famiglie va bene.


    In tutto ciò hanno messo a capo dell'emergenza un signor nessuno senza nessuna capacità organizzativa che avrebbe potuto muoversi a settembre con l'acquisto a livello nazionale di test rapidi per fare controlli a tappeto laddove nasceva un focolaio.


    In sostanza la politica del governo nazionale è: se fate qualcosa di buono che consente di far convivere economia/turismo e virus (ad esempio i test rapidi) non vanno bene perché forse poi mostrano l'enorme incompetenza con cui abbiamo gestito il virus.
    Dal loro punto di vista ragionamento ineccepibile, meglio continuare a tenere tutti a casa con il terrore.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da nonnosciatore Vedi messaggio
    ELIMINARE IL NUMERO CHIUSO A MEDICINA. Niente, non ci arrivano proprio
    Questo è un falso problema perché il tappo per i medici sono i posti alla specialistica. Potete anche eliminare il numero chiuso ma se non si ampliano i posti in specialistica non cambia sostanzialmente nulla (e già oggi il numero dei laureati in medicina è molto più alto dei posti in specialistica).

    Ma anche qui tutti conoscono il problema ma poiché la soluzione prevede investimento di soldi per aumentare i posti allora non lo fa nessuno e tira fuori lo specchietto per le allodole del numero chiuso.

  15. Lo skifoso fla5 ha 2 Skife:


  16. #1945

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bungalow8 Vedi messaggio
    Pensa come siamo opposti: io non solo vorrei che il governicchio cadesse, vorrei vederli proprio appesi.
    Penso non sia il modo corretto di esprimersi (indipendentemente dal merito, sia chiaro, nessuno mette in dubbio che il Governo sia in mano a gente che si impegna a sbagliarle tutte e per fortuna, per cause esterne, non ci riescono).

  17. #1946

    Predefinito Sal sindaco di APRICA

    Dal sindaco di Aprica:

    Aprica, 23/11/2020


    Chiudere la montagna e la sua economia

    Lo sci è ormai diventato il male assoluto, facciamocene una ragione. Il motivo? I potenziali
    assembramenti generati dagli impianti di risalita. Questo dipinto è esito della campagna mediatica
    scattata lo scorso 8 marzo, dalla quale sembra che non esista nulla più pericoloso e virale dello sci.
    Se si raccontasse correttamente cosa accadde quel giorno, esito della follia di chi impose una
    riduzione della portata senza ridurre il numero delle persone che potevano accedere ai
    comprensori, ci si accorgerebbe che con le giuste regole lo sci non sarebbe un problema. Tanto
    che un protocollo è stato definito, con sensibili rinunce ma garantendo la continuità del sistema.
    Lo sci, uno sport che si pratica in solitaria all’aria aperta. Ma ormai il demone è finito nel
    tritacarne, facciamocene una ragione.


    Quello di cui non si parla è che chiudere gli impianti di risalita significa chiudere le località
    turistiche invernali e tutta la loro economia. Si, perché quelle infrastrutture tanto demonizzate,
    che hanno costi di gestione enormi, tengono in piedi interi sistemi, che si compongono di alberghi,
    scuole di sci, negozi, noleggi, ristoranti, bar e ogni altra attività presente sul territorio. Si chiudono
    dunque le montagne e la loro fragile economia. Questo significa chiudere gli impianti di risalita.
    Allora, per paradosso, vorrei che sul prossimo DPCM non fosse scritto “restano chiusi gli impianti
    di risalita”, ma che più correttamente ci si assumesse la responsabilità di scrivere “restano chiuse
    le località turistiche montane e la loro economia”. Perché di questo stiamo parlando.


    Quando poi sento equiparare il rischio dello sci a quello corso con le discoteche aperte questa
    estate mi chiedo se chi ha fatto queste affermazioni abbia mai sciato nella sua vita e sappia cos’è
    la montagna. Credo di no. Ma ripeto, ormai lo sci è il demonio. E noi che di questo viviamo siamo
    tutti piccoli demoni ai quali non è mai stata nemmeno data la possibilità di dimostrare che questo
    paventato rischio in realtà non esiste se ben gestito, come invece è stato fatto per tutte le altre
    attività.


    Esito di questa decisione sarà la morte di molti comprensori e attività. Alberghi chiuderanno
    definitivamente, negozi non riapriranno più, ristoratori appenderanno le pentole al chiodo. E si, le
    società che gestiscono gli impianti di risalita falliranno, trascinando con sé tutta la montagna e la
    sua economia. In compenso ci troveremo il prossimo anno sulle piste svizzere, austriache o
    francesi, perché molte di quelle italiane non riapriranno più.


    Dario Corvi
    (Sindaco di Aprica)

  18. Lo skifoso Fabio ha 7 Skife:


  19. #1947

    Predefinito

    Ma non sarebbe più opportuno chiudere questa discussione, e poi cancellarla pure, visto che di tutto parla tranne che di impianti chiusi?
    https://www.ansa.it/sito/notizie/cro...5a7d17ba4.html

  20. Skife per Vettore2480:


  21. #1948

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da fla5 Vedi messaggio

    Quindi ricapitolando per il governo fare test ai turisti in ingresso è incostituzionale mentre tenere tutto chiuso facendo fallire imprese del settore e famiglie va bene.
    Situazione un po' diversa, lì si chiedeva di arrivare col tampone eseguito. La sardegna non sarebbe stata neanche in grado di fare test alla massa di turisti in arrivo. L'alto adige ha dato prova che invece questa possibilità ora esiste. Se l'unico modo per "salvare" l'economia delle montagne è quello di rifare un nuovo billionaire, allora quell'economia è già spacciata. Perché ripartono nuove ondate, e l'uscita dal tunnel si allontana. E l'economia, tutta, ne risente.

  22. Lo skifoso zoidberg ha 2 Skife:


  23. #1949

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da sci-munito Vedi messaggio
    trovo che il coordinamento europeo sarebbe una delle prime buone notizie in tema sci/covid.
    Siamo un continente molto fluido con parecchhi spostamenti transnazionali.
    é inutile (sciocco ndr) pensare che ciò che si decide a Parigi (chamonix) non abbia ripercussioni a Roma (Courmayeur)
    Avere regole omogenee, finalmente, almeno in tema di sci (lo si sarebbe dovuto far ben prima su tutto) potrebbe evitare che chi ne ha la possibilità (economica / geografica) mandi in vacca i sacrifici di tanti.
    E forse sarebbe meno frustrante per chi si sente più sfortunato degli altri quando semplicemente credo tutti i governi stiano gestendo una situazione complessa per la quale non esistono soluzioni semplici (per intenderci io credo che l'unica nazione europea - CH compresa - che abbia gestito la situazione un pò meglio sia stata la Germania, ma non per abilità della Merkel o del suo cts, ma semplicemente perchè partiva da una condizione iniziale di miglior organizzazione del sistema sanitario).
    Con questa unione europea in cui gli stati del sud vengono considerati paesi del terzo mondo dubito molto che questo coordinamento europeo dia risultati (con i fatti, a parole sono sempre bravissimi).
    Se ben ricordate quando ancora l'italia era in lockdown..germania, austria e repubblica ceca fecero un accordo quasi sottobanco per portare i loro turisti in ferie in croazia e slovenia.
    un corridoio con agevolazioni economiche e sopratutto niente quarantena o tamponi..

  24. #1950

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da fla5 Vedi messaggio

    Questo è un falso problema perché il tappo per i medici sono i posti alla specialistica. Potete anche eliminare il numero chiuso ma se non si ampliano i posti in specialistica non cambia sostanzialmente nulla (e già oggi il numero dei laureati in medicina è molto più alto dei posti in specialistica).

    Ma anche qui tutti conoscono il problema ma poiché la soluzione prevede investimento di soldi per aumentare i posti allora non lo fa nessuno e tira fuori lo specchietto per le allodole del numero chiuso.
    Certo che mi riferisco agli specialisti, non certamente ai medici di famiglia. Ma non ci sono universtà e corsi specifici per le due figure, la laurea è una sola e non si può fare nulla. Oggi e ripeto oggi, con investimenti azzerato negli anni nella sanità pubblica, mancano comunque gli specialisti, sono anni che mancano e sono anni che nessuno si decide a levare il numero chiuso. Forse se 10 anni addietro, l'avessero fatto ora non staremmo in questo condizioni, sicuramente avremmo nei tre ospedali foggiani, unici pubblici, tutti i reparti e sale operataorie aperte e parlo di quello previste dal piano ospedalieri e non da da un aumento generico di p.l.. I concorsi vanno deserti. La sanità privata sssume senza concorsi e si accaparra sempre i più capaci , ecco un altro problema. Oggi un reparto del mio ospedale è uno dei migliori dell'intera provincia, ospedali privati compresi, però è solo un colpo di fortuna, perchè il nuovo primario nominato ha fatto una scelta di vita, lasciare la struttura privata, dove ha lavorato per 25 anni, lontano da casa, e vedere di fare qualcosa per la sua città, ed anche per evitare di viaggiare, ma è stato solo un caso (comunque mancando gli anestesisti, il suo lavoro in sala operatoria ne risente molto. Mancanza che assolutamente non c'è nella sua vecchia struttura privata. Amzi ha cercato, inutilmente, si protarsi dietro qualche specialista nel campo, ma tutti hanno rifiutato)

Pagina 130 di 131 PrimoPrimo ... 3080120121122123124125126127128129130131 UltimoUltimo
-

Tags per questo thread

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •