Mostra risultati da 1 a 14 di 14

Discussione: Metodo per stimare l'inclinazione di un pendio da casa

  1. #1

    Predefinito Metodo per stimare l'inclinazione di un pendio da casa

    Cari,

    come tutti noi sappiamo, Ŕ necessario valutare in anticipo le caratteristiche del terreno che incontreremo in una uscita di scialpinismo in relazione al rischio valanghe. La scala del rischio da sola pu˛ non bastare; infatti essa deve essere correlata alle pendenze in gioco. Ora, secondo me serve a poco misurare l'inclinazione del pendio sul posto durante l'uscita: se Ŕ troppo elevata che fai, torni a casa? Quindi se uno ha la mappa della scala giusta e misura la distanza delle curve di livello, bene; se no, sottopongo al vostro giudizio critico un metodo che ho escogitato e verificato quest'estate.
    Allora, si comincia con Google Eath (earth.google.com) cercando la montagna che ci interessa e, utilizzando, l'opzione 3D il pendio in questione; ora, usando il navigatore in basso a destra, misuriamo l'altezza del punto di partenza e quella del punto di arrivo (h) poi, con lo strumento righello, misureremo la lunghezza del pendio (lp). Avremo cosý un cateto (h) e l'ipotenusa (lp) di un triangolo rettangolo e:
    1) se siete dei matematici vi calcolate il valore dell'angolo opposto al cateto h trovando cosý l'inclinazione in gradi;
    2) altrimenti fate come me e inserite i valori trovati in questa maschera https://it.numberempire.com/right_tr...calculator.php che vi restituisce subito lo stesso valore.
    Nelle settimane scorse ho fatto un paio di verifiche sul campo e mi pare che funzioni egregiamente.

    Che ne pensate?

  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre


  3. #2

    Predefinito

    Dal punto di vista matematico regge.
    Per˛ ti dÓ la pendenza media da punto A a punto B, e non sai se tra A e B ci siano cambi di pendenza importanti (per veritÓ scorrendo col cursore lo vedi in tempo reale se ci sono variazioni repentine di altitudine)
    Occorre campionare punti abbastanza ravvicinati

  4. Lo skifoso botto ha 2 Skife:


  5. #3

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da botto Vedi messaggio
    Dal punto di vista matematico regge.
    Per˛ ti dÓ la pendenza media da punto A a punto B, e non sai se tra A e B ci siano cambi di pendenza importanti (per veritÓ scorrendo col cursore lo vedi in tempo reale se ci sono variazioni repentine di altitudine)
    Occorre campionare punti abbastanza ravvicinati
    Giustissimo! Puoi segmentare il percorso in base ai cambi di pendenza e ripetere l'operazione per ogni segmento (oppure solo sul segmento pi¨ ripido).

  6. #4

    Predefinito

    L'esperienza mi insegna che troppe pi*pe mentali a tavolino e comunque l'imprevisto esce nei modi pi¨ impensati.
    Hai detto bene tu, se sei sul posto e senti puzza di m... allora torni a casa.
    Hai voglia a misurare pendenze, ci sono pendii enormi a 40 gradi fissi che scaricano raramente, pendii di dislivello ridicolo e pendenza contenuta, che magari hanno una pancia, che se li vedi dal vero sembrano adatti anche al picnic con tovaglia a quadri, scaricano certe bombe con frequenza inimmaginabile. Un altro esempio l'erba di falasco su earth non la valuti benissimo, e nemmeno sul posto quella, a meno che non conosci anche d'estate...

  7. Lo skifoso Vettore2480 ha 2 Skife:


  8. #5

    Predefinito

    ... io in realtÓ sono pigro e uso un sistema meno artigianale... percorso da Bonne alla testa del Rutor:

    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	Screenshot_20190827-155802.jpg
Visite:	52
Dimensione:	91.9 KB
ID:	70060Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	Screenshot_20190827-155819.jpg
Visite:	52
Dimensione:	43.2 KB
ID:	70061

  9. #6

    Predefinito

    www.mysnowmaps.com

    Selezioni "vai alla mappa"

    Nei livelli, men˙ a tendina sulla destra, sotto "morfologia" scegli "pendenza".

    Enjoy

    (PS: quasi tutte le mappe on-line dedicate all'outdoor permettono di visualizzare in una scala di colori la pendenza locale. Vedi anche bergfex)

    (PS2: non Ú proprio la pendenza locale, ma si avvicina molto. CosÝ puoi vedere se il pendio che intendi attraversare Ú tutto sopra l'inclinazione critica o se ha solo una piccola sezione o se, ed Ú molto peggio, ha pendii ripidi "sopra")

  10. #7

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Matteo Harlock Vedi messaggio
    www.mysnowmaps.com

    Selezioni "vai alla mappa"

    Nei livelli, men˙ a tendina sulla destra, sotto "morfologia" scegli "pendenza".

    Enjoy

    (PS: quasi tutte le mappe on-line dedicate all'outdoor permettono di visualizzare in una scala di colori la pendenza locale. Vedi anche bergfex)

    (PS2: non Ú proprio la pendenza locale, ma si avvicina molto. CosÝ puoi vedere se il pendio che intendi attraversare Ú tutto sopra l'inclinazione critica o se ha solo una piccola sezione o se, ed Ú molto peggio, ha pendii ripidi "sopra")

    Grazie, ci do un occhio!

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da Matteo Harlock Vedi messaggio
    www.mysnowmaps.com

    Selezioni "vai alla mappa"

    Nei livelli, men˙ a tendina sulla destra, sotto "morfologia" scegli "pendenza".

    Enjoy

    (PS: quasi tutte le mappe on-line dedicate all'outdoor permettono di visualizzare in una scala di colori la pendenza locale. Vedi anche bergfex)

    (PS2: non Ú proprio la pendenza locale, ma si avvicina molto. CosÝ puoi vedere se il pendio che intendi attraversare Ú tutto sopra l'inclinazione critica o se ha solo una piccola sezione o se, ed Ú molto peggio, ha pendii ripidi "sopra")

    Utile per le alpi, ma in Appennino non c'Ŕ niente!

  11. #8

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Albertino66 Vedi messaggio
    Giustissimo! Puoi segmentare il percorso in base ai cambi di pendenza e ripetere l'operazione per ogni segmento (oppure solo sul segmento pi¨ ripido).
    che a forza di stare a segmentare la gita salta comunque per mancanza di tempo..

  12. Skife per brigas pride:


  13. #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Albertino66 Vedi messaggio
    Cari,

    come tutti noi sappiamo, Ŕ necessario valutare in anticipo le caratteristiche del terreno che incontreremo in una uscita di scialpinismo in relazione al rischio valanghe. La scala del rischio da sola pu˛ non bastare; infatti essa deve essere correlata alle pendenze in gioco. Ora, secondo me serve a poco misurare l'inclinazione del pendio sul posto durante l'uscita: se Ŕ troppo elevata che fai, torni a casa?

    Che ne pensate?
    SI, torni a casa!

    Tutto il resto "funziona" solo da dietro alla scrivania

  14. #10
    fotoskier Skifoso
    Attrezzatura
    Volkl Kuro - K2 Pon2oon - Line OPUS - Line SN 100 - Rossignol GS fis r23 - Rossignol HERO SL fis - Head SSS

    Predefinito

    La pendenza conta poco se non sai che tipo di fondo hai, se a metÓ pendio hai una lastra di roccia, in quel punto potresti staccare anche con pendenze ridotte, al contrario se sei su un pendio ricco di arbusti, avrai una maggior tenuta del manto nevoso.
    I posti che conosco, li conosco e li valuto a 360░, i posti che non conosco vado a farli con i local, o le guide, perchŔ loro conoscono i pendii.
    Il tutto con la consapevolezza che puoi fare mille valutazioni per pararti le chiappe, ma non potrai mai avere la CERTEZZA che non stacchi, a meno di non essere in un bel boschetto

  15. #11

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Teo Vedi messaggio
    Il tutto con la consapevolezza che puoi fare mille valutazioni per pararti le chiappe, ma non potrai mai avere la CERTEZZA che non stacchi, a meno di non essere in un bel boschetto
    stacca anche nei boschetti.... ...

  16. #12

    Predefinito

    Non trasformate questa discussione in un Bignami del riassunto del corso semplificato di nivologia.

    State mescolando pere e banane. Albertino parlava di gite, di metodi per leggere la pendenza mentre sei con la cartina in mano e la relazione nell'altra e vuoi farti un'idea dei pendii.

    Dell'estensione delle zone sopra i 25-30░, della possibilitß di tracciare la salita senza doverli percorrere, attraversare o averli sopra la testa, della presenza di marcati impluvi che possono esser percorsi preferenziali da valanga.

    Voi freerider invece state giß discutendo di pendii che sono per definizione sopra o molto prossimi alla soglia critica (sennˇ sarebbero noiosi da fare coi largoni a 200km/h) e che richiedono valutazioni che vanno ben oltre la sola pendenza.

    Io uso la possibilitß di visualizzare la pendenza come una scala di colori sulla cartina. Mi aiuta a scegliere e valutare meglio la traccia una volta sul posto.
    Ed anche a non seguire bovinamente i "tracciatori" quando per pigrizia, per eccessivo tutinismo o per ignoranza, prendono il percorso sbagliato.

    Su un pendio a balze spesso da sotto non vedi cosa c'Ú dopo. Ad un ipotetico bivio (prendo la linea di dosso di dx o di sx?) devi aver chiara la morfologia di dove andrai a muoverti.

  17. Lo skifoso Matteo Harlock ha 2 Skife:


  18. #13

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Matteo Harlock Vedi messaggio
    Non trasformate questa discussione in un Bignami del riassunto del corso semplificato di nivologia.

    State mescolando pere e banane. Albertino parlava di gite, di metodi per leggere la pendenza mentre sei con la cartina in mano e la relazione nell'altra e vuoi farti un'idea dei pendii.

    Dell'estensione delle zone sopra i 25-30░, della possibilitß di tracciare la salita senza doverli percorrere, attraversare o averli sopra la testa, della presenza di marcati impluvi che possono esser percorsi preferenziali da valanga.

    Voi freerider invece state giß discutendo di pendii che sono per definizione sopra o molto prossimi alla soglia critica (sennˇ sarebbero noiosi da fare coi largoni a 200km/h) e che richiedono valutazioni che vanno ben oltre la sola pendenza.

    Io uso la possibilitß di visualizzare la pendenza come una scala di colori sulla cartina. Mi aiuta a scegliere e valutare meglio la traccia una volta sul posto.
    Ed anche a non seguire bovinamente i "tracciatori" quando per pigrizia, per eccessivo tutinismo o per ignoranza, prendono il percorso sbagliato.

    Su un pendio a balze spesso da sotto non vedi cosa c'Ú dopo. Ad un ipotetico bivio (prendo la linea di dosso di dx o di sx?) devi aver chiara la morfologia di dove andrai a muoverti.
    Grazie! Hai capito perfettamente il senso del mio intervento, individuare percorsi relativamente "sicuri" (<30░) per le mie gitarelle Appenniniche. Per fare scialpinismo (o skitouring come lo chiamano ora) tolgo tempo alla famiglia e agli altri impegni e mi scoccia tornare in dietro senza neppure aver calzato gli sci. Certo da noi il rischio, pur presente, Ŕ ridotto ma Ŕ comunque d'obbligo la prudenza. Sono pure cosciente dell'influenza del terreno: pessimo il palÚo, ottimi i mirtilli. Da noi il bello non Ŕ la pendenza ma la possibilitÓ di fare numerosi concatenamenti sulle vette del crinale e una valutazione preventiva delle zone in cui vado per la prima volta mi Ŕ utile.

    Comunque grazie a tutti per le risposte, siete davvero in gamba e mi Ŕ utilissimo confrontarmi con voi.

  19. Skife per Albertino66:

    Teo

  20. #14
    fotoskier Skifoso
    Attrezzatura
    Volkl Kuro - K2 Pon2oon - Line OPUS - Line SN 100 - Rossignol GS fis r23 - Rossignol HERO SL fis - Head SSS

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da op1976 Vedi messaggio
    stacca anche nei boschetti....
    vero, ma Ŕ molto difficile lasciarci le piume...




Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •