Posizione classifica anno 2020: 15/34 | Posizione in classifica generale: 1706/3390.
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 17

Discussione: Arêches, 2/01/2020

  1. #1

    Predefinito Arêches, 2/01/2020

    Buonasera,

    Anche per questa stagione prosegue la consueta esplorazione dei bassifondi (cit.) dello sci transalpino. Tra l'altro non è mia consuetudine trascorrere il periodo delle feste natalizie in montagna ma per via di una serie di contrattempi sopraggiunti, non ho potuto allontanarmi di molto dal mio domicilio. Motivo per questo più che valido per lanciarsi alla scoperta di una misconosciuta stazioncina piuttosto che finire a sciare tra la bolgia di questo periodo nelle più celebri località, più che unanimamente documentata da fotografie e descrizioni che si riscontrano in rete negli ultimi giorni.

    Insomma, i duecentoventi chilometri che separano Torino dal massiccio del Beaufortain non sono particolarmente entusiasmanti da percorrere partendo la mattina presto ma il fatto che non c'è alcuna motivazione di avere una particolare fretta di raggiungere le piste da sci, mancando qualche elemento di particolare valore che possa attrarre da queste parti lo sciatore forestiero con particolare impazienza, unito al fatto che l'esperienza indica che solitamente in questo tipo di località d'oltralpe non c'è problema a trovare parcheggio nemmeno arrivando dopo la maggior parte degli avventori, suggerisce che non è poi il caso di farsi prendere dalla premura.













































    Finalmente a destinazione. La scelta di non correre si è rivelata corretta non solo perché la skiarea si presume di poter essere esplorata in qualche ora di sci ma bensì, ma io aggiungerei soprattutto, perché l'esposizione delle piste è così brutta (secondo il punto di vista di chi ama sciare con il sole che scalda la faccia e che illumina le piste) che arrivando prima ci sarebbe stata ancora meno luce e sarebbe stato ancora meno invitante prepararsi per sciare.

    Prima di salire finalmente in altitudine è necessario premettere che i più accorti avranno già sentito il nome del paesino che ho attraversato, e che tra l'altro forma la seconda parte di quello del domaine skiable, in quanto trattasi di un celebre prodotto caseario francese. Purtroppo la repellenza che provoca al sottoscritto questo genere di latticini fa sì che egli non si possa fornire un giudizio credibile a riguardo. In ogni caso l'importante è comunicare al mondo che questo è anche l'appellativo non solo di un centro abitato bensì di un luogo dove si può praticare l'attività che permette a questo forum di esistere, e da quanto si legge in rete, si tratta altresì di una delle più antiche stazioni sciistiche francesi. Sapevatelo!

    Comunque;

    Il domaine è formato da due piccole skiarea distanti qualche chilometro in linea d'aria tra di loro, fortunatamente unite per gravità sci-ai-piedi, in un solo senso e tramite una pista standard da discesa all'andata ed una stradina in fondovalle al ritorno (o viceversa, naturalmente). Questo equilibrio potrebbe venire modificato per la prossima stagione grazie ad una telecabina che verrà costruita per permettere un collegamento più diretto. Collegamento del quale il sottoscritto non ha sicuramente sentito la mancanza, visto anche il modesto affollamento delle piste nonostante il periodo di alta stagione. E' in ogni caso possibile che con l'avanzare della stagione la stradina bassa non sia più praticabile per carenza d'innevamento e che, suppongo, venga istituito un servizio di skibus per ovviare a questo disguido. In questo caso un notevole investimento in termini economici in un modesto ambiente montano come quello in questione acquisterebbe un maggiore senso agli occhi del forestiero. In ogni caso, chi vivrà, vedrà. Probabilmente saranno i numerosi utenti del forum che si recheranno in questa località la prossima stagione, dopo aver visto la fotocronaca a riportare la loro opinione in merito perché lo scrivente non prevede un imminente ritorno, visto il numero di località concorrenti che ancora aspettano di essere esplorate.













    Dunque;

    Una volta arrivati al termine della seggiovia Piapolay non c'è granché da fare: o si ridiscende in fondovalle o si prende anche la seconda seggiovia per raggiungere la sommità di questo versante:

















    Una volta in cima, si può scendere alla partenza dello skilift presente su questo versante:















    Per raggiungere la parte più esterna della skiarea dove si sviluppa una bella pista rossa con due varianti più difficili:









    Prima di proseguire con l'esplorazione del demanio, qualche ingrandimento sulla skiarea di Les Saisies, presente a poca distanza ma che è parte di un comprensorio smisuratamente più grande di quello nel quale mi trovo:











    Pista rossa "non mucche" (cit.):







    Visto che effettivamente non è stata riscontrata la presenza di bovini, lo sciatore annoiato potrebbe disannoiarsi testando anche per questa volta le immancabili piste nere, senza le quali una sciata transalpina, tanto più nei succitati bassifondi, non si può dire completa.

    Ordunque, tramite le due piste nere masochistiche immortalate nelle prossime fotografie:











    Si ritorna in fondovalle:



    Prima di spostarsi di skiarea è però d'uopo testare anche la pista principale della skiarea, che ritorna in fondovalle ma che scorre parallela alla seggiovia:

















    Come preannunciato, l'esplorazione della prima metà del comprensorio è terminata ed è ora di spostarsi verso l'altra metà, utilizzando la stradina in fondovalle:



















    L'attenzione dello sciatore curioso non può non essere attirata da questo curioso punto di ristoro sulle piste:





    Anche su questo versante una seggiovia automatica, anche se parecchio più obsoleta e meno confortevole della sorella sull'altro, permette di raggiungere le piste in altitudine:













    In questo caso però solamente una pista ripida e non battuta permette di ritornare in fondovalle, motivo per il quale la seggiovia è abilitata al trasporto in discesa degli sciatori:





























    Ritornato in altitudine è il momento di proseguire fino ai restanti angoli inesplorati della skiarea. L'affollamento presente alla seggiovia non sta ad indicare un improvviso risveglio degli sciatori, bensì che la seggiovia, in un primo momento data per guasta visto che non venivano fornite informazioni esaurienti a riguardo, è stata ferma per oltre venti minuti per permettere ad un elicottero di atterrare e ripartire in prossimità della stazione d'arrivo. Nemmeno il presunto incidente infine si è rivelato essere reale, in quanto informandosi successivamente è stato possibile capire che si trattava di una semplice esercitazione di soccorso:

    Prima di tutto però, altri due ingrandimenti. Uno sull'inconfondibile altura che domina la vista di questa parte della catena alpina:





    E poi, seggiovia dei berretti rossi:























    Panorama alla vetta della seggiovia:



    Un'immagine che avrebbe potuto essere proposta come indovinello, solamente che nemmeno il sottoscritto è riuscito a capire a quale impianto appartengano i due piloni..... Se fosse presente un esperto dei luoghi, si faccia avanti senza timore!



    Di nuovo panorama ed ingrandimento sull'elicottero:













    Le ultime piste della giornata sono quelle a parere del fotoreporter più belle, poiché egli apprezza particolarmente i pascoli d'altitudine, i pendii dolci, soprattutto quando essi sono attrezzati solamente di skilift che danno quel tocco vintage alla sciata, oramai sempre più difficile da trovare, e hanno una vista panoramica e molto aperta sulle montagne circostanti:

























    Con lo skilift Forclaz si raggiunge la sommità del comprensorio a 2320 metri d'altitudine. Una pista rossa, non battuta nel primo tratto e battuta nel secondo, permette di ritornare alla base degli skilift sulla parte più esterna della skiarea:





























    Bene, la giornata sciistica sta per terminare e non resta che ritornare in fondovalle, stando ben attenti a non farsi falciare da uno dei numerosi principianti che si avventurano sulla pista rossa che ritorna sull'altro versante. Ed anche in quest'ottica sì che la telecabina potrebbe avere un suo perché, anche se conoscendo un po' lo spirito degli sciatori locali, dubito fortemente che molti di essi possano coscienziosamente rinunciare all'ultima sciata ritornando in sicurezza in basso con l'impianto.....



















    La probabile linea di risalita del futuro nuovo impianto:





    E l'ultima pista rossa di collegamento:













    Bene, per il momento è tutto.

    Ultima modifica di Edo; 08-01-2020 alle 12:18 AM.


  2. #2

    Predefinito

    raschiato anche il fondo del barile..
    tra te e testataecassa oramai ho la nausea della francia

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #3

    Predefinito

    bellissimo report, davvero suggestiva la parte iniziale di avvicinamento... sembra davvero un viaggio infinito

    molto romantico anche lo scorcio della 3 vallées express lasciata scorrere alle proprie spalle con noncuranza...

  5. Skife per testataecassa:


  6. #4

    Predefinito

    Grazie per avermi fatto scoprire questa stazioncina (ma non troppo!) davvero tipicamente francese...c’è tutto davvero della “visione” dello sci dei cugini, nel bene e nel male.

  7. Skife per stefi74:

    Edo

  8. #5

    Predefinito

    Grazie anche da parte mia! Penso che a me piacerebbe sciarci (chi sa se il nostro lo abbia mai fatto ... ora verifico).

    - - - Updated - - -

    Sì, c'è stato:

    http://www.sommerschi.com/forum/view...%AAches#p36319

    Interessante questa politica ... era ancora valida quando ci ha sciato Lei, sommo enigmista in quiescenza?

    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	DSC07066.jpg
Visite:	34
Dimensione:	136.8 KB
ID:	71728

  9. #6

    Predefinito

    Bellissimo report come al solito Edo
    Nonostante 13 anni di Francia mi ero scordato delle nere lasciate a "bosses" (gobbe). A quei tempi ci piacevano pure. Ora onestamente poca nostalgia

  10. Skife per zobo:

    Edo

  11. #7

    Predefinito

    Ho sempre più contezza di vivere nella regione sciisticamente più sfigata dell'intero arco alpino. Vive la France.

  12. Lo skifoso apo ha 2 Skife:


  13. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre


  14. #8

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kaliningrad Vedi messaggio
    Interessante questa politica ... era ancora valida quando ci ha sciato Lei, sommo enigmista in quiescenza?
    Mi pare proprio di averlo letto; lei sa come funziona nella realtà?

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    raschiato anche il fondo del barile
    In attesa della tua riabilitazione (perché oramai non è concepibile il forum senza missouri e senza il tuo collega al quale sto particolarmente simpatico ) ti rispondo di non essere così ottimista: sai bene che c'è la possibilità di fare di meglio, di molto meglio!

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da testataecassa Vedi messaggio
    molto romantico anche lo scorcio della 3 vallées express lasciata scorrere alle proprie spalle con noncuranza...
    Speravo proprio di trasmettere questa sensazione.....

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da zobo Vedi messaggio
    Nonostante 13 anni di Francia mi ero scordato delle nere lasciate a "bosses" (gobbe). A quei tempi ci piacevano pure. Ora onestamente poca nostalgia
    Grazie dei soliti complimenti!

    A me dispiace che tante delle piste più ripide non vengano mai battute, però qualche pista al naturale la lascerei sempre e mi fa piacere trovarla.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da stefi74 Vedi messaggio
    c’è tutto davvero della “visione” dello sci dei cugini, nel bene e nel male.
    Eh no, una cosa manca: non c'è nemmeno un palazzone!

  15. Skife per Edo:


  16. #9

  17. #10

    Predefinito

    Anche i classici tire-fesses spacca schiena e solleva bimbi, direi che non manca nulla!
    In giovane età vivevo di bosses, adesso ne faccio pure io a meno.
    Report sempre notevole, grazie!

  18. #11

    Predefinito

    in effetti località senza palazzoni implica un livello di sperdutezza non da poco

  19. Lo skifoso testataecassa ha 2 Skife:


  20. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio
    Mi pare proprio di averlo letto; lei sa come funziona nella realtà?
    C'è scritto tutto sul cartello per filo e per segno.

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio
    il tuo collega al quale sto particolarmente simpatico
    ... eeeeh? Mi sono perso qualcosa?

  21. #13

    Predefinito

    Le gobbe ormai si trovano solo in Francia e non dappertutto, tranne poche eccezioni. Mi ricordo una bella pista nera sulla Pendine a La Norma, dietro Modane. Stazioncina piccola, forse ancora più piccola di Areches, ma con un bel dislivello.

  22. #14
    In pausa Skifoso
    Attrezzatura
    Stockli Laser SL, Dynastar Cham 97 HM, Tecnica Mach1 110, 120, Scarpa Maestrale RS

    Predefinito

    Sei riuscito a farmi provare nostalgia di Chamonix... anche se confesso di non essere riuscito a compulsare adeguatamente l'intero report.

  23. #15

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da testataecassa Vedi messaggio
    in effetti località senza palazzoni implica un livello di sperdutezza non da poco
    Sono affranto.
    Palazzoni manco per sbaglio
    Uffi!!!!

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •