icona Skitags: Ski Civetta [55]

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 27

Discussione: Monte Civetta - Dolomiti di Zoldo - 26/07/2019

  1. #1

    Predefinito Monte Civetta - Dolomiti di Zoldo - 26/07/2019

    Alle sette meno un quarto parcheggio a Pecol Vecchio, a circa 1420 m slm.
    Alle sette in punto mi metto in marcia per il sentiero 587, che dapprima è una comoda forestale


    La vetta del monte Civetta è sempre ben visibile





    Vado a destra, in direzione Col Grant


    Il sentiero poi continua a sinistra


    E’ ancora presto, il Pelmo è in controluce


    Croda da Lago e Lastioi de Formin





    Alle 8:00 sono a Col Grant. E’ presto, e l’attraversamento dei mughi non è gravoso





    Si sale traversando verso destra, prendendo il sentiero 557





    Fino ad arrivare al Sass del Nin, 2181m, lungo l’anello Zoldano


    Si punta verso l’alto, verso il nevaio in alto a sinistra in prossimità del quale inizia la normale vera e propria





    Una serie di giganti ancora in controluce


    La progressione sulle ghiaie è faticosa…








    … ma arrivo alfine al nevaio, alle 8:50, a quota 2420 m slm.






    I primi mille metri sono andati, ora ne mancano altri ottocento


    La via è segnata con abbondanti bolli rossi e qualche raro ometto




    Si prosegue tendenzialmente a mezza costa salendo a strappi. Incontro le prime due persone: due francesi che stanno scendendo dopo avere dormito al Torrani e essere saliti in vetta all’alba






    Questo credo sia il Passo del Tenente




    O forse è questo


    Si punta verso i nevai superiori










    Nevaio

















    Più o meno a quest’altezza (circa 2800 m) succede l’incidente: all'improvviso sento che l’appoggio sul piede sinistro è diventato scivolosissimo, una specie di saponetta.
    La suola si è staccata ed è scivolata via; sono rimasto con la sola tomaia.

    Per un attimo penso a Maurice Herzog sulla cima dell’Annapurna che vede rotolare giù i suoi guanti e si rende faticosamente conto che è appena accaduto qualcosa di molto grave.

    Io non sono sull’Annapurna: sono a neanche tremila metri di quota su una via di salita senza particolari criticità.
    Epperò… il pensiero di rifare in discesa, praticamente su una gamba sola, i quattrocento metri appena percorsi non mi alletta per niente

    Decido di continuare a salire fino al Torrani, ormai non lontano, e vedere se posso ricevere aiuto.


    Sono diventato di punto in bianco molto lento: praticamente scivolo ogni qual volta punto il piede sinistro


    Alla fine comunque sono in vista del Torrani: questa è la piazzola dell’elicottero vista dal basso.


    La teleferica ha appena portato un carico di legname. Dietro il rifugio la cima del Civetta




    Sono le dieci e mezza. Parlo subito dell’accaduto al gestore. All’inizio non sa come aiutarmi, poi si ricorda che qualcuno gli ha lasciato un paio di vecchi scarponi in magazzino. Il destro è mezzo rotto, mentre il sinistro pare in condizioni migliori.
    Perfetto, a me serviva proprio uno scarpone sinistro! Lo infilo, e mi accorgo che è almeno un paio di misure più piccolo dell’ideale.
    Vabbè, pazienza.
    Rimaniamo d’accordo che porterò nel pomeriggio lo scarpone al camping Balestra (in realtà poi non l’ho fatto, ma ho chiamato il campeggio e ho spiegato perché).


    A questo punto, alle undici, comincio la salita per la vetta. Il tempo regge.


    Magnifica vista sul Van delle Sasse con l’arcigno gruppo della Moiazza.
    Nell’angolo in alto a sinistra: Pelf, Schiara e Gusela del Vescovà.


    La via è segnata con bolli giallo-rossi, e mi fa piacere




    Dopo avere incrociato un nutrito gruppo di escursionisti slavi che scendeva al Torrani, finalmente sono in vista della croce di vetta


    Alle undici e mezza suono il piccolo campanello.


    Alleghe (ma anche il Tissi) sono lontanissimi




    Ho l’impressione che quel piccolo mucchio di sassi sia la vera cima (diciamo qualche cm più alto del punto dove c'è la croce )


    Dopo qualche foto in zona croce…












    …mi sposto allora verso quella che secondo me è la vera cima


    E da detto punto scatto una foto che ritrae la piccola Civetta e (credo) Cima De Gasperi. Con le Pale sullo sfondo






    Dopo venti minuti è tempo di scendere




    E dopo altri venti minuti sono di nuovo al Torrani, dal quale si può apprezzare un panorama di questo tipo.


    Cinque minuti di pausa e mi metto di nuovo in marcia per scendere la normale.


    La scarpa sinistra mi fa un po’ male, ma non ci faccio troppo caso. Ho intenzione di fare un anello passando per il Coldai, dove potrei mangiare. Scendo quindi abbastanza rapidamente, tanto che quasi raggiungo il gruppo di slavi che era partito molto prima di me






    I miei piani però vanno in fumo: mi accorgo con orrore che la suola dello scarpone sinistro si sta scollando, a partire dal tacco!


    Rallento vistosamente cercando di conservare un po’ di suola per il maggior tempo possibile.
    Gli ultimi tratti attrezzati li affronto praticamente in “ciavatte”.
    Noto che il gruppo di slavi, di nuovo allontanatosi, mi sta tenendo d’occhio forse un po’ preoccupato per il mio evidente rallentamento.
    Mi voltano definitivamente le spalle solo quando sono di nuovo ai piedi del nevaio inferiore, ormai fuori dalla zona potenzialmente pericolosa.






    Devo puntare dritto alla macchina: qualsiasi allungamento in queste condizioni è pura follia. Riesco a scendere quasi tutto il ghiaione ma alla fine la suola si stacca e il mio piede sinistro si ritrova fasciato solo dalla strettissima tomaia dello scarpone.


    Sono a quota 2220 m. Mancano ancora ben ottocento metri di dislivello! Capisco subito che non arriverò mai alla macchina in queste condizioni. Intanto il tempo, bontà sua, per il momento sembra reggere in Val di Zoldo.


    Arrivato al Sass del Nin mi tolgo la tomaia e metto sotto la pianta del piede la suola. Per solidarizzare suola e piede uso il laccio dello scarpone.
    Ho creato una specie di pantofola, scomodissima, che però mi consente di camminare con grande circospezione. Inoltre il piede sinistro respira… sono sicuro che se fosse rimasto intrappolato nella tomaia avrei perso almeno un paio di unghie.


    La discesa è lunga e faticosa, aggravata dalla postura innaturale con la quale sono costretto a muovermi per non perdere la “pantofola”








    Finalmente in vista del parcheggio: alle 15:30 raggiungo finalmente la macchina. Posso cambiarmi e mangiare un panino.
    Ma cancello la fatica, e torno a essere bello pimpante, solo dopo essermi fermato a Forno di Zoldo per due birre medie e un litro d’acqua (che si aggiunge ai tre che mi ero portato appresso).
    Alle sedici comincia a piovere





  2. #2

    Predefinito

    Bello, molto bello, complimenti!
    Fotografie grandiose.
    Grazie per la condivisione.
    Insomma, potremmo dire: "Sul Civetta in pantofole"... comunque, tutto e' bene quel che finisce bene.
    Qualcuno qui aveva spiegato che Civetta e' una montagna che puo' essere maschile (IL Civetta) oppure femminile (LA Civetta) a seconda di dove ci si trova.

  3. Skife per Childerique:


  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #3

    Predefinito

    Foto panoramiche stupende. Per quanto riguarda l'incidente con le scarpe ti consiglio vivamente di tenere nello zaino un rotolo di nastro americano, ti salva da tanti casini!

  6. Lo skifoso Il Pordenonese ha 6 Skife:


  7. #4

    Predefinito

    Che impresa, complimenti! Pecol-Civetta e ritorno in 8 ore in ciabatte!!
    Niente male davvero!

  8. Skife per Arcibaldo59:


  9. #5
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Sci Rossignol Hero Elite St TI 162 Scarponi Nordica Speed Machine 100

    Predefinito

    E la foto della ciabatta??

  10. #6

    Predefinito

    ELAMADONNA!

    Questa è stata proprio un' Avventura! con la A maiuscola!

    Certo che comunque c' hai proprio la sfiga te con le suole

  11. Skife per Blitz_81:


  12. #7

    Predefinito

    Vogliamo però sapere anche modello e marca.. così da completare le statistiche/casistiche...

  13. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  14. #8
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Vedendo i suoi trekking, la cosa più significativa potrebbe essere il dislivello accumulato da quelle savate 😅😂

  15. Skife per madflyhalf:


  16. #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da masgram Vedi messaggio
    E la foto della ciabatta??
    Niente foto...

    Citazione Originariamente scritto da Blitz_81 Vedi messaggio
    ELAMADONNA!

    Questa è stata proprio un' Avventura! con la A maiuscola!

    Certo che comunque c' hai proprio la sfiga te con le suole
    Be', la prima suola persa, quella del mio scarpone, la si può imputare alla sfiga. Nulla lasciava presagire che sarebbe potuto accadere.

    Invece la seconda suola staccatasi, quella dello scarpone "sostitutivo", era tutto sommato preventivabile. Il paio di scarponi era vecchio e mal conservato. La scarpa destra era sfondata; quella sinistra no, però era stata sottoposta alle stesse sollecitazioni, alla stessa usura.

    Citazione Originariamente scritto da Crespeina Vedi messaggio
    Vogliamo però sapere anche modello e marca.. così da completare le statistiche/casistiche...
    I miei erano degli scarponi Dolomite. Mai nessun problema in anni di onorato servizio. Diciamo che erano arrivati a fine vita e che, con il senno di poi, avrei dovuto sostituirli a inizio stagione (anche se erano visivamente perfetti).

    Citazione Originariamente scritto da Arcibaldo59 Vedi messaggio
    Che impresa, complimenti! Pecol-Civetta e ritorno in 8 ore in ciabatte!!
    Niente male davvero!
    Me la sarei evitata volentieri, questa impresa

  17. Skife per subsahara:


  18. #10

    Predefinito

    Complimenti,bella sgambata

  19. Skife per luca63:


  20. #11

    Predefinito

    Complimenti per le foto e per la bella avventura!! Na bella ciavattata..

    Riguardo al Civetta che dire.. sicuramente uno dei 3000 Dolomitici che più mi sento di consigliare..
    sarà che ho un "rapporto", un "amicizia" particolare con quella montagna ma comunque da qualsiasi lato si salga è davvero spettacolare!
    l'ho già salita 5 volte (praticamente da tutti i fronti) ma non mi stanca mai.. la rifarei tutte le stagioni!

    L'anno scorso l'ho pure salita in velocità partendo da Malga Grava e salendo proprio dalla Via Normale. Sono circa 1600 mt + abbondanti
    3,42h andata e ritorno da Malga Grava. 2,11h parcheggio - cima!

  21. Lo skifoso 4 Dolomiti ha 4 Skife:


  22. #12

    Predefinito

    Complimenti per il giro e complimenti che non ti sei arreso nonostante l'incidente della scarpa!

    E da tempo che sogno di salire questa cima, chissà che soddisfazione, ma non ho capito una cosa: questa via normale che hai seguito per salire al Torragni non è forse la ferrata degli Alleghesi? o è un'altra via ancora? Qual'è la più facile o comunqe la più diretta?

    Le foto sono stupende, mi è sembrato di partecipare anche io alla scalata guardandole! una curiosità riguardo le foto che guardano dritte giù verso Alleghe (bellissime, rendono l'idea) come hai fatto a farle? nel senso… ad affacciarti così tanto? Io ricordo che in situazioni simili ho avuto problemi a fotografare "il vuoto" che ti si apre su certe vette (per esempio sulla Vezzana) per via dell'eccessiva esposizione e non potendomi assicurare a niente… Ti sei legato a qualcosa? o ti sei sdraiato? giusto per curiosità…

  23. Skife per Edge202:


  24. #13

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Edge202 Vedi messaggio
    Complimenti per il giro e complimenti che non ti sei arreso nonostante l'incidente della scarpa!

    E da tempo che sogno di salire questa cima, chissà che soddisfazione, ma non ho capito una cosa: questa via normale che hai seguito per salire al Torragni non è forse la ferrata degli Alleghesi? o è un'altra via ancora? Qual'è la più facile o comunqe la più diretta?

    Le foto sono stupende, mi è sembrato di partecipare anche io alla scalata guardandole! una curiosità riguardo le foto che guardano dritte giù verso Alleghe (bellissime, rendono l'idea) come hai fatto a farle? nel senso… ad affacciarti così tanto? Io ricordo che in situazioni simili ho avuto problemi a fotografare "il vuoto" che ti si apre su certe vette (per esempio sulla Vezzana) per via dell'eccessiva esposizione e non potendomi assicurare a niente… Ti sei legato a qualcosa? o ti sei sdraiato? giusto per curiosità…
    Edge, mi permetto di risponderti io..

    la Via Normale e la Alleghesi sono 2 "vie" diverse.. salgono entrambe il versante sud-est del Civetta ma sono due vie diverse..
    la Via Normale è sicuramente più diretta se sali da Pecol o da Malga Grava (come ho scritto anche nel mio post sopra).. se sali da Palafavera, passando per il Rifugio Coldai incontri prima l'attacco della Alleghesi.. dipende un pò da dove sali e sopratutto cosa vuoi fare..

    la Alleghesi è una via ferrata "vera e propria".. la via Normale è parzialmente attrezzata.. come hai potuto vedere dalle foto!

    Se sali dalla Alleghesi arrivi fino in cima senza passare dal Rifugio Torrani.. lo incontri solo in discesa!
    Se sali dalla via Normale, DEVI per forza passare anche per il Torrani!

    Se ti stai chiedendo:
    A - cazz ma sta Alleghesi sarà difficile?
    B - quanto cazz sarà lunga?
    C - arrivo in cima o muoio a metà?

    ti dico che:
    A - la Alleghesi parte un pò difficile ed esposta nella prima parte e poi man mano che sali le difficoltà e l'esposizione si abbatte
    B - è molto lunga e ti sembra di non arrivare mai (infatti la croce non la vedi mai fino a che non te la trovi davanti all'improvviso, in quanto è leggermente arretrata e più in basso rispetto a dove sali) Se fatta come Dio comanda, passando entrambi i moschettoni, cambio moschettoni, magari trovando altra gente ecc... ecc... ecc.. puoi metterci anche 2,30h comode per la sola via ferrata
    C - se gestisci bene il lungo avvicinamento ce la fai sicuramente.. eventualmente puoi prenotare al Torrani e il giorno dopo ti spari l'alba in cima al Civetta. Ti assicuro che è un esperienza da fare assolutamente! Giorno 1: avvicinamento + ferrata fino in vetta e notte al Torrani / Giorno 2: risali in vetta per vedere l'alba (sono circa 300mt dislivello), fai colazione vista Pelmo e poi scendi dalla Normale.. ed hai chiuso un bel giro ad anello!

  25. Lo skifoso 4 Dolomiti ha 7 Skife:


  26. #14

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Edge202 Vedi messaggio
    E da tempo che sogno di salire questa cima, chissà che soddisfazione, ma non ho capito una cosa: questa via normale che hai seguito per salire al Torragni non è forse la ferrata degli Alleghesi? o è un'altra via ancora? Qual'è la più facile o comunqe la più diretta?
    4 Dolomiti ti ha già risposto

    Citazione Originariamente scritto da Edge202 Vedi messaggio
    Le foto sono stupende, mi è sembrato di partecipare anche io alla scalata guardandole! una curiosità riguardo le foto che guardano dritte giù verso Alleghe (bellissime, rendono l'idea) come hai fatto a farle? nel senso… ad affacciarti così tanto? Io ricordo che in situazioni simili ho avuto problemi a fotografare "il vuoto" che ti si apre su certe vette (per esempio sulla Vezzana) per via dell'eccessiva esposizione e non potendomi assicurare a niente… Ti sei legato a qualcosa? o ti sei sdraiato? giusto per curiosità…
    Ti ringrazio; sono contento che tu e gli altri abbiate visionato con piacere le foto.

    Quelle istantanee scattate in cima... volevo cercare in qualche modo di catturare il baratro esistente sotto i miei piedi.
    Mi sono un po' sporto... del resto non soffro l'esposizione. Ma se fossi scivolato non è che sarei precipitato nel vuoto!

    Citazione Originariamente scritto da 4 Dolomiti Vedi messaggio

    ti dico che:
    A - la Alleghesi parte un pò difficile ed esposta nella prima parte e poi man mano che sali le difficoltà e l'esposizione si abbatte
    B - è molto lunga e ti sembra di non arrivare mai (...)
    Sbaglio o la Alleghesi offre una via d'uscita a circa 3000 m di quota?
    Un attraversamento a sinistra, più o meno in orizzontale, che ti fa arrivare direttamente al Torrani.
    Ti risulta?

  27. Skife per subsahara:


  28. #15

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    4 Dolomiti ti ha già risposto



    Ti ringrazio; sono contento che tu e gli altri abbiate visionato con piacere le foto.

    Quelle istantanee scattate in cima... volevo cercare in qualche modo di catturare il baratro esistente sotto i miei piedi.
    Mi sono un po' sporto... del resto non soffro l'esposizione. Ma se fossi scivolato non è che sarei precipitato nel vuoto!



    Sbaglio o la Alleghesi offre una via d'uscita a circa 3000 m di quota?
    Un attraversamento a sinistra, più o meno in orizzontale, che ti fa arrivare direttamente al Torrani.
    Ti risulta?
    si, mi risulta ma è fortemente sconsigliabile..
    in primis - perchè rispetto alla via ferrata non è attrezzato, e se uno decide di prendere la "scorciatoia" a 3000mt mi viene da pensare che probabilmente non è il nipote di Bonatti e quindi avendo magari poca esperienza è comunque sconsigliabile avventurarsi in parete.. se non altro per l'orientamento "offuscato" dalla stanchezza magari.

    in secondis - percorre dei tratti esposti e devi sapere dove andare

    in terzis - sei a 3000mt che ti costa arrivare fino in cima e poi scendere al Torrani? Può essere per motivi di brutto tempo o di possibili temporali.. ma in ogni caso sconsiglio caldamente di avventurarsi in parete.. a maggior ragione col brutto tempo in avvicinamento! Se ipoteticamente ti trovi nella emme, con forti temporali in avvicinamento e comunque ormai sei quasi in cima, piuttosto "rischiala" un pò di più salendo velocemente fino in cima (a costo di salire slegato o con solo 1 moschettone) e poi dalla cima in 10/12/15min ad esagerare sei al Torrani!

    Su montagne del genere, ma in generale su gran parte dei 3000 dolomitici dove sono presenti dei bei paretoni alternati magari a tratti più friabili o ghiaiosi e sempre meglio non avventurasi fuori dai percorsi.. sopratutto col brutto tempo! Si rischia veramente di peggiorare in modo irreversibile la situazione.. sia per voi che per gli eventuali operatori del soccorso!

    PS: nell'ultimo paragrafo ho espresso un mio pensiero in maniera del tutto generica.. non era riferita a te, ci mancherebbe!

  29. Lo skifoso 4 Dolomiti ha 4 Skife:


Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •