Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 27

Discussione: Allegra Engiadina! - Piz Languard dall'Alp omonima 16.08.19

  1. #1

    Predefinito Allegra Engiadina! - Piz Languard dall'Alp omonima 16.08.19

    Il fresco report di Maxxxce mi ha fatto ricordare che non ho ancora narrato la più importante escursione firmata ste1258 dell'estate 2019. E quindi, preso dall'onda engadinese, provvedo col presentarvi la salita al Piz Languard (3261,86 m) compiuta il 16 del mese scorso con spedizione in giornata da Ponte di Legno.
    La salita è un bel sentiero fino al rifugio Georgy 3186 m (con un occhio al precipizio sottostante nell'ultimo tratto) e diventa EE solo per la conquista della vetta, tratta comunque molto breve, attrezzata bene e segnata anche meglio. Dall'arrivo della seggiovia alla vetta sono 936 m di dislivello che i cartelli indicano fattibili in 2h45. Noi con passo tranquillo (e mancando pure il primo bivio per colpa delle mucche) abbiamo impiegato 2h40. Il ritorno è stato allungato via lago Languard e capanna Paradis (ma ne valeva la pena) portando il totale dell'escursione a 6h tonde e circa 1050 m dsl.

    Foto!

    La salita da Pontresina con un simpatico rottame biposto da 23,70 CHF, con 8 gradi e la nebbia, non è tra i migliori inizi...


    All'arrivo all'Alp Languard la nuvolaglia si rivela ben più diffusa di quanto previsto dai solitamente affidabili Meteoblue e Meteosvizzera, che davano sereno già dal mattino presto.


    Mentre ci si mette in cammino invocando i più svariati santi per un miracoloso diradamento delle nubi, ecco che il Bernina ci dà il benvenuto...


    ... e un po' più in là il Palù, che si vedrà giusto adesso e nel pomeriggio.


    Voltandosi indietro, intorno ai 2600, si può apprezzare un timido innalzamento delle nuvole dalla valle. C'è giusto un leggero timore che decidano di fermarsi proprio alla quota della vetta, come successe l'anno scorso sul Confinale, ma vedremo che stavolta andrà un po' meglio.


    Verso i 2900 inizia il tratto più impegnativo, un continuo zigzag sotto la verticale della vetta, e con lui inizia anche la neve, che resta fortunatamente solo una simpatica decorazione, non costituendo un ostacolo al cammino sul sentiero. In basso il laj da Languard, che visiteremo nel pomeriggio.


    Ignoriamo per ora il rifugio, attaccando subito la vetta. Intanto il panorama si allarga e inizia a farsi interessante.


    Ultimi metri...


    Ore 11:55, in cima!


    Qualche occhiata ai dintorni... qui il lago Bianco.


    I laghetti della Pischa


    La stazione del Diavolezza, con le lenzuola sulla pista da sci.


    San Murezzan e le piste del Corviglia, con lo sfondo del Piz Julier.


    Ed ecco uno dei più spettacolari anfiteatri delle Alpi!


    La terrazza del rifugio dove ci concediamo la pausa pranzo. Italiano il simpatico rifugista, e italiani la maggior parte degli avventori, non pensavo.




    Il Pilatus dell'esercito svizzero controlla!!


    Nel primo pomeriggio la base dei cumuli supera i 3400 m e ci concede delle viste migliori. Qui abbiamo il gruppo dell'Ortles-Cevedale in lontananza, con i monti di Livigno in primo piano.


    La montagna dell'acqua... Altizzima e Purizzima


    Ortles e Gran Zebrù tagliati verso i 3600.


    La Staziun Corvatsch.


    Sulla via del ritorno una simpatica famigliola di stambecchi rossocrociati.


    Nel pomeriggio, dicevo, ci siamo concessi una variante, allungando un po' il percorso per disegnare un quasi-anello, spingendoci dapprima verso sudest nell'alta val Languard...


    ...per poi scendere sulle rive del laghetto omonimo (non me ne vogliano gli svizzeri, ma qui sembrano Orobie )


    Un elicottero approda alla chamanna Georgy.


    Dal laghetto, un cartello ci suggerisce un'ulteriore variante che, con una sessantina di metri di salita, porta al piccolo ristoro Paradis, dove ci attende una visuale di un certo livello...


    ...questa:


    Il povero Morteratsch agonizzante. Nel 2012, quando lo visitai personalmente, la lingua terminava poco oltre l'arrivo della strada, dove il torrente inizia a serpeggiare in piano.


    Ancora uno sguardo verso il Languard e si inizia la discesa verso la seggiovia.


    Seggiovia, dicevamo, che oltre a non essere propriamente economica e nemmeno particolarmente all'avanguardia, è anche lentissima e ostenta una curva in piena linea, risolta con questo adorabile groviglio di ferraglia.


    Il Palù si svela da Pontresina (mentre il traliccio a sinistra, verosimilmente, ci sta rifornendo di corrente).


    Ciao Engadina!


    È tutto, come sempre grazie per l'attenzione, gli skife, i commenti.


  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  3. #2

    Predefinito

    Ero del tutto all'oscuro del fatto che esistesse in Svizzera, tanto più non francese una seggiovia così particolare.....

  4. Skife per Edo:


  5. #3

    Predefinito

    È una Baco-Poma
    Non sono ancora riuscito a capire come fa a curvare il ramo interno senza interferire con la morsa. (E aggiungo che non ho nemmeno capito bene il motivo della curva, visto che non mi pare ci siano ostacoli sul tracciato rettilineo)

  6. #4

    Predefinito

    Mi vergogno ma non ci sono ancora stato pur avendo lo stagionale.


    Io mi ero programmato un giro alternativo con amici trekker ma quel weekend pioveva: salire in funicolare a Muottas Muragl e traversare fino alla stazione del treno di Diavolezza passando sotto al Piz Languard dove si può fare una deviazione per il rifugio e la cima

  7. #5

  8. #6
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Rossignol Hero Master18, Rossignol Radical RX WC Fis, Rossignol Hero Fis SL, Lange WC RP ZA

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ste1258 Vedi messaggio
    Ed ecco uno dei più spettacolari anfiteatri delle Alpi!

    eccezionale!!! che vista!!!


    grazie mille, report molto interessante...

  9. #7

    Predefinito

    E la cosa ancor più sconvolgente è che questo panorama lo si può osservare direttamente dalla strada, non serve neanche salire a piedi da qualche parte

  10. #8

    Predefinito

    Urge l'acquisto di una casa in Engadina ormai.

  11. Skife per Ema93:


  12. #9

    Predefinito

    Alla fine Segantini non era proprio un pirla se in punto di morte ha voluto vedere quel panorama... teh e non sono nemmeno Dolomiti 😉

  13. #10

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    Urge l'acquisto di una casa in Engadina ormai.
    In realtà c'avevo pensato. Avevo trovato un'ottima sistemazione in zona Suvretta a San Maurizio, comoda da raggiungere con la mia RS6 da 600 Cv che uso tutti i giorni per andare a far la spesa. Poi alla fine ho cambiato idea e ho preso un monolocale a Lizzola. Vuoi mettere le Orobie vs il Bernina?

  14. Skife per ste1258:


  15. #11

  16. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    Urge l'acquisto di una casa in Engadina ormai.
    Architetto pronto per il progetto, Pierr mette il grano ed è fatta...

  17. #13

    Predefinito

    io devo cambiare la mia Fiat Punto e sono disperato. L'affitto mi dissangua

  18. #14

    Predefinito

    Beh,come si dice.Ti piace vincere facile


  19. #15

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ste1258 Vedi messaggio
    In realtà c'avevo pensato. Avevo trovato un'ottima sistemazione in zona Suvretta a San Maurizio, comoda da raggiungere con la mia RS6 da 600 Cv che uso tutti i giorni per andare a far la spesa. Poi alla fine ho cambiato idea e ho preso un monolocale a Lizzola. Vuoi mettere le Orobie vs il Bernina?
    Alla fine l'Engadina è una Val Seriana un po' più secca (e un po' più alta, ma dettagli)

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •