Pagina 6 di 7 PrimoPrimo 1234567 UltimoUltimo
Mostra risultati da 76 a 90 di 95

Discussione: Condannata in secondo grado scuola di sci

  1. #76

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da pierl Vedi messaggio
    Alla fine di tutto, e con tutto quel che si può dire sul rapporto tra allievo e maestro, mi pare che il giudice abbia preso una cantonata.
    Sarà pagata dall'assicurazione, ma sempre cantonata è.
    Probabilmente il magistrato non sa sciare.
    Vedo ora e intervengo perché un po' mi coinvolge per varie motivazioni.

    Se il giudice è chi penso io (l'Umbria è piccola come ci ricordava il nostro amato premier), sa sciare e anche molto bene. Questo argomento lo toglierei proprio di torno.
    Sul giornalista non farei molti commenti visto che sarà il solito poverocristo della redazione locale che pagano (quando lo pagano) tot a pezzo.

    Sulla questione meramente tecnica, avendo passato la fase apprendimento con due figli in epoche distinte (a 8-9 anni di distanza l'uno dall'altro), farei un discorso più articolato.

    Generalmente con i corsi collettivi si apprende molto più lentamente già tra i bambini, figuriamoci un cinquantenne o un gruppo di adulti fatti e finiti che non hanno l'incoscienza tipica dei giovanissimi.
    Per quanto mi riguarda possiamo discutere anche da qui a dopodomani, ma che un cinquantenne di un corso collettivo possa essere portato su quella pista al secondo giorno di corso (corso, magari, di sole due o tre ore giornaliere, cioè 10 minuti a cranio) non sta né in cielo né in terra.
    Probabilmente, come in tutti i corsi collettivi, c'erano svariate graduazioni di capacità sciistica e in questo caso si è probabilmente scelto di affrontare una pista basandosi sul grado migliore degli allievi.
    Per quanto mi riguarda certi corsi dovrebbero essere tarati sul più scarso oppure non si dovrebbero fare proprio o, meglio, non andrebbero messi insieme tizi di abilità tanto differenti solo per fare un po' più cassa (parlo per ipotesi perché non conosco come fosse realmente la situazione).

    Sull'infortunato, visto che non è proprio un ragazzino, direi solo una cosa: quando si è reso conto di dove diavolo era andato a finire avrebbe dovuto fare dietrofront autonomamente.

  2. #77

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bisfra65 Vedi messaggio

    Sull'infortunato, visto che non è proprio un ragazzino, direi solo una cosa: quando si è reso conto di dove diavolo era andato a finire avrebbe dovuto fare dietrofront autonomamente.
    certamente e già che c'era prendere in mano il gruppo e fare lui lezione agli altri

  3. Skife per testataecassa:


  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #78

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da testataecassa Vedi messaggio
    certamente e già che c'era prendere in mano il gruppo e fare lui lezione agli altri
    Mi sa che non mi sono spiegato. Intendevo prendere la seggiovia in discesa .... e credo proprio non si sia capito.

    Comunque mi informo meglio sui soggetti, il mondo è relativamente piccolo dalle mie parti.

  6. #79

    Predefinito

    invece io intendevo che un principiante assoluto credo non si renda facilmente conto della difficoltà...

    ok che vede il ripido (che in certi posti magari è a metà pista) ma potrebbe non capire

  7. #80

    Predefinito

    responsabilità contrattuale, presunzione di colpa i principi generali da cui si partirebbe. Personalmente, quando ho preso lezione di sci non ho mai firmato un contratto (Pescasseroli e Campitello Matese), hanno rilasciato forse scontrini fiscali. Nemmeno me lo ricordo. Questo è avvenuto anche per il mio Bambino.
    Certo che il mondo è cambiato, sulla carta in meglio (si dovrebbe essere informati di tutto) ma in concreto in peggio firmi (quando firmi) frettolosamente ciò che non leggi (in genere per stanchezza, perchè sono pagine e pagine di regole scritte in maniera incomprensibile ai non addetti e con caratteri piccolissimi).
    Alzi la mano chi con una fila di 20 persone alle spalle, arrivato il suo turno per prenotare la lezione di sci, ha mai chiesto copia del contratto per conoscere come è regolamentato il rapporto.
    In questo paese per ogni cosa viene licenziata una legge, che i politici di oggi (strilloni più che politici) si affrettano ad illustrare da Vespa come la panacea del male che pretenderebbero di curare. Il buon senso, che per secoli ci ha permesso di vivere anche in maniera civile, ormai non va di moda.
    Poi si può discutere di tutto, un tempo le cose erano più semplici. Se non vuoi rischiare nulla guarda l'acquario dalla poltrona e non mettere gli sci. Io ho sciato solo in Italia ma maestri di sci irresponsabili non ne ho conosciuti. Ho visto sempre gente molto prudente, ricordo ancora una risposta di un maestro di Pescasseroli ad una mamma che chiedeva se la bambina poteva salire in panoramica: "Signora prove in montagna non se ne fanno". Quanta saggezza in quella risposta

  8. #81

    Predefinito

    Ma infatti io puntavo il dito sui corsi collettivi dove il grande problema, specialmente in quelli per adulti, è il "mischione" indifferenziato.
    L'ultima volta che ne ho fatto uno (per risparmiare, chiaramente) in teoria doveva essere dedicato a un livello medio-alto.
    Nella pratica avevamo tre tizi/tizie a rimorchio e che erano chiaramente poco più che principianti; tanto che il maestro dopo la prima discesa ha accuratamente evitato le piste più rognose.

    Sottolineo che i tre in questione (tedescA, tedescO e inglese) non si sono mai lamentati anche quando stavano rischiando la pelle. Fossero stati tre italiani avrebbero fatto arrivare l'avvocato in pista.

  9. Skife per bisfra65:


  10. #82

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bisfra65 Vedi messaggio

    Sottolineo che i tre in questione (tedescA, tedescO e inglese) non si sono mai lamentati anche quando stavano rischiando la pelle. Fossero stati tre italiani avrebbero fatto arrivare l'avvocato in pista.
    Forse avevano un'assicurazione a copertura dall' infortunio,

  11. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  12. #83

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da apo Vedi messaggio
    Stiamo parlando di un piatto tibiale, no ? Non sono medico ma dubito si rompa per torsione o a bassa velocità.
    eh mi sa che ti sbagli…. mia moglie rottura cadendo dall'ancoretta in un tratto pianeggiante, piatto tibiale aperto in 2 fino a metà tibia… viti ferri e porzione di osso artificiale con ben 6 mesi senza alcun carico….

  13. #84

    Predefinito

    Prendo atto. Tutte giuste le vostre osservazioni ma qui un tribunale ha condannato il maestro. E questo è un fatto. Senza leggere le carte facciamo esercizio di buon senso e nulla più.

  14. #85

    Predefinito

    da brivido....un infortunio gravissimo con conseguenze molto lunghe.

    Citazione Originariamente scritto da boletus Vedi messaggio
    eh mi sa che ti sbagli…. mia moglie rottura cadendo dall'ancoretta in un tratto pianeggiante, piatto tibiale aperto in 2 fino a metà tibia… viti ferri e porzione di osso artificiale con ben 6 mesi senza alcun carico….
    - - - Updated - - -

    Si infatti bisognerebbe leggere la sentenza per il ragionamento posto alla base della decisione.



    Citazione Originariamente scritto da apo Vedi messaggio
    Prendo atto. Tutte giuste le vostre osservazioni ma qui un tribunale ha condannato il maestro. E questo è un fatto. Senza leggere le carte facciamo esercizio di buon senso e nulla più.

  15. #86

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da il Matesino Vedi messaggio
    responsabilità contrattuale, presunzione di colpa i principi generali da cui si partirebbe. Personalmente, quando ho preso lezione di sci non ho mai firmato un contratto (Pescasseroli e Campitello Matese), hanno rilasciato forse scontrini fiscali. Nemmeno me lo ricordo. Questo è avvenuto anche per il mio Bambino.
    Certo che il mondo è cambiato, sulla carta in meglio (si dovrebbe essere informati di tutto) ma in concreto in peggio firmi (quando firmi) frettolosamente ciò che non leggi (in genere per stanchezza, perchè sono pagine e pagine di regole scritte in maniera incomprensibile ai non addetti e con caratteri piccolissimi).
    Alzi la mano chi con una fila di 20 persone alle spalle, arrivato il suo turno per prenotare la lezione di sci, ha mai chiesto copia del contratto per conoscere come è regolamentato il rapporto.
    In questo paese per ogni cosa viene licenziata una legge, che i politici di oggi (strilloni più che politici) si affrettano ad illustrare da Vespa come la panacea del male che pretenderebbero di curare. Il buon senso, che per secoli ci ha permesso di vivere anche in maniera civile, ormai non va di moda.
    Poi si può discutere di tutto, un tempo le cose erano più semplici. Se non vuoi rischiare nulla guarda l'acquario dalla poltrona e non mettere gli sci. Io ho sciato solo in Italia ma maestri di sci irresponsabili non ne ho conosciuti. Ho visto sempre gente molto prudente, ricordo ancora una risposta di un maestro di Pescasseroli ad una mamma che chiedeva se la bambina poteva salire in panoramica: "Signora prove in montagna non se ne fanno". Quanta saggezza in quella risposta
    non te lo ricordi perché quasi certamente non ti hanno rilasciato nulla.. ho amici con figli che hanno dovuto ricorrere alle minacce per avere una ricevuta.. certo non possiamo fare di tutta l’erba un fascio ma mediamente le scuole sci sono ad evasione quasi totale..
    riguardo alla faccenda condanna.. non sapendone nulla come tutti voi, mi ripeto, se questo sarà un deterrente al crearsi di improbabili biscioni su terreni non adatti, bene così..

  16. #87

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da hippo Vedi messaggio
    1 - Ne il maestro ne la scuola tirano fuori un euro, si paga l'assicurazione apposta per questo!
    2 - Se il maestro porta un 50enne al secondo giorno di sci, e per di più in un corso collettivo (quindi presumibilmente con altri adulti più o meno attempati) su una pista rossa, qualche rogna sela va cercando.
    Con i bambini ci si può prendere determinati "rischi", con gli adulti meno, con gli anziani ancora meno; se poi la lezione è collettiva ancora meno meno. Un bambino ha molte meno probabilitÃ* di infortunarsi per come è fatto, e se succede perde qualche giorno di scuola e torna come prima; un professionista 50enne (notaio avvocato o dentista che sia) che sta seduto in studio 8 ore al giorno 6 gg su 7, se si rompe ha certamente qualche grana in più... quindi se anche crede che i suoi soldi non li ha spesi bene perchè il secondo giorno è ancora al campo scuola a me frega poco: dal recinto non si esce finchè non sono più che sicuro che la rossa (pista) te la fai in sicurezza.
    Ok, ma non pensiate che sia così facile, così lineare. Se sei conservativo al 100% (cosa impossibile perché la sfiga ci vede benissimo) penalizzi un sacco di clienti. Prendersi qualche rischio è nelle cose.

    Per esempio, i bambini vogliono andare fuori pista, e tutti i maestri ce li portano. Ora, fai che un bambino si faccia male fuori pista, sei nel guano fino al collo. Però tutti i maestri continuano a portarli fuori pista. Perché così si fa per insegnare a sciare e far divertire i bambini. Si prende il rischio, consci del fatto che prima o poi la sfiga potrebbe presentare il conto.

    L'anno scorso ho visto il recupero in toboga di un bambino sulla Shumacher streiff, 70% di pendenza e quasi sempre duretta. Maestro sconsolato a bordo pista. Molti miei colleghi avrebbero gridato "incompetente", "incosciente" e altri insulti del genere, ma io ho solo pensato (magari sbagliando) che quel maestro avesse avuto sfortuna, fosse incappato nel giorno sfigato quando il rischio che ti prendi, lo paghi. Una situazione che poteva capitare anche a me.

    Se di fronte al bambino capriccioso che piange in cima alla nera perché ha paura (quando invece potrebbe farcela tranquillamente) tu cedi sempre al piagnisteo e viri sulla rossa, stai tutelando te stesso ma non stai offrendo un buon servizio al bambino.

    Detto questo, alcuni clienti mi hanno raccontato di maestri che li hanno portati in situazioni davvero assurde, tipo fuoripista improbabili, che mi hanno fatto ricredere sul fatto che io sia così poco conservativo, quindi magari i pazzi scatenati esistono per davvero

  17. #88

    Predefinito

    Credo che il vero problema sia la composizione dei corsi collettivi per adulti.
    Con i bambini, per esperienza personale, il “buttadentrotutto” si fa tanto cambia poco.
    Con gli adulti è quasi sempre foriero, se non di casini, della inutilità del corso.

  18. #89

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da WellnessGourmet Vedi messaggio
    Ok, ma non pensiate che sia così facile, così lineare. Se sei conservativo al 100% (cosa impossibile perché la sfiga ci vede benissimo) penalizzi un sacco di clienti. Prendersi qualche rischio è nelle cose.

    Per esempio, i bambini vogliono andare fuori pista, e tutti i maestri ce li portano. Ora, fai che un bambino si faccia male fuori pista, sei nel guano fino al collo. Però tutti i maestri continuano a portarli fuori pista. Perché così si fa per insegnare a sciare e far divertire i bambini. Si prende il rischio, consci del fatto che prima o poi la sfiga potrebbe presentare il conto.

    L'anno scorso ho visto il recupero in toboga di un bambino sulla Shumacher streiff, 70% di pendenza e quasi sempre duretta. Maestro sconsolato a bordo pista. Molti miei colleghi avrebbero gridato "incompetente", "incosciente" e altri insulti del genere, ma io ho solo pensato (magari sbagliando) che quel maestro avesse avuto sfortuna, fosse incappato nel giorno sfigato quando il rischio che ti prendi, lo paghi. Una situazione che poteva capitare anche a me.

    Se di fronte al bambino capriccioso che piange in cima alla nera perché ha paura (quando invece potrebbe farcela tranquillamente) tu cedi sempre al piagnisteo e viri sulla rossa, stai tutelando te stesso ma non stai offrendo un buon servizio al bambino.

    Detto questo, alcuni clienti mi hanno raccontato di maestri che li hanno portati in situazioni davvero assurde, tipo fuoripista improbabili, che mi hanno fatto ricredere sul fatto che io sia così poco conservativo, quindi magari i pazzi scatenati esistono per davvero
    Assolutamente non vero che i maestri non possono accompagnare in fuori pista! Possono assolutamente farlo fintanto che non sia richiesto l'uso di attrezzatura alpinistica (picca, ramponi, pelli di foca...) e sia accessibile con gli impianti... i cosiddetti "boschetti" si possono fare a meno che non ci siano specifici divieti imposti dalla società che gestisce gli impianti o l'autorità. Ovviamente anche se non vi sono specifici divieti la società non risponde per eventuali ostacoli o situazioni di pericolo non segnalate. Sta poi al maestro valutare coscienziosamente se le abilità dell'allievo lo consentono.

  19. #90
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Volkl Racetiger SL, Head iSpeed WC Rebels, Blizzard Bonafide, Line Supernatural 115

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bisfra65 Vedi messaggio
    Credo che il vero problema sia la composizione dei corsi collettivi per adulti.
    Con i bambini, per esperienza personale, il “buttadentrotutto” si fa tanto cambia poco.
    Con gli adulti è quasi sempre foriero, se non di casini, della inutilità del corso.
    Non proprio... spesso vedo un vecchietto portare a spasso dei bambini neanche a girarsi per contarli. Più di una volta avevo soccorso io l’ultimo della fila caduto, impaurito e sicuramente un futuro fan del calcio dal divano.

Pagina 6 di 7 PrimoPrimo 1234567 UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •