Mostra risultati da 1 a 15 di 15

Discussione: Megarecensione/confronto SCARPA: Maestrale RS, F1, Alien RS

  1. #1

    Predefinito Megarecensione/confronto SCARPA: Maestrale RS, F1, Alien RS





    Trovandomi momentaneamente in possesso di tutti e tre questi scarponi (due miei, uno in prova), ho pensato di fare questo post, nella speranza che sia utile a chi magari deve scegliere il suo scarpone da scialpinismo. Questi tre modelli secondo me soddisfano le esigenze di chiunque, a seconda di quello che vuole fare in montagna, dalla gara di scialpinismo presa con filosofia easy alla linea freeride cazzuta.
    La fedeltà al marchio SCARPA è semplicemente dovuta al fatto che i miei piedi stanno bene dentro alla forma dei loro scarponi, niente di più.


    Inizio con i dati tecnici (tutti gli scarponi sono in taglia 26):

    -MAESTRALE RS (modificato per TR2)
    peso 1380g
    lunghezza scafo 297mm
    spessore scarpetta linguettone 15mm spoiler 16mm
    pianta 101mm
    mobilità gambetto 60°

    ci ho sciato circa 30gg

    -F1
    peso 1235g
    lunghezza scafo 289mm
    spessore scarpetta linguettone 15mm spoiler 12mm
    pianta 102mm
    mobilità gambetto 62°

    per ora ci ho sciato solo 2gg

    -ALIEN RS
    peso 900g
    lunghezza scafo 286mm
    spessore scarpetta linguettone 11mm spoiler 9mm
    pianta 99mm
    mobilità gambetto 72°

    ci avrò fatto 40 gite almeno


    Ai dati sopracitati aggiungo che sono alto 172cm e peso 63kg. Tutte le impressioni che seguiranno sono ovviamente tarate sul mio fisico.


    Questi tre scarponi, messi uno di fianco all'altro, sono la naturale transizione da un estremo all'altro dello scialpinismo. Tecnicamente, stando alle nomenclature 'alla skialper' dal light touring (Alien RS) al freetouring (Maestrale RS), passando per il fantomatico 'scialpinismo classico' dell'F1.
    Il discorso che segue non sarà diviso per punti, ma più un minestrone di impressioni e idee legate a questi attrezzi in montagna.


    Personalmente, se qualcuno un paio di anni fa mi avesse detto che sarei finito a sciare la maggior parte dei giorni della mia stagione dentro a uno scarpone da 900g gli avrei riso in faccia, eppure adesso è così. La dimensione esplorativa dello sci è sicuramente quella che preferisco, ed inizialmente motivato da una grande pigrizia (voglia di fare meno fatica possibile) ho preso gli Alien RS. Pian piano però anche un altro tarlo ha scavato dentro la testa e la mia idea di 'gita lunga' dagli iniziali '1000m di dislivello' è passata a 1200, poi 1500, poi 1700, poi 2000...insomma in ambito esplorativo questa scarpa è perfetta. In salita cammina come una pedula, con i ramponi è di una precisione chirurgica. Agli apres ski domina la pista da ballo. Le suole sono buone, ben tassellate e resistenti anche se visibilmente più leggere rispetto ai fratelli maggiori.
    La chiusura del piede tramite BOA mi piace moltissimo e chiude bene, nel modo giusto. Il cordino del gambetto è semplice ed efficace nel suo funzionamento, io gli ho fatto un nodo nel 'sweet spot' di chiusura, perché dopo un po'tende ad appiattirsi e spingendo slitta un pelo dentro all'autobloccante.
    In discesa questi scarponi a volte mi fanno sentire onnipotente, a volte li detesto. Mi spiego: nella neve morbida sono incredibili, in quella dura e irregolare invece sono perfino dolorosi (a questo punto ci collegheremo dopo). Il flex è sostenuto e pastoso, non ha nulla del carbonio come feeling, e questo mi piace (in ambito freeride uso dei krypton con la lingua molle, per capire i miei gusti). Il gambetto è alto e non ci sono spazi vuoti, nemmeno nel piede che è fasciatissimo. Ma...
    C'è un ma: sono degli scarponi molto seri! Se vuoi giocherellare in giro per la montagna, è proprio l'attrezzo sbagliato. Testa bassa su per una goulotte di misto, o giù per un canale ripido, tutto ok, l'attrezzo è giusto, affidabile, preciso. In un boschetto un po'gobboso dove saltellare tra un cambio di pendenza e l'altro, ecco che non sono più a casa loro, e lo dimostrano: i miei piedi soffrono. Cliffetto con atterraggio arretrato? Dita dei piedi che urlano. Slashata? Malleoli doloranti. Addirittura dopo una sciata particolarmente spiritosa dello scorso anno, e un buon chilometro su strada in piano a passo di skating senza allargare gli scarponi, mi è venuta una forte irritazione sotto al malleolo (tuberosità dello scafoide, per la precisione) che mi ha costretto a star fermo quasi un mese. Dopo ho dovuto far spanciare lo scafo in quel punto, anche se ancora su neve dura sento le ossa che toccano lo scafo attraverso la scarpetta, esattamente il feeling che ho negli scarponi da gara skialp. Scarpone serio, esigente, leggero, esplorativo, con i piedi per terra (non ama saltare, cliffare...)

    Conteporaneamente alle esperienze dello scorso anno con l'Alien RS avevo preso anche il Maestrale RS, con l'utopica speranza che diventasse il mio scarpone unico da freeride. Per farla corta potrei concludere così: lo è.
    Per amore della logorrea mi dilungo un pochetto. Tutto dipende dalla forma del proprio piede, dalle volontà che si ha in montagna, e dal bagaglio tecnico che si possiede. Scarpone buono, scarpone cattivo, non vuol dire nulla.
    Comunque ho fatto più di una giornata di boschi con impianti, e questi scarponi non mi hanno mai fatto pensare né "ho degli scarponi da scialpinismo ai piedi" né "vorrei qualcosa di più strutturato" (cosa che con i Vulcan e la prima generazione di Freedom mi succedeva sempre).
    I Maestrale sì che sono degli scarponi giocherelloni! Sostengono, perdonano, ammortizzano. Merito dello scafo, e anche della scarpetta naturalmente.
    Per contro in salita, pur avendo un peso più che contenuto, camminano così e così (meglio di quasi tutti gli altri scarponi di fascia simile che io abbia provato, comunque) e quando si parla di bootpack o ramponi sono più scarponi che scarpe. Il piede, quando non è ben chiuso il gancio dello scafo, ha un volume immenso in cui spostarsi, comodo sì, ma anche poco 'climbing friendly'. La mobilità del gambetto è sì ampia ma non morbidissima, e alla fine camminando ci si trova a muovere la caviglia nel lasco dello scarpone a ganci mollati, più che nella sua reale escursione (che per essere sfruttata, avrebbe bisogno quasi di una spinta in più, e quindi fatica inutile). Comunque una volta in cima, che sia un bosco con pillow, una linea morbida e veloce o qualcosa di ripido, sono precisi, rapidi, potenti e affidabili su tutte le nevi, anche su sci da 108mm (su qualcosa di più largo non li ho mai usati). A me, me piasce.

    ecco due situazioni opposte, in cui Maestrale RS mostra i suoi limiti in una, ed è il massimo nell'altra

    appoggi delicati in cengia? sarebbe meglio avere più sensibilità e precisione


    curve in velocità! (foto Tommaso Leonardi©)


    Quest'anno ho insistito un po'troppo con gli Alien, e viste le dure condizioni (letteralmente) delle ultime settimane sono tornati fuori i vecchi dolori al piede. Fatalità ho avuto l'occasione di provare anche l'F1 (in versione limitata F80, ma è sempre lui) , che dovrebbe essere un po'l'incontro dei due mondi prima descritti, ed ecco dopo due giorni e circa 2000m di dislivello, le prime impressioni:
    Nel bene e nel male, se si frullano insieme Maestrale e Alien, il risultato è F1. La prima cosa che ho notato, essendo il mio punto debole, è che la scarpetta è veramente strutturata, come quella di Maestrale RS (più morbida però), e non ho dolori all'osso sotto al malleolo. Non flette sullo spoiler agli arretramenti, e ammortizza bene. La calzata però e tecnica e fasciante, praticamente identica a Alien RS (i 102mm rispetto ai 99, sarà la scarpetta più grossa, non si sentono affatto). I ramponi si trovano a casa su questo scafo, e anche senza, in un piccolo tratto di arrampicata che ho fatto (si e no I grado) si son rivelati molto sensibili e precisi. Nota per chi, come me, ha il collo del piede alto: sono un po'bassi!
    In salita rispetto agli Alien siamo su un mondo completamente diverso, in cui l'escursione c'è ma non è completamente libera, e quindi si sfrutta solo in parte. Davanti c'è il linguettone, che fa tutta la differenza del mondo quando si cammina sul ripido (ad un certo punto la caviglia non flette più, e costringe agli alzatacco, che invece con gli Alien sono quasi sempre inutili), ma resta comunque una via di mezzo che rispetto ai maestrale cammina benissimo, e più che il peso è proprio questo punto a rendere decisamente migliore uno scarpone rispetto ad un altro in salita, secondo me.
    Allacciati i ganci...(ehm...non ce ne sono!) anzi chiusi il boa e i due strap (quello superiore anche se rimovibile, fa una gran differenza!) ci si trova in un mondo anche qui perfettamente a metà tra i due, in cui si ha la tolleranza di una scarpetta più spessa e morbida con la tecnicità di un volume stretto. Si può giocare e saltellare allegramente. Si può curvare con potenza su neve brutta e 'ballerina' senza avere tutte le vibrazioni che arrivano fino dentro ai denti. Sciano proprio bene.
    Si sale benissimo ad un ritmo touring, mentre si soffre un po' a ritmi che con gli Alien RS sono normali, ma ci sta.

    Personalmente penso che ciascuno dei tre attrezzi abbia il suo utilizzo, e pur sovrapponendosi leggermente (i due estremi con F1, non i due estremi tra di loro), resta a tutti e tre i modelli la ragione di esistere, ed un luogo ideale nella montagna. Nella mia idea:

    MAESTRALE RS per un freerider che ha come luogo di espressione la montagna. Senza fretta in salita e, seppur senza necessari limiti di dislivello, anche privo di interessi per l'orologio. A tutta in discesa, con relativa calma e comfort in salita. Tollera l'alpinismo, si toglie dai problemi senza fatica, ma non con grande agilità.

    F1 è, nella mia visione di sciatore, lo scarpone da montagna ideale. Sale bene, scia bene. Non eccelle in salita (nei tratti alpinistici sì), non eccelle in discesa, ma prese le misure e senza uscire dalla sua zona di comfort, fa tutto alla grande e regala grandi soddisfazioni. Mi infonde fiducia, e rinuncio a meno spiritosaggini in discesa.

    ALIEN RS è uno scarpone da gara adattato alla montagna, in cui può fare tutto ma con dei limiti strutturali che penalizzano il comfort di chi li usa, se forzati troppo. In ottica fast & light è magnifico, e sulle gite lunghe fa godere anche della salita in maniera inaspettata.





    Alien RS, F1 e Maestrale RS, dettaglio suole


    Alien RS, F1 e Maestrale RS, dettaglio forma scafo


  2. #2

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #3

    Predefinito

    Ciao a tutti, approfitto del topic visto che sono indeciso su scarpa F1 e alien RS.
    Premetto che voglio iniziare scialpinismo soprattutto per fare allenamento in salita, visto che l estate pratico Trail running.
    Non ho avuto possibilità di noleggiare perché nella mia zona i noleggi non hanno scarponi n.30
    L utilizzo sarebbe principalmente salita a bordo pista e discesa, e qualche gita con 1000d+ e discesa.
    So sciare ma sono fermo da qualche anno, ma sarà come andare in bicicletta, non si scorda mai.
    Con alien si riesce a scendere decentemente o necessità di una tecnica migliore? Per cominciare meglio partire con F1?
    Grazie a chi mi dedica un minuto
    Erik

  5. #4

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da LuKe Vedi messaggio




    Trovandomi momentaneamente in possesso di tutti e tre questi scarponi (due miei, uno in prova), ho pensato di fare questo post, nella speranza che sia utile a chi magari deve scegliere il suo scarpone da scialpinismo. Questi tre modelli secondo me soddisfano le esigenze di chiunque, a seconda di quello che vuole fare in montagna, dalla gara di scialpinismo presa con filosofia easy alla linea freeride cazzuta.
    La fedeltà al marchio SCARPA è semplicemente dovuta al fatto che i miei piedi stanno bene dentro alla forma dei loro scarponi, niente di più.


    Inizio con i dati tecnici (tutti gli scarponi sono in taglia 26):

    -MAESTRALE RS (modificato per TR2)
    peso 1380g
    lunghezza scafo 297mm
    spessore scarpetta linguettone 15mm spoiler 16mm
    pianta 101mm
    mobilità gambetto 60°

    ci ho sciato circa 30gg

    -F1
    peso 1235g
    lunghezza scafo 289mm
    spessore scarpetta linguettone 15mm spoiler 12mm
    pianta 102mm
    mobilità gambetto 62°

    per ora ci ho sciato solo 2gg

    -ALIEN RS
    peso 900g
    lunghezza scafo 286mm
    spessore scarpetta linguettone 11mm spoiler 9mm
    pianta 99mm
    mobilità gambetto 72°

    ci avrò fatto 40 gite almeno


    Ai dati sopracitati aggiungo che sono alto 172cm e peso 63kg. Tutte le impressioni che seguiranno sono ovviamente tarate sul mio fisico.


    Questi tre scarponi, messi uno di fianco all'altro, sono la naturale transizione da un estremo all'altro dello scialpinismo. Tecnicamente, stando alle nomenclature 'alla skialper' dal light touring (Alien RS) al freetouring (Maestrale RS), passando per il fantomatico 'scialpinismo classico' dell'F1.
    Il discorso che segue non sarà diviso per punti, ma più un minestrone di impressioni e idee legate a questi attrezzi in montagna.


    Personalmente, se qualcuno un paio di anni fa mi avesse detto che sarei finito a sciare la maggior parte dei giorni della mia stagione dentro a uno scarpone da 900g gli avrei riso in faccia, eppure adesso è così. La dimensione esplorativa dello sci è sicuramente quella che preferisco, ed inizialmente motivato da una grande pigrizia (voglia di fare meno fatica possibile) ho preso gli Alien RS. Pian piano però anche un altro tarlo ha scavato dentro la testa e la mia idea di 'gita lunga' dagli iniziali '1000m di dislivello' è passata a 1200, poi 1500, poi 1700, poi 2000...insomma in ambito esplorativo questa scarpa è perfetta. In salita cammina come una pedula, con i ramponi è di una precisione chirurgica. Agli apres ski domina la pista da ballo. Le suole sono buone, ben tassellate e resistenti anche se visibilmente più leggere rispetto ai fratelli maggiori.
    La chiusura del piede tramite BOA mi piace moltissimo e chiude bene, nel modo giusto. Il cordino del gambetto è semplice ed efficace nel suo funzionamento, io gli ho fatto un nodo nel 'sweet spot' di chiusura, perché dopo un po'tende ad appiattirsi e spingendo slitta un pelo dentro all'autobloccante.
    In discesa questi scarponi a volte mi fanno sentire onnipotente, a volte li detesto. Mi spiego: nella neve morbida sono incredibili, in quella dura e irregolare invece sono perfino dolorosi (a questo punto ci collegheremo dopo). Il flex è sostenuto e pastoso, non ha nulla del carbonio come feeling, e questo mi piace (in ambito freeride uso dei krypton con la lingua molle, per capire i miei gusti). Il gambetto è alto e non ci sono spazi vuoti, nemmeno nel piede che è fasciatissimo. Ma...
    C'è un ma: sono degli scarponi molto seri! Se vuoi giocherellare in giro per la montagna, è proprio l'attrezzo sbagliato. Testa bassa su per una goulotte di misto, o giù per un canale ripido, tutto ok, l'attrezzo è giusto, affidabile, preciso. In un boschetto un po'gobboso dove saltellare tra un cambio di pendenza e l'altro, ecco che non sono più a casa loro, e lo dimostrano: i miei piedi soffrono. Cliffetto con atterraggio arretrato? Dita dei piedi che urlano. Slashata? Malleoli doloranti. Addirittura dopo una sciata particolarmente spiritosa dello scorso anno, e un buon chilometro su strada in piano a passo di skating senza allargare gli scarponi, mi è venuta una forte irritazione sotto al malleolo (tuberosità dello scafoide, per la precisione) che mi ha costretto a star fermo quasi un mese. Dopo ho dovuto far spanciare lo scafo in quel punto, anche se ancora su neve dura sento le ossa che toccano lo scafo attraverso la scarpetta, esattamente il feeling che ho negli scarponi da gara skialp. Scarpone serio, esigente, leggero, esplorativo, con i piedi per terra (non ama saltare, cliffare...)

    Conteporaneamente alle esperienze dello scorso anno con l'Alien RS avevo preso anche il Maestrale RS, con l'utopica speranza che diventasse il mio scarpone unico da freeride. Per farla corta potrei concludere così: lo è.
    Per amore della logorrea mi dilungo un pochetto. Tutto dipende dalla forma del proprio piede, dalle volontà che si ha in montagna, e dal bagaglio tecnico che si possiede. Scarpone buono, scarpone cattivo, non vuol dire nulla.
    Comunque ho fatto più di una giornata di boschi con impianti, e questi scarponi non mi hanno mai fatto pensare né "ho degli scarponi da scialpinismo ai piedi" né "vorrei qualcosa di più strutturato" (cosa che con i Vulcan e la prima generazione di Freedom mi succedeva sempre).
    I Maestrale sì che sono degli scarponi giocherelloni! Sostengono, perdonano, ammortizzano. Merito dello scafo, e anche della scarpetta naturalmente.
    Per contro in salita, pur avendo un peso più che contenuto, camminano così e così (meglio di quasi tutti gli altri scarponi di fascia simile che io abbia provato, comunque) e quando si parla di bootpack o ramponi sono più scarponi che scarpe. Il piede, quando non è ben chiuso il gancio dello scafo, ha un volume immenso in cui spostarsi, comodo sì, ma anche poco 'climbing friendly'. La mobilità del gambetto è sì ampia ma non morbidissima, e alla fine camminando ci si trova a muovere la caviglia nel lasco dello scarpone a ganci mollati, più che nella sua reale escursione (che per essere sfruttata, avrebbe bisogno quasi di una spinta in più, e quindi fatica inutile). Comunque una volta in cima, che sia un bosco con pillow, una linea morbida e veloce o qualcosa di ripido, sono precisi, rapidi, potenti e affidabili su tutte le nevi, anche su sci da 108mm (su qualcosa di più largo non li ho mai usati). A me, me piasce.

    ecco due situazioni opposte, in cui Maestrale RS mostra i suoi limiti in una, ed è il massimo nell'altra

    appoggi delicati in cengia? sarebbe meglio avere più sensibilità e precisione


    curve in velocità! (foto Tommaso Leonardi©)


    Quest'anno ho insistito un po'troppo con gli Alien, e viste le dure condizioni (letteralmente) delle ultime settimane sono tornati fuori i vecchi dolori al piede. Fatalità ho avuto l'occasione di provare anche l'F1 (in versione limitata F80, ma è sempre lui) , che dovrebbe essere un po'l'incontro dei due mondi prima descritti, ed ecco dopo due giorni e circa 2000m di dislivello, le prime impressioni:
    Nel bene e nel male, se si frullano insieme Maestrale e Alien, il risultato è F1. La prima cosa che ho notato, essendo il mio punto debole, è che la scarpetta è veramente strutturata, come quella di Maestrale RS (più morbida però), e non ho dolori all'osso sotto al malleolo. Non flette sullo spoiler agli arretramenti, e ammortizza bene. La calzata però e tecnica e fasciante, praticamente identica a Alien RS (i 102mm rispetto ai 99, sarà la scarpetta più grossa, non si sentono affatto). I ramponi si trovano a casa su questo scafo, e anche senza, in un piccolo tratto di arrampicata che ho fatto (si e no I grado) si son rivelati molto sensibili e precisi. Nota per chi, come me, ha il collo del piede alto: sono un po'bassi!
    In salita rispetto agli Alien siamo su un mondo completamente diverso, in cui l'escursione c'è ma non è completamente libera, e quindi si sfrutta solo in parte. Davanti c'è il linguettone, che fa tutta la differenza del mondo quando si cammina sul ripido (ad un certo punto la caviglia non flette più, e costringe agli alzatacco, che invece con gli Alien sono quasi sempre inutili), ma resta comunque una via di mezzo che rispetto ai maestrale cammina benissimo, e più che il peso è proprio questo punto a rendere decisamente migliore uno scarpone rispetto ad un altro in salita, secondo me.
    Allacciati i ganci...(ehm...non ce ne sono!) anzi chiusi il boa e i due strap (quello superiore anche se rimovibile, fa una gran differenza!) ci si trova in un mondo anche qui perfettamente a metà tra i due, in cui si ha la tolleranza di una scarpetta più spessa e morbida con la tecnicità di un volume stretto. Si può giocare e saltellare allegramente. Si può curvare con potenza su neve brutta e 'ballerina' senza avere tutte le vibrazioni che arrivano fino dentro ai denti. Sciano proprio bene.
    Si sale benissimo ad un ritmo touring, mentre si soffre un po' a ritmi che con gli Alien RS sono normali, ma ci sta.

    Personalmente penso che ciascuno dei tre attrezzi abbia il suo utilizzo, e pur sovrapponendosi leggermente (i due estremi con F1, non i due estremi tra di loro), resta a tutti e tre i modelli la ragione di esistere, ed un luogo ideale nella montagna. Nella mia idea:

    MAESTRALE RS per un freerider che ha come luogo di espressione la montagna. Senza fretta in salita e, seppur senza necessari limiti di dislivello, anche privo di interessi per l'orologio. A tutta in discesa, con relativa calma e comfort in salita. Tollera l'alpinismo, si toglie dai problemi senza fatica, ma non con grande agilità.

    F1 è, nella mia visione di sciatore, lo scarpone da montagna ideale. Sale bene, scia bene. Non eccelle in salita (nei tratti alpinistici sì), non eccelle in discesa, ma prese le misure e senza uscire dalla sua zona di comfort, fa tutto alla grande e regala grandi soddisfazioni. Mi infonde fiducia, e rinuncio a meno spiritosaggini in discesa.

    ALIEN RS è uno scarpone da gara adattato alla montagna, in cui può fare tutto ma con dei limiti strutturali che penalizzano il comfort di chi li usa, se forzati troppo. In ottica fast & light è magnifico, e sulle gite lunghe fa godere anche della salita in maniera inaspettata.





    Alien RS, F1 e Maestrale RS, dettaglio suole


    Alien RS, F1 e Maestrale RS, dettaglio forma scafo

    Bellissima recensione!
    Posso chiederti con che sci hai usato i 3 scarponi?

  6. #5

    Predefinito

    Complimenti per la recensione, io ho da poco acquistato gli F1 (bella questa versione rossa!) ho optato per questo modello soprattutto per i problemi che ho ai piedi, piede piccolo, pianta larga e collo alto

    Tra un paio di settimane li proverò sul campo per la prima volta, speriamo bene!

    Mi associo alla richiesta di valexx, con che sci li hai usati?
    L'F1 come si comporta con sci tipo K2 Wayback 88 174? Fatica?

  7. #6

    Predefinito

    Mi accodo anche io alla richiesta fondamentale: con che sci hai usato i Maestrale RS?
    Perché portarci un 98 è facile (ho appena rispolverato i miei RS prima serie e li ho rivalutati), un 108 o un 118 sono altra storia.

  8. #7

    Predefinito

    io ci porto tutti gli sci (e col modello precedente di maestrale e di maesrale RS, poi l'abbinamento cromatico tra il maestrale e il pon2oon è impareggiabile, solo questo basta, il resto è fuffa)
    a parte gli scherzi, credo che se sei un peso piuma come me non hai problemi (considerando anche che il pon2oon è uno sci facile), solo se hai la gamba cotta e hai in mano uno sci sui 110 un po' tosto allora non ti diverti più a sciare
    sci sui 100-102 sono l'optimum per non soffrire troppo in salita ed essere ancora governabili molto bene in discesa
    però ho parlato con guide che hanno usato l'F1 con i corvus FB, ho visto compagnet usarci i solis, e ho parlato anche con gente che ha usato alien RS con ORB FB, quindi non vedo che problema ci sia a usare un maestrale RS con sci più larghi

  9. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  10. #8

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da belladitheboss Vedi messaggio
    però ho parlato con guide che hanno usato l'F1 con i corvus FB, ho visto compagnet usarci i solis
    Cosa ti ha detto la guida alpina?

  11. #9

    Predefinito

    Super*****la ingegneristica.
    Ultima modifica di Matteo Harlock; 06-01-2020 alle 09:43 PM.

  12. #10

    Predefinito

    Io ho fatto un'infinità di esperimenti, ho avuto Laser, F1, TLT5 (rivoluzione epocale, c'era gente che ci sciava i DPS Lotus 120), TLT6p e Maestrale RS (per skialp, poi la roba da pista non sto a elencarla), sciato inizialmente gli Atomic automatic da 193 con i Maestrale RS, ho sciato i Backland 95 con i TLT6p, gli Hardside con i TLT5, eccetera. Se la neve è bella polverosa, il problema non sussiste. Ma quando trovi neve più impegnativa (come quella di queste settimane) la differenza la senti eccome. Ho fatto di quelle balte indimenticabili per aver varcato il confine di ciò che l'accoppiata concedeva.
    E il momento torcente della super*****la ingegneristica è l'ultimo dei problemi

  13. Lo skifoso Gigiogigi ha 3 Skife:


  14. #11

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Gigiogigi Vedi messaggio
    Mi accodo anche io alla richiesta fondamentale: con che sci hai usato i Maestrale RS?
    Perché portarci un 98 è facile (ho appena rispolverato i miei RS prima serie e li ho rivalutati), un 108 o un 118 sono altra storia.
    Li hai rivalutati con cosa?
    Con gli MTN o con altri sci più larghi?

  15. #12

    Predefinito

    Mi dispiace che la super*****la ingegneristica sul momento torcente maggiore negli attacchi a pin rispetto a quelli tradizionali sia stata cancellata da chi l'ha partorita, d'altra parte gli ingegneri sono gente strana. Però IMVHO quel gran nerd di Belladitheboss sicuramente è in grado di riscriverla . Anche se serve a poco, qui stiamo aspettando di sapere con che sci Luke usa i Maestrale RS...

    @Valexx sì con gli MTN e neve "didattica"

  16. #13

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Matteo Harlock Vedi messaggio
    Super*****la ingegneristica.
    Per chi perde quota certamente...

  17. #14

    Predefinito

    Uno ci perde tempo, porta anche la sua esperienza professionale, e si prende anche dell'ingegnere super*****lo?

    Ma prima che intervenga ancora su temi tecnici ne deve passare di acqua sotto i ponti...

  18. #15

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da coach Vedi messaggio
    Cosa ti ha detto la guida alpina?
    che sono al limite ma come dice gigio se la neve è buona ci vai alla grande
    in effetti io ci uso i pon2oon ma non sono sci che tiri fuori se pensi di trovare crosta (al massimo neve pesante e comunque ti facilitano la sciata... ah e i pon2oon sono l'unico sci che ho montato baron)
    gli sci più impegnativi che ho sciato sono i sidestash e i brahma (questi ultimi solo con maestrale RS), con i sidestash se hai la gamba cotta ti cappotti, non so se sia colpa dello scarpone, probabilmente sono io che sono uno scarpone!

  19. Skife per belladitheboss:


-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •