Pagina 190 di 195 PrimoPrimo ... 90140180181182183184185186187188189190191192193194195 UltimoUltimo
Mostra risultati da 2836 a 2850 di 2913

Discussione: Salviamo l'italia 2

  1. #2836

    Predefinito

    Peracottari da competizione e pure mentitori olimpici..... 🤦*♂️🤦*♂️

    https://www.ilsole24ore.com/art/ilva...X?refresh_ce=1

  2. #2837

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da brigas pride Vedi messaggio
    prima bisfra ha postato un tweet (o era fb boh non ricordo) di patuanelli.. perculandolo ovviamente

    parole da SCOLPIRE nella PIETRA


    Non avevo alcun dubbio al riguardo.
    Però si troverebbe sicuramente più a suo agio a Pyongyang.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da missouri Vedi messaggio
    Non esistono reduci novecenteschi..oggi stiamo tornando quanto a tutele,diritti e quant'altro a livelli novecenteschi
    Con la colossale e fantomatica balla che questo sia necessario,distruggere la qualità della vita delle persone come condizione al servizio di un sistema economico distorto
    Stiamo semplicemente tornando indietro di un secolo
    Fino a quando non vi renderete conto che la politica odierna non è classificabile con gli schemi di cent’anni fa, il destino è solo perdere voti.

    Caduta del muro di Berlino: sono trent’anni esatti.
    Nulla è più come allora sarà il caso di fare i conti con questo dato di fatto.

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #2838
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Ahah Zaia!

    Se proprio la vuoi mettere a paragoni, caro blitz allora perdi in partenza: Zaia aveva le previsioni del tempo.
    Al di la delle tifoserie, pensa a Errani ha ritirato su una regione terremotata, con una densità di popolazione spaventosa in confronto ai territori colpiti da Vaia, con morti, case e aziende tirate giù come birilli.

    Oggetto della macchina del fango made in 5S e Centrodestra, di cui in sordina ovviamente ne è risultato il NULLA COSMICO (il fatto non sussiste)...

    Se poi uno ragiona e pensa che prima di Zaia il veneto ha prodotto un criminale di nome Giancarlo Galan, auguri...

    Dai non pestare merde... le persone valide sono ovunque, con frequenze sicuramente diverse, ma i discorsi che fai sono di un qualunquismo imbarazzante!

    Cerchiobottismo di chi cerca una scusa per lamentarsi di tutto e di tutti

  5. #2839

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Blitz_81 Vedi messaggio
    e oltre a non cambiare bandiera perpetua i propri errori, convinta che siano gli altri a sbagliare e dando pure dello stolto a destra e a manca.


    Beh, esistono anche i lobotomizzati di minoranza, tipo quelli che nel 2019 tirano in ballo la Resistenza perché o non si rendono conto che sono passati 70 anni, o non hanno alcuna altra argomentazione.
    (sono nipote di un capo Partigiano, quindi evitare di fare i furbetti con me, grazie)


    Oddio, uno che porta un partito dall' irrilevanza ad essere il primo partito, tanto pirla non lo chiamerei.
    Tu ne saresti capace? non credo.
    A parte questo, Salvini sarà anche un quaquaraquà, sono il primo a definirlo il Roberto da Crema della politica, c' è un problema grande come una casa però: nel suo partito ha gente in gamba. E gente molto pratica.
    Guarda Zaia come ha gestito il casino della tempesta Vaia: oltre ad aver mosso la Protezione Civile nazionale in anticipo, in modo da averla già schierata sul posto quando è arrivata la tempesta, ha rotto il k'azzo a destra e a manca per avere tutti i fondi necessari alla ricostruzione, mancava poco che andasse pure su Marte a chiederli, e sicuramente li avrebbe ottenuti anche dai marziani. Non per niente alcune testate lo hanno definito il presidente di regione piú amato d' Italia.
    Trovamene uno, tra PD, LEU, M5S e Renzi, uno trovamene che sarebbe stato in grado di fare altrettanto.


    Ma di che parli?
    La legalità è stata smantellata dalla sinistra con la sistematica delegittimazione delle Forze dell' Ordine.
    E il razzismo non è altro che la logica conseguenza - purtroppo - alle politiche di paese della cuccagna. Se a suo tempo si fosse usato il pugno di ferro, la gente manco ci farebbe caso al colore della pelle (come dovrebbe essere), invece leggi la cronaca di un qualsiasi giornale che non sia Il Manifesto, e diventi razzista anche se non vuoi. Ci sarà infatti un motivo se in Svezia i giornalisti hanno il divieto di citare la nazionalità dei colpevoli...


    Mamma mia che cattivoni questi italiani...
    Forse se la sinistra dava ascolto a chi sollevava i problemi, invece di dargli del rozzo ignorante bifolco, questo messia rimaneva nell' irrilevanza politica.


    No. Mi spiace.
    Tutte le tutele e diritti dei lavoratori con cui ti riempi la bocca, sono solo dei vecchi.
    E tutti i contratti di M che girano adesso, comprese le cooperative, sono solo dei metodi per aggirare il continuo ostruzionismo dei sindacati che non si sono ancora resi conto che non siamo piú nell' autarchia, ma dobbiamo competere coi Cinesi, con gli Indiani e coi Tailandesi (e nel tessile pure con i Nordafricani).
    Eh si' ... intanto pensavano a come czz si smacchiano i giaguari...

  6. #2840

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da madflyhalf Vedi messaggio
    Al di la delle tifoserie, pensa a Errani ha ritirato su una regione terremotata, con una densità di popolazione spaventosa in confronto ai territori colpiti da Vaia, con morti, case e aziende tirate giù come birilli.

    Oggetto della macchina del fango made in 5S e Centrodestra, di cui in sordina ovviamente ne è risultato il NULLA COSMICO (il fatto non sussiste)...
    Non so .... su Errani per il momento ho un giudizio sospeso.
    L’impressione, DAL DI FUORI, è che i terremotati si siano ritirati su perché hanno anticipato del loro. Ma, ripeto fino alla nausea, parlo guardando dal di fuori e con informazioni di terza mano di conoscenti che hanno lavorato alla ricostruzione.

    Persona indubbiamente capace, ma uno dei principali motivi dell’inchiodamento della ricostruzione del centro Italia è la sua gestione centralistica della struttura commissariale. Per tacere della De Micheli, che iddio ce ne scampi.

    Al momento esiste solo un gigantesco carrozzone burocratico, un pachiderma che fa solo ulteriori danni; di fatto ha preteso di trattare la situazione di quattro regioni diverse come in ER. Non funziona, prove alla mano.

  7. #2841

  8. #2842
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bisfra65 Vedi messaggio
    Non so .... su Errani per il momento ho un giudizio sospeso.
    L’impressione, DAL DI FUORI, è che i terremotati si siano ritirati su perché hanno anticipato del loro. Ma, ripeto fino alla nausea, parlo guardando dal di fuori e con informazioni di terza mano di conoscenti che hanno lavorato alla ricostruzione.
    Questo succede, è successo e succederà nella stessa misura in Emilia come in tutto il resto d’Italia, quando capitano disgrazie e emergenze di questo tipo.
    Nè più nè meno.

    Ma avere amministratori capaci, anche e soprattutto fin da gli anni precedenti (perché la buona gestione porta risparmio, cioè fondi disponibili in caso di emergenze), ti porta ad agire in tempi IMMEDIATI, pur mantenendo trasparenza e controllo su tutta la macchina organizzativa.

  9. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  10. #2843
    Dalle Murge ... alle Alpi Skifoso
    Attrezzatura
    Kneissl Black Star SM 183R21 - Salomon BBR 8.9 186 - Fischer RC4 110 Vacuum - Casco Ruroc RG1-DX

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da boletus Vedi messaggio
    Peracottari da competizione e pure mentitori olimpici..... 🤦*♂️🤦*♂️

    https://www.ilsole24ore.com/art/ilva...X?refresh_ce=1
    Oste com'è il vino??

    Il sole 24 sposa la tesi di Arcelor e, a mio modestissimo avviso, dice una solenne cazzata.

    Leggo: "Sempre nell'addendum al contratto siglato il 14 settembre 2018 si legge: «L'affittuario potrà altresì recedere dal contratto qualora un provvedimento legislativo o amministrativo, non derivante da obblighi comunitari, comporti modifiche al Piano Ambientale come approvato con il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29 settembre 2017 che rendano non più realizzabile, sotto il profilo tecnico e/o economico, il Piano Industriale»."

    L'atto di citazione di Arcelor Mittal (che io ho letto per intero), in effetti, sostiene proprio questo.

    Peccato che sia una posizione che ha poco senso giuridico.

    Difatti, non v'è stato ALCUN "provvedimento legislativo o amministrativo, non derivante da obblighi comunitari, comporti modifiche al Piano Ambientale". Ma proprio nessuno.
    ll Piano Ambientale, infatti, è rimasto identico.

    E, restando nei suoi contorni, Arcelor Mittal non avrebbe mai potuto incorrere in alcuna responsabilità penale.

    Lo sanno talmente bene anche quelli di Mittal che, nel loro, atto, dopo aver brevemente spararo a salve su questo punto, si esercitano molto di più su una serie di domande subordinate (anch'esse, a mio avviso, complicate da sostenere... ).

    Il problema è del tutto diverso: loro, ancora oggi, stanno producendo FUORI da ogni norma di legge nell'area a caldo. Quindi rischiano di dover chiudere almeno tre altiforni ... cosa che gli renderebbe meno profittevole l'azienda.
    Lo sapevano sin dall'inizio. Hanno fatto finta di nulla per vincere la gara e sopravanzare l'altro contraente. Qualcuno gli aveva evidentemente promesso la prosecuzione della norma ad hoc, già concessa ai commissari dell'amministrazione straordinaria la quale, FUORI DAL PIANO AMBIENTALE, li tutelava penalmente... Ed in effetti, il miistro dell'epoca, che oggi fa "professorino" e che tanto celeremente aveva ritenuto di aggiudicare l'azienda a loro (pur se l'offerta della cordata concorrente era migliore sotto il profilo ambientale e sottto quello del piano industriale e pur se si era ofefrto addirittura di sopravanzare l'offerta economica di Mittal) la tutela penale l'ha poi garantita.

    SOLO POI, FINALMENTE QUESTA NORMA, che per inciso serve proprio a tenere aperta l'area a caldo (che è FUORI LEGGE) e ad inquinare la città oltre ogni vostra immaginazione, senza doverne risponderne, E' STATA ABROGATA.

    Ma la tutela penale non ha nulla a che vedere con il piano ambientale e reintrodurla significa dire: OK, AVVELENATE PURE TUTTO E TUTTI SENZA CONTROLLO ALCUNO E FATE QUEL CHE CACCHIO VI PARE CON L'AREA A CALDO... E CON TUTTO IL RESTO, PURE VIOLANDO LE NORME NAZIONALI ED EUROPEEE.

    Roba assurda. E che l'ultrattività della tutela penale fosse assurda lo sostengono persino una serie pericolosissimi sovversivi: tipo Giovanni Maria Flick (ex ministro e ex giudice della Consulta, certo non passibile di accusa di simpatia verso i 5S) il quale parla di vulnus per l'intero sistema giuridico.


    Ma v'è di più: ormai gli altarini sono caduti perchè il Governo (malauguratamente), aveva concesso di rimettere la tutela penale, togliendo ogni alibi.
    Arcelor MITTAL ha detto che se ne andranno lo stesso SE il governo non concederà 5000 esuberi e la cassa intregrazione, oltre ad una serie di altre cosette.


    Quindi la vera questione non stava nella tutela penale: quella era (ed è) una colossale bugia... peraltro perorata con la vergognosa collaborazione dei media nazionali.

    Questi o hanno sbagliato clamorosamente il piano industriale (poco probabile), oppure sapevano sin dall'inizio che il piano industriale presentato era farlocco e confidavano in successive aggiustamenti "consensuali" e/o in azioni di ricatto e prepotenza contro lo Stato e contro Taranto, come quella attuale.
    Ma a quel punto la gara è stata falsata. E siccome già ai tempi del professorino si parlava di 4800 esuberi (che assomigliano tantissimo ai 5000 chiesti oggi) salvo poi ritrattare e vincere sul presupposto della piena occupazione... evidentemente non si sono svegliati solo oggi..... lo sapevano già.

    AGGIUNGEREI: i media nazionali stanno del tutto tacendo la rabbia dei Tarantini i quali sanno ormai da tempo due cose:
    1) QUELL'ACCIAIERIA, per come è stata concepita, NON HA FUTURO, neanche economico.
    2) QUELL'ACCIAIERIA per come e DOVE è stata costruita, per come ancor oggi vengono svolti i controlli, per quello che respirano i cittadini e, non da ultimo, per i morti ed i malati gravissimi che praticamente ogni famiglia annovera, NON PUO RESTARE APERTA.

    Non esiste alcuna ragione economica che possa esser perpetrata sulla pelle viva dei tarantini. Alcuna.

    FATEVENE UNA RAGIONE....

    Se non ci riuscite, guardatevi questo documentario "ILVA A DENTI STRETTI", perdete questi venti minuti a capire... e, se ne siete capaci, vergognatevi di non aver capito un tubo sinora .

    Raiplay
    https://www.raiplay.it/video/2019/11...94aa6a534.html

    Oppure, Facebook

    https://www.facebook.com/LaRassegnaS...aM-ra4DubIs1Wr

  11. #2844

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Blitz_81 Vedi messaggio
    a me pare che sia l' unica fase che viene ricordata, tutto il resto non esiste...


    e tu chi sei? sei solo un ics qualsiasi, uno qualunque, come quelli a cui dai dei bifolchi con estrema saccenza.


    purtroppo questo razzismo ignorante c' è sempre stato, e non è certo il razzismo contro i calciatori che sta aumentando, non mischiare le cose per nasconderti dietro a un dito siccome non sai come rispondere.


    Ma di cosa stai parlando? è dagli anni 90 che vedo girare contratti di m'erda per ovviare all' inflessibilità dei sindacati.
    E finiscila con Renzi. Accusi l' Italia di necessitare di un messia, tu invece necessiti di un capro espiatorio a cui addebitare tutte le colpe dell' Italia.

    Ah, lo sai che i tuoi amici sindacati, nel 2019, vorrebbero ancora i treni col doppio agente, retaggio di quando c' era il vapore? (macchinista + fuochista).
    Mentre in tutto il mondo viaggiano ad agente unico.
    Lo sai che per ovviare a questo problema Trenitalia ha dovuto comprare SEICENTO locomotive monocabina, con l' intercomunicante verso le carrozze passeggeri, in modo da poter girare a macchinista unico?
    Macchine che hanno zero flessibilità di utilizzo, e che in certi posti hanno costretto a ripristinare le piattaforme girevoli altrimenti non si potevano usare in direzione inversa!

    Dai smettila di difendere l' indifendibile (i sindacati) e di dare la colpa a Renzi perché altrimenti non hai la capacità di spiegare questi sfaceli
    perchè invece salvini chi è..per me è un signor nessuno,zero competenze,zero ragionamento,zero valori,uno zero assoluto..conta solo per una manica di pistoloni
    Nella pratica è uno che vive come un parassita,un nullafacente che sfrutta la *******eria generale..basta guardare le sue presenze alle sedute tra un drink in spiaggia e un altro.
    Se politicamente è un caxxo di nome che non resterà certo nella storia di questo paese per tutto il resto non vale un'unghia del piede.
    La politica di oggi purtroppo oggi premia questi personaggi inqualficabili portando la mediocrità totale alla ribalta ( anzi per salvini parlare di mediocrità è anche troppo generoso)

    https://www.repubblica.it/cronaca/20...nte-226209342/
    Io difendo i sindacati? ma dove? i sindacati sono i primi che hanno venduto il culo degli iscritti
    Sono complici delle peggiori nefandezze..specie per il fatto che spesso decidono per gli altri senza alcun mandato su questioni decisive

  12. #2845

    Predefinito

    Per Maxi, l’ilva dal punto di vista di posizionamento e’ strategica, proprio perché le navi possono attraccare e scaricare carbone e minerale direttamente in acciaieria. All’Italia serve acciaio, visto che oltre a quello prodotto a Taranto ( unici altiforni rimasti nella penisola ) l’Italia ne importa ancora migliaia di tonnellate. Che serve all’industria dell’auto, a quella degli elettrodomestici ed alle costruzioni. E tante altre cose che non vale la pena di menzionare.
    A Taranto da lavoro a 10.000 persone direttamente ed almeno altre 4000 nelle altre aziende che lavorano in appalto. In pratica senza l’Ilva metà cita resterebbe senza stipendio.
    Che sia possibile produrre acciaio senza inquinare lo dimostrano le tante acciaierie europee che lo fanno oggi. Che la sistemino, senza avere ogni due giorni un sequestro da parte di un pm di turno, e si guardi avanti.
    Se chiude oggi la bonifica non verrà mai fatta e resterà un relitto industriale inquinante per i secoli a venire.

  13. #2846

    Predefinito

    A Cremona avevamo una raffineria, che non era neanche lontanamente paragonabile all'ILVA per impatto ambientale.
    È stata fatta chiudere, e ovviamente le bonifiche non si fanno da sole. È ancora lì, dopo aver lasciato a casa tutti i dipendenti, e le bonifiche vanno avanti a singhiozzi, a carico del MISE e quindi della collettività. E comunque è ormai chiaro a tutti che saranno solo parziali perché non ci sono abbastanza soldi.

    I Tarantini devono mettersi in testa che se l'ILVA chiude, nessuno verrà a fare le bonifiche (costano troppo e lo Stato non se le può permettere, e questo deve essere chiaro a tutti, Emiliano in primis), ma proprio nessuno. Perderanno il lavoro, tutti, anche il panettiere e il pizzaiolo che oggi lavorano grazie agli stipendi di quelli che lavorano all'ILVA o grazie ad essa. E si ritroveranno una bomba ecologica che nessuno potrà sistemare, e che renderà impossibile ogni vagheggiamento su possibili riconversioni turistiche.

    Qualunque narrazione di bonifica a impianti chiusi definitivamente, è una presa per il culo. Infatti anche a Roma i vertici 5S si guardano bene dal promettere bonifiche e chiusura, perché sanno bene che è impossibile.

    Ormai il danno è fatto. Non vedo come raccontarsi fantasie possa migliorare la salute pubblica.

  14. #2847
    Dalle Murge ... alle Alpi Skifoso
    Attrezzatura
    Kneissl Black Star SM 183R21 - Salomon BBR 8.9 186 - Fischer RC4 110 Vacuum - Casco Ruroc RG1-DX

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da gigiotto98 Vedi messaggio
    Per Maxi, l’ilva dal punto di vista di posizionamento e’ strategica, proprio perché le navi possono attraccare e scaricare carbone e minerale direttamente in acciaieria.
    Mi dispiace ma non ce ne frega più niente... e non fregherebbe neanche a voi se quello sfacelo ce l'aveste davanti a casa.
    Ma nessuno di voi, me ne rendo conto, lo immagina davvero per com'è... il 99% di chi non l'ha vista si immagina che a Taranto siano tutti colti dal nimby.
    Magari pensate: ma pensassero a lavorare....

    Non è così: negli anni 70 io andavo a scuola a Tamburi (ma non vivevo li): è il quartiere che sta attaccato alla Fabbrica, diviso solo da collinette artificiali (che peraltro si è recentemente scoperto esser state costruite - DALLO STATO ITALIANO - con materiali tossici, derivante da RIFIUTI SPECIALI, invece che con semplice terreno).
    Ero l'unico che non risiedeva li: tutti gli altri miei compagni di classe, le maestre, persino i bidelli, vivevano tutti li. La frequentavo perchè mia madre lavorava nella scuola di fronte (asilo d'infanzia).
    Scrissi a 8 anni, in un tema, che l'Italsider (dinanzi al quale passavo ogni giorno per arrivare a scuola) era un mostro e andava chiusa.
    Mi guardarono tutti come se fossi stato un matto... per loro, per quanto gli veniva raccontato, dalle ciminiere usciva solo "vapore acqueo".
    Ovviamente non era così.
    Molti di quei bambini... oggi, non ci sono più. A distanza di quarant'anni, alcuni non ci sono arrivati: altri si sono ammalati.
    Oggi, li a Tamburi, ma un po in tutta Taranto, tutti ODIANO la fabbrica. Anche chi ancora ci lavora.
    Quei pochi che abbozzano lo fanno per paura.... ma potessero scegliere non la vorrebbero neanche loro.
    Poi ci sono i più schifosi: quelli che si sono venduti (ed hanno venduto le loro stesse famiglie) per un piatto di lenticchie.... Politici (locali e nazionali), giornalisti, uomini di chiesa, personale dell'ASL, funzionari...
    Tutti pagati per tacere, sviare e depistare.
    Addirittura abbiamo visto gente che, pubblicamente, contestava l'azienda... e poi non faceva nulla, perchè erano al soldo dei vecchi proprietari... leggetevi gli atti del processo "ambiente svenduto".

    Abbiamo persino avuto persino ex presidenti di regione... sedicenti ambientalisti, che ridacchiavano complici... ridacchiavano (andate, vi prego, a sentire l'audio)
    https://www.ilfattoquotidiano.it/201...tumori/776892/

    La scuola dove ho fatto le elementari è stata recentemente chiusa, insieme ad un altro pasio di istituti. Li ci sono livelli di inquinamento da diossina mostruosi e, viste le collinette li affianco, non è solo quello il problema.
    Hanno chiuso le scuole, ma non serve a nulla: li intorno c'è l'interop quartiere, ci vivono decine di migliaia di persone.... è ipocrita chiudere le scuole quando quei ragazzini ed i loro genitori abitano di fronte alle scuole.

    Voi parlate, ma non avete nessuna idea di quel che accade li dentro.... e li fuori.

    E l'Italia non ha alcun diritto di chiederci di continuare a tollerare una situazione simile.
    Siamo al punto in cui la gente si barrica in casa e non apre neanche le tapparelle, ma l'ossido di piombo, ricopre le strade e penetra lo stesso.
    In cui tutte le scuole di ogni ordine e grado, appera tira vento dalla fabbrica, e accade spessissimo, restano chiuse....



    Citazione Originariamente scritto da gigiotto98 Vedi messaggio
    Che sia possibile produrre acciaio senza inquinare lo dimostrano le tante acciaierie europee che lo fanno oggi. Che la sistemino, senza avere ogni due giorni un sequestro da parte di un pm di turno, e si guardi avanti.
    Se chiude oggi la bonifica non verrà mai fatta e resterà un relitto industriale inquinante per i secoli a venire.
    Te lo dico senza polemica; sono chiacchiere...
    Per renderla davvero "sostenibile" andrebbe rasa al suolo, e ricostruita lontano dalla città (non addossata com'è oggi).
    Con tecnologia differente.
    E' materialmente impossibile.
    Lo sanno tutti... ma tutti fanno finta che sia possibile riconvertirla.

    Ci sono solo due vie.
    O si chiude la fabbrica e si bonifica tutto, reimpiegando la forza lavoro in un opera che richiederà venti o trent'anni.

    Oppure si sposta una citta di 200 mila anime.

    Sinora si è scelta la terza via: tenere in ostaggio la città e far crepare i suoi abitanti... a migliaia.
    I vostri (non ven ne rendete conto) sono discorsi da schiavisti: l'ITALIA INTERA HA CAMPATO PER 50 ANNI SULLA NOSTRA PRODUZIONE DI ACCIAIO, ADESSO RIPAGHI I DANNI.

    Io me ne sono andato 30 anni fa, e tornerei domani se non fosse che metterei a repentaglio il futuro dei miei figli.
    Altri non hanno questa possibilità, non hanno scelta: devono lavorare (e guardate che in alcuni settori lavorare significa esporsi a condizioni disumane) pensando solo all'oggi, perchè sperare nel domani non gli è dato.

    E nessuno creda che permetteremo (mi ci metto anch'io sebbene non viva più li) una nuova Bagnoli.

    Peraltro nessuno capisce di quali dimensioni parliamo. E di come sia allocata-
    Vi allego una foto satellitare:
    in rosso l'area industriale (quella parte scura che vedete non è il colore degli edifici, ma l'ossido di piombo che vi ricade)
    in giallo il quartiere Tamburi
    in verde i due quartieri satellite di Statte e Paolo VI
    in azzurro la citta, che ha 200 mila abitanti (e non conto l'interland di Statte e Paolo VI, anch'esse, come vedete, addossate alla fabbrica).



    Non se se avete idea di cosa significhi vivere con un mostro del genere, più grande dell'intera città.

    Qui non parliamo della fabbrichetta con qualche fumo e qualche rifiuto inquinante, parliamo del mostro più grande d'europa.

    Ma, in ogni caso, non ci importa più. Che capiate o meno, non ci importa più.
    Noi tarantini diciamo una cosa sola.
    BASTA.
    Se volete l'acciaieria fatevene una a casa vostra.
    Ma dev'essere uguale uguale a quella che abbiamo noi. Anche a quella che ci è stato promesso che diventerà... tanto cambia zero.

    Fatevela, ve la regaliamo. Poi ne riparliamo.


    P.S. Se qualcuno si domandasse cos'è la zona in arancione, tra Tamburi e la fabbrica: è il luogo più inquinato dell'intera città... il cimitero .

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    I Tarantini devono mettersi in testa che se l'ILVA chiude, nessuno verrà a fare le bonifiche (costano troppo e lo Stato non se le può permettere, e questo deve essere chiaro a tutti, Emiliano in primis), ma proprio nessuno. Perderanno il lavoro, tutti, anche il panettiere e il pizzaiolo che oggi lavorano grazie agli stipendi di quelli che lavorano all'ILVA o grazie ad essa. E si ritroveranno una bomba ecologica che nessuno potrà sistemare, e che renderà impossibile ogni vagheggiamento su possibili riconversioni turistiche.
    Ema... con stima, ti voglio bene... ma non ce ne frega un c@zzo fritto.

    Vorrei dire qualcosa in dialetto, ma sarebbe scurrile, e manco mi capireste, mi astengo.

    Dico solo: queste chiacchiere la abbiamo già sentite, MO AVAST.
    La gente per anni si è illusa... ma quello stabilimento chiuderà comunque: tecnicamente può durare al massimo altri 7-10 anni e oggi, a Taranto, ci lavorano davvero si e no 3-4000 persone. Il resto viene da fuori. E continua a diminuire. Se accettassimo il ricatto di MIttal, peraltro, la forza lavoro verrebbe decurtata del 50%.

    Quanto ai POLITICI: TUTTI (ma proprio tutti ANCHE I 5S) SI CAGANO SOTTO.
    Pensano all'immediato ed immaginano di perder voti in caso di chiusura.
    E sbagliano anche: non a caso sono passati dal circa 50% delle politiche (quando promettevano la chiusura) alla metà (dopo aver dimostrato il contrario).
    Poi, ovviamente, non parliamo dei corrotti.... di quelli che prendevano ( e chissà, magari prendono ancora) soldi per perorare le "ragioni" dell'accaiaieria. Politici e media in primis... e la "puzza di merda" (passatemelo), sbaglierò, ma l'ho avvertita anche in questi giorni.

    Siccome il mostro è destinato a sgonfiarsi (prima) ed chiudere comunque (poi) tanto vale che chiuda ora: e non illudetevi, non faremo sconti a nessuno, le bonifiche sono un DOVERE.

  15. #2848

    Predefinito

    L'unica cosa che conta davvero sono i miliardi che servirebbero per bonificare l'area. Miliardi che lo Stato italiano non ha, anche tagliando qualche opera qua e là. Ribadisco, non riesce a bonificare una piccola raffineria, chiusa da 10 anni, il cui danno non è neanche lontanamente paragonabile all'ILVA. Infatti a Roma nessuno, e dico nessuno, avanza un'ipotesi del genere. Nemmeno il M5S.

    Non è che i soldi saltano fuori protestando in Piazza o su un forum.

    - - - Updated - - -

    Penso che veramente costi meno spostare il resto della città e i suoi abitanti altrove.

  16. #2849

    Predefinito

    Comprendo che il coinvolgimento emotivo a volte possa offuscare il ragionamento, ma è chiaro a tutti - anche a te - che se la fabbrica si ferma ve la tenete così per i prossimi cinquant’anni dato che nessuno in Italia tirerà MAI fuori le decine di miliardi che ci vorranno per rinaturalizzare l’area.

    Per il resto, come sempre in diritto, tutto è interpretabile e in alcuni punti che hai trattato viaggiamo tranquillamente nella mera opinione e nulla più.

    Sulla volontà di chiusura farei contare i numeri visto che “lo dicono tutti” non è un criterio.
    Il m5s lo scorso anno ha preso il 48%; ergo, il 52% vuole che rimanga aperta.

    L’Italia industriale ha bisogno di acciaio e non può permettersi la chiusura di Taranto; la soluzione per quanto mi riguarda è ancora più semplice e sicuramente meno costosa:
    spostare i quartieri investiti dalle polveri dei parchi minerari (anche se una volta completata la copertura la problematica sarà risolta) e dalle esalazioni degli altiforni.

    Tanto non sarà qualche ettaro di uliveti o di campi agricoli in più o in meno a fare la differenza.
    Così come pensare di campare di caciocavalli, burrate e agriturismi, a parte DisneyTaranto (ciao core ....), può essere una cosa fattibile solo per dei grillini.

    Immagine per immagine, ti posto la foto aerea di Linz. Dove trovi scritto Voestalpine c’è un’acciaieria DENTRO la città.

    Salutame Virgy. Il vento sta cambiando .....



    - - - Updated - - -

    P.S.: mi ero dimenticato un paio di dettagli, ossia xylella e TAP. Per sapere come andrà a finire un qualcosa cavalcato da grilletti e dal comandante Zapata (con lo scolapasta in testa) hai già i termini di paragone giusti.

    Non c’è due senza tre.

    - - - Updated - - -

    Estratto dell’addendum al contratto firmato dal cranioleso di pomigliano e che non ti devo certo spiegare.

    Fine delle trasmissioni e della caz.zate.



  17. #2850

    Predefinito

    Ma non e’ colpa di Ilva se hanno permesso di costruire un quartiere proprio a ridosso della fabbrica. E’ stata una vera follia permetterlo. E’ molto più semplice spostare le persone che vivono lì, e che probabilmente se ne andrebbero volentieri da case popolari e malsane, che spostare la fabbrica.

Pagina 190 di 195 PrimoPrimo ... 90140180181182183184185186187188189190191192193194195 UltimoUltimo



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •