Pagina 4 di 4 PrimoPrimo 1234
Mostra risultati da 46 a 50 di 50

Discussione: La prima rappresentazione italiana di un paesaggio innevato

  1. #46

    Predefinito

    Da "Très Riches Heures du Duc de Berry" codice miniato del 1412/1416, dei Fratelli Limbourg pittori franco-fiamminghi del XV secolo.


  2. Lo skifoso Sloggul ha 7 Skife:


  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  4. #47

  5. #48

    Predefinito La prima rappresentazione italiana di un paesaggio innevato

    Non ho voglia di andare a fare ricerche, sono un pigro, ma credo ricordare una dotta spiegazione sulla questione tecnica della pittura in esterno. Fu in occasione di una mostra sugli impressionisti.
    Noi pensiamo che i problemi di “hardware” siano concentrati in settori ad alta tecnologia, in realtà coinvolgono tutti i settori dell’attività umana: anche quelli artigianali e artistici.

    Il colore: beh, sino a ben oltre la metà dell’800 dava problemi di resistenza alle temperature basse. In pratica non si poteva dipingere che in ambienti chiusi perché i colori si solidificavano troppo velocemente, non si sapeva come trasportarli (non esistevano i tubetti) e non vi era possibilità di stesura con alta qualità e resa pittorica.
    Probabilmente questa è una delle ragioni per cui la montagna e la neve nella pittura abbiano avuto una forte collocazione (e direi una verosimile interpretazione) solo da un paio di secoli a questa parte.
    Le miniature, i quadri fiamminghi e in genere dei pittori nordici in epoche precedenti, sono sempre rappresentazioni “in studio” piuttosto piatte. Proprio perché probabilmente mancava l’osservazione diretta (per contro, infatti, le vesti e i drappeggi sono minuziosissimi e di una veridicità impressionante)

    La sfida con la neve, poi, venne intrapresa in particolare proprio dagli impressionisti (che poterono avvalersi dei miglioramenti tecnici per la materia prima) perché non usavano amalgamare i colori sulla tavolozza ma usavano i colori primari direttamente sulla tela accostandoli in modo armonico e all’apparenza casuale (ma in realtà studiato nei minimi particolari e qui sta la straordinarietà del’impressionismo). Il bianco non è mai bianco: è la somma di tanti colori che contribuiscono a renderlo tale nella scomposizione dei nostri occhi. La neve presenta una superficie riflettente che è influenzata dal cielo, dalle case, dai personaggi e dagli oggetti che le stanno nei pressi. Questo stimolava la loro fantasia e la loro tecnica.

    Boh, prendetela per quello che è: una riflessione assolutamente personale.

  6. Lo skifoso Terios2 ha 2 Skife:


  7. #49

    Predefinito

    Infondo un po' di slancio al thread portando agli onori del forum un altro mio conterraneo: Giovanni Battista Cima, detto Cima da Conegliano.

    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	cima-da-conegliano.jpg
Visite:	74
Dimensione:	122.8 KB
ID:	69473

    Vi rimando alla sua pagina su Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Cima_da_Conegliano dove sono riprodotte alcune opere davvero notevoli.

    Ciao

  8. Lo skifoso Tooyalaket ha 3 Skife:


  9. #50

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Tooyalaket Vedi messaggio
    Noè Bordignon, Guglielmo Ciardi e il figlio Giuseppe, Giacomo Favretto.
    Nomi sconosciuti ai più e ulteriormente sbeffeggiati dopo una scellerata scelta espositiva trevigiana.

    Anni fa Linea d'Ombra e Treviso avevano creato un binomio impressionista che pareva indissolubile, tuttavia qualche inspiegabile scaramuccia politica incrinò il rapporto al punto che Marco Goldin (plenipotenziario di Linea d'Ombra) emigrò in altri lidi con un lungo e nervoso peregrinare tra Roma, Bergamo, Brescia, Pordenone, Napoli, ecc.
    In questo rivedo l'inquietudine e la fragilità degli impressionisti che tanto ama ... Ma siamo poi così sicuri che quella fragilità non sia la loro vera forza?
    Nei tratti nervosi di Giuseppe Ciardi percepisco l'inquietudine di cui sopra.

    Questi impressionisti veneti sono spesso a dipingere scene rurali (d'altronde nella campagna veneta del tempo quello c'era) con paesaggi di sfondo a me noti e cari: Pelf, Schiara, Civetta, Cansiglio, Piancavallo, Cesen, Monte Grappa, Col Visentin, ecc. Questi sono frequentemente innevati, in relazione al momento della creazione dell'opera.

    Gente semplice, di umili origini ma con un dono, una sensibilità poetica fuori dal comune.
    Sì, poetica. Perchè i loro dipinti sono poesie struggenti non scritte ma messe su tela.
    Non avevano il talento di Monet & Co, sono arrivati all'impressionismo con un filino di ritardo e forse quando il movimento aveva perso gran parte del suo slancio innovativo, erano persone semplici ma non meritavano il trattamento subito da Treviso.
    Spiego.
    Si parla di oltre 15 anni fa quando a Treviso una mostra su Van Gogh inanellò numeri da record con oltre 1200000 visitatori segno che un minimo di voglia di cultura c'era (c'è?), senza contare che negli alberghi della zona c'era il tutto esaurito; in pratica vincevano tutti: Linea d'Ombra faceva il pienone e occupava i titoli di giornali e TG, gli albergatori si prendevano bei soldi, il comune acquisiva visibilità, la gente tornava a casa soddisfatta.
    Poi i litigi tra Goldin e l'amministrazione.
    Linea d'Ombra abbandonò Treviso e lo stesso chiodo che teneva appeso Van Gogh, l'anno successivo esponeva Giuseppe Ciardi.
    Non c'erano i social ma le canzonature furono pesanti e parzialmente ingiuste perchè si trattava del suo dipinto migliore: In riva al mare.
    Un dipinto di una drammaticità, di un'angoscia, di una rabbia, di una tristezza, di una solitudine, di una malinconia pari a quelle del celebre urlo di Munch.
    Una spinta emotiva, una spersonalizzazione, un dignità imponenti.
    Pur non essendo ai livelli di Van Gogh è indubbio che ci sia del potenziale però davanti a colossi come l'olandese senza orecchio tutti siamo nanetti ignoranti.

    Scusate lo sfogo (tardivo, parzialmente OT e fuori luogo in un forum di sci ... Che poi Vigggi mi dice che non va bene parlare di queste cose su skiforum.it ).

    Ciao
    Preso dall'impeto di Ciardi padre e figlio, sabato ho acquistato un libro "monografico" sui 2.
    22 € ben spesi.
    L'ho appena sfogliato ma ci sono dipinti montani di ottima fattura.
    Aggiornerò il thread.

    Ciao

Pagina 4 di 4 PrimoPrimo 1234



Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •