Pagina 32 di 195 PrimoPrimo ... 22232425262728293031323334353637383940414282132 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 466 a 480 di 2913

Discussione: Salviamo l'italia 2

  1. #466

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bisfra65 Vedi messaggio
    Il professor Gonde l’ha sput.tanato ben bene in tre parole.
    Vuole la crisi perché vuole capitalizzare il consenso attuale.
    Vuoi la crisi? Vieni in parlamento e votami contro.

    Mario Merola Salvini, salciccio per gli amici
    S******ato? in parlamento gli dirà che i 5stalle impediscono tutto.Quindi sono loro i colpevoli
    Salvini ha da capitalizzare, di maio solo da rottamare, conte torna nell'oblio.Salvini li ha messi ko
    E sarà un governo di destra Salvini/Meloni con il supporto di Toti e se vuole anche FI, ma praticamente senza voce in capitolo.
    Meglio di così non poteva andare.

  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  3. #467

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Alberto 2 Vedi messaggio
    S******ato? in parlamento gli dirà che i 5stalle impediscono tutto.Quindi sono loro i colpevoli
    Salvini ha da capitalizzare, di maio solo da rottamare, conte torna nell'oblio.Salvini li ha messi ko
    E sarà un governo di destra Salvini/Meloni con il supporto di Toti e se vuole anche FI, ma praticamente senza voce in capitolo.
    Meglio di così non poteva andare.
    su questo sono d'accordo..la cacciata dei dilettanti inutili dalla scena politica che conta ci voleva..la guerra politica seleziona i più forti..per i nulla politici non c'é spazio.

  4. #468

    Predefinito

    Visto che cerco di conservare ancora un minimo di rispetto delle istituzioni repubblicane, un discorso come quello di salciccio può far venire solo il vomito.
    Poi fateci sopra tutti i ricamini che volete ma, mi ripeto a costo di essere noioso, il caimano in confronto a questo burino politico era F.D.Roosevelt, Churchill o Eisenhower a scelta.

  5. #469

    Predefinito

    Vuole la crisi perchè probabilmente la manovra la farà un breve governo tecnico che salva il c.ulo al paese mentre Salvini potrà fargli la guerra. Se vincesse le elezioni in questo modo gli italiani sarebbero un popolo di rin*******iti totali a cui andrebbe tutto il mio disprezzo.


    Elezioni subito e guerra per riprendere quel 5% di voti che non gli permetterà di governare da solo con la Meloni.

    Necessaria una forza di centro liberale che metta insieme Renzi, Calenda, +Europa, liberali e moderati di sinistra e di destra, e che vada all'attacco e non stia in difesa (come PD e M5S oggi) contro questi cialtroni

  6. #470

    Predefinito

    La campagna elettorale si giocherà pro o contro l'Europa. Con la manovra in vista l'unico modo per evitare le forche caudine dei ragionieri di Bruxelles sarà per la Lega quello di tentare di scassare l'Unione, e non ci son dubbi che ci proveranno. Con due difficoltà per loro: non è uscito alcun blocco sovranista dalle europee che possa far da sponda e gli italiani che pur di non vedere intaccato il patrimonio son disposti a perdonare l'assassino del padre, come diceva Machiavelli. Va' a dir loro che si esce dall'euro e poi vediamo che succede...

    Che Salvini abbia davanti un'autostrada è tutto da vedere.

  7. #471

    Predefinito

    Anche io ho sempre pensato che Di Maio e Salvini avrebbero mollato la guida proprio nel momento in cui sarebbero iniziati i tornanti, cioè alla prima finanziaria "vera", quella della resa dei conti (dopo le promesse della campagna elettorale e i "jolly" concessi in occasione della prima finanziaria formale), per far pagare politicamente le scelte di quelle promesse e di quei jolly ottenuti a qualche "governo tecnico", salvo poi riprendere loro in mano la guida (o uno dei due) dopo le elezioni anticipate...

    Ma in Parlamento su quali seggi potrà contare il "governo tecnico"? Numericamente M5S + Pd + qualche "responsabile"... ma il M5S si brucerebbe volontariamente e integralmente? E il Pd lo farebbe per conto terzi? Non credo proprio

  8. #472

    Predefinito

    Secondo me non c'è alcuna possibilità di un governo tecnico che faccia la manovra (non è aria nel paese e Mattarella inchioderà Salvini alle sue responsabilità) nè di altre maggioranze.

    Si andrà al voto e occhio ai risparmi, perchè saremo sull'ottovolante.

  9. #473

    Predefinito

    tra sci e bici acquistati come facciamo ad aver risparmi?

    - - - Updated - - -

    ora vedremo conte e mattarella cosa combinano
    intanto salvini che cerca di scaricar le colpe sugli altri, fa proprio ridere, è come la moglie che si lamenta del marito, ma si scorda che ha scelto lei di stare con lui, già sapendo com'era fatto...

  10. #474

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da apo Vedi messaggio
    La campagna elettorale si giocherà pro o contro l'Europa. Con la manovra in vista l'unico modo per evitare le forche caudine dei ragionieri di Bruxelles sarà per la Lega quello di tentare di scassare l'Unione, e non ci son dubbi che ci proveranno. Con due difficoltà per loro: non è uscito alcun blocco sovranista dalle europee che possa far da sponda e gli italiani che pur di non vedere intaccato il patrimonio son disposti a perdonare l'assassino del padre, come diceva Machiavelli. Va' a dir loro che si esce dall'euro e poi vediamo che succede...

    Che Salvini abbia davanti un'autostrada è tutto da vedere.
    Credo che la maggior parte degli imprenditori italiani, ritenga che uscire dall'europa sia più un danno che un beneficio.

    e Forza Italia, con chi si allea ? , con una forza che vuole uscire dall'europa e diventare un satellite della Russia ?

  11. #475

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da pat Vedi messaggio
    Ma in Parlamento su quali seggi potrà contare il "governo tecnico"? Numericamente M5S + Pd + qualche "responsabile"... ma il M5S si brucerebbe volontariamente e integralmente? E il Pd lo farebbe per conto terzi? Non credo proprio
    In un Paese serio, fatto di politici che si prendono le proprie responsabilità, M5S e PD - unica alternativa parlamentare possibile all'attuale maggioranza - dovrebbero far di tutto pur di arginare l'inevitabile deriva fascioleghista.
    Chiudetevi dentro una stanza, offendetevi, picchiatevi, massacratevi, ma uscite con un accordo, un patto di sangue (e qualche lacrima) di quattro anni, e poi ognuno per la sua strada.
    Ma non lo faranno mai, vigliacchi come sono, e preferiranno prendere una batosta che non si vedeva dai tempi del ventennio...

  12. #476

    Predefinito

    niente accordo PD - M5S, non ci sono le condizioni.


    Il contratto dovrebbe essere "decide tutto il PD, e a voi lasciamo la bandierina del reddito di cittadinanza"


    Ma io dubito che ci potrebbe essere anche un monocolore del PD se avesse la maggioranza assoluta. Non c'è un programma, c'è solo la comune intenzione di non sfasciare i conti dello stato, per il resto non c'è un idea comune tra le varie correnti del PD

  13. #477
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Salomon Superaxe 10 Pilot - Boots LangeXT100- Tuta Dubin - Occhiali Oakley - Guanti Salomon/Oakley - Casco Uvex

    Predefinito

    Incredibile che ci siano ancora forumer di sinistra che pensano di potersi prendere l'ennesimo governo SENZA passare dalle votazioni democratiche. Ma suicidatevi

  14. #478

    Predefinito

    Incredibile che ci siano ancora inutili idioti che non hanno capito la differenza tra parlamento e governo. Ma impiccatevi...

    -----------------

    I renziani rispondono all'appello di Zingaretti: "Noi ci siamo, ma mai col M5S: sarebbe la morte del partito"
    Ah, perché invece dopo le elezioni il partito starà benissimo... ma impiccatevi anche voi, cialtroni!

    -----------------

    Da Linkiesta:

    Pd e Cinque Stelle, svegliatevi e parlatevi: non potete regalare l’Italia a Salvini senza nemmeno provarci
    Se si torna al voto, la vittoria di Salvini è quasi inevitabile. Eppure un’alternativa c’è: cercare una maggioranza parlamentare alternativa, in un Parlamento in cui la Lega è ancora debole. Appello ai leader: davvero è più importante il vostro orticello del futuro dell’Italia?

    Il sonno della ragione genera mostri. C’è uno strano retrogusto di follia collettiva, dentro questa crisi di governo. Uno di quegli incantesimi politici che spingono individui razionali a fare scelte assurde e autolesioniste, in nome di chissà quale principio. Se oggi Matteo Salvini domina la politica italiana, banalmente, è perché è l’unico leader politico che fa quel che gli conviene, senza guardare troppo alla forma. L’ha fatto quando ha deciso di formare il governo gialloverde insieme al Movimento Cinque Stelle. L’ha fatto cannibalizzandone l’azione politica. L’ha fatto puntando tutto sulle elezioni europee, trasformandole in un referendum sulla sua figura, nel momento di massima ascesa. L’ha fatto oggi, decidendo di investire tutto il consenso accumulato dalla Lega in un anno e mezzo di governo, per prendersi tutto, o attraverso un rimpasto, o attraverso il voto.

    Lo ammettiamo, molto candidamente. Pensavamo - e un po’ pensiamo ancora - che Salvini non voglia davvero puntare tutte le sue fiches sul ritorno alle urne, che sia semplicemente un bluff ottimamente congegnato, che alla fine sia solo un modo per prendersi definitivamente il governo, attraverso un super-rimpasto. In ogni caso, è un bluff che il Capitano può permettersi, perché è l’unico che dalle elezioni avrebbe tutto da guadagnare, visto che con ogni probabilità passerebbe da un quinto dei parlamentari alla maggioranza assoluta, o quasi. Pensiamo che sia un bluff perché l’alleanza con i Cinque Stelle è l’alchimia perfetta per governare facendo crescere il proprio consenso, grazie all’imperizia politica dei colleghi pentastellati e al gioco di sponda interno alla maggioranza che minimizza gli spazi di manovra dell’opposizione e riduce tutta la dialettica all’interno del governo.

    Non solo: Salvini sa bene che Di Maio è finito, se cade il governo Conte. Che è finito pure lo stesso Conte. E che buona parte dei parlamentari del Movimento dovrebbero salutare anzitempo l’emiciclo, con la certezza di dover fare i conti con un consenso che in poco più di dodici mesi si è più che dimezzato. Quelli che non sembrano saperlo, sono proprio i Cinque Stelle come Di Maio, che sono finiti nel trappolone di Salvini con tutti e due i piedi. E che oggi osservano la crisi con il distacco degli atarassici, come se il Movimento non stesse andando incontro a una catastrofe elettorale, quasi come fosse la giusta punizione.

    Lo stesso vale per il Partito Democratico, ormai vittima incurabile della sua autoreferenzialità, che anche in una fase grave come quella attuale sta riuscendo nell’impresa di badare solamente al proprio orticello, come se degli scazzi tra Renzi e Zingaretti importasse davvero qualcosa a qualcuno oltre che a loro, come se i guai del Pd a ritrovare un elettorato fosse un problema nostro, ben più dello spread, dell’amministrazione controllata, del declassamento da parte delle agenzie di rating, della sostenibilità del nostro debito pubblico. Diamo tutto in mano a Salvini e se la veda lui, è la vulgata degli zingarettiani, quanto dei renziani, raccontano i ben informati.

    Ecco: così fosse, ognuno si prenda il suo carico di responsabilità per aver concesso a Salvini quel che vuole: la possibilità di giocarsi la crisi dov’è più forte (nelle urne) anziché dov’è più debole (il Parlamento), di fatto consegnandogli in un sol colpo il governo e la prossima presidenza della repubblica. Il tutto, nascosti dietro un malcelato senso di giustizia e sovranità popolare - come se cercare una maggioranza alternativa in Parlamento fosse un delitto, in una repubblica parlamentare - che nasconde in realtà l’incapacità di fare politica sul serio e di prendersi la responsabilità di governare i processi.

    Lo diciamo ancora più chiaramente: se si ritiene che Salvini sia pericoloso, che il suo legame con la Russia e con l’ultradestra americana sia inquietante, che un suo governo in solitaria possa far strame dei diritti umani per gli stranieri che vivono in questo Paese, che la sua sola presenza a Palazzo Chigi renda aleatoria la nostra presenza nell’Unione Europea, che farà dall’Italia una nazione simile all’Ungheria di Orban o alla Russia di Putin, allora è doveroso cercare una legittima alternativa alla sua ascesa al potere. Anche in Parlamento, dove oggi Salvini vale quanto il Pd e la metà dei Cinque Stelle. Dove oggi è possibile spedire la Lega e il Capitano all’opposizione senza colpo ferire.

    Pensateci: abolizione immediata di tutti i decreti sicurezza. Ripristino di una gestione dell’accoglienza che riparta dagli Sprar e non dai grandi centri di detenzione. Fine delle armi libere per tutti. Ciao ciao legge Pillon sull’affido condiviso dei figli. Niente flat tax che toglie ai poveri per dare ai ricchi. Via quell’ignobile furto generazionale chiamato Quota 100. Niente guerre all’Europa e nessuno sforamento unilaterale dei parametri di Maastricht. Niente autonomie che creino un’Italia di serie A e una di serie B. Nessun presidente della repubblica sovranista.

    Potremmo continuare, ma il senso è chiaro, cari leader del Pd, dei Cinque Stelle, di Forza Italia: se credete che esista un’alternativa al salvinismo, per governare il Paese, avete tutte le possibilità, oggi, per portarla avanti in Parlamento. La nostra Costituzione non solo ve ne da la facoltà, ma vi incoraggia a farlo. Se invece credete che resistere non serva a nulla, che l’ascesa di Salvini sia un processo inevitabile, che qualsiasi agenda alternativa sia sbagliata, che il popolo non capirebbe, che qualsiasi azione parlamentare sia “manovra di palazzo”, che in fondo sia più importante fare la conta delle vostre piccole truppe nel vostro piccolo orticello nel segreto delle urne, allora fate bene a cedere il passo al Capitano. Solo, allora, non abbiamo capito bene cosa facciate, quando dite di fare politica.

  15. #479

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Jagar Vedi messaggio
    In un Paese serio, fatto di politici che si prendono le proprie responsabilità, M5S e PD - unica alternativa parlamentare possibile all'attuale maggioranza - dovrebbero far di tutto pur di arginare l'inevitabile deriva fascioleghista.
    Per una volta sono totalmente in dissenso con te.

    A parte che in un paese serio un partito come il M5S manco dovrebbe esistere ed evidentemente esiste perché c'è tra la gggente una nutrita percentuale di cialtroni che vota alla cieca e senza manco sapere perché.
    A parte che l'unico programma di governo mai partorito dalle stanze della casaleggio associati è, nell'ordine, "e allora il PD?" e il reddito di fancaz.zanza.
    A parte che il solito vizio della "vera sinistra" (che caxxo vorrà dire, poi ...), dal 1921 a oggi, è di considerare come nemico il riformista e non il fascista.
    A parte che il M5S è un'accozzaglia di populisti, fascisti che ce l'hanno fatta e estremisti di sinistra talmente tanto di sinistra da sembrare quello che sono, ossia fascisti. Oltre a un nutrito numero di analfabeti.
    A parte che il M5S non è un partito ma la proprietà di una Srl che fa i caxxi suoi alla grande con i voti di chi ha abboccato. E con i soldi che versano i parlamentari.

    A parte tutto questo, se succedesse una cosa del genere credo che salciccio prenderebbe direttamente il 50%.
    E non gli darei il voto per coerenza ( e come me non immagini quanti altri solo tra quelli che conosco), ma sarei tentato solo per sputare in un occhio ai vari Franceschini, Boccia, Emiliano, Speranza, Geloni e ciarpame annesso.
    Amen.

  16. #480

    Predefinito

    Ma certo, quello che hai scritto è tutto vero e ineccepibile.
    Ma l'alternativa qual è? Andare a elezioni, consegnare il Paese a Salvini, andare incontro a cinque anni - sempre che non andiamo in bancarotta prima - di dominio fascioleghista con tutto quello che ne consegue in fatto di Europa, economia, diritti umani, ecc.
    Io, se devo scegliere, preferisco il male minore.
    E in questo momento il male minore è sotterrare il passato e provare a dialogare con l'unica forza politica con cui è possibile allearsi, pur con tutti gli enormi difetti che può avere.
    Hanno governato con Alfano e si fanno problemi a governare con Di Maio?

Pagina 32 di 195 PrimoPrimo ... 22232425262728293031323334353637383940414282132 ... UltimoUltimo



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •