Mostra risultati da 1 a 13 di 13

Discussione: [ALP] Quattro passi (di danza) sopra l'Alpe di Siusi - 19 luglio 2020

  1. #1

    Predefinito [ALP] Quattro passi (di danza) sopra l'Alpe di Siusi - 19 luglio 2020

    venerdì sera, mentre mi trovo in cadore con la famiglia, mi arriva un messaggio del vecchio compagno di merende (nonché cugino) che mi invita ad un rendezvous domenica con altri due malati di croda (tra cui un altro cugino ), per fare qualcosa "in zona passo sella"... dal punto di vista logistico una mazzata, ma la scimmia è tanta da non poterle resistere... pertanto, incassato il nulla osta della signora, dopo il giretto a pomedes di sabato riporto moglie e prole in pianura, butto in macchina tutto il materiale e riparto di slancio alla volta di selva di val gardena dove ho appuntamento per cena con il resto della combriccola... valutate alcune opzioni, la scelta per l'indomani cade sulla parete nordovest del sassopiatto, su cui nei primi anni '90 è stata tracciata un'interessante via cui l'autore ha affibiato l'altisonante nome tanz über der tiefe che, tradotto in italico idioma, dovrebbe significare più o meno "danza sopra l'abisso"... un appellativo che, ad un primo impatto, evoca strapiombi vertiginosi e difficoltà sostentute... ma non sarà così...

    mentre mi adopero a convertire la mia station wagon in (s)comoda stanza singola, alzo lo sguardo e uno strano puntino luminoso nel cielo cattura la mia attenzione... faccio 2+2 e mi rendo conto che si tratta della cometa neowise che tanto spopola nei social in questo periodo... certo la mia foto non regge il confronto con quelle che si vedono su facebook e affini, ma se non altro sono riuscito anch'io a immortalarla...





    l'indomani ci portiamo con l'auto a monte pana, preferendolo a passo sella come punto di partenza per l'avvicinamento alla parete... al di là della mera arrampicata, la giornata ci riserverà così una piacevolissima passeggiata immersi in un ambiente tra i più bucolici che si possano immaginare...

    al nostro arrivo, il sassolungo ci dà il benvenuto in tutta la sua imponenza...




    preparati gli zaini, imbocchiamo la comoda strada forestale (segnavia 30) che si immerge nel bosco rado, lasciandoci intravvedere fin da subito la parete del sassopiatto su cui si snoda la nostra "pista da ballo"...




    alla nostra destra si staglia l'iconico profilo di uno dei simboli dell'alto adige (e della loacker ), il monte castello con le punte santner ed euringer...




    ad un bivio prendiamo a sinistra il segnavia 525 in direzione del rif. vicenza e poco oltre sbuchiamo nell'idilliaco plan de cunfin, meraviglioso pascolo verde come smeraldo in cui ci si sente abbracciati dai possenti bastioni del sassolungo e del sassopiatto...




    mentre sopra di noi le nubi del mattino lasciano progressivamente campo al cielo azzurro, in lontananza le odle sono ancora per lo più incappucciate in una grigia coltre...




    circa a metà del pianoro si abbandona il sentiero 525 per imboccare a destra una traccia poco marcata, segnata sulla mappa ma - almeno inizialmente - non sul terreno, che permette di raggiungere più direttamente il segnavia 527, tramite il quale si compie il frequentato periplo del sassopiatto in direzione dell'omonimo rifugio... lungo quest'ultimo ci portiamo sotto la verticale della nostra via, tracciata con brillante intuizione nel settore debole della parete, tra gialli e repulsivi strapiombi...




    per raggiungere l'attacco, si abbandona il sentiero e si risale un pendio erboso costellato di rododendri, talmente bello che pare un delitto calpestarlo...




    l'avvicinamento è stato così piacevole che quasi non ci rendiamo conto dell'ora e mezza abbondante trascorsa... giunti alla base della parete, prima di prepararsi ci godiamo ancora un po' la vista verso lo sciliar, l'alpe di siusi e, in lontananza, le alpi retiche (credo )...




    bando alle ciance, è ora di attaccare... ci dividiamo in due cordate e partiamo... il primo tiro segue una rampa articolata, non difficile ma resa delicata dalla presenza di un po' di muschio...




    dopo una seconda lunghezza ancora tranquilla, la parete comincia a raddrizzarsi... qui gli altri due soci all'inizio del terzo tiro...




    la roccia è quasi sempre ottima e il trovarsi immersi in un contesto fiabesco non fa che ampliare esponenzialmente il piacere delle salita... peccato solo che il cielo torni a corprirsi...




    le profondità evocate dal nome della via non sono poi così abissali, ma si arrampica comunque in costante, piacevole esposizione... sulla quarta lunghezza si trova il primo di tre chiodi di passaggio (più uno di sosta) presenti in via...




    al quinto tiro la parete si impenna ulteriormente, la roccia resta sempre ottima ma la scarsa frequentazione suggerisce di afferrare gli appigli con cautela...




    il tratto chiave dell'ascensione si presenta al sesto tiro... una serie di placche verticali conduce ad un diedro obliquo poco proteggibile... per fortuna le difficoltà restano "classiche" e un buon chiodo a metà tiro contribuisce ad abbassare l'impegno psicologico... ma non abbastanza dall'impedirmi di cedere il passo al mio più allenato e motivato compagno di cordata...






    più sopra calano leggermente le difficoltà, ma resta intatta la bellezza dell'arrampicata... una lunga successione di solide placche grigie conduce in vista dei camini terminali...




    si sa che, in dolomiti, i camini di quarto grado possono rivelarsi tanto un puro godimento quanto uno spietato calvario... fortunatamente questa volta è buona la prima opzione... l'arrampicata è entusiasmante... ecco il tiro finale dall'ultima sosta...




    e l'uscita della via...




    ci ritroviamo così sul margine dell'immenso piano inclinato che dà il nome alla nostra montagna... dopo le strette di mano di rito e un veloce spuntino, ci rimettiamo in marcia attraversando lungamente il pendio in direzione sudest...




    fino ad incrociare il sentiero della via normale, in vista della val di fassa e di tutto il gruppo della marmolada...





    la vetta del sassopiatto ci appare lontana, troppo lontana... ci perdonerà se per questa volta ci asteniamo dal farle visita...





    riprendiamo la marcia e in breve siamo in vista del resort... ehm, rifugio sassopiatto... alle sue spalle la magnifica dorsale del molignon, in centro alla quale svetta il catinaccio d'antermoia...a destra i denti di terrarossa e, a sinistra, le mie amate crepe di lausa...





    toh, non sono pecore ma in una giornata tra cugini possono andar bene anche loro...




    come la fradusta in un altro recente report, anche la marmolada quest'anno conserva un aspetto un po' meno sofferente del solito...





    da un lato della staccionata le capre, dall'altro le vacche... anche gli animali al pascolo adottano una qualche forma di distanziamento sociale...





    bypassato per questioni di tempo l'hotel... ehm rifugio sassopiatto, ci affacciamo sul jëuf de fascia, valico di confine fra fassa e gardena, fra trentino e südtirol... alla nostra destra si snoda il sentiero del rientro, che altro non è se non la prosecuzione del segnavia 527 abbandonato al mattino e che conduce sino in vetta al sassopiatto...




    giunti in prossimità della piza da uridl siamo nuovamente in vista della nostra parete...




    ma lo sguardo viene sempre catturato dallo sciliar e dalle sconfinate distese verdi che lo circondano...





    un ultimo sguardo già nostalgico alla nostra linea di salita...






    ed è tempo di tuffarsi giù per il sentiero... la strada è ancora lunga e l'ora comincia a essere tarda...





    beh, magari quello di prima era il penultimo sguardo... questo però è davvero l'ultimo...




    a passo svelto ci caliamo nuovamente a plan de cunfin...




    e poi per la forestale n. 30 verso monte pana (e la birra )...





    per tagliare un po' imbocchiamo quello che dovrebbe essere un percorso per mountain bike (chiamato pana raida), per fortuna deserto, che contorna questo simpatico laghetto...




    e rieccoci al punto di partenza...
















    se a qualcuno venisse voglia di ripetere la via, non posso che ribadire che si tratta di un percorso veramente bello, logico, su roccia quasi sempre ottima e con difficoltà costanti ma mai elevate... a preservarla dal diventare una superclassica al pari di tante famose vie della zona, sono l'approccio e il rientro lunghi e la scarsa chiodatura... senza contare che integrare con protezioni veloci è ovviamente fattibile ma non immediato... ma meno male che esistono ancora percorsi così genuinamente alpinistici...


  2. #2
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Le vie sopra i prati sono la cosa più paradisiaca che ci sia dal punto di vista arrampicatorio.
    Poesia pura

    Stupendo tutto, non sapevo della cometa oggi naso all’insù!

    Simili ci sono (poche) vie sui Bastioni del Mondeval, un paio ne ho puntate, anche se una forse è mezza franata

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #3

    Predefinito

    Hai dei cugini che ti propongono delle cosette interessanti; dai miei al massimo può arrivare un invito per un tressette in spiaggia

    Scherzi a parte: bellissimo

  5. Skife per subsahara:


  6. #4

  7. Skife per cocojambo:


  8. #5

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    Hai dei cugini che ti propongono delle cosette interessanti; dai miei al massimo può arrivare un invito per un tressette in spiaggia

    Scherzi a parte: bellissimo
    Eh, siamo una famiglia di fissati... e io sono quello meno invasato...

  9. Skife per alfpaip:


  10. #6

    Predefinito

    Parlo da appassionato trekker.....stupendo !!!!
    D' altronde l' Alpe è sempre una garanzia......anche in inverno , ma non tutti lo sanno

  11. Skife per Slalom64:


  12. #7

  13. Skife per ste1258:


  14. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  15. #8

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Slalom64 Vedi messaggio
    Parlo da appassionato trekker.....stupendo !!!!
    Citazione Originariamente scritto da ste1258 Vedi messaggio
    Bella la narrazione e bellissime le foto.
    Grazie ... troppo gentili...

  16. #9

    Predefinito

    Bello ed emozionante!
    Qualche anno fa avevo fatto l'anello dal passo sella, sentiero schuster per il Sassopiatto e rientro dal lato Fassano. Era ottobre e piovigginava e dalla cima non ho visto quasi nulla, anche se a dire il vero, ero contentissima lo stesso :)
    Una volta sognavo di fare la normale al Sassolungo, avevo iniziato a fare qualche tiro in falesia etc. Una guida alpina che mi aveva insegnato un po' le basi, ricordo che alla prima lezione mi chiese se nella vita avevo praticato qualche sport. Danza - ho risposto. E lui : guarda che arrampicare è quasi come ballare, chi è bravo a ballare, lo sarà anche ad arrampicare.
    😂😊

  17. Lo skifoso Crespeina ha 3 Skife:


  18. #10

    Predefinito

    la tua guida alpina non aveva assolutamente torto...

    proprio l'altro giorno mi sono imbattuto in questo video della più grande "ballerina" verticale italiana, da poco sessantenne...

    https://www.youtube.com/watch?v=3fSMMfXg2ts&t=10s


    la cima del sassolungo manca anche a me... comunque, anche quando ho fatto io per la prima volta il giro del sassopiatto pioveva... e guarda caso ero in compagnia dello stesso cugino...

  19. Skife per alfpaip:


  20. #11

    Predefinito

    grazie mille per il racconto...suuper!!!!

    come difficoltà costanti su che grado siamo?

    che scorci stupendi, mammamia anche io ogni volta che becco quei prati con rododendri penso che sia un peccato calpestarli da quanto son belli

    ho proprio fatto bene ad attendere e gustarmelo sul pc
    Ultima modifica di cocojambo; 22-07-2020 alle 09:55 AM.

  21. Skife per cocojambo:


  22. #12

  23. #13

    Predefinito

    sì, quarto grado pressoché costante, a volte IV- a volte IV+ ma siamo lì... tranne il sesto tiro che ha quel tratto di V, non di difficile lettura ma scarsamente proteggibile... però su roccia veramente ottima...

  24. Skife per alfpaip:


-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •