Pagina 6 di 8 PrimoPrimo 12345678 UltimoUltimo
Mostra risultati da 76 a 90 di 113

Discussione: Scarponi Ski-Alp/"Free-Touring" Modificati

  1. #76

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da matyt Vedi messaggio
    Prima di modifiche irreversibili, proverei con qualcosa di meno impattante.
    Un booster dovrebbe fare al caso tuo.
    se proprio proprio, taglia.
    Però non penso sia un problema di altezza di lingua, così ti mura, ma solo sotto.
    Per il booster hai ragione ma è un processo un pò più lungo. Dovrei cambiare lo strap con gancio normale e attaccare il booster più alto.
    L'idea che muri ma più in basso è proprio l'obiettivo che vorrei raggiungere.

    Ovviamente ho un paio di linguettoni spare, quindi non sarebbe nulla di irreversibile.

  2. #77

    Predefinito

    A naso abbassare il linguettone di un centimetro non serve a nulla, anzi è controproducente in quanto aumenti la pressione sulla tibia.

    la rigidità dello scarpone deriva quasi esclusivamente dalla zona della piega del linguettone. Devi vedere il linguettone come una molla a balestra.
    A parità di spostamento, ovvero di rotazione del gambetto sul pivot, la forza che il liguettone ritorna è sempre la stessa. Se tu riduci la superfice di contatto tra tibia e linguettone, neccessariamente stai aumentando la pressione in quanto Forza = Pressione*Superficie.

    Aumentando l'angolo zero generi un precarico sul linguettone e raggiungi la forza max di ritorno prima(con meno gradi incrementali di caviglia), ovvero il muro arriva prima…
    in soldoni hai ridotto l'escursione di caviglia sfruttabile.

    L'ottimo sarebbe disporre di un linguettone con una piega naturale(la sua posizione neutra) leggermente più chiusa e stessa rigidezza.

    Alternativamente si potrebbe provare a ridurre leggermente la rigidità del linguettone intervenedo nella zona della piega. Se ben dosato, l'effetto finale potrebbe essere praticamente equivalente. La forza di stacco iniziale sarebbe leggermente superiore a quella originale(ma inferiore a quella del linguettone precaricato e non modificato), mentre durante la corsa la minore rigidezza porterebbe al raggiungimento della forza max con "qualche grado di caviglia" in più, ovvero recuperare un poco di escursione utilizzabile.

    Tutto bello a parole ma nei fatti piuttosto complicato da controllare.
    Sono valutazioni spannometriche e gli effetti possono essere solo misurati a senzazione. Pertanto ti stai infilando in un metodo iterativo per tentativi. Che se ben implementato arriva anche lui a convergenza, ma richiede di poter tornare indietro, ovvero hai bisogno di una coppia di linguettoni di scorta.

    Esempio:

    Potresti partire praticando un foro da 6mm nella parte centrale della piega, lo provi e se non è abbastanza ne pratichi due ulteriori a 1/4 e 3/4. Riprovi e se ti accorgi che sei andato troppo oltre, prendi un linguettone nuovo e fai solo il foro centrale da 6mm, magari aumentato a 8mm.

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #78

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Jms-1 Vedi messaggio
    A naso abbassare il linguettone di un centimetro non serve a nulla, anzi è controproducente in quanto aumenti la pressione sulla tibia.

    la rigidità dello scarpone deriva quasi esclusivamente dalla zona della piega del
    linguettone
    . Devi vedere il
    linguettone come una molla a balestra. A parità di spostamento, ovvero di rotazione del gambetto sul pivot, la forza che il liguettone ritorna è sempre la stessa. Se tu riduci la superfice di contatto tra tibia e linguettone, neccessariamente stai aumentando la pressione in quanto Forza = Pressione*Superficie.

    Aumentando l'angolo zero generi un precarico sul linguettone e raggiungi la forza max di ritorno prima(con meno gradi incrementali di caviglia), ovvero il muro arriva prima...in soldoni hai ridotto l'escursione di caviglia sfruttabile.

    L'ottimo sarebbe disporre di un linguettone con una piega naturale(la sua posizione neutra) leggermente più chiusa e stessa rigidezza.

    Alternativamente si potrebbe provare a ridurre leggermente la rigidità del linguettone intervenedo nella zona della piega. Se ben dosato, l'effetto finale potrebbe essere praticamente equivalente. La forza di stacco iniziale sarebbe leggermente superiore a quella originale(ma inferiore a quella del linguettone precaricato e non modificato), mentre durante la corsa la minore rigidezza porterebbe al raggiungimento della forza max con "qualche grado di caviglia" in più, ovvero recuperare un poco di escursione utilizzabile.

    Tutto bello a parole ma nei fatti piuttosto complicato da controllare.
    Sono valutazioni spannometriche e gli effetti possono essere solo misurati a senzazione.
    Pertanto ti stai infilando in un metodo iterativo per tentativi. Che se ben implementato arriva anche lui a convergenza, ma richiede di poter tornare indietro, ovvero hai bisogno di una coppia di linguettoni di scorta.

    Esempio:

    Potresti partire praticando un foro
    da 6mm
    nella parte centrale della piega, lo provi e se non è abbastanza ne pratichi due ulteriori a 1/4 e 3/4. Riprovi e se ti accorgi che sei andato troppo oltre, prendi un linguettone nuovo e fai solo il foro centrale da 6mm, magari aumentato a 8mm.
    Grazie per la delucidazione! Ho sicuramente preso in considerazione l'idea di una linguetta più morbida ma ho un paio di perplessità a riguardo:
    - perché non mettere semplicemente una linguetta 120 invece di fare buchi su 130.
    - La durezza dello scarpone in se mi piace, non vorrei passare a 120 e trovarmi con uno scarpone troppo morbido. L'unica cosa che vorrei cambiare è questa parte iniziale di flex
    - Parlando di Tibia/linguettone: abbassando il punto di contatto tibia/linguettone aumento la leva su il linguettone della mia gamba o sbaglio? dandomi qualche grado di movimento caviglia in avanti in più prima di entrare in contatto con la forza della linguetta.


    L'ideale sarebbe sicuramente modificare angolo zero e mantenere la stessa linguetta.

  5. #79

    Predefinito

    Una linguetta più morbida, se disponibile è certamente da preferire a praticare fori…

    abbassare il linguettone non cambia la rigidità dello stesso, riduce solo la superfice di contatto e il braccio di leva per fletterlo….ma le forze che imprimi sono le stesse quindi ottieni solamente un aumento della pressione sulla tibia, imho.


    Per ottenere quello che cerchi l'unica è disporre di una linguetta identica come rigidezza ma più chiusa per essere neutra nella posizione zero…

    poi bisognerebbe capire anche quando vorresti incontrare il "muro", ovvero lo stop in chiusura di caviglia..

    ricapitoliamo dando numeri un po' a caso e un po' no:

    Linguettone 130
    :
    range da +5° a +30°, effettivo da +7° a +25°
    Nota: devi vederlo un po come il sag delle sospensioni, in avanzamento carichi lo scarpone e qualche grado di caviglia in più lo ottieni, il problema che mi pare di capire che in arretramento vorresti mantenere la caviglia più chiusa, da qui l'idea di spessorare lo sblocco. Inoltre capisco che mura "giusto".

    linguettone 130 e spessore sul blocco ski-walk:
    range da +10° a +30°, effettivo da +10° a +25°
    Nota: in arretramento è ok, ma parte troppo duro e la senzazione è che muri troppo presto(solo 15° di caviglia).

    Linguettone 120:
    range da +5° a +35°, effettivo da +10° a +30°
    Nota: siamo nel campo della speculazione, ma grosso modo va così. Resta il problema dell'angolo in arretramento mentre si aggiunge quello del muro che si è spostato più avanti in assoluto, ma ancor di più in termini relativi( da +5 a +30, ovvero 25°)

    Linguettone 120
    e spessore sul blocco ski-walk:
    range da +10° a +35°, effettivo da +10° a +30°
    Nota: in arretramento è ok, parte sicuramente meno duro del 130 spessorato, il muro arriva dopo in termini assoluti ma la senzazione potrebbe essere che è solo un attimo dopo in quanto lo fa in 20°, ovvero quanto il linguettone 130 senza spessore.

    Come dicevo l'unica è fare delle prove


  6. Lo skifoso Jms-1 ha 4 Skife:


  7. #80

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Jms-1 Vedi messaggio
    Una linguetta più morbida, se disponibile è certamente da preferire a praticare fori…

    abbassare il linguettone non cambia la rigidità dello stesso, riduce solo la superfice di contatto e il braccio di leva per fletterlo….ma le forze che imprimi sono le stesse quindi ottieni solamente un aumento della pressione sulla tibia, imho.


    Per ottenere quello che cerchi l'unica è disporre di una linguetta identica come rigidezza ma più chiusa per essere neutra nella posizione zero…

    poi bisognerebbe capire anche quando vorresti incontrare il "muro", ovvero lo stop in chiusura di caviglia..

    ricapitoliamo dando numeri un po' a caso e un po' no:

    Linguettone 130
    :
    range da +5° a +30°, effettivo da +7° a +25°
    Nota: devi vederlo un po come il sag delle sospensioni, in avanzamento carichi lo scarpone e qualche grado di caviglia in più lo ottieni, il problema che mi pare di capire che in arretramento vorresti mantenere la caviglia più chiusa, da qui l'idea di spessorare lo sblocco. Inoltre capisco che mura "giusto".

    linguettone 130 e spessore sul blocco ski-walk:
    range da +10° a +30°, effettivo da +10° a +25°
    Nota: in arretramento è ok, ma parte troppo duro e la senzazione è che muri troppo presto(solo 15° di caviglia).

    Linguettone 120:
    range da +5° a +35°, effettivo da +10° a +30°
    Nota: siamo nel campo della speculazione, ma grosso modo va così. Resta il problema dell'angolo in arretramento mentre si aggiunge quello del muro che si è spostato più avanti in assoluto, ma ancor di più in termini relativi( da +5 a +30, ovvero 25°)

    Linguettone 120
    e spessore sul blocco ski-walk:
    range da +10° a +35°, effettivo da +10° a +30°
    Nota: in arretramento è ok, parte sicuramente meno duro del 130 spessorato, il muro arriva dopo in termini assoluti ma la senzazione potrebbe essere che è solo un attimo dopo in quanto lo fa in 20°, ovvero quanto il linguettone 130 senza spessore.

    Come dicevo l'unica è fare delle prove

    Effettivamente difficile darti torto.. A questo punto mi sa che, visto che ho comunque dei linguettoni a disposizione, provo tutto. Monterò 120 normale e provo lo stesso a togliere centimetri alla 130 (ormai per curiosità personale). Aggiorno nei prossimi giorni appena provo tutto

    P.s. voglio continuare anche l'idea del linguettone perché mi è stata consigliata dal bootfitter, il quale si dimostrato impeccabile fino ad ora.

  8. Lo skifoso frantastic ha 2 Skife:


  9. #81

    Predefinito

    https://www.facebook.com/permalink.p...00010138934401

    secondo voi potrebbero entrare in un vulcan 28.5, non ho idea come funzioni la compatibilità tra le taglie. Su un vecchio scarpone avevo la scarpetta overlap e in discesa mi trovavo parecchio bene. Coi vulcan non mi trovo male, ma ho fastidio ai malleoli e sono poco progressivi, con quelle scarpette potrebbero migliorare? 30€ potrei spenderceli

  10. #82

    Predefinito

    non mi funziona il link, sarà che non ho facebook

    cosa sono?

  11. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  12. #83

    Predefinito

    Sono queste: scarpetta taglia 28, messe 3/4 volte, pari al nuovo, termoformate una volta, di scarponi Scarpa TX (arancione)








  13. Skife per Dropper:


  14. #84

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dropper Vedi messaggio
    Sono queste: scarpetta taglia 28, messe 3/4 volte, pari al nuovo, termoformate una volta, di scarponi Scarpa TX (arancione)







    Tra volumi mediamente generosi del Vulcan e possibilità di bootfitting, secondo me riesci a farcele stare.
    Quanto chiede il tipo? Se ci fosse modo si accordarsi sul rimandargliele in caso non siano compatibili con i tuoi scafi sarebbe sicuramente ideale.
    Potrebbe aver senso un passaggio con il customer care Intuition (son veloci, almeno nella mia esperienza) per capire a quale loro modello corrispondono e quanto sono voluminose.
    Io ho provato a infilar senza successo delle PowerWrap nei miei TLT6, che risultavano eccessivamente voluminose.
    Con delle Plug, stile PowerWrap ma 3mm più fini, mi ci trovo da dio anche senza aver avuto modo di far una termoformatura seria a causa chiusura negozi.
    Sono più leggere di quelle del Freedom RS che usavo, sciano meglio senza camminar peggio, son più calde, e non mi hanno fatto venire manco mezza vescica.

  15. Skife per maremonti:


  16. #85

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da maremonti Vedi messaggio
    Tra volumi mediamente generosi del Vulcan e possibilità di bootfitting, secondo me riesci a farcele stare.
    Quanto chiede il tipo? Se ci fosse modo si accordarsi sul rimandargliele in caso non siano compatibili con i tuoi scafi sarebbe sicuramente ideale.
    Potrebbe aver senso un passaggio con il customer care Intuition (son veloci, almeno nella mia esperienza) per capire a quale loro modello corrispondono e quanto sono voluminose.
    Io ho provato a infilar senza successo delle PowerWrap nei miei TLT6, che risultavano eccessivamente voluminose.
    Con delle Plug, stile PowerWrap ma 3mm più fini, mi ci trovo da dio anche senza aver avuto modo di far una termoformatura seria a causa chiusura negozi.
    Sono più leggere di quelle del Freedom RS che usavo, sciano meglio senza camminar peggio, son più calde, e non mi hanno fatto venire manco mezza vescica.
    Chiede 30€, ora devo sentire per la spedizione, sì posso chiedergli se se li riprende nel caso non vadano bene.

  17. #86

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dropper Vedi messaggio
    Chiede 30€, ora devo sentire per la spedizione, sì posso chiedergli se se li riprende nel caso non vadano bene.
    Per quella cifra un tentativo lo farei comunque.

  18. #87

    Predefinito

    Dropper, scusa il ritardo ma per una volta potrei risultarti utile

    son le intuition degli Scarpa da telemark (io le ho nei miei T1), le ho provate un paio di volte sui Freetour e non mi sbilancio in paragoni perchè non sono nuove e perchè mettere una wrap in un overlap non mi ha mai fatto impazzire come idea.

    Però la qualità/fattura è buona, io che di mio preferisco le wrap alle normali linguettate/stringate le ho trovate non troppo distanti dalle wrap classiche che usavo sui mercury (e poi sui lupo).

    Visto quest'ultimo punto, secondo me metterle in una scarpa come il Vulcan può solo che andar bene anche solo come esperimento (visto il prezzo). Provaci e facci sapere. Camminerai un attimo peggio ma chisenefrega, ci guadagni in progressività nel flex (rispetto alle scarpette di serie della famiglia Mercury/Vulcan, un rutto)

  19. Skife per forwardmount:


  20. #88

    Predefinito

    Non avevo aggiornato, ma il giorno che mi avete risposto verso l'ora di pranzo l'ho sentito e le aveva già vendute, perciò non posso dare riscontri sulla scarpetta.

  21. #89

    Predefinito

    Invece di aggiornavi solamente su come ho risolto il problema di cui sopra, vi racconto tutto lo storico delle modifiche ai miei scarponi.

    Un paio di dovute premesse: ho sempre avuto grossi problemi ai piedi, sia per sensibilità sia per forma. Ho sempre faticato tantissimo con la scelta degli scarponi, al punto tale da utilizzare gli stessi scarponi race da quasi 7 anni, e non avere mai trovato lo scarpone da freeride perfetto per il mio piede fino ad ora. Al momento scio con Roxa R3, e sin dall'inizio sono rimasto molto soddisfatto di come il mio piede si parcheggiava, e molto soddisfatto di come sciano.
    Ultima premessa, ho una capacità di adattamento della sciata a differenti scarponi pari a zero

    MODIFICHE. Superfluo specificare come, partendo da una semplice modifica, arrivino a cascata numerose altre necessarie per riadattare lo scarpone a tale modifica.

    - Fitting scafo: avendo il collo alto, ho dovuto alzare lo scarpone per evitare pressione e dolore atroce su tutto il piede. Ho dovuto allargare ad altezza dei mignoli causa borsite. Questo fitting è in parte causa di modifiche successive.

    - Spessorato walk mode, per aumentare il Forward Lean utilizzando una spatola da sciolina, limata a modo. Avvitato allo scafo. @maremonti docet
    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	6009c99a5f75aIMG_9971.jpg
Visite:	24
Dimensione:	76.5 KB
ID:	75615

    - Aumentando il forward lean ho dovuto rendere i linguettoni più morbidi (problema di cui discusso in precedenza), per evitare che murasse subito. Al momento sto viaggiando tra linguettoni da 120 e 110, ancora da capire quale sia il migliore. Verosimilmente userò entrambi a seconda delle condizioni.
    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	6009c99208b08IMG_9975.jpg
Visite:	21
Dimensione:	120.8 KB
ID:	75614

    - Modifica sistema di blocco "HARD-SOFT": l'R3 ha un sistema semplice e interessante, con il quale si può utilizzare un inserto di plastica che blocca le plastiche nella parte posteriore dello scarpone, limitandone la flessione. Interessante a parere mio avere la rigidità che deriva anche dalla zona malleolo, senza affidare tutto ai linguettoni davanti per poi avere il resto che si flette solamente a guardarlo. Avendo modificato l'inclinazione dello scarpone, ho dovuto ridurre la dimensione della leva di blocco poiché incastrasse nuovamente nelle plastiche.
    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	6009c99386b36IMG_9974.jpg
Visite:	20
Dimensione:	88.8 KB
ID:	75613

    - Aggiunta lift talloni: l'aver aumentato il volume sul collo e spostato il forward Lean, mi ha portato ad aggiungere spessori sui talloni, per evitare di "affondare" con essi durante i cambi di direzione, e perdere completamente controllo. Ho aggiunto uno spessore rigido di 4mm tra scafo e soletta, incollato con biadesivo, e uno in gel interno alla scarpetta, sotto la soletta.
    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	6009c995b4d5cIMG_9973.jpg
Visite:	16
Dimensione:	60.0 KB
ID:	75616 Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	6009c98e0baeaIMG_9978.jpg
Visite:	17
Dimensione:	89.9 KB
ID:	75617

    - solette personalizzate: uso soletta personalizzata, che posso spostare su tutti gli scarponi. Decisamente game changer in termini di controllo. Investimento più valido mai fatto quando parliamo di scarponi.
    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	6009c9903528cIMG_9977.jpg
Visite:	13
Dimensione:	78.1 KB
ID:	75618

    - calzino in neoprene: non me ne libero più da quando lo ho provato. Basta tagliare i punti di pressione, e si ha un riempimento perfetto della calzata, evitando di avere roba appiccicata ovunque sulla scarpetta che si stacca ogni 2 per 3.
    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	6009c98b6929bIMG_9979.jpg
Visite:	19
Dimensione:	83.2 KB
ID:	75619

    - Spoiler Lange: uso spoiler lange, che sono i più spessi che ho trovato
    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	6009c99847128IMG_9972.jpg
Visite:	13
Dimensione:	65.3 KB
ID:	75620

    - utilizzando spoiler spessi, mi hanno portato ad avere troppo spazio tra scarpetta e scafo subito al di sotto di essi, livello malleolo. Ho dovuto quindi aggiungere qualche appicchino ahah
    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	6009ce0d8dbabIMG_9980.jpg
Visite:	17
Dimensione:	102.3 KB
ID:	75621 p.s. scarpetta intuition termoformata.


    Versione definitiva dello scarpone, o almeno molto vicina. Migliore scarpone mai avuto fino ad ora, contentissimo della qualità e di come scii e sopratutto del fatto che mi abbia reso l'applicazione di queste modifiche semplicissima, tutto molto intuitivo e facile da eseguire. Avrei imprecato non poco a fare lo stesso su altri scarponi.

    Fine della storia.

  22. Lo skifoso frantastic ha 4 Skife:


  23. #90

    Predefinito

    Tutte valide, grazie del contributo. Bello

Pagina 6 di 8 PrimoPrimo 12345678 UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •