Pagina 165 di 206 PrimoPrimo ... 65115155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 2461 a 2475 di 3084

Discussione: Covid-19 e Sci alpino - SANITARIO [parte 4]

  1. #2461

    Predefinito

    E dopo le alabarde spaziali, i droni galattici, i quad lanciamissili e gli elicotteri d’assalto per fermare pericolosissimi passeggiatori da spiaggia, arrivammo alla movida sfrenata (ma dove? .....) che per trovare un vigile urbano serviva il microscopio elettronico.

    Ma soprattutto, ma all’Imperial College (dai cui modelli furono desunte le catastrofiche previsioni per i primi di giugno) di che roba si fanno? Sicuramente è buona, ma lo facessero sapere:


  2. #2462

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da madflyhalf Vedi messaggio
    Il federalismo c’entra per come è stato fatto.

    Emergenza sanitaria: la regione gestisce il territorio, ma le linee guida devono arrivare centralizzate dal Ministero.


    Invece qui, sti Governatori, ognuno capetto del proprio Stato, sono autorizzati a fare come gli pare... poi per qualcuno che fa a *****, c’è anche chi fa bene per carità, tuttavia era un’idea che mi ero fatto (e mi tenevo silenziosamente per me): più si arriverà vicini a dover aprire, più si perderà trasparenza nei dati.

    Sic est.
    Ma quando le linee guida, seguendo l'OMS, sono completamente sbagliate?

    - - - Updated - - -

    L'Imperial College. è meglio lasciarlo perdere, Sono dei caz**ni che non capiscono nulla, sono allo stesso livello dell'Arcuri, il prggio del peggio, un burocrate inutile e dannoso

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #2463

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Alberto 2 Vedi messaggio
    L'Imperial College. è meglio lasciarlo perdere, Sono dei caz**ni che non capiscono nulla, sono allo stesso livello dell'Arcuri, il prggio del peggio, un burocrate inutile e dannoso
    Non esageriamo, è un’istituzione di primo ordine.
    Sui modelli epidemiologici ha cannato, non sono realistici (non dico affidabili), punto.

  5. #2464

    Predefinito

    allora diciamo che era un'istituzione di prim'ordine, ma in questa circostanza ha perso completamente credibilità

    è il rischio che si corre quando si rincorre la visibilità a tutti i costi

    certamente se poi fai 92 modelli alternativi come per l'Italia, magari uno lo imbrocchi pure

  6. #2465

    Predefinito

    Il vaccino più avanzato che stanno testando al momento, se mai dovesse superare tutti i test ed essere sicuro ed efficace, non sarà disponibile sul mercato prima del primo trimestre 2022. Quindi e’ mia opinione che per allora la maggior parte della gente il virus se lo sarà già preso ed il vaccino sarà quasi inutile,
    Per cui il calcolo dei morti andrebbe fatto alla fine della pandemia, cioè quando il virus smetterà di circolare e non dopo 6 mesi.
    Chi ha fatto un lockdown stretto ha limitato i danni della prima ondata. Ma poi? Che fanno? Stanno chiusi al mondo per altri 18-24 mesi?
    Se si la Nuova Zelanda forse lo puoi anche fare, ammesso che i cittadini accettino di essere confinati entro i confini nazionali per tutto quel tempo. Ma chi altro può, farlo? Di sicuro non l’Italia.

  7. #2466

    Predefinito

    Forse prima di criticarli e postare uno spezzatino di dati/grafici/ecc meglio leggerli bene i report dell’IC.
    Dove avrebbero sbagliato così clamorosamente?

  8. #2467

    Predefinito

    i 92 scenari italiani ad esempio

    secondo me è inaccettabile uscire con una analisi così. di scenari ne fai 3, non 92

  9. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  10. #2468

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da stefi74 Vedi messaggio
    Forse prima di criticarli e postare uno spezzatino di dati/grafici/ecc meglio leggerli bene i report dell’IC.
    Dove avrebbero sbagliato così clamorosamente?
    Se guardi il grafico pubblicato, secondo le regole attuali ci dovrebbero essere 74000 morti in Svezia e invece sono 4000 scarse e anche considerando un lockdown stretto ne prevedeva 22000. Dato che nel primo periodo il lockdown in Svezia non c'è mai stato e poi solo un divieto di assembramento per più di 50 persone, vedi cosa scrivono....
    Non hanno cannato solamente , non hanno capito nulla e e per avere numeri simili con un margine di errore da 5 a 25 volte la cifra stimata devono essere partiti da cifre completamnte sballate. E uno magari le paga questi "cervelloni", se facessero pulizie invece di occuparsi di grafici sarebbero più utili. Non puoi sballare in quella maniera, come hanno sballato le previsioni sulle possibilità in Italia. Un asino lavora meglio. La casalinga di Voghera farebbe molto meglio

  11. #2469

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da stefi74 Vedi messaggio
    Forse prima di criticarli e postare uno spezzatino di dati/grafici/ecc meglio leggerli bene i report dell’IC.
    Dove avrebbero sbagliato così clamorosamente?
    Nei modelli di previsione per l’Italia senza proseguimento del lockdown il numero di pazienti gravi in terapia intensiva ai primi di giugno variava da 9.000 a 151.000.
    Da statistico da marciapiede MI SEMBRA che non avessero tenuto in alcun conto una serie di variabili quali il fatto che i cittadini fossero già consapevoli, che misure minime le adottassero comunque tutti o la gran parte, ecc. ecc.

    Messo così è un esercizio statistico buono per una esercitazione scritta all’università; peccato che ci abbia relegato in casa per almeno un mese in più.
    La prossima volta facessero gli esperimenti sulla attendibilità dei modelli tra i loro conoscenti.

    P.S.: quella sulla Svezia è veramente roba da andare a nascondersi. Numeri assolutamente teorici che si spera almeno servano per una robusta correzione dei modelli.

  12. #2470

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da testataecassa Vedi messaggio
    i 92 scenari italiani ad esempio

    secondo me è inaccettabile uscire con una analisi così. di scenari ne fai 3, non 92
    La spiegazione dell’alto numero di scenari è plausibile. Il motivo chiave è che le variabili sono tantissime ed hanno voluto mostrare cosa cambia (nel modello ovviamente) in base alla modifica di una (o più) variabili alla volta.
    Senza voler fare lo ieratico ma gli articoli per la comunità scientifica o in generale per gli esperti, quando vanno in pasto ai giornalisti, ai social, e in genere a chi non ha le conoscenze per capirli creano spesso confusione e critiche ingiustificate. Questo lo dico non da saputello, non è il mio campo, ho fatto statistica medica, epidemiologia ed igiene pubblica, ma non sono un epidemiologo, e non saprei come criticare costruttivamente il modello. Però se si guarda non l’articolo postato a fine marzo, ma i modelli più recenti, il numero di morti è per la maggior parte dei paesi nella forchetta prevista, in base al tipo di risposta data dai vari sistemi.

  13. #2471

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bisfra65 Vedi messaggio
    Nei modelli di previsione per l’Italia senza proseguimento del lockdown il numero di pazienti gravi in terapia intensiva ai primi di giugno variava da 9.000 a 151.000.
    Da statistico da marciapiede MI SEMBRA che non avessero tenuto in alcun conto una serie di variabili quali il fatto che i cittadini fossero già consapevoli, che misure minime le adottassero comunque tutti o la gran parte, ecc. ecc.

    Messo così è un esercizio statistico buono per una esercitazione scritta all’università; peccato che ci abbia relegato in casa per almeno un mese in più.
    La prossima volta facessero gli esperimenti sulla attendibilità dei modelli tra i loro conoscenti.

    P.S.: quella sulla Svezia è veramente roba da andare a nascondersi. Numeri assolutamente teorici che si spera almeno servano per una robusta correzione dei modelli.
    Ma Bisfra se leggi non il grafico postato qui di Uppsala (non ho letto l’articolo) ma quello pubblicato dall’IC a marzo e a maggio, i numeri per la Svezia sono esatti (ergo: sono all’interno del margine di incertezza previsto).

  14. #2472

    Predefinito

    Ah no Bisfra trovato l’articolo di Uppsala.
    Pubblicato su Medrivx.com
    Giornale on-line cinese (guarda qui: dei cinesi non ci si deve fidare perché taroccano e nascondono ma se confermano quello che pensiamo li si cita; non parlo di te).
    Non ha Impact Factor
    Non è Peer reviewed.
    Scientificamente è carta igienica. Poco importa se sia gente che lavora in una buona università (Uppsala). Ho colleghi molto validi che hanno pubblicato su Medrivx, i colleghi restano validi, quello che hanno pubblicato resta spazzatura.

  15. #2473

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da stefi74 Vedi messaggio
    La spiegazione dell’alto numero di scenari è plausibile. Il motivo chiave è che le variabili sono tantissime ed hanno voluto mostrare cosa cambia (nel modello ovviamente) in base alla modifica di una (o più) variabili alla volta.
    Senza voler fare lo ieratico ma gli articoli per la comunità scientifica o in generale per gli esperti, quando vanno in pasto ai giornalisti, ai social, e in genere a chi non ha le conoscenze per capirli creano spesso confusione e critiche ingiustificate. Questo lo dico non da saputello, non è il mio campo, ho fatto statistica medica, epidemiologia ed igiene pubblica, ma non sono un epidemiologo, e non saprei come criticare costruttivamente il modello. Però se si guarda non l’articolo postato a fine marzo, ma i modelli più recenti, il numero di morti è per la maggior parte dei paesi nella forchetta prevista, in base al tipo di risposta data dai vari sistemi.
    come scriveva prima bisfra, la forchetta va da 9.000 a 150.000

    non è una forchetta questa, ma una sonora caxxata

    e poi in questo periodo, tu ricercatore che esci con uno studio che può determinare le sorti di una nazione, hai il DOVERE scientifico e morale di scrivere in modo che il giornalista, il politico e l'uomo della strada possano comprendere il messaggio e agire in modo consapevole con i tuoi numeri

    9-150 mila è una paraculata fatta apposta perché ognuno potesse "travisare" a suo piacimento lo studio

  16. #2474

    Predefinito Covid-19 e Sci alpino - SANITARIO [parte 4]

    No, mi spiace ma qui stai cannando e di brutto.
    Il dovere di uno scienziato, di un accademico è di parlare ai suoi colleghi, con un linguaggio e degli argomenti che sono codificati (e che non si scelgono).
    Il dovere di parlare al pubblico lo hanno i divulgatori. Ci sono accademici che sono ottimi divulgatori (in altro ambito penso al prof. Alessandro Barbero, che era relatore di tesi di mia sorella), ci sono ottimi divulgatori che non sono accademici o scienziati (in Italia Piero Angela per esempio).
    Poi, per la politica è più complesso, perché il politico non puó avere le competenze tecniche e deve avvalersi di tecnici per capire (un po’ come il giudice con i periti).
    Ma secondo me tu non hai capito cosa ha scritto l’IC. E da qui viene il tuo risentimento. Ci vorrebbe qualche divulgatore che spiegasse per bene, ma i giornalai locali (Vespa & co) preferiscono far casino senza informare per bene, perché nel paese delle banane si preferisce una pseudo-informazione urlata invece che spiegata.

  17. #2475

    Predefinito

    a me non interessa minimamente cosa scrive IC, io quello che voglio evitare è che si faccia uno studio con 92 scenari, alcuni palesemente irrealistici

    questo perché è ovvio, ripeto ovvio, che in un momento come questo se tu pubblichi uno scenario che non sta né in cielo né in terra, e che dice 150mila TI, il giorno dopo trovi i titoli in prima pagina che rischiamo 150mila TI

    tu scienziato lo sai che quello scenario è senza senso, e sai anche che il tuo dato irrealistico finirà in prima pagina

    quindi hai il DOVERE di presentare solo scenari realistici e fare in modo che un capo di stato legga l'abstract e riceva il giusto messaggio

Pagina 165 di 206 PrimoPrimo ... 65115155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175 ... UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •