Posizione classifica anno 2020: 16/35 | Posizione in classifica generale: 1933/3391.
Mostra risultati da 1 a 12 di 12

Discussione: Passo Brocon - 14/01/2020

  1. #1

    Predefinito Passo Brocon - 14/01/2020

    La sera del lunedì mi ritrovo a bighellonare per le strade di Fiera di Primiero. Fa freddo, il termometro segna quattro gradi sottozero, ma la passeggiata mi permette di scoprire un paese molto bello, che avevo lambito altre volte senza però mai fermarmi.
    Un recente monumento risalente all’anno passato celebra un importante figlio di queste terre, l’ingegner Luigi Negrelli progettista del canale di Suez. La scalinata delimitata da ringhiere in acciaio corten avrebbe proprio il compito di rappresentare il taglio dell’istmo operato dal canale, secondo quanto spiegato in un pannello esplicativo.



    ———————


    Il mattino dopo mi sveglio di buon’ora, impaziente di solcare le nevi di un comprensorio a me sconosciuto. Discendo la valle del Cismon per pochi km e poi giro a destra imboccando la lunga galleria sotto il monte Totoga che mi porta nella valle del Vanoi.
    Appena uscito, un pannello a messaggi variabili mi avverte che la SP79 per Castello Tesino è interrotta al km 17 per una frana, prima quindi di Passo Brocon.
    Porca miseria, mi tocca salire dall’altra parte!
    Ripercorro nel senso opposto la galleria, poi scendo, salgo a Lamon, prendo la strada della Roa, mi ricollego sopra Castello Tesino alla SP79 e infine giungo a destinazione.
    La lunga deviazione mi farà cominciare a sciare alle 9:40 invece che alle 9:00… pazienza.




    Mi aspettavo un comprensorio un po’ scalcagnato, magari con un ufficio skipass costituito da un semplice gabbiotto a fianco della seggiovia di accesso.
    E invece no: lo skipass si fa in un'ampia, moderna e pulitissima sala coperta che ospita anche noleggio attrezzature, bagni, spogliatoi e armadietti, collegata per mezzo di scale mobili al bar-ristoro sovrastante a bordo pista.
    L’accesso ai campi da sci ricorda un po’, in piccolo, gli accessi al Plan da Riscone o da Valdaora: ammazza! E chi se lo aspettava?


    Il comprensorio, come si evince dalla cartina, è servito da tre soli impianti:

    • la seggiovia di accesso Marande, da 1618 m a 1900 m, che porta allo chalet Paradiso (unico ristoro in quota)
    • la breve seggiovia Valfontane, da 1710 m a 1857 m
    • la seggiovia Laresè, da 1708 m a 2050 m,

    tutte quadriposto ad agganciamento fisso.


    Dunque, alle 9:40 salgo sulla Marande


    Sotto, sentiero dedicato per pellatori


    Arrivo a 1900 m. Parzialmente inquadrato lo chalet Paradiso. Bel colpo d’occhio su Pale e gruppo piz Sagron - Sass de Mura.


    Dalla stessa posizione, ruotando verso destra, ora sono inquadrati Piz Sagron e Sass de Mura, il gruppo del Pavione (vette Feltrine), il monte Coppolo. Si vede anche l’arrivo della seggiovia Valfontane e due tratti di pista paralleli (Variante Paradiso e parte della Paradiso) che scendono verso la conca sottostante il monte Àgaro.


    Arrivo seggiovia Marande; dietro il Lagorai.


    Bene, facciamo la prima pista di giornata, la rossa Piloni.






    Ora è la volta della rossa Del Bosco.




    Prendo una terza volta la seggiovia Marande, e questa volta torno al via grazie alla concatenazione di nera Strafaiole + blu Matusa


    Strafaiole


    Sguardo all’indietro su incrocio tra Strafaiole e Matusa


    Blu Matusa


    Sono di nuovo allo chalet Paradiso dopo la quarta risalita consecutiva con la seggiovia Marande. Ora punto verso l’arrivo della seggiovia Valfontane. Sullo sfondo il monte Coppolo a destra, e più lontane al centro le Vette Feltrine culminanti nel monte Pavione. All'estrema sinistra Sass de Mura e Piz Sagron


    La breve ma divertente rossa Valfontane


    Seggiovia Valfontane


    Parte terminale della breve pista Malga, in arrivo anch’essa ai piedi della seggiovia Valfontane


    Dopo aver preso la seggiovia Valfontane, giro a destra seguendo parte della pista Paradiso


    Nella “conca”. Inquadrata la rossa Prisco.


    Tratto di Paradiso quasi pianeggiante. Sempre Coppolo e Pavione sullo sfondo


    Ancora pista Paradiso. Ancora monte Coppolo sullo sfondo


    Siamo quasi giunti al bivio tra pista Malga e Pista Paradiso


    Bivio


    Pista Paradiso a destra


    Pista Malga (con le Pale sullo sfondo) a sinistra


    Ancora pista Malga, con a vista la partenza della seggiovia Valfontane e il bacino per innevamento. Aguzzando un po’ la vista, si può notare come dietro il fianco del Cimon della Pala faccia capolino anche Cima Vezzana.
    Invece non sono riuscito a riconoscere il Sass Maor, la più bella (a mio gusto) cima delle Pale, probabilmente perché il suo profilo caratteristico da questa posizione è “annegato” nello sfondo.


    Dopo aver preso una seconda volta la seggiovia Valfontane, arrivo finalmente ai piedi della seggiovia Laresè. Inquadrato l’ultimo tratto della pista Paradiso


    Seggiovia Laresè


    Si arriva al punto più alto del comprensorio, a quota 2050 m


    Cima d’Asta, massima elevazione della catena Lagorai-Cima d'Asta


    Là dietro, a una ventina di km in linea d’aria, c’è il Cermis


    La croce di vetta del monte Àgaro, a 2072 m slm.


    Ma ora è tempo di scendere per la rossa Laresè. A sinistra delle Pale compare la parete sud della Marmolada.


    All’inizio la pista Laresè è un placido stradello.
    Lontano in centro, sullo sfondo, si nota la piccola piramide del monte Peurna con ai lati due montagne che paiono “piatte”: il Tomatico a sinistra e il Grappa a destra.
    Tomatico, Peurna, Grappa: ovvero il massiccio del Grappa che curiosamente, dalla pianura veneta, ha praticamente la stessa forma con il piccolo Peurna che fa da “perno” al centro e Tomatico e Grappa ovviamente invertiti rispettivamente a destra e sinistra.
    Tra il Tomatico e il monte Coppolo in primo piano, compare in bella mostra il monte Avena, un placido panettone di poco più di 1400 m che ospita un paio di ski-lift con relative piste


    Più avanti la rossa Laresè si “movimenta”




    Decido di ripetere una seconda volta la bella Laresè, poi torno nuovamente in cima e mi apparecchio a scendere per la blu Paradiso. Sullo sfondo la Valsugana verso Trento


    Parte alta pista Paradiso, al sole, dominata da cima d’Asta


    Scendo verso la “conca” con la variante Paradiso. Davanti a me la bella pista rossa Prisco…


    … che decido subito di fare


    Rimane da scendere solo la breve “Monte Rosso”, pista lasciata volutamente non battuta. Me la sarei anche potuta risparmiare: la neve è dura come il marmo e ho paura che mi si sganci da un momento all’altro uno sci, quindi a metà pendio taglio in diagonale e raggiungo la Prisco




    Ripeto diverse piste di qua e di là; poi alle ore dodici, cinquantanove minuti e cinquantanove secondi, un secondo prima della scadenza del mio mattiniero, prendo per l’ottava e ultima volta la seggiovia Laresè che mi riporta in quota.
    Mi tolgo gli sci e salgo velocemente a “conquistare” la vetta del monte Àgaro che, cento anni fa, era presidiata dalle truppe austro-ungariche. Via via più lontani si vedono il monte Coppolo, il monte Avena e il terzetto Tomatico-Peurna-Grappa.


    Marmolada, Pale, Piz Sagron e Sass de Mura


    Stazione di monte seggiovia Laresè. All’estrema sinistra cima d’Asta


    Croce


    In basso si vede Castello Tesino. Sullo sfondo l’altopiano di Asiago scintillante di neve che gradualmente si innalza a destra verso Ortigara, cima XII e altre vette ben note teatro di tanti accadimenti bellici


    Ultima foto doverosa alla catena del Lagorai



    ——————-


    Scendo fino alla Chalet Paradiso per un panino, una birra e un po’ di sole, poi faccio l’ultima pista e sono a base impianti alle due e mezza.
    Mi riprendo la cauzione inserendo lo skipass nella macchinetta automatica, e mi accomiato contento dal piccolo e accogliente comprensorio di Passo Brocon.


    Mi metto in macchina e plano distrattamente verso Castel Tesino, supero il paese e quindi imbocco la SP75 “del Murello” che scende verso Grigno. Sto guidando rilassato e soddisfatto senza pensare a niente, ma piano piano mi scuoto dal torpore… non ce ne sono mica tante di strade così! La strada corre sul fianco sinistro della stretta (e direi a tratti impressionante) valle del torrente Grigno, affluente di sinistra del Brenta.
    Il percorso si sviluppa a mezza costa, anzi: a mezzaparete
    Sopra e sotto la carreggiata incombono alte pareti verticali. E poi, curve cieche, tornanti in galleria… c’è di tutto.



    Quando finalmente giungo sul fondovalle mi trovo ad attraversare un tratto di Valsugana, diciamo a cavallo di Primolano, che in inverno riceve ben poca luce e che mi offre uno spettacolo quasi “subartico”: prati, alberi… è tutto bianco di brina, di ghiaccio, di (poca) neve vecchia.
    Sono circa le tre del pomeriggio e ci sono due gradi sottozero.
    Una mezz’oretta dopo, a Bassano, il termometro della macchina segnerà +7°C.
    Ultima modifica di subsahara; 16-01-2020 alle 01:22 PM.


  2. #2

    Predefinito

    report notevolissimo!!! complimenti!

    non sono mai stato al brocon ma ne ho sempre sentito parlare bene per una giornata di slow-ski... un paio di piste dalle foto sembrano brevi ma molto interessanti... e immagino che quei boschetti radi, nei giorni giusti, siano un bel parco giochi...

  3. Skife per alfpaip:


  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #3

    Predefinito

    Bellissimo report...
    mi piacerebbe un casino andarci!!
    Non si può fare un tunnel sotto al Lagorai ??

  6. Skife per emi70:


  7. #4

    Predefinito

    Bel report, grazie!

    Citazione Originariamente scritto da alfpaip Vedi messaggio
    report notevolissimo!!! complimenti!

    non sono mai stato al brocon ma ne ho sempre sentito parlare bene per una giornata di slow-ski... un paio di piste dalle foto sembrano brevi ma molto interessanti... e immagino che quei boschetti radi, nei giorni giusti, siano un bel parco giochi...
    Non male ma c'è di meglio... qui il Brocon in versione fuoripistaiola: https://www.skiforum.it/forum/showthread.php?t=66750

  8. Lo skifoso rbodini ha 3 Skife:


  9. #5

    Predefinito

    Ahahah che bel ricordo il Brocon! Ci sono andato per tre anni di fila, il 2011 sicuramente l'anno migliore....caddero 40 cm la notte di mercoledì, il giorno dopo era uno spettacolo...



  10. Lo skifoso Wester ha 2 Skife:


  11. #6

    Predefinito

    Grazie a tutti degli apprezzamenti!

    Citazione Originariamente scritto da alfpaip Vedi messaggio
    non sono mai stato al brocon ma ne ho sempre sentito parlare bene per una giornata di slow-ski... un paio di piste dalle foto sembrano brevi ma molto interessanti...
    Direi che è proprio così, e poi panoramicamente merita parecchio

    Citazione Originariamente scritto da emi70 Vedi messaggio
    mi piacerebbe un casino andarci!!
    Non si può fare un tunnel sotto al Lagorai ??
    Fai base in val di Fiemme, no? Effettivamente ho visto che nonostante la vicinanza in linea d'aria ci vogliono un paio d'ore in macchina... vada per il tunnel!
    Comunque, a parte gli scherzi, una giornata all'insegna del relax gliela potresti dedicare

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    (...) la vetta del monte Àgaro che, cento anni fa, era presidiata dalle truppe austro-ungariche
    Qui ho scritto una stupidaggine.
    Ho controllato per sicurezza e ho letto che la zona di Castello Tesino e del passo Brocon venne occupata dalle truppe italiane all'inizio della guerra nel 1915, e là rimasero fino alla rotta di Caporetto

  12. #7
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Non fosse che è lontanissimo per uno che parte dalla pianura, L’avrei messo in target da un pezzo.


    Ecco, direi Sass Maor (1) e Cima della Madonna (2), vero si “nascondono davanti” alle cime del Pradidali Immnik e compagnia bella

    Sass Maor credo




    Comunque bella come la Pala di San Martino (lá a sx) non c’è niente.
    Ah no, il Sass D’Ortiga visto dalla Val Canali, con il gigantesco masso che crea il bucone sullo spigolo ovest (la linea perfetta della weissner-kess)

  13. Lo skifoso madflyhalf ha 2 Skife:


  14. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  15. #8

    Predefinito

    Il Brocon ha piste non lunghe ma belle inoltre c’e’ una nella preparazione veramente notevole, sempre in eccellenti condizioni.
    Quest’anno con la scusa che ho fatto lo stagionale dolomisupeski non sono ancora andato.
    Peccato solo per quella strada tortuosa per arrivare dalla valsugana a Castel Tesino arrivando da Bassano, ma veramente merita una visita.

  16. Skife per Diabolik70:


  17. #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da madflyhalf Vedi messaggio

    Ecco, direi Sass Maor (1) e Cima della Madonna (2), vero si “nascondono davanti” alle cime del Pradidali Immnik e compagnia bella

    Sass Maor credo

    Grazie @Madflyhalf, dell'aiuto grafico!
    Controllando sulla carta, immediatamente dietro c'è Cima Canali, e ancora più dietro la Fradusta.
    Difficile comunque raccapezzarcisi da quel punto d'osservazione E' tutto schiacciato.

    Citazione Originariamente scritto da Diabolik70 Vedi messaggio
    Peccato solo per quella strada tortuosa per arrivare dalla valsugana a Castel Tesino arrivando da Bassano
    Ne ho parlato nel report: la provinciale da Grigno a Castel Tesino... sì, tecnicamente è una stradaccia, ma è anche molto spettacolare.
    Direi più meritevole di essere percorsa della non lontana, famosissima, strada del passo San Boldo.

  18. #10
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Giustissimo!
    Sono andato a memoria, ma cima Immink è di fianco alla Pala, mentre Cima Pradidali è poco più a sud sopra il rifugio!

    Molto difficile da vedersi con quelle foto, non sono nemmeno sicuro siano loro, ma da quella foto sembra relativamente chiaro... in altre foto successive, la mancanza di ombre appiattisce ancora di più e mi fa nutrire qualche dubbio ulteriore!

    - - - Updated - - -

    Direi che c'ho preso!

    Name:  brocon.jpg
Visite: 147
Dimensione:  95.9 KB

  19. Skife per madflyhalf:


  20. #11

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Diabolik70 Vedi messaggio
    Peccato solo per quella strada tortuosa per arrivare dalla valsugana a Castel Tesino arrivando da Bassano, ma veramente merita una visita.
    Basta salire per Strigno e Pieve Tesino, come tempi siamo +o- lì

  21. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio

    in questa foto, più zoomata, si riconoscono meglio sia il profilo dello spigolo del velo sia il caratteristico zoccolo della cima della madonna...

    edit... ah, ho visto solo ora che è la stessa postata da madfly...

  22. Skife per alfpaip:


-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •