Pagina 200 di 211 PrimoPrimo ... 100150190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 2986 a 3000 di 3151

Discussione: Covid-19 e Sci alpino - SANITARIO [parte 4]

  1. #2986

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ddski Vedi messaggio
    Vergognati!!!! Sei il solito vedotuttorosso che odia la Lombardia e i lombardi, ma la maggior parte delle persone la pensa diversamente, non come VOI....

    ecco..

    ho scritto io per non far faticare gli anziani, sono buono... quasi buonista.
    È la prima volta nella tua vita che dici una cosa vera. Complimenti non è mai troppo tardi

  2. #2987
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da PaoloL Vedi messaggio
    Per questo Zangrillo ha detto che il virus clinicamente non esiste più.
    E tutti a dire "....corrotto pagato dall'avvocato agnelli buuuu ....vuole guadagnare con la clinica privata....".
    Non ha detto :"...il virus non c'è più....o è mutato....o altro.
    "clinicamente" non ha più senso la gestione.
    Il problema è che:
    1) una buona fetta di persone non capisce cosa si intenda pertanto bercia come galline per riprendere tutto come prima
    2) ci marciano sopra anche CERTI politici per fomentare odio verso le istituzioni che hanno RESPONSABILITA' di prendere decisioni (a differenza di chi fa opposizione, che non fa altro che grattarsi il culo e rallentare iter parlamentari di procedure urgenti)
    3) non spiega, come dovrebbe fare, COSA ha fatto sì che il virus sia CLINICAMENTE sparito.

    Ci sono 35.000 sequenze genetiche del virus.
    Non ce n'è una che dica che sia mutato per diventare meno violento.

    In Brasile ci sono 1500 morti al giorno, vallo a dire a loro che il virus è più buono.

    Ribadisco: Zangrillo può aver ragione su tutto.
    Ma tempistiche, messaggio e comunicatore sono quantomeno dubbie e sospette.



    Aggiungo una riflessione: ora si dice che la sanità bloccata rischia di fare più morti che il Covid.

    Io non so in altre regioni, visto che si parla di gestione regionale della sanità, ma qui:
    - interventi urgenti e semi-urgenti si sono continuati a fare
    - visite urgenti e non (ci sono stato di mezzo pure io), non le hanno mai negate a nessuno
    - pediatri hanno continuato i controlli normali e regolari per tutta la durata dell'emergenza


    Ma di che regioni parliamo??
    Di quelle che hanno riempito gli ospedali di gente ammalata con sintomi non gravi, forse...

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #2988

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da madflyhalf Vedi messaggio
    Il problema è che:
    1) una buona fetta di persone non capisce cosa si intenda pertanto bercia come galline per riprendere tutto come prima
    2) ci marciano sopra anche CERTI politici per fomentare odio verso le istituzioni che hanno RESPONSABILITA' di prendere decisioni (a differenza di chi fa opposizione, che non fa altro che grattarsi il culo e rallentare iter parlamentari di procedure urgenti)
    3) non spiega, come dovrebbe fare, COSA ha fatto sì che il virus sia CLINICAMENTE sparito.

    Ci sono 35.000 sequenze genetiche del virus.
    Non ce n'è una che dica che sia mutato per diventare meno violento.

    In Brasile ci sono 1500 morti al giorno, vallo a dire a loro che il virus è più buono.

    Ribadisco: Zangrillo può aver ragione su tutto.
    Ma tempistiche, messaggio e comunicatore sono quantomeno dubbie e sospette.



    Aggiungo una riflessione: ora si dice che la sanità bloccata rischia di fare più morti che il Covid.

    Io non so in altre regioni, visto che si parla di gestione regionale della sanità, ma qui:
    - interventi urgenti e semi-urgenti si sono continuati a fare
    - visite urgenti e non (ci sono stato di mezzo pure io), non le hanno mai negate a nessuno
    - pediatri hanno continuato i controlli normali e regolari per tutta la durata dell'emergenza


    Ma di che regioni parliamo??
    Di quelle che hanno riempito gli ospedali di gente ammalata con sintomi non gravi, forse...
    Sono d'accordo su alcune cose che dici, ma a forza di semplificare tutti i messaggi si finisce per:
    1) diventare semplicemente paternalisti e prescrittivi (magari a qualcuno dei nostri politici piace pure ma è altamente diseducativo e socialmente dannoso)
    2) sbagliare clamorosamente. Quando si sono fatte le prime aperture si sono sentiti proclami su ondate conseguenti, movide assassine e aumento dei casi. Non si è verificato. Con s******amento della credibilità dei tanti. Zangrillo non ha tutte le risposte. Come TUTTI quelli che parlano ora. E' scientificamente più rigoroso chi parla dei ricoverati odierni e di situazione clinica odierna o chi spara di ondate future ad minkiam. O chi spara su masse critiche di malati e teorie che giustifichino le proprie idee e tesi?
    Lo s******amento è deleterio perché distrugge la credibilità. Hanno sbranato uno dei pochi che ha raccontato fatti e non teorie. Da delirio.

  5. #2989

    Predefinito

    Da quello che si legge la terapia sperimentale che prevede idrossiclorochina+Azitromicina+eparina sin dai primi sintomi, o addirittura dal semplice test positivo abbia portato ad un cambio dei giochi, nel senso che da quel momento in poi solo una minima percentuale dei malati hanno avuto bisogno di cure ospedaliere.

    E per i casi più gravi il plasma iperimmune ha permesso a gente quasi spacciata di uscire dalla terapia intensiva.

  6. #2990

    Predefinito

    Vi racconto un fatto. Ieri ho effettuato un sopraluogo a Verona, per una fornitura di infissi, da effettuare in una ex caserma - ospedale militare, che diverrà, i lavori devono ancora cominciare, un ospedale COVID -19. (Non è un segreto, erano in tanti oltre me...)
    Posso dire che qualcosa non mi torna?
    Io continuo a credere che non sia tutto finito.....forse prevedono una coda....

  7. #2991

  8. #2992

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Gafred68 Vedi messaggio
    Vi racconto un fatto. Ieri ho effettuato un sopraluogo a Verona, per una fornitura di infissi, da effettuare in una ex caserma - ospedale militare, che diverrà, i lavori devono ancora cominciare, un ospedale COVID -19. (Non è un segreto, erano in tanti oltre me...)
    Posso dire che qualcosa non mi torna?
    Io continuo a credere che non sia tutto finito.....forse prevedono una coda....
    Non so cosa prevedano. Ma l'applicazione del principio di cautela nell'incertezza non è sbagliato.
    Gestire costi e benefici e decidere di spendere upfront ha senso ed è da considerarsi una strategia di mitigazione del rischio.
    Anche i DPI usati a contagi bassi o nulli sono mitigazione del rischio.

    L'importante appunto è mantenere l'equilibrio. Perché le curve di costi/benefici di solito non sono lineari ma esponenziali e coprire le code ha costi impossibili.

    E' altresì importante che se poi il rischio non si concretizza, non si vada a caccia dello spreco.
    Nessuno di noi schianta la macchina solo per trasformare l'assicurazione in un investimento, vero? Altrimenti con l'assicurazione sulla vita come la mettereste?Ho pagato il premio e adesso voglio incassare?

  9. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  10. #2993

    Predefinito

    Riporto un contributo di oggi di papà Venturi (per chi non lo sapesse, il commissario ad acta della regione ER che tutte le sere ci faceva compagnia con il suo bollettino che era ben altra cosa che i freddi numeri elencati dalla Protezione Civile. Come apriva bocca, dal suo tono già capivi come era andata la giornata).

    Ha detto cose non banali

    Bologna, 5 giugno 2020 – Dopo la fine del mandato da commissario ad acta per l'emergenza Coronavirus in Emilia Romagna, Sergio Venturi torna a parlare dei mesi trascorsi a lottare contro il Covid. E lo fa con parole non banali. “Il lockdown? Se dovessi rifarlo domani, non lo rifarei come l'abbiamo fatto”, dice durante una lunga diretta organizzata ieri pomeriggio dai Giovani democratici. E aggiunge: “Non si può chiudere un intero paese quando non ce n'è alcun bisogno".

    Secondo l'ex assessore regionale alla Salute, sono più efficaci lockdown "mirati in alcuni focolai particolarmente aggressivi". Insomma, "conviene intervenire nel piccolo, questa è la lezione che abbiamo imparato quest'inverno". Zone rosse ristrette, dunque, come quelle che la Regione ha deciso per arginare il contagio a Piacenza, a Rimini e a Medicina. Il "rammarico" confidato da Venturi è proprio che non si sia deciso da parte del Governo di includere una parte del Piacentino nella zona rossa della vicina Codogno, primo focolaio conclamato dell'epidemia in Italia.

    Ma "quelle di Rimini e Medicina sono state decisive per evitare che diventassimo una seconda Lombardia", rivendica l'ex commissario, a proposito della chiusure ulteriori in quelle zone. Blindando Medicina, in particolare "abbiamo evitato che Bologna diventasse Bergamo". Però, "non ha senso la zona rossa dell'Italia. In alcune regioni – ricorda - abbiamo avuto solo qualche centinaio di casi, poteva avere senso impedire gli spostamenti da regioni molto 'impestate' alle altre, ma disturbare il regolare interscambio tra le regioni del sud mi è sembrato un po' eccessivo". In questo senso, nonostante le differenze politiche, "mi è stata simpatica la presidente della Regione Calabria quando ha detto perché non poteva aprire i ristoranti all'aperto. Questa é una lezione da prendere".

    In ogni caso, sottolinea Venturi tornando sulle conseguenze economiche drammatiche del lockdown, "ho molto rispetto decisioni prese in quelle settimane, da chiunque. Lo ha fatto non immaginando di prendere decisioni sbagliate. Ma sarebbe tragico se non imparassimo da ciò che è accaduto". Comunque, sottolinea in un altro passaggio della diretta, "non ci potremo più permettere una chiusura così prolungata". Ora, auspica Venturi, "sarebbe bello se in autunno ci presentassimo 'puliti', se i mesi estivi ci servissero ad arrivare a zero contagi. Vorrei che ci arrivasse anche la Lombardia, in modo da farci trovare preparati ad una eventuale ricomparsa del virus".

  11. #2994

    Predefinito

    una coda di business certamente

    ora che è chiaro che bisogna puntare sulla tracciatura, giustamente creano inutili ospedali covid

    la scuola Lombarda di generazione di cadaveri ha fatto proseliti

  12. #2995
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da botto Vedi messaggio
    Riporto un contributo di oggi di papà Venturi (per chi non lo sapesse, il commissario ad acta della regione ER che tutte le sere ci faceva compagnia con il suo bollettino che era ben altra cosa che i freddi numeri elencati dalla Protezione Civile. Come apriva bocca, dal suo tono già capivi come era andata la giornata).

    Ha detto cose non banali
    Venturi è un santo, il suo ritorno in prima linea è stato necessario dalla malattia di Donini (neo-assessore alla Sanità, che appena guarito è rientrato comunque a lavorare a tappeto con Venturi e le ASL), ma... io continuo a pensare che almeno fino a Pasqua il lockdown andava tenuto in piedi abbastanza stringente.

    Il ruolo degli asintomatici, la presenza di tante persone che sarebbero potute rientrare a casa (ovunque fosse la loro casa), poteva minare veramente una sanità molto problematica...


    Io a chiunque dica che il virus è meno aggressivo, che bisognava aprire di più, che le libertà individuali o altro, vorrei far presente qualche numero

    Emilia Romagna, non Lombardia.
    Posti disponibili in terapia intensiva al 1/1/2020: 250 circa, credo che se fossero saturi al 15-20% fosse una stima per eccesso.
    Posti disponibili in terapia intensiva al 25/3/2020: 530.

    Il 12 aprile erano saturi al 58%, vuol dire 307 persone ricoverate con COVID.

    Era passato 1 mese esatto dal lockdown e io in quei giorni mi cagavo un po' addosso per la situazione... non tanto per me, ma per i miei genitori, mia figlia di 1 mese, mia moglie che aveva partorito, parenti di una certa età o con qualche acciacco...

  13. #2996

    Predefinito

    Ma lui non ha contestato che siano state prese quelle decisioni nel momento in cui sono state prese: ha detto solo che si possono imparare delle cose dall'andamento che abbiamo avuto e che possiamo farne tesoro per il futuro. Mi sembra saggio, anche perchè non ha sparato su nessuno.

  14. #2997

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da botto Vedi messaggio
    Ma lui non ha contestato che siano state prese quelle decisioni nel momento in cui sono state prese: ha detto solo che si possono imparare delle cose dall'andamento che abbiamo avuto e che possiamo farne tesoro per il futuro. Mi sembra saggio, anche perchè non ha sparato su nessuno.
    Non so chi sia Venturi.Posso però reputarlo una persona intelligente visto che ha ammesso di aver imparato molto dagli errori commessi.
    Avete sentito tutta la"squadra" di avvocati/politici ammettere che si poteva fare meglio?Io no e quindi temo per il "durante" ed il"dopo".

  15. #2998

    Predefinito

    Venturi parla di provvedimenti presi, forse addirittura eccessivi, che si possono evitare se vengono presi per tempo provvedimenti mirati. Il caso di Medicina, paese a ridosso della città metropolitana di Bologna, e neppure troppo distante da Ferrara, e il caso di Alzano lombardo spiegano quanto, giustamente, ha asserito. La differenza è stata nella velocità di chiudere immediatamente le zone a rischio, o nel non chiudere le zone a rischio. Una differenza che è costata centinaia o migliaia di morti.

  16. #2999

    Predefinito

    Io, al contrario, sono convinto della stupidità delle persone e delle loro decisioni.
    Accadesse nuovamente (speriamo di no) si tornerebbe a impedire di correre oltre 200m da casa, ad inseguire con i droni persone sulla spiaggia, ad impugnare la decisione di concedere il caffè da asporto, a sfornare altre decine di autocertificazioni.
    Modello Italia insomma. Quello che tutto l'universo ha adottato e copiato (cit.)

  17. #3000

    Predefinito

    Però che bello, noi siamo qui e ce lo possiamo raccontare. Senza poi qualche problema locale, ne saremmo usciti già da tempo. Ma tant'è.

Pagina 200 di 211 PrimoPrimo ... 100150190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210 ... UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •