Mostra risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Gli impianti di risalita devono pagare l' IMU

  1. #1

    Predefinito Gli impianti di risalita devono pagare l' IMU

    Lo scorso 6 luglio c'è stato un importante pronunciamento della Cassazione che, respingendo dei ricorsi della Cervino spa e della Monterosaski, ha stabilito che gli impianti di risalita non possono essere considerati impianti di trasporto pubblico ma devono essere assimilati agli immobili con capacità reddituale e quindi assoggettati a tassazione IMU.
    Ho letto l' articolo sull' ANSA, spero che si riferiscano alle sole stazioni di partenza ed arrivo, perchè se considerano l' impianto in tutta la sua lunghezza si è costretti a pagare delle somme altissime.
    In realtà poi, ci sono alcuni impianti di risalita che possono essere considerati dei mezzi di trasporto pubblico, ad es. la funivia che sale a Chamois è l'unico collegamento per il paese e gli abitanti la utilizzano come un bus od una metro.

  2. #2
    fotoskier Skifoso
    Attrezzatura
    Volkl Kuro - K2 Pon2oon - Line OPUS - Line SN 100 - Rossignol GS fis r23 - Rossignol HERO SL fis - Head SSS

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da 66luca Vedi messaggio
    Lo scorso 6 luglio c'è stato un importante pronunciamento della Cassazione che, respingendo dei ricorsi della Cervino spa e della Monterosaski, ha stabilito che gli impianti di risalita non possono essere considerati impianti di trasporto pubblico ma devono essere assimilati agli immobili con capacità reddituale e quindi assoggettati a tassazione IMU.
    Ho letto l' articolo sull' ANSA, spero che si riferiscano alle sole stazioni di partenza ed arrivo, perchè se considerano l' impianto in tutta la sua lunghezza si è costretti a pagare delle somme altissime.
    In realtà poi, ci sono alcuni impianti di risalita che possono essere considerati dei mezzi di trasporto pubblico, ad es. la funivia che sale a Chamois è l'unico collegamento per il paese e gli abitanti la utilizzano come un bus od una metro.
    E' da tanto che se ne parla, c'erano già sentenze in trentino nel 2015, e sopratutto i valdostani hanno in ballo parecchie vertenze con l'agenzia delle entrate.
    come sempre è dovuto a leggi mal scritte, o scritte negli anni 50, e mai più sistemate...
    Questo sarà un'altro precedente gravissimo che metterà a rischio centinaia di società impianti, oltretutto arriva, così come quello trentino, in terzo grado dopo due giudizi favorevoli alle società impianti...
    Fa riferimento a stabili e plinti, nel 2015 stimavano dai 25.000 euro l'anno per una seggiovia biposto fino ad oltre 60.000 per una 6 posti.

  3. Lo skifoso Teo ha 2 Skife:


  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #3

    Predefinito

    se fa riferimento anche ai plinti è un bel problema, oltretutto la definizione di impianti di trasporto pubblico veniva anche utilizzata per " aggirare " alcuni assurdi vincoli ambientali nel momento della presentazione di nuovi progetti.
    In Inghilterra hanno ridotto le aliquote IVA, dal 20 al 5%, su alberghi e ristoranti e noi tassiamo le seggiovie….. rilanciamo il turismo.
    Del resto questo è il paese dove si pagava l' IMU sui macchinari produttivi…….

  6. #4

    Predefinito

    Assurdo, se vogliono affossare definitivamente tutto un settore facciano pure...

    Oltretutto molti comprensori sopravvivono anche grazie ai finanziamenti pubblici, cosa fanno: gliene danno con una mano e se li riprendono con l'altra?

  7. Lo skifoso rebus ha 2 Skife:


  8. #5

    Predefinito

    Per fortuna in Italia ogni sentenza non ha valore assoluto ma vale solo come precedente in caso specifico (cioè non è auto applicativa come legge). Certo è che di giudici fuori dalla realtà (magari nominati con metodi palamareschi) non ne abbiamo proprio bisogno.

  9. #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da TEDOSIT Vedi messaggio
    Per fortuna in Italia ogni sentenza non ha valore assoluto ma vale solo come precedente in caso specifico (cioè non è auto applicativa come legge). Certo è che di giudici fuori dalla realtà (magari nominati con metodi palamareschi) non ne abbiamo proprio bisogno.
    E' vero, purtroppo però si è creato un precedente e molti comuni potrebbero appellarsi a quella sentenza, temo che moltissime piccole stazioni si troverebbero in un mare di guai, pensate a tutte quelle microstazioni appenniniche che sopravvivono coraggiosamente e fra mille difficoltà, trovarsi di colpo a dover pagare decine di migliaia di € di IMU significa semplicemente chiudere.

  10. #7

    Predefinito

    Alla prossima faranno pagare una tassa anche sulla superficie delle piste... altro che decreti rilancio

  11. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  12. #8

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da TEDOSIT Vedi messaggio
    Per fortuna in Italia ogni sentenza non ha valore assoluto ma vale solo come precedente in caso specifico (cioè non è auto applicativa come legge). Certo è che di giudici fuori dalla realtà (magari nominati con metodi palamareschi) non ne abbiamo proprio bisogno.
    Queste sentenze dei giudici sono frutto di leggi e regolamenti scritti con i piedi, purtroppo non solo in questo campo...

  13. #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da 66luca Vedi messaggio
    Lo scorso 6 luglio c'è stato un importante pronunciamento della Cassazione che, respingendo dei ricorsi della Cervino spa e della Monterosaski, ha stabilito che gli impianti di risalita non possono essere considerati impianti di trasporto pubblico ma devono essere assimilati agli immobili con capacità reddituale e quindi assoggettati a tassazione IMU.
    Ho letto l' articolo sull' ANSA, spero che si riferiscano alle sole stazioni di partenza ed arrivo, perchè se considerano l' impianto in tutta la sua lunghezza si è costretti a pagare delle somme altissime.
    In realtà poi, ci sono alcuni impianti di risalita che possono essere considerati dei mezzi di trasporto pubblico, ad es. la funivia che sale a Chamois è l'unico collegamento per il paese e gli abitanti la utilizzano come un bus od una metro.
    solo in Italia può esserci un contenzioso tra la pubblica amministrazione e la cervino spa che è di proprietà della pubblica amministrazione, sul fatto se fare o no un giro di soldi tra un ente e un altro

    repubblica delle 🍌

  14. Lo skifoso testataecassa ha 3 Skife:


  15. #10

    Predefinito

    Mi faccio esplodere in una chiesa al grido "màgnate un kebab"...

    Far pagare l'IMU per il plinto di una seggiovia...

    Quando dobbiamo fare i calcoli, le verifiche strutturali siamo trasporto persone adibito all'esercizio pubblico. Con tutti gli oneri e gli obblighi connessi.

    Se invece c'é da riscuotere l'IMU...

    Ma che vadano tutti a....

  16. Lo skifoso Matteo Harlock ha 5 Skife:


-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •