Pagina 28 di 28 PrimoPrimo ... 1819202122232425262728
Mostra risultati da 406 a 420 di 420

Discussione: Wlf 67 - multiwlf estivo

  1. #406

    Predefinito

    Avevo letto o sentito da qualche parte che è facile trovare quel tipo di carne anche tra i piatti Kazaki, Uzbeki o Kyrgisi. E' probabile che l'usanza sia stata importata dai Koreani che sotto il regime di Stalin subirono deportazioni in massa proprio verso questi paesi. Comunque può darsi che siano solo leggende.

  2. #407

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Crespeina Vedi messaggio
    che sotto il regime di Stalin subirono deportazioni in massa proprio verso questi paesi.
    Riesci a riassumere questa vicenda con qualche particolare in più?
    La più grande comunità coreana dovrebbe essere in Uzbekistan comunque.....

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #408

    Predefinito

    ^
    La deportazione dei coreani sovietici, nel 1937, segnò una tappa importante nell'opera di repressione del regime stalinista: per la prima volta gli appartenenti a una minoranza nazionale furono deportati tutti fino all'ultimo.

    Nell'aprile 1937 la "Pravda" accusò il Giappone di aver gioco facile nell'infiltrare spie tra la popolazione coreana dell'estremo oriente.

    Il 21 agosto Stalin e Molotov firmarono una risoluzione che ordinava che tutti coreani che vivevano nelle aree di confine con la Corea e la Manciuria fossero deportati in Kazakhstan e in Uzbekistan entro la fine dell'anno. L'NKVD portò a termine il compito rapidamente e in poco più di due mesi non rimaneva un solo coreano nell'estremo oriente sovietico. Entro la fine di ottobre, 172.000 persone erano stati stipate su 124 convogli ferroviari e spedite nel centro dell'Asia. Dopo un mese di viaggio in condizioni disumane, circa 95.000 deportati arrivarono in Kazakhstan, e altri 77.000 in Uzbekistan.


    Tratto da: http://www.akra.it/amis/schede.asp?idsch=256&id=10

  5. Lo skifoso Crespeina ha 3 Skife:


  6. #409

  7. Lo skifoso Edo ha 2 Skife:


  8. #410

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio



    Il Naryn, e il ponte sul Kara Darya... a livello di torrenti incominciamo a carburare
    Sono i due rami che formano più avanti il Syr Darya, il mitico Iassarte degli antichi.
    E pensare che tutta quell'acqua sarebbe destinata a finire nel lago d'Aral, mannaggia alla miseria

    ----------

    Veramente affascinante la Sua incursione nella terra dei Chirghisi; un po' di curiosità sparse:
    1. la gran parte della strada che ha percorso Lei già la conosceva; ha provato una sensazione di familiarità, sulla carta un po' incongrua, a migliaia di km dal suo Piemonte?
    2. Ci parli un po' di questo benedetto guerriero Manas, La prego, del quale si notano statue equestri sparse un po' ovunque.
    3. Lei ha fotografato un'altro monumento interessante a Talas, che commemora fatti molto recenti occorsi nell'aprile 2010. Di che si tratta?

    --------------

    Osh si meritava una visita più approfondita, rispetto a quella da Lei compiuta qualche anno prima: ha fatto proprio bene a tornarci!
    Oltre al monumento di Lenin, trovo bellissimi gli scatti del bazar

  9. #411

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    a livello di torrenti incominciamo a carburare
    La ringrazio per la Sua decisione di rimandare la compilazione del formulario per chiedere il rimborso del biglietto.....

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    ha provato una sensazione di familiarità, sulla carta un po' incongrua, a migliaia di km dal suo Piemonte?
    Beh, oramai per il malefico enigmista la Svizzera dell'Asia Centrale è come una seconda casa ; tuttavia Egli non ricordava affatto (probabilmente perché all'epoca della traversata al posto della morte in tassì, anzi sarebbe più corretto dire sul tassì della morte per le motivazioni che già elencai in passato, non lo era) che un tratto stradale di più o meno centro chilometri di lunghezza fosse completamente distrutto, aspetto questo che ha reso impossibile al despota, raggiungere, come anticipatamente egli aveva preventivato, in tarda serata la città di frontiera, dove tra l'altro aveva un appuntamento, obbligandolo a pernottare per avvenuto sfinimento in una locanda lungo la strada. Egli naturalmente non poteva sapere in anticipo che i restanti centro chilometri, a partire proprio dal luogo nel quale si è fermato, avrebbero avuto invece un fondo stradale in buono stato di manutenzione.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    Ci parli un po' di questo benedetto guerriero Manas, La prego, del quale si notano statue equestri sparse un po' ovunque.
    Mi spiace deluderLa un'altra volta ma il diabolico, ahimè, ha tentato numerose volte di domandare agli indigeni una breve spiegazione ricapitolativa sulla questione ma dopo la prima ora e mezza di narrazione egli ha perso il filo logico della questione e ha oramai scordato la maggior parte delle vicende .
    Potrebbe essere Lei, casomai avesse un periodo di noia, ad informarsi in proposito per proporci successivamente un breve sunto della questione; non le piace come idea Comandante?

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    Lei ha fotografato un'altro monumento interessante a Talas, che commemora fatti molto recenti occorsi nell'aprile 2010. Di che si tratta?
    Potrebbe trattarsi di qualcosa legato a questa vicenda?

    https://en.wikipedia.org/wiki/Kyrgyz_Revolution_of_2010

  10. #412

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    ha provato una sensazione di familiarità
    Comunque e per cercare di rispondere un po' più seriamente alla sua domanda, in Chirghisia, essendo il paese più democratico della zona mi sono trovato molto più a mio agio che ad esempio nella contigua terra dei Cosacchi dove, tra le altre cose, guidare è un vero incubo per via delle forze dell'ordine più corrotte e e malfamate probabilmente dell'intera ex confederazione, che sono appostati letteralmente ovunque - qualora anche in mezzo al deserto s'intraveda un isolato villaggio di catapecchie in prossimità della strada, si può avere la quasi certezza di incontrarne almeno un paio nei chilometri seguenti - e che trascorrono la giornata rincorrendo e fermando gli autoveicoli di passaggio, inventandosi qualunque pretesto per comminare sanzioni che sulla carta sono elevate come quelle elevate nella democratica confederazione che si trova subito a settentrione della catena alpina. Se anche in quell'altra democratica Federazione (cit.) si applicasse la stessa modalità per il controllo della buona condotta del cittadino, a mio avviso le ineffabili traversate transcontinentali sarebbero del tutto impossibili da compiere in un periodo di tempo accettabile, e soprattutto sarebbero del tutto indesiderabili per il portafogli del viandante.

  11. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  12. #413

    Predefinito

    L'unico italiano che per andare a Boston prende la macchina

  13. Lo skifoso Kaliningrad ha 2 Skife:


  14. #414

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio


    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio

    Potrebbe trattarsi di qualcosa legato a questa vicenda?

    https://en.wikipedia.org/wiki/Kyrgyz_Revolution_of_2010
    Sì, certo, ma io chiedevo nello specifico chi fossero le due figure raffigurate (ammesso e non concesso che non si tratti di individui generici, "universali").

    Comunque... abbiamo imparato che tra chirghisi e usbechi non c'è particolare amore.
    Ma Lei si è accorto che Osh è in maggioranza usbeca? Magari osservando le diverse fattezze della maggior parte dei suoi abitanti, o il loro diverso accento..

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio

    Mi spiace deluderLa un'altra volta ma il diabolico, ahimè, ha tentato numerose volte di domandare agli indigeni una breve spiegazione ricapitolativa sulla questione ma dopo la prima ora e mezza di narrazione egli ha perso il filo logico della questione e ha oramai scordato la maggior parte delle vicende .
    Potrebbe essere Lei, casomai avesse un periodo di noia, ad informarsi in proposito per proporci successivamente un breve sunto della questione; non le piace come idea Comandante?
    Ma Lei è stato addirittura al mausoleo di Manas!
    Come potrei permettermi io, a totale digiuno di storia e letteratura chirghisa, di fare quello che mi propone di fare?

    Però posso "copincollare" due righe dalla wikipedia inglese, che ci fornisce qualche informazione interessante:

    "Kyrgyz" is believed to have been derived from the Turkic word for "forty", about the forty clans of Manas, a legendary hero who united forty regional clans against the Uyghurs. Literally, Kyrgyz means We are forty. At the time, in the early 9th century AD, the Uyghurs dominated much of Central Asia (including Kyrgyzstan), Mongolia, and parts of Russia and China.
    The 40-ray sun on the flag of Kyrgyzstan is a reference to those same forty tribes and the graphical element in the sun's center depicts the wooden crown, called tunduk, of a yurt - a portable dwelling traditionally used by nomads in the steppes of Central Asia.

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio












    -------------------


    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio
    Beh, oramai per il malefico enigmista la Svizzera dell'Asia Centrale è come una seconda casa ; tuttavia Egli non ricordava affatto (probabilmente perché all'epoca della traversata al posto della morte in tassì, anzi sarebbe più corretto dire sul tassì della morte per le motivazioni che già elencai in passato, non lo era) che un tratto stradale di più o meno centro chilometri di lunghezza fosse completamente distrutto, aspetto questo che ha reso impossibile al despota, raggiungere, come anticipatamente egli aveva preventivato, in tarda serata la città di frontiera, dove tra l'altro aveva un appuntamento, obbligandolo a pernottare per avvenuto sfinimento in una locanda lungo la strada. Egli naturalmente non poteva sapere in anticipo che i restanti centro chilometri, a partire proprio dal luogo nel quale si è fermato, avrebbero avuto invece un fondo stradale in buono stato di manutenzione.
    Ahora entiendo!
    Non si riusciva effettivamente a giustificare la brevità dell'ultima di tappa da Zhalalabad a Osh.

    Poi, arrivato a Osh, immagino che Lei abbia passato così tanto tempo in quell'allegra cittadina un po' per elaborare e metabolizzare la decisione di volgere finalmente la prua del suo mezzo verso casa, e un po' per aspettare il favore delle tenebre per poter poi varcare il confine con maggiore celerità.
    La prima cosa che avrà fatto una volta dall'altra parte sarà stato acquistare per una decina di dollari una buona assicurazione per la sua auto
    Si riesce a fare tutto in piena notte?
    Ci dica!

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio
    Comunque e per cercare di rispondere un po' più seriamente alla sua domanda, in Chirghisia, essendo il paese più democratico della zona mi sono trovato molto più a mio agio che ad esempio nella contigua terra dei Cosacchi dove, tra le altre cose, guidare è un vero incubo per via delle forze dell'ordine più corrotte e e malfamate probabilmente dell'intera ex confederazione, che sono appostati letteralmente ovunque - qualora anche in mezzo al deserto s'intraveda un isolato villaggio di catapecchie in prossimità della strada, si può avere la quasi certezza di incontrarne almeno un paio nei chilometri seguenti - e che trascorrono la giornata rincorrendo e fermando gli autoveicoli di passaggio, inventandosi qualunque pretesto per comminare sanzioni che sulla carta sono elevate come quelle elevate nella democratica confederazione che si trova subito a settentrione della catena alpina.
    Ma quindi i Cosacchi l'hanno fermata? Più volte? L'hanno multata?
    Ci racconti!

  15. Lo skifoso subsahara ha 2 Skife:


  16. #415

    Predefinito

    D'accordo col Comandante.... finalmente un mercato degno di questo nome ... altro che mercatini di Natale ...

  17. Skife per Kaliningrad:


  18. #416

    Predefinito

    ^
    Si immagini Edo e un paio di suoi amici, seduti la sera in un elegante caffè torinese, intenti a disquisire su mercatini e affini.
    Amico 1: "io ritengo che Vipiteno e Bressanone abbiano entrambe dei mercatini carinissimi"
    Amico 2: "sì, è vero, però io preferisco Innsbruck! E anche Salisburgo non è male! Tutte quelle bancarelle in legno, l'atmosfera raccolta e allegra allo stesso tempo, ecc..."
    Edo si schiarisce la voce subito prima di calare il carico da undici: "vi consiglio di visitare anche il bazar di Osh, e non mancate di fare un giro al mercato del bestiame di Kashgar "



    Un altro pianeta!
    Ultima modifica di subsahara; 27-12-2019 alle 08:53 PM.

  19. Skife per subsahara:


  20. #417

    Predefinito

    Dal momento che alle eccellenze piace provocare; deve forse il tirannico aprire una discussione con annessa fotocronaca ad essi dedicata, la visione della quale sarà d'obbligo da parte vostra per il proseguimento dell'ineffabile fotocronaca?



















    - - - Updated - - -




































































































































































































  21. #418

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    Ma Lei si è accorto che Osh è in maggioranza usbeca? Magari osservando le diverse fattezze della maggior parte dei suoi abitanti
    Beh, certamente sì, ma può benissimo distinguerli anche lei dal momento che hanno fattezze piuttosto dissimili, n'est-ce pas Commandant?

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    il loro diverso accento..
    In realtà, vista la somiglianza tra le due lingue all'orecchio di un europeo non so se gli usbechi di Chirghisia parlino l'usbeco o il chirghiso.....

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    Comunque... abbiamo imparato che tra chirghisi e usbechi non c'è particolare amore.
    A mio avviso ciò spiega anche la difficilissima situazione economica della seconda città del paese: già la geografia è poco generosa perché, escludendo che per il forestiero è più interessante visitare un ambiente montagnoso piuttosto che desertico, il paese in questione presenta appunto un'orografia del tutto sfavorevole per le comunicazioni e per il conseguente sviluppo economico. La repubblica non solo è una delle più povere dell'ex Unione Sovietica (penso che si contenda il gradino più alto del podio con il confinante Tagichistan) ma è addirittura uno dei paesi più poveri al mondo, escludendo, ahinoi, "l'imbattibile" fascia dell'Africa subsahariana, per quanto riguarda gli indici economici e per il reddito pro capite, ma è anche quanto di più distante ci possa essere da qualsiasi mare che si possa chiamare tale. Tra Osh e la capitale l'unica strada (anche se un'altra strada che segue un percorso differente dovrebbe essere in costruzione, ma una volta ultimata si tratterà comunque di una strada di montagna ad una sola corsia per senso di marcia ed ancor più lunga di quella attuale) presente è lunga oltre 650 chilometri e può essere percorsa in non meno di dodici ore da un'automobile, utilizzando il locale e poco ortodosso (per non parlare dei pericoli che ciò comporta) stile di guida. Per i mezzi pesanti si possono fare le debite proporzioni. Questa strada naturalmente soffre delle immaginabili perturbazioni alla circolazione stradale che possono occorrere nei mesi invernali ad oltre tremila metri di altitudine.
    A sud montagne difficilmente valicabili separano questa zona da un paese che come è stato detto non nutre né di una salute migliore né di un'orografia più favorevole, ed ancora più a sud, oltre a montagne ancora più difficilmente attraversabili ci sono due dei paesi più instabili e pericolosi del mondo.
    Ad oriente la regione più militarizzata e chiusa agli stranieri di uno dei paesi già per certi versi più chiusi al mondo esterno fanno sì che il traffico tra Kashgar ed Osh (o Bishkek, ancora più difficilmente raggiungibile per via dei permessi da ottenere) si riduca a qualche camion che trasporta merci (con il carico unidirezionale) e qualche curioso forestiero (il quale riscontra pero, da ciò che si può leggere in rete, sempre più difficoltà ad attraversare questo confine) di passaggio. Nemmeno la nuova via della Seta parrebbe poter dare un po' di ossigeno a questa disgraziata nazione in quanto esiste una via ben più diretta tra l'Europa e Pechino.

    E' finita qua? Neanche per sogno! Va da sé che, cartina alla mano, la geografia suggerirebbe che la Chirghisia meridionale dovrebbe guardare ad ovest piuttosto che ad est per sviluppare il commercio e la grande città di riferimento per gli abitanti, così come forse (non so, è semplicemente una mia supposizione) era ai tempi del maligno impero dovrebbe essere la capitale usbeca (per recarsi nella quale c'è in ogni caso da valicare una catena montuosa, il gioco facile non esiste purtroppo in quelle lande) piuttosto che la capitale a 650 chilometri di distanza, non fosse solo che i giochetti politici di circa un secolo fa che hanno tracciato linee immaginarie del tutto astruse sulla cartina geografica hanno fatto sì che a decenni di distanza, tutta la fascia meridionale del paese, appunto, sia stata separata e resa del tutto isolata dalle zone confinanti. Il confine per gli autoctoni* è stato riaperto solamente da un paio d'anni e per il momento, da quanto ho potuto constatare e da ciò che so, i passaggi da una parte all'altra avvengono molto timidamente.** Per non parlare della palpabile differenza di ambiente e di stile di vita che occorre tra le due parti, prevedibile tenendo in considerazione gli aspetti fino ad ora narrati ma imprevedibile basandosi sulle mappe e sull'appartenenza alla stessa nazione nel passato. Fatto che avvalorerebbe le ipotesi isolazionistiche in ogni caso.

    *per correttezza, mi avevano detto che anche all'epoca era possibile attraversare il confine per gli autoctoni ma con grosse difficoltà, e a titolo esemplificativo gli abitanti di Osh dovevano recarsi presso l'altro unico punto di attraversamento della zona situato oltre cento chilometri a nord. Può anche darsi che prima degli scontri del 2010 la situazione fosse più rilassata, ma c'è anche da tenere in conto che la situazione potrebbe essere cambiata solamente perché il vecchio e non democratico presidente dell'Uzbekistan è morto. Per quanto riguarda gli stranieri i cambiamenti sono avvenuti proprio per questo motivo, e tre anni fa il confine era aperto solamente ai pochissimi stranieri di passaggio. E dalla mia esperienza, in base ciò che ho letto, sono stati cambiamenti enormi. Anzi, incommensurabili, se si pensa che si narra che fino a solo due anni fa all'entrata verso ovest, oltre ai necessari permessi, si ricevessero controlli serratissimi e sguardi sospettosi mentre adesso si ricevono sorrisi, frasi scherzose e di benvenuto* e, secondo la mia limitata esperienza, avvalorata però da parecchi altri rapporti dell'ultimo periodo, praticamente nessun controllo oltre a quello dei documenti personali.

    *per correttezza scrivo che un affilato ferro che fuoriusciva dal terreno e proprio nel centro della carreggiata rappresentava il lato materialista del benvenuto dal lato usbeco, sul quale l'auto con targa cosacca davanti a me (a dire il vero guidata da stranieri ben poco accorti ad evitare queste infrequenti insidie) ha prontamente squarciato una gomma, suscitando l'ilarità dei presenti e delle guardie di confine!

    **motivo per il quale non ho attraversato il confine di notte, non prevedendone chissà quale affollamento. Supposizione poi rivelatasi esatta come può notare.

    Ad avvalorare queste ipotesi e/o questi fatti, tra l'altro, è il fatto che Osh è una delle uniche città ex sovietiche, soprattutto di una certa grandezza a non essere attualmente raggiunta da alcuna ferrovia e a non essere collegata per mezzo di essa alla capitale!

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    Come potrei permettermi io, a totale digiuno di storia e letteratura chirghisa, di fare quello che mi propone di fare?
    Ma le vie delle Eccellenze (con la E non casuale, Eccellenza!) sono infinite: sono sicuro che se si impegna un po' potrà fornirci una concisa ma enciclopedica spiegazione.
    Tanto ne ha di tempo nel mentre che io la riporto alla base.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    metabolizzare la decisione di volgere finalmente
    Come sarebbe a dire finalmente; non mi dica che è già stufo!

    In ogni caso è stato sì molto doloroso, ma se ne avrò la possibilità spero di poterle, in un futuro non troppo remoto proporle un itinerario di almeno un trenta percento più lungo di questo!

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    Si riesce a fare tutto in piena notte?
    Come già le scrissi, dalla mia esperienza solo in Russia ci potrebbero essere problemi a trovare l'assicuratore di notte, anche e soprattutto perché accettano solamente la moneta locale mentre non sono sempre presenti (anzi, a ben pensarci mi sembra di non averli quasi mai visti, fatto anche questo del tutto inusuale e bisognerebbe avere l'accortezza di cambiare prima del confine, dove generalmente si trovano) i cambiavalute. Come si può notare tra l'altro che, se l'inglese è comunque un concetto mai arrivato pienamente da queste parti, si può essere sicuri al 99 percento che nella Grande Madre, tanto più presso i punti di confine o gli esercenti operativi nei pressi di essi, nessuno ne conoscerà una sola parola mentre la percentuale potrebbe scendere di un cincinino* presso le altre repubbliche. Diciamo che data la sua vastità ed importanza, mi sono fatto l'idea che oltre ad essere estremamente contradditoria la ipernazione slava sia un po' autoreferenziale. Aspetti che condivide con il regno di mezzo tra l'altro.

    *Sono invece rimasto piacevolmente sorpreso invece, sempre facendo le debite proporzioni e tenendo in considerazione ciò scritto pocanzi, la conoscenza della lingua di Albione nella terra di Tamerlano, soprattutto presso le nuove leve!

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    Ma quindi i Cosacchi l'hanno fermata? Più volte? L'hanno multata?
    Non sono stato multato perché già mi ero informato a dovere sulla questione ed ho cercato di tenere una condotta il quanto più irreprensibile (con estrema fatica sulle strade nel deserto e con qualche, documentato, strappo alla regola) ma sono stato fermato un numero di volte così alto che non ricordo. Particolarmente stressante è stato il tratto percorso di notte prima di Turkestan, sulla strada a due corsie dove nemmeno tenendo una velocità più che moderata non si poteva evitare di attirare l'attenzione delle pattuglie là presenti ogni più o meno cinque chilometri. Nemmeno rallentando quando si passava davanti all'auto degli sbirri si poteva evitare di ricevere il segno di stop, ma la cosa più fastidiosa è stata il fatto, mai occorsa in nessun altro luogo tra l'altro, che più di una volta si sono piazzati in mezzo la strada fischiando ed agitando la bacchetta luminosa che ognuno di essi ha DOPO che li avevo superati, e talvolta anche se erano già "impegnati" con un'altro autoveicolo. Non rimaneva in quel caso che accostare, anche un centinaio di metri dopo ed aspettare che cosa avessero intenzione di fare, se raggiungerti o no, perché nel caso, se avessi ignorato lo stop "retroattivo" sarebbe stata un'infrazione ben più "grave". Dopo essere fermi da cinque/dieci minuti poi, se nessuno si faceva vivo, non rimaneva che ripartire timidamente aspettando il momento più propizio, sperando di non essere seguiti.
    L'Ineffabile degli ineffabili se non sbaglio ha preso una multa proprio in quel tratto, dove il limite di velocità scende in continuazione da 110 a 40 km/h dove ci sono le fermate dell'autobus, fermato dagli onesti tutori della legge che se ben ricordo erano appostati nell'altra carreggiata e nell'altro senso di marcia, e l'hanno poi inseguito.
    In ogni caso quando vengo fermato utilizzo sempre la strategia della faccia da "gnugnu": se si ha tempo da perdere e non si hanno commesso infrazioni, di solito funziona.

    Tra l'altro c'era un dubbio che mi tormentava: all'entrata del paese si riceve la carta d'immigrazione che può avere un timbro o due, fattore questo a quanto si legge del tutto aleatorio e a discrezione dell'ufficiale di frontiera, a seconda del punto di confine e del mezzo utilizzato. La mia ne conteneva solamente uno, e questo significava, a quanto si poteva leggere su internet, che entro cinque giorni dall'ingresso nel paese ci si sarebbe dovuti registrare presso un ufficio specifico della polizia, presenti in ogni grande città, pena avere dei problemi all'uscita del paese in caso di superamento del termine massimo (e in questo poco democratico paese a quanto si legge potrebbero addirittura arrestare un cittadino straniero, in caso di violazione pesante dei termini di legge). Secondo i miei calcoli avrei dovuto lasciare il paese proprio allo scadere del quinto giorno, perché ero stato entrato per mia grande fortuna alle 23 e qualcosa di quattro giorni prima, ma il primo giorno veniva conteggiato in ogni caso come pieno (e quindi perso), ma non ero sicuro di questo fatto per via dell'attesa imprevedibile al confine. Andare a cercare questo ufficio, dalle informazioni reperibili online, sarebbe stata una perdita di tempo ed una scocciatura non da poco. Il fatto che mi perplimeva era che, tra l'altro, questa regola pareva che fosse stata recentemente abrogata, ma le informazioni presenti in rete, nei forum e addirittura nei siti governativi dei vari ministeri degli esteri europei erano del tutto confuse e contraddittorie tra di loro (fattore questo per niente sorprendente in molte parti del mondo dove, tra l'altro, le leggi cambiano in continuazione). Sul retro della carta di immigrazione in ogni caso era riportato, anche in inglese, che bisognava registrarsi.

    In ogni caso superavo poi i controlli di uscita dal Kazakistan più o meno mezz'ora prima dello scadere della mezzanotte ma un solerte funzionario ha comunque gradito un regalino per non crearmi noie. Capirà ancor meglio la sensazione piacevole che le rilassate guardie di confine chirghise mi hanno regalato.

  22. Lo skifoso Edo ha 2 Skife:


  23. #419

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio
    non mi dica che è già stufo!
    No no, niente affatto!



    La Sua limpida prosa cesariana non può che irretire e ammaliare:

    Chirghisia est omnis divisa in partes tres, quarum unam incolunt Bishkekkenses, aliam Oshenses, tertiam qui ipsorum lingua etc etc.

    Scherzi a parte, rimango in attesa del proseguio delle Sue fotocronache, sperando che esse vengano condite con abbondanti osservazioni etnografiche, geografiche, socioeconomiche, etc.
    A Sua discrezione l'utilizzo o meno della terza persona

  24. #420

    Predefinito
























































































































































































































































































































































































































































































































    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    sperando che esse vengano condite con abbondanti osservazioni etnografiche, geografiche, socioeconomiche, etc.
    Queste arriveranno naturalmente in risposta a sue (o dei suoi colleghi) domande inerenti l'argomento; non mi permetterei mai di tediarla di più che con le fotografie!

  25. Lo skifoso Edo ha 2 Skife:


Pagina 28 di 28 PrimoPrimo ... 1819202122232425262728



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •