Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 22

Discussione: 19/08/2019 - Piz Lavarella e Piz dles Conturines

  1. #1

    Predefinito 18/08/2019 - Piz Lavarella e Piz dles Conturines

    Avevo programmato qualche giorno di trekking dolomitico, partenza prevista per lunedì 19 agosto.
    Le previsioni delle ultime ore però annunciano per domenica 18 una giornata magnifica con il sole che splenderà tutto il giorno e - cosa abbastanza rara da quelle parti - rischio di piogge pomeridiane pressoché nullo.
    Non posso lasciarmi scappare l'occasione, per cui riesco a trovare al volo una camera per domenica sera e anticipo la partenza di un giorno.
    Per evitare il temibile bollino nero previsto sul Brennero e poter essere presto sulle piste... ehm... all'attacco del sentiero mi metto in viaggio all'ora dei panettieri.
    L'autostrada, come canta il buon Venditti, è deserta, e così di buon mattino sto già risalendo lungo i tornanti del Passo Gardena e mi trovo di fronte ad autentici coups de coeur:

    Il Sassolungo in tutto il suo splendore mattutino





    Gran Cir e compagni che svettano sui prati del Dantercepies





    Scendo in Alta Badia, supero Corvara e La Villa - con piacevole pausa colazione visto il largo anticipo sulla tabella di marcia - per parcheggiare qualche centinaio di metri dopo San Cassiano, all'altezza del bivio per Glira, intorno a quota 1600m.
    Questo lato della vallata è ancora in ombra, e i primi minuti di cammino con quest'aria frizzantina mi rigenerano.

    Il gruppo delle Conturines si erge maestoso di fronte a me





    Risalgo lungo il sentiero 15A che mi porta a lambire i limiti del bosco, percorrendo il confine del parco naturale di Fanes-Sennes-Braies in direzione nord

    In primo piano Piz La Ila, sullo sfondo il Sella e il Sassongher





    Giunto al bivio con il sentiero 12, svolto a est in direzione della Forcella de Medesc. Il sole qui è già arrivato a scaldare le pietre, e il fresco iniziale è solo un lontano ricordo.
    Si sale, ma inizialmente con molta regolarità.

    Dietro di me il panorama si allarga, arrivando a comprendere Marmolada da una parte e altopiano del Puez dall'altra





    mentre di fronte a me la forcella si fa ad ogni passo più visibile






    L'ultimo tratto è un po' più ripido e faticoso, ma il fondo, seppur ghiaioso, risulta abbastanza compatto e consente una buona progressione.

    Alle mie spalle prende forma la giornata perfetta, ora è spuntato anche il Sassolungo





    Giungo così alla Forcella de Medesc (2533m), punto più basso di tutto il crinale a "C" che unisce la Croda di Santa Croce al gruppo delle Conturines, e porta di collegamento tra l'Alta Badia e la valle di Fanes.

    L'affilatissima cresta che comprende il monte Cavallo e le cime Dieci e Nove





    Mi volto verso sud alla ricerca dell'attacco del sentiero che mi condurrà verso il Piz Lavarella, ma con sorpresa noto che non ci sono cartelli ad indicare la direzione.
    La traccia è comunque ben visibile, risalgo una collinetta e dopo qualche decina di metri compaiono i primi segni rossi.

    Cenge e creste mi aspettano a braccia aperte





    Il sentiero ad un certo punto svolta decisamente verso sinistra per percorrere un lungo tratto di cresta, comunque non esposto





    La forcella ormai sempre più lontana, si vede la larga traccia che scende nella valle di Fanes





    Risalgo per sfasciumi e ghiaioni





    E mi trovo ad affrontare il passaggio più delicato: un lungo tratto di cengia piuttosto esposto su fondo che come si può facilmente intuire non è dei più stabili





    Per fortuna, come spesso accade, la distanza appiattisce la profondità della parete, e la cengia in realtà si rivela sufficientemente larga per procedere senza troppi affanni





    La cengia è ormai alle mie spalle...





    ...e finalmente mi appare l'inconfondibile testa del Piz dles Conturines. E sullo sfondo... beh... giusto un paio di cime poco conosciute, Tofane e compagnia bella





    Anche ad ovest il parorama non scherza...





    ...e a nord cosa vogliamo dire?





    Il primo obiettivo è il Piz Lavarella, raggiungibile dopo un brevissimo tratto di cresta





    Ed eccomi finalmente al primo tremila del giorno (per la precisione 3055m)





    Da qui si gode di una vista magnifica sulla valle di Fanes, con un po' di attenzione al centro della foto si intravede il laghetto sulle cui sponde sorgono i rifugi - guarda caso - Lavarela e Fanes





    Torno sui miei passi e "smarco" anche un altro tremila (di cui ignoro il nome ), segnalato da una croce di vetta, in posizione priviliegiata sull'Alta Badia





    Nel frattempo sul Piz Lavarella giungono altri escursionisti





    Se mi fanno una buona offerta posso cedere i diritti di questa foto all'associazione turistica della Val Badia





    Bisogna però anche guardare in basso, ogni tanto compare qualche strapiombo con salti di centinaia di metri





    Riprendo il cammino e mi dirigo deciso verso l'ultimo tremila della giornata: percorro questa ampia sella "scalinata" dietro cui fa capolino il Conturines





    L'ultimo tratto di salita a zig-zag conduce all'attacco alla vetta: una breve ferrata composta da qualche scaletta e poche decine di metri di cavo.

    Da questa distanza sembra quasi impossibile che ci sia una via "facile" per raggiungere la vetta...





    ...ma ancora una volta la distanza appiattisce e "falsifica" i dislivelli, e i tratti attrezzati si rivelano piuttosto semplici e mai troppo esposti.
    In pochi minuti raggiungo così la vetta del Piz dles Conturines (3064m), e, imbambolato da tanta incommensurabile bellezza, provo a cirscoscriverne almeno una parte facendo la solita carrellata di foto a 360°.

    A sud Tofane, Falzarego, Antelao, Pelmo, Civetta... troppa bellezza, tutta insieme, potrebbe farmi scoppiare il cuore di felicità





    A nord la croda di Santa Croce si palesa in tutta la sua incredibile imponenza





    A ovest ancora le Tofane e... aiutatemi con le vette sullo sfondo





    Zoomata sulla valle del Lagazuoi con il piccolo lago e, poco sotto, il rifugio Scotoni





    Le Tofane mi chiedono una foto e io le accontento





    Cerco di risvegliarmi dallo stato di beatitudine e mi preparo a ripercorrere la ferrata in discesa, per cui la concentrazione non può calare.

    Forse la parte più insidiosa sono proprio questi sassolini che in alcuni punti è quasi impossibile non smuovere





    Scalette e cavo sono ottimamente posizionati, non si ha mai la sensazione di eccessiva esposizione





    Unico passaggio un po' sporgente, ma nulla di che...





    Ridiscesa l'ultima scaletta posso togliere l'imbrago e prepararmi alla lunga discesa





    Mi dirigo in direzione del lago di Conturines per poi scendere nel fondovalle, il primo tratto è il classico ghiaione, croce (per chi sale) e delizia (per chi scende) degli escursionisti

    Con un buon senso dell'equilibrio e facendo appoggio sui talloni si scende a una velocità quasi da sciatore, quasi...





    Arrivo nei pressi del lago di Conturines, a secco, e mi concedo qualche minuto di pausa





    Lago a secco, ma gli effetti benefici della terra comunque impregnata d'acqua regalano una colorita fioritura





    Dietro di me il tratto appena percorso a scendere...





    ...manca ancora un po', ma il sentiero ora è decisamente più "morbido" e rilassante





    Ed eccomi dunque nella valle





    Il Piz dles Conturines cambia ancora una volta forma a seconda del punto di vista





    La valle si allarga, in lontananza compaiono le mucche al pascolo





    Questa parte è ideale per famiglie, infatti incontro parecchi gruppi con bambini






    Mi aspetta ancora qualche decina di metri di salita tra pini mughi e sculture naturali in legno, per raggiungere il Col de Locia ed iniziare la discesa verso la Capanna Alpina...





    ...dove finalmente mi concedo una meritata birra




    Dalla Capanna Alpina per arrivare alla macchina mi aspetta ancora una buona mezz'ora di cammino che percorro costeggiando la strada asfaltata. Chiuderò l'anello in circa 8 ore.

    Alla prossima,
    ciao
    Ultima modifica di Jagar; 26-08-2019 alle 04:29 PM.


  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  3. #2

  4. #3

    Predefinito

    E qua mi hai fatto piangere, spettacolo

    Per quanto riguarda la richiesta, ti ho indicato qualcuna delle principali
    Citazione Originariamente scritto da Jagar Vedi messaggio
    A ovest ancora le Tofane e... aiutatemi con le vette sullo sfondo

  5. Lo skifoso Blitz_81 ha 5 Skife:


  6. #4

  7. Skife per miabù:


  8. #5

    Predefinito

    che zona spettacolare, nulla da dire, solo sgranare gli occhi

    ma si sale solo per ferrata?

  9. #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Xtreme Vedi messaggio
    Una curiosità: hai guardato dentro al Cenote se c'è ancora ghiaccio?
    Non ne conoscevo neppure l'esistenza
    Dove si trova di preciso?

    Citazione Originariamente scritto da Blitz_81 Vedi messaggio
    E qua mi hai fatto piangere, spettacolo
    Non immagini quante volte ho pensato ai tuoi sbadabam mentre ammiravo questi panorami

    Citazione Originariamente scritto da cocojambo Vedi messaggio
    ma si sale solo per ferrata?
    La ferrata è solo per salire (e scendere) sul Piz Conturines, in tutto il resto del percorso non ci sono altri tratti attrezzati...

  10. Lo skifoso Jagar ha 2 Skife:


  11. #7

    Predefinito

    ...e finalmente mi appare l'inconfondibile testa del Piz dles Conturines. E sullo sfondo... beh... giusto un paio di cime poco conosciute, Tofane e compagnia bella




    Il cenote è quella fessura/buco che nella foto si vede davanti al Conturines sulla destra.

    https://www.researchgate.net/publica...miti_Ampezzane

  12. Skife per at06013:


  13. #8

    Predefinito

    Complimenti per il giro, hai beccato una giornata da oscar! La conca di Fanes sembra davvero spettacolare dalle foto.
    Potresti darmi un'idea di massima dei tempi di percorrenza? Il dislivello mi sembra abbastanza importante... Quanto per arrivare ad una delle due vette? e passare da una vetta all'altra? Il rifugio Scotoni è li per strada o è un po' fuori portata? Se uno dovesse fare una sola delle due cime, Lavarella o Conturnies, quale consiglieresti?

  14. #9
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Rossignol Hero Master18, Rossignol Radical RX WC Fis, Rossignol Hero Fis SL, Lange WC RP ZA

    Predefinito

    Complimentissimi! Report grandioso in una giornata spettacolare (ahimè, l’unica che si può definire tale in un agosto piuttosto anonimo)...

    Devo trovare il tempo anch’io di fare un report del mio giro del 19...

    Il tremila “ignoto” è il piz lavarela sud-ovest, 3034 m...

  15. Skife per alfpaip:


  16. #10

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da at06013 Vedi messaggio
    Il cenote è quella fessura/buco che nella foto si vede davanti al Conturines sulla destra.
    Capito, grazie! Allora ci sono passato davvero a pochi metri, peccato per la mia ignoranza

    Citazione Originariamente scritto da Edge202 Vedi messaggio
    Complimenti per il giro, hai beccato una giornata da oscar! La conca di Fanes sembra davvero spettacolare dalle foto.
    Potresti darmi un'idea di massima dei tempi di percorrenza? Il dislivello mi sembra abbastanza importante... Quanto per arrivare ad una delle due vette? e passare da una vetta all'altra? Il rifugio Scotoni è li per strada o è un po' fuori portata? Se uno dovesse fare una sola delle due cime, Lavarella o Conturnies, quale consiglieresti?
    Grazie! Per l'anello che avevo pianificato ho impiegato circa 8 ore, e sì, il dislivello totale è abbastanza consistente, a spanne intorno ai 1600D+, forse anche qualcosina in più. Per la vetta del Lavarella basta fare una brevissima deviazione dal sentiero - sì e no 5 minuti - mentre la salita al Conturines richiede circa 15 minuti dalla base del "panettone" ed è consigliabile avere l'imbrago. Da una vetta all'altra ci saranno circa 30/40 minuti.
    Ad ogni modo il giro da qualsiasi parte si salga è talmente lungo che a quel punto ti conviene fare la "doppietta": ne vale assolutanente la pena e cambia pochissimo a livello di tempo complessivo.
    Lo Scotoni è raggiungibile con una deviazione: anziché scendere alla Capanna Alpina ti tieni alto sul sentiero a sx, non credo richieda molto più tempo.
    Si potrebbe anche spezzare in due giorni dormendo al rifugio Fanes, e magari il secondo giorno metterci dentro Cavallo e Cima Dieci... ecco, questa me la segno anche per me

    Citazione Originariamente scritto da alfpaip Vedi messaggio
    Complimentissimi! Report grandioso in una giornata spettacolare (ahimè, l’unica che si può definire tale in un agosto piuttosto anonimo)...

    Devo trovare il tempo anch’io di fare un report del mio giro del 19...

    Il tremila “ignoto” è il piz lavarela sud-ovest, 3034 m...
    Grazie per la precisazione
    Sì, in effetti anche per quel poco che ho potuto constatare io (mi sono fermato fino a giovedì) le altre giornate non sono state all'altezza di questa dal punto di vista del meteo...

  17. #11

  18. #12

  19. Skife per Nik85+:


  20. #13

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Edo Vedi messaggio
    Ventuno caratteri di che belle foto!
    Grazie
    Gran parte del merito - oltre che ovviamente ai paesaggi e alla giornata perfetta - va alla funzione simil-grandangolo del nuovo smartphone, che consente di fare foto molto più allargate e meno "claustrofobiche"

  21. #14

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Jagar Vedi messaggio
    Ad ogni modo il giro da qualsiasi parte si salga è talmente lungo che a quel punto ti conviene fare la "doppietta": ne vale assolutanente la pena e cambia pochissimo a livello di tempo complessivo.
    Lo Scotoni è raggiungibile con una deviazione: anziché scendere alla Capanna Alpina ti tieni alto sul sentiero a sx, non credo richieda molto più tempo.
    Si potrebbe anche spezzare in due giorni dormendo al rifugio Fanes, e magari il secondo giorno metterci dentro Cavallo e Cima Dieci... ecco, questa me la segno anche per me

    Non so perché ma quella zona in generale ha un nonsoché che mi ispira, seppur non ci sono ancora stato, tuttavia tutti gli itinerari sembrano essere molto lunghi e i rifugi in questa zona sono un po' fuori portata… non che la cosa sia un male di per sé, però rispetto ad altri posti dove il rifugio è lì quasi sotto la vetta e magari altri due più a valle, qua sembra tutto più "disteso" e dunque le escursioni possono risultare un po' più difficili da pianificare

  22. #15

    Predefinito

    Vero, comunque la si studi vengono sempre fuori itinerari monstre, e si può camminare per ore senza incontrare un rifugio.
    E' una zona di una bellezza indescrivibile, come ho scritto in precedenza l'ideale sarebbe spezzare l'escursione in due o più giorni.
    In passato ci ho fatto anche una tre giorni, dormendo la prima notte al Giussani (e in un'altra occasione al Lagazuoi) e la seconda al Fanes

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •