Pagina 3 di 22 PrimoPrimo 12345678910111213 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 31 a 45 di 321

Discussione: Salviamo l'Italia 3

  1. #31

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da apo Vedi messaggio
    Voglio pensare che il vero fine sia quello di far cadere il governo. Se la proposta è vera è giusto che il PD scompaia per sempre. E lo dico da un punto di vista tattico, non perchè sia (del tutto) contrario.
    si ma chi se ne frega di sto ius soli o non ius soli..a me che ne parlino o meno non mi cambia niente..sui temi etici ognuno deve esprimere le sue idee,tanto chi vota cdx non è che votava pd se non parlava di ius soli,gli altri elettori non schierati dello ius soli o non ius soli credo importi poco,chi è sensibile al tema è già schierato e inamovibile da un pezzo,si può parlarne come di qualunque altro argomento.
    Tanto il pd non odia i migranti ed è a favore dell'integrazione,la posizione è nota,chi non è d'accordo voti il cdx e buonanotte,non ha senso che il pd rincorra salvini su posizioni non sue
    Un partito non può rincorrere il consenso rinnegando le sue posizioni..sennò tanto vale che il partito si sciolga e che in italia esista solo il cdx o il partito unico della lega
    La lega per quanto mi riguarda può anche arrivare al 50%..la parte minoritaria del paese che non è d'accordo sul suo modo di affrontare il problema immigrazione manterrà la sua idea,idem chi è favorevole allo ius soli,non è che chi è favorevole si debba nascondere,siamo di fronte a una questione di civiltà,mica a una proposta anticostituzionale di stampo mafioso,vediamo di ricordarcelo.
    Percui se il pd ritiene che lo ius soli rientra nella sua sensibilità,nel suo programma e nella sensibilità del suo elettorato (che in gran parte è favorevole) giusto che porti avanti la proposta
    Se l'unica leva di azione di un partito è cercare il consenso (di chi poi? di quelli che i migranti li butterebbero a mare e che non voterebbero pd manco morti comunque) è una politica dal fiato corto
    Si deve promuovere quello che si ritiene giusto,questo fa un partito serio
    Ah io in linea di massima comunque sono favorevole,sarebbe anche ora di parificare un bel mucchio di persone perfettamente integrate al resto degli abitanti,in primis la parte minorile che va a scuola

  2. #32

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    si ma chi se ne frega di sto ius soli o non ius soli..a me che ne parlino o meno non mi cambia niente..sui temi etici ognuno deve esprimere le sue idee,tanto chi vota cdx non è che votava pd se non parlava di ius soli,gli altri elettori non schierati dello ius soli o non ius soli credo importi poco,chi è sensibile al tema è già schierato e inamovibile da un pezzo,si può parlarne come di qualunque altro argomento.
    Tanto il pd non odia i migranti ed è a favore dell'integrazione,la posizione è nota,chi non è d'accordo voti il cdx e buonanotte,non ha senso che il pd rincorra salvini su posizioni non sue
    Un partito non può rincorrere il consenso rinnegando le sue posizioni..sennò tanto vale che il partito si sciolga e che in italia esista solo il cdx o il partito unico della lega
    La lega per quanto mi riguarda può anche arrivare al 50%..la parte minoritaria del paese che non è d'accordo sul suo modo di affrontare il problema immigrazione manterrà la sua idea,idem chi è favorevole allo ius soli,non è che chi è favorevole si debba nascondere,siamo di fronte a una questione di civiltà,mica a una proposta anticostituzionale di stampo mafioso,vediamo di ricordarcelo.
    Percui se il pd ritiene che lo ius soli rientra nella sua sensibilità,nel suo programma e nella sensibilità del suo elettorato (che in gran parte è favorevole) giusto che porti avanti la proposta
    Se l'unica leva di azione di un partito è cercare il consenso (di chi poi? di quelli che i migranti li butterebbero a mare e che non voterebbero pd manco morti comunque) è una politica dal fiato corto
    quale sarebbe il suo elettorato? tipo gli operai?

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #33

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da cocojambo Vedi messaggio
    quale sarebbe il suo elettorato? tipo gli operai?
    Non andrei per categorie..il pd racchiude un elettorato che ha un certo tipo di sensibilità..giustizia sociale,solidarietà,economia razionale e disciplina di bilancio,stato garante dei principali servizi alla persona..la sensibilità è di chi ce l'ha..a qualunque categoria appartenga
    Oggi è un elettorato minoritario? pazienza,il senso del partito è rappresentare questo sentire
    Non è un sentire che dipende dalle mode o dai momenti o dal consenso in un certo momento..è il dna elettorale della sinistra..e ci saranno sempre persone con questo sentire,poche o tante che siano,indipendentemente dalle fortune o dalle sfortune dei salvini,dei renzi o compagnia bella
    Nessuna sconfitta elettorale può cancellare questo sentire
    Dal mio punto di vista è l'abc della democrazia e della cultura..e va mantenuto sempre fermo anche nei momenti difficili..l'italia ne ha attreversati storicamente tanti ma questo sentire non è mai morto.è sopravvissuto anche alle dittature e sopravviverà anche questa volta,non sarà certo un populista da strapazzo come salvini a cancellarlo o un renzi elemento di cdx nei fatti

  5. #34

    Predefinito

    x fortuna che avete zingaretti, che vi salverà

    il pd vuole quella cagata dello ius soli,
    perchè ha bisogno di nuovi voti,altro che integrazione e balle varie, il pd vuole il potere, punto.

    missori x te


  6. #35

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    Non andrei per categorie..il pd racchiude un elettorato che ha un certo tipo di sensibilità..giustizia sociale,solidarietà,economia razionale e disciplina di bilancio,stato garante dei principali servizi alla persona..la sensibilità è di chi ce l'ha..a qualunque categoria appartenga
    Oggi è un elettorato minoritario? pazienza,il senso del partito è rappresentare questo sentire
    Non è un sentire che dipende dalle mode o dai momenti o dal consenso in un certo momento..è il dna elettorale della sinistra..e ci saranno sempre persone con questo sentire,poche o tante che siano,indipendentemente dalle fortune o dalle sfortune dei salvini,dei renzi o compagnia bella
    Nessuna sconfitta elettorale può cancellare questo sentire
    Dal mio punto di vista è l'abc della democrazia e della cultura..e va mantenuto sempre fermo anche nei momenti difficili..l'italia ne ha attreversati storicamente tanti ma questo sentire non è mai morto.è sopravvissuto anche alle dittature e sopravviverà anche questa volta,non sarà certo un populista da strapazzo come salvini a cancellarlo o un renzi elemento di cdx nei fatti
    grazie, come sempre ognuno ha la sua sensibilità e la dimostra come può

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da alessio90 Vedi messaggio
    x fortuna che avete zingaretti, che vi salverà

    il pd vuole quella cagata dello ius soli,
    perchè ha bisogno di nuovi voti,altro che integrazione e balle varie, il pd vuole il potere, punto.

    ma è necessario usare sempre termini spregevoli a vanvera per qualcosa che non condividi?

  7. #36

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alessio90 Vedi messaggio
    x fortuna che avete zingaretti, che vi salverà

    il pd vuole quella cagata dello ius soli,
    perchè ha bisogno di nuovi voti,altro che integrazione e balle varie, il pd vuole il potere, punto.

    missori x te

    Uno non definirei lo ius soli una cagata,semmai una tematica,come ti hanno ben scritto la cagata è il tuo linguaggio monocorde..ogni cosa che non condividi è una cagata,magari la cagata sono i tuoi modi di bollare idee diverse dalle tue.
    Due ci sono persone che conducono battaglie culturali anche nei partiti potere o non potere per convinzione,se cercassero il solo potere in questa fase storica avrebbero assunto posizioni di tutt'altro stampo che incontrano da subito il consenso..specie sapendo benissimo di non avere i numeri per lo ius soli
    Tre quanto hai sondaggi,,,e allora? cosa c'è di strano nel dato del pd? ci siamo liberati di tutti i renziani (siamo passati dal 22-23% al 18%,il 4-5% di differenza sono i voti di italia viva oggi) e rimarremo con chi crede in certi valori,se questi valori ora non sono condivisi dalla maggioranza degli italiani per me resta sbagliata l'idea di quella maggioranza,non valori che ritengo giusti e sacrosanti
    Quanto al m5s ha perso tutti i suoi elettori di destra rientrati a casa più i loro delusi ( perchè non hanno preso il reddito,perchè non è stata bloccata un'opera come promesso,ecc)
    Quello del m5s è un elettorato nato come d'opinione e di protesta,ovviamente assai mobile,non c'è niente di strano nel processo di apice-reflusso

    Tornando allo ius soli chissà poi dov'è la cagata data la situazione di molti altri paesi europei in materia cui tenderebbe la nuova normativa

    'Italia. Le norme attualmente vigenti in Italia sono tra le più restrittive d'Europa. In base a una legge del 1992, infatti, chi nasce nel nostro Paese da genitori stranieri può già diventare cittadino italiano ma soltanto quando ha compiuto 18 anni. Nel testo in discussione al Senato si prevede uno Ius soli temperato: i figli di migranti nati in Italia potranno diventare cittadini italiani se i genitori hanno il "permesso di soggiorno di lungo periodo", riconosciuto a chi abbia soggiornato legalmente e in via continuativa per 5 anni sul territorio nazionale. Per gli extra Ue sono richiesti anche reddito minimo, alloggio idoneo, superamento di un test di conoscenza della lingua. Lo Ius soli temperato permetterebe a 600mila ragazzi nati dal '98 a oggi di diventare cittadini italiani. La riforma introduce, inoltre lo Ius culturae, secondo cui può ottenere la cittadinanza il minore straniero arrivato prima di 12 anni che abbia frequentato in Italia uno o più cicli scolastici. In questo caso i potenziali nuovi cittadini italiani sono circa 200mila. L'approvazione definitiva della nuova legge permetterebbe di allinearci a Paesi come Francia, Germania e Gran Bretagna

    https://www.repubblica.it/politica/2...opa-168672635/
    Ultima modifica di missouri; 19-11-2019 alle 06:43 PM.

  8. #37

    Predefinito

    Consiglio vivamente di approfondire l'argomento.

    Sì lo so!!! è lungo ed è copia incolla

    Ma è in ballo l'Italia e i nostri risparmi. Che potenzialmente coinvolge tutti (70% dei BTP sono in mani italiane).

    Avete presente i Fondi d'investimento in cui molti mettono i loro risparmi?
    Ecco, probabilmente/sicuramente una quota di essi è investito in BTP.

    Avete presente i BTP in mano alle Banche ( il famoso debbbitttoooo pubblico)?
    Ecco quello potrebbe voler dire probabile default per le nostre banche, quindi magari seguito dal Bail-in (chiedere a chi aveva soldi in MPS Banche Venete ecc. che bello)!!


    Citazione Originariamente scritto da pierpa Vedi messaggio


    https://webtv.camera.it/evento/15356




    Visco Banca di Italia:



    Di questo famigerato MES la stampa e la TV ne parla?

    Conte riferisce in parlamento ?



    La bozza per chi volesse divertirsi:
    https://www.consilium.europa.eu/medi...m-treaty-2.pdf







    https://www.ilsussidiario.net/news/c...mpression=true

    CASO MES/ Così l’Europa (grazie a Conte) farà fuori le nostre banche
    Si chiama Mes, Meccanismo europeo di stabilità. Conte, in versione 1 e 2, ne ha assicurato la “riforma”. Fatta apposta per spolpare l’Italia

    19.11.2019, agg. alle 15:38 - int. Alessandro Mangia

    Si chiama Mes, normalmente viene detto fondo salva-Stati, l’acronimo sta per Meccanismo europeo di stabilità. Ed è improvvisamente tornato sotto i riflettori dopo che in un seminario Bankitalia-Omfif il governatore Visco ha lanciato l’allarme. “I piccoli e incerti benefici di una ristrutturazione del debito devono essere ponderati rispetto all’enorme rischio che il mero annuncio di una sua introduzione possa innescare una spirale perversa di aspettative di default”, ha detto il governatore. Proprio così: enorme rischio. Ne abbiamo parlato con Alessandro Mangia, ordinario di diritto costituzionale alla Cattolica di Milano. “Ci rendiamo conto di quello che vorrebbe dire per il sistema bancario nazionale una ristrutturazione forzata del debito italiano?” si chiede il giurista. La risposta? “Sarebbe un colpo di pistola a sangue freddo alla tempia dei risparmiatori, una sorta di bail-in applicato a milioni di risparmiatori” ha detto in audizione alla Camera Giampaolo Galli, vicedirettore dell’Osservatorio sui conti pubblici presieduto da Cottarelli.

    Ma vediamo di capire. Il Mes è un fondo comune di credito che ricapitalizza Stati e banche in difficoltà. Un benefattore europeo a 12 stelle dorate in campo blu? Tutt’altro: il Mes non elargisce a costo zero. Lo fa alle sue condizioni: le cosiddette “strette condizionalità”. Che vuol dire totale controllo sulle politiche di bilancio dello Stato richiedente. Anche a costo di impoverire tutti.

    Il Mes è un caso perché sulla sua “riforma” (di cui il Sussidiario parlò nell’agosto 2017) hanno richiamato l’attenzione Alberto Bagnai e Claudio Borghi fin da quando la Lega era al governo, alla “notizia” – si fa per dire – che il Mes era oggetto di trattative riservate da parte di Tria e Conte. Ma il loro allarme è rimasto inascoltato, fino – appunto – alla parole di Visco.

    Che ne pensa di questa vicenda, professore?

    Mi pare che non ci si dovrebbe stupire. Sono stati pochi quelli che hanno capito cosa sarebbe stato il Mes e che ruolo avrebbe assunto. Era già tutto scritto. Noi nel Mes ci siamo, ci staremo ed è bene che continuiamo a starci. Così com’è. Che non è granché, ma dà un’impressione di stabilità ai mercati. Abbiamo pagato molto negli anni – cifre dell’ordine di qualche decina di miliardi – e solo adesso ci si accorge di che cosa sia.

    Ripetiamolo, per favore.

    Il Mes è il figlio di una stagione di crisi, è stato generato da una crisi, e adesso vuole consolidarsi fino a diventare parte integrante del diritto dell’Unione. Fino ad oggi è un Trattato internazionale che ha dato origine a quello che, asetticamente, si definisce un “veicolo finanziario”.

    Lo chiamano così, infatti. E invece?

    In realtà è un soggetto di diritto internazionale che esercita attività bancaria avvalendosi, però, dello statuto e delle garanzie di un soggetto sovrano. Che può rifinanziare singoli Stati o singoli sistemi bancari, però sotto “stretta condizionalità”. Non so se ci si rende conto delle implicazioni politiche dell’adozione di meccanismi propri del diritto commerciale e bancario a regolare i rapporti fra Stati. Si è un po’ in ritardo se ci si preoccupa adesso di cosa sia il Mes.

    C’è stato anche un caso mediatico, quello dell’“enorme rischio” citato da Visco con richiesta da parte di Bankitalia alla Reuters di ammorbidire l’espressione. È stato spropositato Visco oppure il rischio è reale?

    Che Bankitalia, che non è propriamente anti-europeista, abbia manifestato profonde preoccupazioni al riguardo dovrebbe dirla lunga. Il punto è che probabilmente i buoi sono già usciti dalla stalla anni fa. E solo adesso ci si accorge che la stalla è vuota. Si vuole far diventare il Mes un Fondo monetario europeo, che integri il ruolo della Bce sul versante dell’essere “prestatore di ultima istanza”. La Bce non può essere prestatore di ultima istanza; quelle funzioni sono state surrogate dal programma Omt (Outright monetary transactions) di Draghi, su cui c’è stato contenzioso presso la Corte di Giustizia (casi Pringle e Gauwailer), e adesso, in una fase di crisi bancaria incipiente – si pensi solo all’esposizione di Deutsche Bank sul mercato dei derivati, pari a 20 volte il Pil tedesco – si ha fretta di chiudere il cerchio, creando un prestatore di ultima istanza. Intanto si riforma il Mes, poi si penserà al suo inserimento nell’intelaiatura istituzionale dell’Unione.

    Cosa pensa di quanto ha detto qualche giorno fa nella sua audizione un economista tutt’altro che anti-euro, come Giampaolo Galli?

    Merita attenzione per la chiarezza nell’esposizione dei problemi. Ci sono, in quel testo, alcune osservazioni francamente curiose, come ad esempio l’idea che il Mes avrebbe una sua “legittimità democratica” “dal momento che i suoi azionisti sono i governi degli Stati membri, la cui legittimità è garantita dalle leggi nazionali”. Il che equivale a parlare di legittimazione democratica del diritto internazionale e di legittimazione democratica di una banca sovrana, solo perché un qualche trattato concluso da Stati democratici si occupa di attività bancaria. Capirà che siamo un poco fuori tema. Ma la sostanza dei problemi in gioco lì viene inquadrata molto bene. E si manifestano preoccupazioni che orami sono proprie dello stesso sistema bancario nazionale.

    E torniamo così all’allarme di Visco. Perché adesso?

    Bankitalia ha capito che rischi corre con l’approvazione delle modifiche che due anni fa chiedeva Schäuble, e che sono state oggetto di una dichiarazione congiunta franco-tedesca nel giugno 2018. A stretto giro quella dichiarazione è stata ripresa – sempre in giugno – dall’Eurogruppo, che è un altro organo misterioso e non previsto dai Trattati, e da un Eurosummit cui ha partecipato il governo italiano, nella sua versione Conte-1.

    Ieri del Mes ha parlato anche Salvini su Facebook: “Pare che, nei mesi scorsi, Conte o qualcuno abbia firmato di notte e di nascosto un accordo in Europa per cambiare il Mes, ossia l’autorizzazione a piallare il risparmio degli italiani. Non lo lasceremo passare. Sarebbe alto tradimento, se qualcuno senza interpellare Parlamento avesse trasformato il fondo salva stati in un fondo ammazza stati”. Salvini dice “nei mesi scorsi” ma in quel periodo al governo c’era lui. Questo che considerazioni le suggerisce?

    Guardi, io capisco che se si chiede al cittadino medio cosa sia il Mes e a cosa serva si possa ricevere in cambio un punto interrogativo. E capisco che il cittadino medio possa credere che il Governo risponde al Parlamento. Il punto è che in realtà la situazione è invertita. Quando è in carica, ogni Governo, se crede, fa quello che vuole, e poi, eventualmente, se la vede in Parlamento, sempre che in Parlamento si voglia stare a controllare sempre e comunque quello che fa il Governo.

    In altre parole, ha un margine di autonomia che può essere più o meno compresso dal controllo parlamentare solo a posteriori.

    È così. E tale margine di autonomia è ineliminabile, soprattutto in sede di esercizio di potere estero. Tenga conto che delle fasi di revisione di un trattato non c’è, per definizione, un resoconto, come se si avesse a che fare con un dibattito parlamentare. In questi casi i governi dialogano tra loro, informalmente e a porte chiuse. Poi, al limite, si fa una qualche, bella e scenografica conferenza stampa per il pubblico.

    Insomma, abbiamo dormito?

    Il caso del Mes è stato totalmente sottovalutato dalla stampa, nonostante Borghi e Bagnai si siano spesi fin da allora per portarlo all’attenzione dei media. È che se la gente non sa cos’è il Mes e a cosa serve, non ha senso dire “il Governo è caduto per il Mes”, perché è una frase senza senso. Si deve sempre dubitare delle spiegazioni monocausali, e quindi sarebbe sciocco dire che il Conte-1 è caduto su quegli Eurogruppo ed Eurosummit. Che questo abbia grandemente influito sulla posizione di chi era in grado di comprendere la situazione, però, mi pare fuori di dubbio. Bagnai questa cosa l’ha ripetuta da agosto e l’ha indicata come una delle cause principali di caduta del Conte-1. È che, semplicemente, la gente non capiva di che cosa stesse parlando.

    “Abbiamo sempre denunciato il sospetto segreto con cui il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, e l’ex ministro dell’Economia Giovanni Tria, hanno condotto le trattative senza mai informare il Parlamento, pur essendone obbligati per legge. La loro reticenza ci aveva indotto persino ad interrogazioni parlamentari addirittura quando eravamo parte della stessa maggioranza”. Lo hanno detto Bagnai e Borghi in una nota il 14 novembre.

    Se ci si stupisce di questo vuol dire che non si è letto o non si è capito l’attuale Trattato Mes. E le clamorose anomalie che conteneva fin dall’inizio. Il Mes e i suoi funzionari godono di piena e perfetta immunità da ogni giurisdizione. Non possono essere oggetto di perquisizioni, ispezioni o altro da chicchessia. I suoi documenti sono secretati. Gli organi di vertice non sono perseguibili per gli atti adottati nell’esercizio delle loro funzioni. I governatori – e cioè i Ministri economici degli Stati aderenti al trattato: in poche parole Tria o chi per lui – sono tenuti – ripeto, sono tenuti – al segreto professionale nel momento in cui operano all’interno del Mes, tanto durante quanto dopo l’esercizio delle loro funzioni (art. 34). Questa è legge dello Stato, non è aria fritta. Lei capisce che questa è una norma che ha perfettamente senso dentro una banca. Cosa succede se la logica del segreto professionale la colloco nel rapporto tra Governo e Parlamento? Ci sta o non ci sta che un ministro debba tacere di fronte al Parlamento? Ci si rende conto di cosa si è fatto approvando una norma del genere nel 2012? E di quanto si è alterato il meccanismo di responsabilità politica disegnato in Costituzione tra Ministro e Parlamento? Se a questo aggiunge che l’esercizio di potere estero sfugge, per sua natura, al controllo delle Camere, tranne che in certi casi tassativamente indicati dall’art. 80, si capisce quanto fantasiose siano certe rappresentazioni del lavoro parlamentare che si trovano sui giornali? Pensi ai trattati segreti o ai trattati adottati in forma semplificata. Si dice che non tutti i cammelli possono passare per la cruna dell’ago. In realtà ci si dimentica di dire che certi cammelli non hanno neanche bisogno di passarci per la cruna dell’ago.

    Ma tutto questo è corretto?

    Che sia più o meno corretto non è affare mio giudicare. Mi limito a dire che il testo della riforma è arrivato prima su internet che in Commissione per un dibattito sul punto. Diciamo che Conte e Tria sono stati tutt’altro che solerti nell’informare le Camere dell’esito di quegli incontri e chiudiamola lì.

    Possono essere accusati di alto tradimento, come ha ipotizzato Salvini?

    Le denunce per altro tradimento di oggi hanno tanto valore quanto le minacce di messa in stato d’accusa del Presidente della Repubblica del maggio 2018. Non che non ci siano state delle anomalie in entrambi i casi – e vorrà apprezzare il mio eufemismo – ma è un modo molto scolastico di vedere le cose. È come credere che siccome dal Codice Civile si ricava che il vicino di casa non deve abusare delle parti comuni, il vicino non possa lasciare gli ombrelli bagnati fuori dalla porta. La triste verità è che il vicino fa quello che gli pare, fa finta di niente e semmai sta a vedere cosa succede al suo ombrello. Piaccia o non piaccia il diritto funziona così.

    Fuori di metafora?

    Fuor di metafora, l’art. 34 del Mes è fatto per interrompere gli obblighi di comunicazione e responsabilità tra Parlamenti nazionali e Ministri. Certo, nel caso di Tria non si applica l’art. 34 Trattato Mes, sul segreto professionale, ma quello è il principio. Che pone un enorme problema costituzionale di Ministri legittimati a mentire o a tacere di fronte alle Camere. Si rende conto, adesso, quanto ridicolo sia parlare di legittimazione democratica del Mes, come fa Giampaolo Galli? È come parlare di legittimazione democratica di una banca, perché la legge la legittima a fare la banca. Sarebbe tutto molto divertente, non fosse che rischia di essere tragico per le sue conseguenze.

    Ecco, veniamo alle conseguenze. Perché tragico?

    Per le stesse ragioni messe in chiaro da Galli nel suo intervento. E che hanno fatto muovere Bankitalia. Per la marginalizzazione del ruolo della Commissione nella valutazione dell’opportunità di rilasciare finanziamenti ai singoli Stati in caso di bisogno: la Commissione viene ritenuta ormai un organo troppo “politico” già nella burocrazia di Bruxelles, che rivendica un suo ruolo contro la Commissione. Per la scelta di condizionare il rilascio di finanziamenti a una ristrutturazione preventiva del debito. Per l’inclusione di clausole di azione collettiva nelle emissioni di debito pubblico dal 2022 in poi, costruite per facilitare quelle operazioni di ristrutturazione del debito che sembrano essere il cuore di questa riforma.

    Possiamo semplificare, senza nulla togliere alla difficoltà della questione?

    Voglio dire che se un bel giorno si arrivasse ad una situazione di crisi dello spread, tale da precludere l’accesso dell’Italia al finanziamento dei mercati, e si dovesse chiedere l’intervento del Mes – del quale saremmo comunque i terzi contributori – sarebbe il Mes, e non la Commissione, a valutare sulla base di meccanismi automatici l’opportunità di chiedere una ristrutturazione del debito pubblico; sarebbe il Mes a determinare le “condizionalità” – e cioè le politiche economiche da lacrime e sangue da praticare – per ottenere questo finanziamento; e sarebbe sempre il Mes, alla fine, a determinare il contenuto di questa ristrutturazione. Peccato che il debito pubblico italiano sia detenuto per il 70% da banche nazionali.

    E quindi?

    Vuol dire che una ristrutturazione di quel debito inciderebbe in modo pesantissimo sui bilanci di banche che hanno comunque sostenuto – oggi assai più che in passato – il debito pubblico nazionale. Ci rendiamo conto di quello che vorrebbe dire per il sistema bancario nazionale una ristrutturazione forzata del debito italiano? E perché si parli di questa riforma come di una pistola puntata alla tempia dei risparmiatori italiani?

    (Federico Ferraù)








    Ps: continuate pure con le sardine e lo ius soli

  9. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  10. #38

    Predefinito

    Intanto comunque tanto casino tra renzi e leopolde per arrivare al 5%..bollito era e bollito rimane..
    Alla fine data l'incompatibilità con m5s e pd l'operazione di renzi ( che impatta 0 sull'elettorato di cdx) servirà solo a far vincere con più comodità il cdx avendo unicamente sottratto la misera componente elettorale renziana dal pd indebolendo semplicemente di fatto il dato complessivo del csx
    Dopo che il cdx avrà vinto le elezioni quello di renzi sarà il solito mini partito inutile..altro che novello macron..questo non ha capito bene che l'italia va in tutt'altra direzione con ben altri protagonisti.
    Fondato un partito per 5 minuti di gloria personale in tv,classico del personaggio,nei sondaggi il suo valore è già fermo da un pezzo..poteva risparmiarsi la fatica per arrivare a questo misero risultato
    Almeno la vittoria di salvini farà piazza pulita di questo penoso tentativo di riproporsi agli italiani come se nulla fosse

  11. #39

  12. #40

  13. #41

  14. #42

  15. #43

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alessio90 Vedi messaggio
    x fortuna che avete zingaretti, che vi salverà

    il pd vuole quella cagata dello ius soli,
    Ultima chiamata: modera il linguaggio e partecipa con un tono diverso.

  16. #44

    Predefinito

    Molto interessante il movimento delle sardine, partito e cresciuto dal basso, se abitassi in Emilia Romagna parteciperei alle manifestazioni. Voglio sperare che almeno là le diverse anime della sinistra vadano d'accordo e si rispettino l' un l'altro.

    Alla sinistra massimalista vomitevole, quella qui rappresentata da Missouri che preferisce Salvini a Renzi, non mi abbasso a fare la lista delle cose di sinistra fatte dal governo Renzi e il nulla cosmico di sinistra fatto dagli altri governi a guida PD degli ultimi 25 anni.


    Tu sei la rappresentazione umana del motivo per cui ce ne siamo andati dal PD. Noi non abbiamo niente a che vedere con personaggi come voi.

  17. #45

    Predefinito

    Ieri sera su raidue:

    D: Senatrice Lezzi rimettete o no lo scudo penale?"
    R: Non mi riconosco nella domanda"
    D: Senatrice qual'e' la soluzione per Ilva
    R: La decarbonizzazione
    D: Far andare l'Ilva a gas?
    R: No, a idrogeno.

    Quand'è che finalmente arriva l'asteroide?

Pagina 3 di 22 PrimoPrimo 12345678910111213 ... UltimoUltimo



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •