Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Regole e (poco) magnifiche comunità montane

  1. #1

    Predefinito Regole e (poco) magnifiche comunità montane

    Da Voci di Cortina.it

    Leggo sull'ultima edizione de "Inze e fora dal bosco" edito della Comunanza Regoliera che le 9 Regole Basse con la Regola Alta di Larieto hanno modificato il loro Laudo inserendo la variante che riguarda i "Fioi de sote famèa" cioè i figli dei Consorti Regolieri che, non avendo ancora raggiunto il 25° anno di età, verranno riconosciuti Regolieri con tutti i diritti e doveri che ciò comporta.

    Il tutto viene espresso con ampia soddisfazioni ed orgoglio di chi scrive l'articolo.
    Mi sorge spontanea la domanda: a quando una qualche apertura alle donne???

    Se ne parla da circa 30 anni (ho avuto l'onore di partecipare a più Commissioni per la revisione del Laudo e pur avendo proposto alla Giunta delle Regole qualche modifica nulla mai è stata accolta!).

    È noto che la Regione del Veneto nel momento di istituire il Parco d'Ampezzo aveva espressamente chiesto di riconoscere anche alle donne la possibilità di entrare in Regola...ma ciò è stato sempre disatteso....tanto i contributi arrivano sempre e comunque!

    Recentemente, con mia sorella, abbiamo avuto modo di riscontrare che, anche nella gestione delle nostre prestigiose ed antiche Cappelle, è e resta in vigore del relativo Capitolo la regola che la donna non può ereditare il titolo di Consorella che aveva la madre... Cosa vuol dire? Che la fede della donna vale meno di quella dell'uomo? Strana questa cosa, avevamo capito che davanti al Signore siamo tutti uguali.

    Bene - ultima considerazione - spesso sentiamo dire dai più pessimisti che finiremo o, meglio, finirete (perchè chi scrive non è Regoliera) in una Riserva, del tipo riserva indiana, in Pian de Loa o a Lerosa - poco importa. Quello che nessuno realizza è che siete voi Regolieri che vi state costruendo il recinto.

    31 gennaio 2020
    Ma siamo in Italia? Siamo nel 2020? Ma non ci vergogniamo?
    vale anche per altre istituzioni della montagna?

    Qualche local o vicino mi sa spiegare la motivazione di questo oscurantismo?
    Mi sfugge qualcosa?

  2. #2

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da botto Vedi messaggio
    Da Voci di Cortina.it



    Ma siamo in Italia? Siamo nel 2020? Ma non ci vergogniamo?
    vale anche per altre istituzioni della montagna?

    Qualche local o vicino mi sa spiegare la motivazione di questo oscurantismo?
    Mi sfugge qualcosa?
    Le regole del Centro Cadore sono già aperte alle donne.

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #3

    Predefinito

    Perfino in Alto Adige, dove in alcune zone sono retrogradi tipo Medioevo (uomo nei campi, donna a casa), hanno i masi chiusi ereditabili dalle donne.

    Ciao

-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •