icona Skitags: Trekking Cortina d'Ampezzo [30] Trekking in Dolomiti [116]

Mostra risultati da 1 a 12 di 12

Discussione: Salita al Taè (mt. 2511), misconosciuta cima ampezzana – 19/08/2020

  1. #1

    Predefinito Salita al Taè (mt. 2511), misconosciuta cima ampezzana – 19/08/2020

    Non è proprio sconosciuta, essendo affacciata sulla conca, ma forse pochi, indicandola, saprebbero darle il giusto nome.

    E pochi, pochissimi, la salgono. Perché è la classica cima dove sulla carte non sono segnate nemmeno le tracce. Ma basta cercare in giro e le relazioni con delle vie normali che salgono ci sono quasi sempre.

    Cima accessibile a tutti, ma proprio tutti. Non vi è alcun passaggio degno di nota, né esposto (la bellissima cresta finale non è obbligatorio percorrerla proprio in cresta), né di I, né nulla di nulla. Serve solo l’abitudine a camminare dove non ci sono sentieri, o dove sono appena accennati, e dove al più ometti ed intuito/esperienza aiutano a scegliere la via migliore. Dunque non per tutti, o almeno ci deve essere un capo comitiva abituato a girare senza aiuti di tabelle e bolli rossi.

    Eravamo indecisi tra Taè e Taburlo, ma quest’ultimo appare più infido …. Sono segnalati passaggi di I+ che forse sono un po’ troppo per parte della nostra truppa. Sul Taè invece sappiamo solo che si tratta di inventare la tua strada, se per caso si perdono ometti e simil-sentieri ovvero tracce di calpestio.

    E così si parte da Sant’Uberto (mt. 1425) in direzione monte Taè, che è questo



    Andiamo a prendere il sentiero 418, segnalato ancora chiuso per la famosa frana delle pendici del Col Bechei. Ma secondo me in un modo o nell’altro si sale …



    Bellino il sentiero nel bosco che porta al Cason d’Antruiles: guardate che scorci verso la gola in cui scorre il Boite (lì sopra corre la strada che sale a Ra Stua)



    Arriviamo al Cason d’Antruiles, ma lo lasciamo subito per inoltrarci nel bosco. Ci fermeremo per una merenda al ritorno.



    Per arrivare alla tappa successiva – il bellissimo Ciadin de Taè – occorre salire di ca. 600 metri piuttosto faticosi, prima nel bosco, poi in una pietraia che è il letto di un torrente secco. Mai agevoli questi tratti ed assai caldi.
    Però la vista è ripagata. Man mano si sale ecco cosa appare alle spalle. C’è di tutto, anche le Tre Zinne, anche se il mio sguardo è attirato dalla bellissima Forcella Lerosa



    Invece in avanti le vene rosse del Col Bechei e della Croda d’Antruiles catturano ogni sguardo







    Ed eccoci finalmente al Ciadin de Taè (mt. 2123) che riposa la vista e permette di studiare la via di salita



    Poco sopra i mughi, si lascia il sentiero nel pendio erboso che sale verso il Col Bechei, per deviare a sinistra su traccia ben evidente. La traccia corre quasi tutta sotto la parete rocciosa, a volte impegnativa ma mai pericolosa. Al ritorno, per abbreviare e per saggiare il ghiaione, siamo scesi ‘dritto per dritto’. Scelta non felicissima, perché è vero che abbiamo abbreviato, ma la parte divertente di ghiaione è stata assai ridotta e per tornare al Ciadin de Taè abbiamo dovuto attraversare un’ampia zona di massi erratici, dove ognuno ha inventato la sua strada.
    Evidentissima la traccia, no?



    In ogni modo si tratta di recuperare quel crinale là a destra e percorrerlo sino alla cima





    Inaspettatamente si deve percorrere anche un lungo tratto, prima di arrivare al crinale, di misto/erba che riposa i piedi.





    Breve riposino …. Ma come, non avevo detto che era una passeggiata solitaria? Lo è, siamo noi ad essere una carovana vergognosa



    Saliamo ancora, ci voltiamo indietro e ….. sbadabam ©. Lo so, Blitz lo usava per le cime le pareti. Io lo uso di più per i panorami



    Ma poi arrivati sul crinalino …. Ri-sbadabam ©



    Ma come? Siamo a pochi km da Cortina, a pochi metri dal Col Rosà e dal Pomagagnon …. e siamo solo noi?
    W le tracce non segnalate!!!
    Mi manca una foto della cima, ma non aspettatevi nulla: coerentemente con la scarsissima frequentazione, c’è una mestissima croce di legno alta mezzo metro e nemmeno il libro di vetta.

    Altre foto sparse







    Ed eccoci di nuovo al Cason D’Antruiles per una meritata sosta rigeneratrice (fonte d’acqua freschissima)



    Nostri tempi: salita h.4 discesa h.3
    Dislivello: direi intorno ai 1200 d+, considerato che da sant’Uberto al Cason d’Antruiles ci sono perdite di quota non indifferenti.
    Sentiero senza reali difficoltà tecnica, senza parti esposte, ma ugualmente non consigliato a tutti e da percorrere con certezza di bel tempo, visto che spesso si naviga a vista.

    Gita straconsigliata, alla portata di tutti, in completo isolamento anche nella settimana centrale di agosto … serve solo una truppa che non si demoralizza se non vede tabelle e bolli rossi.
    Panorami da 10 e lode.


  2. #2
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Stupendo!

    Pensa che caso: 4gg fa un mio compagno di roccia mi ha mandato un WLF con uno stambecco ENORME a 2 passi da lui che non avevo identificato di preciso ma avevo azzeccato la zona!

    La tua foto dopo la comitiva, è praticamente la stessa posizione!

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #3

    Predefinito

    é più frequentato d'inverno.

    Anch'io ci sono stato un agosto di un po' di anni fa e da Cason d’Antruiles in poi solo io e camosci

  5. Lo skifoso Xtreme ha 2 Skife:


  6. #4

    Predefinito

    Che bello, subito non guardavo le foto per la curiosità di leggere la descrizione
    Grazie mille per la perla seminascosta
    Ma dal ciadin avete preso la traccia che è segnata anche sulla tabacco?

  7. #5

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da cocojambo Vedi messaggio
    Che bello, subito non guardavo le foto per la curiosità di leggere la descrizione
    Grazie mille per la perla seminascosta
    Ma dal ciadin avete preso la traccia che è segnata anche sulla tabacco?
    Io ho una vecchia kompass e non c'è alcuna traccia.
    Se sulla tabacco c'è una traccia, è sicuramente quella.
    Comunque non si sbaglia, dal Ciadin si sale ancora per il 418, finché si stacca una traccia a sinistra che va sotto la parete rocciosa

  8. Lo skifoso botto ha 2 Skife:


  9. #6

    Predefinito

    Bello bello bello!

    Cortina è una miniera di luoghi bellissimi e semi deserti, basta aver voglia di cercarli...

  10. Skife per alfpaip:


  11. #7

    Predefinito

    Ma eravate una ventina di persone?
    Non deve essere neanche facile avanzare a ranghi (sufficientemente) serrati... bellissimo comunque!

  12. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre


  13. #8

    Predefinito

    Non saliamo né scendiamo a ranghi serrati, ognuno ha il suo passo. Piccoli gruppetti e ci si aspetta ai bivi o nei punti un po' scabrosi o per soste panoramiche o di ristoro.
    Fa più selezione la discesa che la salita, perché è lì che si vede il passo sicuro.

    E poi il gruppo è variabile, a complicare le cose. Importante è che siano saldi e sicuri i capicomitiva. In gite come queste prive di difficoltà, è ciò che fa la differenza.

    Certo quando tra qualche giorno andremo sul Cristallino di Misurina il gruppo sarà più selezionato

  14. Lo skifoso botto ha 3 Skife:


  15. #9

    Predefinito

    Che belle queste escursioni "fuori mappa" o fuori dalle tracce classiche

    Alla fine il sentiero segnato come sconvolto è fattibile? O non ci siete passati? Grazie.

  16. #10

    Predefinito

    Bel report e bravi ad aver radunato e guidato un folto gruppo per camminare! Questi due aspetti insieme sono rari...

  17. #11

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Fabio Vedi messaggio
    Che belle queste escursioni "fuori mappa" o fuori dalle tracce classiche

    Alla fine il sentiero segnato come sconvolto è fattibile? O non ci siete passati? Grazie.
    No, non siamo arrivati al punto incriminato

  18. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da botto Vedi messaggio
    No, non siamo arrivati al punto incriminato
    Due settimane fa ho incontrato un paio di ragazzi al Lago di Limo che scendevano dal 418, hanno detto che c'è un po' da ravanare ma si riesce a salire. Tornando dal mio giro a Fanes, nel pomeriggio ho visto altri scendere dal Col Becchei, deduco che si riesca in qualche modo a percorrere.

    Bellissimo report! Un piacere per gli occhi!

  19. Skife per skiways:


-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •