Mostra risultati da 1 a 14 di 14

Discussione: -Alta via di Fundrès- 19-20-21/09/2018

  1. #1

    Predefinito -Alta via di Fundrès- 19-20-21/09/2018

    Eccoci qui! Finalmente, dopo soli 2 anni(quasi..) riesco a fare un report su questo bellissimo trekking! Ho beccato tre giorni da urlo ma i posti attraversati meritano davvero! Una traversata questa alta via di Fundres che consiglio davvero a tutti e che ci tenevo a condividere con voi!

    Il giro sono, dal sito di sentres, 72,5km con 4710mt D+ e 4830mt di D- che mettendoci dentro però qualche cimetta obbligatoria come il Picco della Croce diventano facilmente un pò più di 5000mt.
    Era un giro che avevo in mente già da diversi anni ma per una storia o per l’altra mi saltava sempre. Stavolta avevo questa mezza settimana di ferie libera, il meteo sembra essere ideale ed è giusto l'ultimo weekend di apertura dei rifugi. Per cui riapro la cartina, lo ripasso un attimo e si, sembra che si riesca a farcelo stare dentro anche nei tre/quattro giorni che ho a disposizione! Sarò da solo ma poco male, a me non dispiace e soprattutto posso gestirmi meglio con le tempistiche. Nelle varie guide lo dividono in 5 o 6 giorni che diventano molto comodi ma io vorrei farlo un pò più in velocità e viaggiando il più leggero possibile, per cui devo cercare di studiarlo in maniera diversa. La disposizione dei punti di appoggio però non mi è proprio congeniale per cui mi risulteranno due giornate davvero lunghette. Ma accetto la sfida e decido così! Essendo tra l’altro una traversata (i due punti finali sono Vipiteno e Brunico) ed essendoci quindi un problema di auto in qualunque senso si decida di farlo, taglio la testa al toro e decido di partire da casa in treno fino a Vipiteno per poi rientrare in qualche modo da Brunico alla fine del giro a casa a seconda dell’orario in cui arriverò!
    Parto quindi in treno il giovedì mattina di buonora e circa alle 10 sbarco in stazione a Vipiteno. Giornata super. Faccio un veloce giro nel bellissimo centro di Vipiteno e poi via veloci verso la partenza dell’alta via che è a Prati di Vizze un paio di km fuori Vipiteno. Qui appena dietro il parco giochi ha inizio l’alta via.

    il cartello che ci accompagnerà per tutta l’alta via.


    Si parte inizialmente su una stradina per poi prendere il sentiero 4a quando l’abbandona per salire più deciso con direzione Pfitschalm.

    si comincia a prendere quota con vista verso Vipiteno



    bella baita privata lungo il sentiero di salita



    si continua a prendere quota



    Per bellissimi alpeggi e boschi radi arriviamo finalmente sul crinale dove si apre la vista anche verso la ormai bassissima val di Vizze







    Qui abbandoniamo il sent. 4° che scende giù in valle e proseguiamo più o meno in cresta per il sentiero n.5. Ora il sentiero sale più dolce sempre per un bel rado bosco che permette qualche bella visuale.

    qui il bellissimo Tribulaun di Fleres...uno sbadabam ci starebbe benissimo!


    e la verde valle Isarco sotto di noi



    Arriviamo poi in leggera discesa alla Pfitschalm(malga Vizze)

    qui dai pascoli della malga verso Vipiteno



    Da qui il sentiero riprende a salire più deciso verso il limite del bosco

    bella baita/bivacco in cui è possibile dormire



    Poco dopo si arriva al Lagerjochl da dove finalmente il panorama si apre anche verso le vere alpi di Fundres




    Qui il percorso originale dell’alta via traversa in quota i ripidi pendii del Giogo di Trens fino al passo di Trens. Io invece decido di fare una deviazione fino alla sua cima. Sono circa 200mt di dsl in più ma consigliatissimi in quanto dalla cima si gode davvero di un super panorama!!
    Il sentiero risale ripido tutto il crinale sud del monte fino alla grossa croce di vetta.

    qui l’ultimo tratto di cresta con sulla dx in centro la già visibile malga Simile meta di questo primo giorno



    A sx invece il bellissimo colpo d’occhio su Vipiteno alla perfetta confluenza tra val d’Isarco, val di Vizze e val Ridanna e tutto il crinale percorso che come si vede bene da qui porta dritti dritti a Vipiteno!
    Dalla cima verso nord si ha anche un bella vista verso l’alta val di Vizze a sx e al centro la dominante mole del picco della Croce, meta di domani.




    verso il Tribulaun



    verso la val di Vizze sul cui crinale di confine corre un'altra bella traversata in progetto..



    Dalla cima ora il sentiero scende blando per bei prati fino al passo di Trens per poi cambiare decisamente marcia e scendere invece piuttosto ripido fino alla malga Simile dove mi aspetta una meritata birrozza!









    La malga non è un vero e proprio rifugio(malga appunto…), ma offre una decina di posti da dormire su un tavolato sopra la stalla e qualche camera all’interno della malga stessa. Questa è l’ultima settimana che sono aperti e sono solo io e una ragazza inglese!

    Il giorno dopo cerco di partire di buon’ora in quanto mi aspetta la prima delle due giornate piuttosto lunghe. Conto di arrivare al Rif. Ponte di ghiaccio facendo praticamente 3 tappe in una! So che al limite se c’è qualche problema c’è sempre il bivacco Benningher a 2/3 di percorso.
    Subito dopo un’abbondante colazione parto presto, la giornata sembra bellissima anche oggi.




    Si prosegue quindi per il sentiero n.2 inizialmente quasi in piano per poi ad una svolta della valle cominciare a risalire più decisamente verso il giogo di Sanges.





    Ad un certo punto trovo appostati dietro un roccione due cacciatori, pensavo sarebbero stati abbastanza scocciati come sempre alla vista di qualcuno che va a rompergli le scatole proprio verso dove loro erano in osservazione, ed invece ci scambio due parole e sono al contrario pure cordiali dandomi qualche buona indicazione!
    Raggiungo velocemente il passo tra mandrie di pecore e capre. Da qui si cambia panorami.

    subito compare alta la cima del Picco della Croce



    sotto compare invece il bellissimo lago Selvaggio









    Mi sorprende molto trovare a quest’ora decine di pescatori intorno al lago…che io sappia non ci sono vie brevi per arrivare fino a qui!!
    Da qui l’alta via taglierebbe in quota per risalire poi al Rauntaljoch(2800mt) e scendere per l’omonima valle al rif. Bressanone. Io ovviamente decido di invece di deviare per fare la cima del Picco della Croce. Sono quasi 400mt di dsl in più ma ne vale decisamente la pena! Devio quindi per il sent. 2 che risale fino al passo a est della cima per aggirarla a nord e per sfasciumi e nevai salire alla panoramicissima cima di 3132mt.

    dalla forcella il panorama si apre verso nord



    dalla cima panoramica verso la val di Vizze e le cime della val Ridanna e di Fleres



    gruppo del Gran Pilastro e punta Bianca…si vede sulla destra il passo ponte di ghiaccio dove devo arrivare questa sera




    verso ovest in basso a sx il lago Selvaggio e il giogo di Sanges da cui sono salito


    Panorami dalla cima












    Dalla cima in discesa verso il Rauntaljoch si prende ora il sent. 18

    Dal passo la bella valletta che scende verso il rif. Bressanone(2200mt.)





    Arrivo al rifugio giusto prima di mezzogiorno dove strudel e birrozza ci stanno tutti!



    Dopo essermi rifocillato imbocco il sent.19 che sale bello tra le marmotte verso la Steinkarsharte(2608mt). Da questa si aprono nuovi versanti che devo attraversare

    In particolare discesi un centinaio di metri dal passo l’alta via devia a sx e traversa alta tutti quei bei pendii verdi sullo sfondo








    sono placide vallette erbose che chiamerebbero ad una bella pennichella…ma tocca proseguire che la strada è ancora lunga!



    E’ tutta una lunghissima traversata a tagliare la testata delle varie vallette. Si passa prima per la Kellerscharte

    da cui volgendosi indietro si vede a sx la Steinkarsharte appena fatta


    Dalla Kellerscharte si attraversa ancora in un infinito su e giù fino alla forcella di Dan

    panorama dalla Kellerscharte alla forcella di Dan



    dalla forc. di Dan uno sguardo indietro verso l’ormai già lontano Picco della Croce



    Dalla forcella di Dan il sentiero perde deciso quota prima di cominciare a traversare ancora. Qui ci sono alcuni tratti di facile cavo che aiutano più psicologicamente che altro ad affrontare un po’ di esposizione data dai ripidi pendii attraversati.



    Dopo questo traverso arrivo ad un bivio: sulla dx un sentiero scende ripido verso un alpeggio qualche centinaio di metri sottostante dove si vede il biv. Brenninger.




    L’alta via invece riprende a salire per un vallone colmo di grossi massi fino alla Gaisscharte(2700mt). Qui in teoria dovrei decidere se scendere e fermarmi al bivacco o proseguire per arrivare al rifugio ponte di ghiaccio.
    Sono ancora circa 500mt D+ per arrivare al rifugio e sono anche un po’ stanco, ma ci sono ancora diverse ore di luce per cui opto per proseguire, tanto anche se arrivo tardi al rifugio non ci sono problemi. Si riprende a salire quindi.

    circa dal bivio vista sulla Gaisscharte che è quella forc. a dx della cima a corno di dx



    La salita è abbastanza faticosa in quanto finita l’erba il sentiero non è più un sentiero ma bisogna seguire i per fortuna numerosi bolli rossi tra un cimitero di enormi massi.



    In ultimo poi per un faticoso ghiaione ripido fino in forcella. Questo è un tratto che in caso di nebbia potrebbe creare qualche problema secondo me!
    La discesa dalla Gaisscharte è un po’ considerato il tratto più impegnativo della traversata, costituito da un canalino attrezzato abbastanza verticale anche se breve(circa di 100mt). Non è niente di chè anche se nel caso si fosse in più persone e bene prestare attenzione a qualche sasso facile da smuovere.

    il canalino attrezzato



    Ora inizia l’ennesima valle da attraversare, però dovrebbe essere l'ultima! La stanchezza si fa un po’ sentire ma i sempre bellissimi panorami aiutano a distrarsi un po’!

    dopo la discesa del canalino si punta a quella dorsale di erba sulla sinistra



    dalla dorsale finalmente compare anche il rifugio Ponte di Ghiaccio con a fianco la Napfspitz!



    Dopo l’ultima dorsale compare finalmente anche la mia meta, il rif. Ponte di Ghiaccio. Ormai ci siamo, anche se mi farà sudare fino all’ultimo in quanto il sentiero sbuca 100mt di dsl più basso del rifugio e quindi concludo la giornata in salita. Non vedo l’ora di scolarmi una radler da mezzo!!

    Due parole le merita il rifugio. Costruito nuovo e inaugurato quello stesso anno, è davvero bellissimo! Sapevo di trovarlo nuovo in quanto l’ultima volta c’ero stato l’anno prima ed era in fase di costruzione a fianco di quello vecchio e storico. Devo dire che quello che ne è uscito a me piace molto. Sono riusciti a mantenere un certo stile di montagna creando però un rifugio dotato di tutti i confort, energeticamente autosufficiente e con un perfetto sfruttamento degli spazi. Bellissima anche la sala da pranzo con una grandissima parete finestrata che guarda verso il panorama fuori. Inoltre, una cosa che mi è sempre piaciuta di questo rifugio è la gestione. Un mix di ragazzi giovani e più esperti ma sempre simpatici e cortesi. E la cucina è sempre ottima. Ci sono stato già diverse volte e ci torno sempre più che volentieri. Con questo nuovo rifugio ancora di più!

    il nuovo rifugio. Sulla dx la sala da pranzo con tutte le pareti finestrate



    tramonto dal mio tavolo



    Alla mattina mi sveglio all’alba, sarà un’altra lunga giornata. Ma sembra, e sarà, ancora bellissima. Per le foto non serve neanche che esca dalla camera




    Faccio colazione e poi decido di fare una corsa veloce senza zaino fino in cima alla Napfspitz, sono circa 300mt di D+ ma è sempre un bel punto panoramico. Torno giù di corsa e parto stavolta in discesa giù verso il lago ponte di ghiaccio e la omonima malga per un piacevole sentiero.

    il rifugio con dietro le morene del ghiacciaio della Punta Bianca



    la valle di discesa da sopra..



    …e da sotto


    A q. 2000mt l’alta via abbandona la stradina che scende verso valle e risale alla Kuhscharte dove ritrovo finalmente il sole e approfitto dello splendido colpo d’occhio

    panoramica su buona parte del percorso del giorno prima! Sulla sx spunta il Picco della croce e a dx il passo ponte di ghiaccio


    Da qui inizia una infinita traversata in continui su e giù per alti pascoli fino alla Gruipa alm prima e al Gampishutte poi. Praticamente percorriamo da nord a sud la valle di Fundres ma lo facciamo restando sempre ad un’altezza tra i 2000 e i 2200mt.






    Una volta al Gampishutte la “pacchia" finisce e si comincia a risalire più decisamente fino al passo "il Passo" :) dove l'ambiente cambia da prati a rocce moreniche, fino a risalire ai 2705mt della forc. Sega Alta passando prima a fianco di un paio di laghetti carini..

    la forcella è poco definita sulla dx di quella muraglia



    dalla forcella sega alta verso il vallone appena salito e il passo “passo" sulla sx



    dalla forcella verso il rif. Lago di Pausa, prossima meta


    Da qui si comincia a scendere per l’ennesima bella valle verdeggiante fino al bel laghetto di Pausa(mt.2312) con a fianco l'altrettanto omonimo rifugio e la birrozza d’ordinanza!




    Da qui l’alta via riprende a scendere lungo la valle ma non per molto, a circa q.2000 si lascia il sentiero che scende giù in valle per ricominciare a salire verso la Portella.

    la Portella in centro foto



    Da qui inizia un’infinita(per me :) ) ma bellissima cavalcata in cresta che percorre tutta la dorsale di montagne che chiude a sud la valle di Selva dei Molini. Un infinito su e giù per una serie di cime che sembrano un po’ tutte uguali. Il percorso è davvero bellissimo perchè panoramicissimo, ma la stanchezza comincia a farsi sentire! Ci sarebbero delle scappatoie per poter accorciare un po’ il percorso ma ormai non posso mollare all'ultimo! Quando arrivo in cima al Monte Sommo ultima cima della lunga dorsale tiro davvero un sospiro di sollievo. Da lì in poi finalmente le salite sono finite! Manca ancora una lunghissima discesa ma almeno è discesa!

    dalla dorsale la valle di selva dei molini e la val aurina



    l’inizio dell'infinita dorsale



    Vista verso Lappago e il lago di Neves





    il monte Sommo ancora distantissimissimo!



    sguardo verso la parte di creste appena percorsa



    dalla cima di Valperna uno sguardo sul percorso fatto. Si vede anche il passo ponte di ghiaccio!



    e l’ultimo tratto fino al monte Sommo li in centro foto.








    Ultima fatica, si fa per dire. Poi mi attende un’altrettanto infinita discesa fino alla frazione di San Giorgio alle porte di Brunico che si intravede laggiù in fondo. Discesa tra l’altro deve essere una figata pazzesca in mtb!!


    Arriverò giù appena in tempo per prendere l’ultimo bus verso Corvara dove sarò ospite di amici per poi rientrare il giorno successivo a casa in relax.


  2. #2

    Predefinito

    Bel report, molto esaustivo. Annotato tra i trekking da fare nei prossimi anni. Volendolo fare in più giorni, ci sono altri Rifugi come appoggio?

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #3

    Predefinito

    Vai che merita assolutamente! Si, volendolo spezzare maggiormente si possono sfruttare anche il rifugio Bressanone, il rif. Lago di Pausa e il Gampis hutte. E anche la Gruipa alm deve avere qualche posto

  5. #4

    Predefinito

    Grande giro macs, e ben documentato: grazie per la condivisione.
    Certo che non e' stata una semplice passeggiata: complimenti per il fisico!
    Dopo solo averlo letto e guardato io ho dovuto fare un riposino...

  6. Skife per Childerique:


  7. #5

    Predefinito

    Una grande cavalcata! Ci hai messo due anni per “rielaborarla” ma per chi ti legge ne valeva la pena

    P.S: Una curiosità: non hai pensato di raggiungere Brunico con la macchina e poi spostarti a Vipiteno in treno?
    Fermo restando che hai fatto benissimo a prendere il treno da subito, visto che questo era compatibile con le tue esigenze

  8. Skife per subsahara:


  9. #6

    Predefinito

    che viaggione!


    sinceri complimenti, per la completezza del report ma soprattutto per la maratona che ti sei sparato...

  10. #7

    Predefinito

    al rifugio si arriva sempre in salita.

    grazie per le belle foto e per le info, sta zona a me è estranea, ho qualche mezza idea, ma poi dover andar fin la mi fa andar altrove...

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da Childerique Vedi messaggio
    Grande giro macs, e ben documentato: grazie per la condivisione.
    Certo che non e' stata una semplice passeggiata: complimenti per il fisico!
    Dopo solo averlo letto e guardato io ho dovuto fare un riposino...
    io mi son fermato a metà report a tirar fiato...e non avevo letto km e dislivello, per fortuna

  11. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  12. #8

    Predefinito

    Che report sontuoso! Gran bel giro, devo dire che concordo sul rifugio, pur non amando troppo il modernismo.

  13. #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    Una grande cavalcata! Ci hai messo due anni per “rielaborarla” ma per chi ti legge ne valeva la pena

    P.S: Una curiosità: non hai pensato di raggiungere Brunico con la macchina e poi spostarti a Vipiteno in treno?
    Fermo restando che hai fatto benissimo a prendere il treno da subito, visto che questo era compatibile con le tue esigenze
    Certo inizialmente l'idea era quella, poi mi pare di ricordare che tra coincidenze e tempi previsti non guadagnavo granchè e allora ho pensato i farla in versione più "ecosostenibile"

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da alfpaip Vedi messaggio
    che viaggione!


    sinceri complimenti, per la completezza del report ma soprattutto per la maratona che ti sei sparato...
    Grazie! Fare il reposrt è stato quasi più faticoso che farla

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da cocojambo Vedi messaggio
    al rifugio si arriva sempre in salita.

    grazie per le belle foto e per le info, sta zona a me è estranea, ho qualche mezza idea, ma poi dover andar fin la mi fa andar altrove...

    - - - Updated - - -
    Si, non è la strada dell'orto dal Friuli, ma neanche così distante in realtà
    E se li provi una volta vedrai che poi ci torni

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da Il Pordenonese Vedi messaggio
    Che report sontuoso! Gran bel giro, devo dire che concordo sul rifugio, pur non amando troppo il modernismo.
    Si, anche io non sono un gran fan dei rifugi troppo moderni. Però questo è venuto proprio bene!

    E poi in generale secondo me, le gestioni dei rifugi in alto adige extradolomiti hanno una marcia in più.

  14. Skife per macs:


  15. #10

    Predefinito

    Hanno iniziato a ricostruire anche il Rifugio Petrarca al passo Ghiacciato (gruppo Tessa), speriamo che venga così bene come questo! Purtroppo non sarà pronto prima del 2023 😯

  16. Skife per Crespeina:


  17. #11

    Predefinito

    Questo report torna UTILISSIMO...
    Come lo vedi questo giro MTB?
    La creata da La Portella al Sommo é decentemente pedalabile?

    https://www.outdooractive.com/it/r/1...social-content
    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	Cattura.jpg
Visite:	18
Dimensione:	120.7 KB
ID:	73662

  18. #12

    Predefinito

    Una sola parola: e-nor-me !

    Che luoghi meravigliosi.....

    (se non salgo presto in AA impazzisco).

  19. Skife per apo:


  20. #13

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Matteo Harlock Vedi messaggio
    Questo report torna UTILISSIMO...
    Come lo vedi questo giro MTB?
    La creata da La Portella al Sommo é decentemente pedalabile?

    https://www.outdooractive.com/it/r/1...social-content
    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	Cattura.jpg
Visite:	18
Dimensione:	120.7 KB
ID:	73662
    No, non è fattibile in mtb. Almeno per i miei canoni!
    Diciamo che la cresta per quanto ricordo ha parecchi su e giù anche ripidi. In salita la porteresti sempre in spalla. Ma li son gusti e abilità...io non la farei e non la consiglierei. Prima secondo me dagli un occhio a piedi, soprattutto alla seconda parte.
    Poi di sicuro non è fattibile il tratto di cresta nord del sommo perchè ricordo tratti di crestina con cavo da mettere mani
    Dalla cima in giù invece si vedeva che era frequentata e pareva anche molto bella! Anche nel bosco c'è sia la strada ma parecchi tagli fatti apposta per mtb mi pareva.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da apo Vedi messaggio
    Una sola parola: e-nor-me !

    Che luoghi meravigliosi.....

    (se non salgo presto in AA impazzisco).
    Eh si, bei posti!

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da Matteo Harlock Vedi messaggio
    Questo report torna UTILISSIMO...
    Come lo vedi questo giro MTB?
    La creata da La Portella al Sommo é decentemente pedalabile?

    https://www.outdooractive.com/it/r/1...social-content
    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	Cattura.jpg
Visite:	18
Dimensione:	120.7 KB
ID:	73662
    qui parlano del tratto di cresta
    https://itinerari.mtb-mag.com/tours/view/18119

  21. #14

  22. Skife per miabù:


-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •