Pagina 2 di 3 PrimoPrimo 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 16 a 30 di 42

Discussione: Ski test ornello sport - pmc 2019

  1. #16
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Head ispeed+Head cyclic +Line influence+K2 Aftershock+scarponi head raptor RS140

    Predefinito

    Grazie Renn delle recensioni sempre molto utili. Volevo chiederti il Rossignol React va a sostituire la linea Experience, oppure l'affianca? che differenza hai trovato rispetto a questi sci?

  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  3. #17
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Rossignol Hero Master18, Rossignol Radical RX WC Fis, Rossignol Hero Fis SL, Lange WC RP ZA

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da cristiano'73 Vedi messaggio
    Grazie Renn delle recensioni sempre molto utili. Volevo chiederti il Rossignol React va a sostituire la linea Experience, oppure l'affianca? che differenza hai trovato rispetto a questi sci?
    i react sostituiscono i pursuit... la linea experience resta...

  4. Skife per alfpaip:


  5. #18

    Predefinito

    per altro io non ho mai provato gli experience e solo di rado qualche pursuit, per cui non riesco a fare confronti. Sorry

  6. Skife per renntiger:


  7. #19

    Predefinito

    Bravo renntiger, hai fatto bene a postare anche di quà le recensioni. Sei un grande.

  8. Skife per alex99:


  9. #20

  10. Lo skifoso m_giancarlo ha 2 Skife:


  11. #21

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alfpaip Vedi messaggio
    bisogna che mi tolga la curiosità di provare questi racetiger con piston... anche se l'istinto mi dice che non sono il mio genere...
    Io li ho presi quest'anno, è stato un amore a prima vista! Sci stupendi! Facili, intuitivi, tengono su tutto ci fai anche il corto raggio. Ripeto mi son piaciuti da subito e continuano a piacermi. Dopo averli presi i G9 li ho eliminati..... non c'era storia!

  12. Skife per simbrend:


  13. #22

    Predefinito

    Bene, tocca a me...

    Come sempre in questi mitologici tests, inizio con il doveroso ringraziamento all’ideatore e “padrone di casa”, Mark, che ha sfornato l’ennesimo weekend coi fiocchi, (con tanto di un meteo pazzesco!).

    L’altro grandissimo ringraziamento va obbligatoriamente ai vari marchi presenti, e ai loro addetti che con santa pazienza ci hanno accontentato in tutto e per tutto.

    E infine, un super grazie a tutti i “fuochisti” e gli addetti alle cibarie, che rendono sempre l’evento di Passo Monte Croce unico e gustoso!!!

    Inserisco dunque le mie impressioni, corredandole con i miei dati personali (i soliti ma in costante e inesorabile peggioramento, e cioè 51 anni ahimé, alto 183cm, peso 75 Kg, buon livello tecnico, allenamento purtroppo solamente medio; scio abitualmente con sci Head iSpeed PRO 180).
    Temperature decisamente elevate, neve dura al mattino ma in trasformazione durante la giornata; affollamento medio il sabato a Signaue, nullo la domenica al Passo.
    Ci tengo a sottolineare che si tratta delle mie personalissime impressioni, dunque in un certo senso insindacabili, che possono essere indicative per altri, ma assolutamente mai di vincolo.

    ROSSIGNOL/DYNASTAR

    Speed Master 18 (175)
    Sempre uno sci top, un vero riferimento nel suo segmento. Anche quest’anno per il mio piede era disponibile il gemello Dynastar, e non il Rossognol, ma i due sono perfettamente identici (serigrafia esclusa, ovviamente).
    Trasmette sicurezza, entra in curva in maniera intuitiva (a me piace quella spatola più larga della media!) e sicura, tiene sempre bene a prescindere dalla consistenza della neve e permette raggi diversi. In questo caso solo lo svincolo delle code ha richiesto sforzo e attenzione (ipotizzo una probabile preparazione lamine parecchio aggressiva, dato che lo scorso anno – identico sci – non succedeva, e anche perché pure lo M21 provato 5 minuti dopo non soffriva affatto di questa tendenza).
    A voler trovare un neo, io ci metto l’attacco: a me proprio non piace, duro da chiudere, durissimo da aprire... non riesco proprio a digerirlo. In ogni caso, lo sci rimane bellissimo.

    Master 21 Elite (ammortizzatore)
    L’occasione era davvero ghiotta e non me la sono fatta sfuggire: lo sci più costoso sul mercato (3.500 euro di listino!), pronto da testare! Beh, le aspettative non sono state affatto deluse: precisissimo (chirurgico, direi) lungo tutta la curva ma anche vellutato (grazie all’ammortizzatore?), entra bene con la spatola e se caricato a dovere permette una deformazione progressiva che ha quale risultato una curva tonda e veloce, con un binario invidiabile. Quasi impossibile metterlo in crisi, sembra spianare sempre la neve ed ogni piccola asperità che si trova davanti, e le lamine mordono che è un piacere.
    Diciamo che l’unico peccato è stato il non poter provare il gemello senza ammortizzatore, per fare un vero confronto immediato: l’esemplare che avevano ai test non era compatibile con il mio scarpone, se non smontando e rimontando tutto... Cmq anche questo, bellissimo, anzi bellissimissimo!

    FISCHER

    RC4 The Curv (178)

    Lo scorso anno provai il GTX in misura 182 e non mi piacque molto. Quest’anno mi sono fatto dare quello che in Fischer reputano il top della linea, misura 178, e mi è sembrato un altro sci. Semplice da inserire in curva, lo sci supporta lo sciatore nei diversi raggi di curva, assecondando le manovre e permettendo di variare il raggio a piacere. Nessun problema nel passare su diversi tipi di neve, e anche la tenuta laterale è sempre buona, senza sbavature o indecisioni. Quello in cui secondo me pecca è nell’energia: lo sci sembra smorzare molto, neutralizzare reazioni di ogni tipo... In sostanza, nessun rebound e ben poche emozioni, uno sci un po’ sordo. Diciamo carino e nulla più.

    VOELKL

    Racetiger GS UVO 175 R18

    Nuova grafica ma stesso sci, quest’anno provato in misura leggermente più corta (e nelle mie speranze con preparazione lamine OK!). Devo dire che si è trattato di uno degli sci che più mi sono piaciuti di questi test: sebbene siano abbastanza rigidi, e quindi incutano un certo timore, poi si rivelano amichevoli in ingresso curva (nonostante una spatola più stretta di altri concorrenti, complimenti Voelkl!), e in grado di agevolare la conduzione in tutto l’arco di curva. Nessuna resistenza nel corto raggio, le code si svincolano senza troppe tribolazioni. Provati al mattino presto, con neve ancora dura, la tenuta mi è sembrata ottima, e senza mai sacrificare in alcun modo la manovrabilità delle aste. Uno sci con cui fare archi di ogni tipo, ma anche sciare in maniera più cattiva, senza che lui ceda nulla o richieda eccessi di forza controproducenti. Secondo me, sci bellissimo!

    GS FIS R23
    Vista la soddisfazione del GS negozio, perché non provare il salto di qualità e testare il fratello maggiore? Detto fatto, ed è stata una gran rivelazione!
    Lo sci è una sorta di arma impropria: soletta velocissima, struttura tosta, tanta sostanza... Richiede necessariamente concentrazione e soprattutto una azione abbastanza intensa, cioè dotata di forza, per entrare in curva con successo, per essere cioè deformato, ma poi lo sci ricambia sfoggiando una tenuta laterale incredibile, invogliando lo sciatore a premere di più, ad accelerare, fornendo quella sensazione di sicurezza e di stabilità che solo sci da gara e affini sanno dare. Preferibile pista libera e ben lisciata, ça va sans dire! Con un po’ di impegno fisico, e pur andando contro la sua reale natura, si riesce a gestire benino anche in corto raggio, dove il vincolo delle code non è mai eccessivo.
    E poi, unico sci dei test, quando viene messo sul fianco in velocità emette un suono particolare, un sibilo unico, cattivissimo... Sci bellissimo ma per pochi eletti e poche situazioni.

    GS FIS R30
    Il proverbio dice: fatto 23 fai 30, no? Disponibile nello stand, unico esemplare FIS GS presente ai test, la curiosità mi ha portato a provarlo. Inutile dire che si tratta di uno sci molto specialistico, soprattutto è uno sci che necessita pista libera oltre che tanta tecnica e forza fisica: difficile da domare, poco divertente per chi non sia avvezzo ai pali, uno sci che richiede in primis la capacità di deformarlo ad inizio curva (roba assolutamente non da tutti, vista anche la rigidità molto elevata) e poi la concentrazione di non abbandonare mai la curva in anticipo (cioè non alleggerire l’esterno per portarsi verso la nuova curva), pena l’uscita in tangente senza speranza. Ma certo, una volta presa velocità, ci si accorge di quanta differenza ci sia con gli altri sci normalmente in commercio... Cortoraggio davvero ostico, molta resistenza delle aste.
    Sci praticamente ingiudicabile da noi turisti.

    DEACON 74 173 (no Piston)
    Novità assoluta, questa linea presenta 2 modelli non troppo differenti tra loro (74 e 76, corrispondenti ai mm di larghezza centrali). Gli sci esistono con piastra Race e sistema Piston, ma ai test erano presenti solamente quelli con attacco normale (purtroppo). Lo sci sembra un tuttofare, di quelli che ti consentono tutto sulle piste, sia come velocità che come raggio, supportato da una struttura buona (derivata dai fratelli maggiori) salvo però non eccedere in nulla. Lo ho tenuto il pomeriggio del sabato, per sciate varie e skiweg, trovandolo discretamente piacevole, ma anche un po’ anonimo, senza la personalità che altri sci della stessa casa hanno spesso tirato fuori. Onestamente, come per il nuovo Atomic X9 WB (vedi più avanti), non sono riuscito a comprendere appieno quale segmento di mercato possa essere occupato da questo sci, che pur non mostrando debolezze, non sfoggia nemmeno grossi punti di forza... Sci carinello, e basta.

    SALOMON

    iRace Rush GS 180

    Sci provato già lo scorso anno, ma in misura 175. Nessun cambiamento rilevante, e in effetti confermo in toto il buon giudizio: è uno sci davvero riuscito, di grande comfort, facile da portare in giro a bassa andatura ovvero da sciare con più cattiveria, alzando il ritmo e mettendolo alla frusta. Si carica e si deforma senza troppo sforzo, facilitando l’ingresso in curva, e si adatta docile ad ogni raggio, senza mai compromettere la tenuta laterale, e lo sciatore si sente assecondato e rassicurato. Uno sci che mi è sembrato molto didattico, ideale per imparare/migliorare la gestione dell’avanti-interno e della deformazione delle spatole!
    In definitiva, sci molto bello.

    iRace Pro GS 182
    Sceso dal Rush, ho voluto immediatamente provare il fratello più performante: sin dalle prime curve con il Pro si sente che la rigidità sotto i piedi è maggiore, ma mai in dose eccessiva. Medio e lungo raggio sono intuitivi, facili, con una deformazione piacevole e progressiva dove lo sci fornisce tutto il suo supporto allo sciatore, infondendo sicurezza e stimolando ad osare. Aumentando la velocità lo sci rimane sempre stabile, senza cedimenti o esitazioni, e si tracciano binari con buona facilità. Insomma, una replica (in meglio) del fratello minore, dove solo il corto raggio mi è sembrato un po’ macchinoso, ma magari è solamente questione di adattamento... Anche questo sci, secondo me, molto bello.

    iRace Blast 175
    Sci che non avevo testato in precedenza, e che è logicamente un fratello minore dei due precedenti. La facilità sembra essere il suo leit motiv, dal momento che consente di inanellare curve in serie continua senza faticare, anche variando i raggi in maniera efficace. Data la categoria non stiamo parlando di uno sci rigido, e chiaramente non si avverte granché ritorno di energia sotto i piedi, ma chiederlo sarebbe troppo, fuori luogo. Di pari passo la tenuta, sicura ad andature basse e medie, ma che ovviamente non può essere paragonata ad altri sci di categoria superiore. Uno sci valido per uno sciatore medio che vuole fare il salto di qualità e appropriarsi della conduzione in pista. Dunque, bello sci.

    ATOMIC

    G9R 177

    Lo scorso anno con il G9RR la Atomic aveva creato un prodotto (ad hoc per il mercato italiano, notoriamente orientato al race et similia) notevolissimo e di forte risposta alla linea Master della Rossignol.
    Quest’anno lo sci è già scomparso (poco successo di vendita? Non saprei...) ed è stato “inglobato” nella linea G9, dove appunto la versione R ha una lamina in titanal lungo tutto lo sci (anziché solo nella parte centrale) e il sistema attacco/piastra da gara.
    Lo sci è duro, una vera putrella vecchio stampo, e richiede un connubio di tecnica, forza e velocità.
    Alle basse andature non si deforma (o meglio, è molto restio a farlo) e quindi risulta macchinoso nell’inizio curva, poco divertente, impegnativo. Ma se si accelera, la musica cambia radicalmente (Rock’n Roll baby!), lo sci diventa una macchina scarica potenza e le incisioni sulla neve dei tagli senza precedenti.
    Diciamo che tra i GS negozio provati, è quello più simile ad un FIS, ad uno sci da gara puro.
    Molto bello dunque, ma davvero esigente e – secondo me – difficile (se non impossibile) da avere come sci unico in rastrelliera.

    X9 WIDEBODY 176
    Novità assoluta di Atomic, si tratta dello X9 normale (dunque senza piastra gara) ma con centro allargato. Sinceramente, non ho capito bene chi sarebbe il destinatario di uno sci del genere, cioè non mi è chiaro perché prendere uno sci che ha come punto di forza la rapidità nella inversione e la reattività, per poi modificarlo ottenendo uno sci più lento, pachidermico, che però non ha chissà quale galleggiabilità (cmq la struttura rimane rigida) o altro pregio particolare.
    Usandolo si può fare di tutto, e lui asseconda sempre lo sciatore, senza mai scomporsi più di tanto, mostrando anche una buona tenuta laterale, però non ci sono più le emozioni, non ci sono più ritorni di energia, non ci sono più capogiri nel concatenare le curve... Tutto avviene con tempi dilatati, con reazioni smorzate. Giudizio, appena carino e nulla più.

    HEAD

    iRace PRO 175

    Squadra vincente non si cambia, dunque in Head per 2019/2020 solo le serigrafie degli sci top sono cambiate. Già provato lo scorso anno, lo sci mi piacque davvero tanto, uno sci divertentissimo e performante allo stesso tempo. Nulla di diverso dunque quest'anno, ma un paio di giri per trovare un sorriso a 64 denti si fanno sempre volentieri! Inserimento in curva deciso (non violento come uno SL ma cmq forte), manovrabilità top, inversione veloce, possibilità di variare il raggio a piacimento senza che lo sci perda stabilità, tenuta garantita. Sci bellissimo!!

    iSpeed PRO 175/180
    Per poter fare confronti più validi, la domenica mattina ho voluto mettere ai piedi anche lo sci che possiedo normalmente e il suo fratello più corto. La cosa mi ha dato un sollievo, fornendomi in entrambi i casi delle bellissime sensazioni. Sci che girano belli rotondi, con ottima tenuta laterale e che, pur richiedendo un certo impegno (l’insieme della struttura e del sistema piastra-attacco lo rendono decisamente rigido), questo non diventa mai un vero sforzo, dunque si può sciare bene senza essere affaticati (io ho sempre sostenuto che nella versione attuale, cioè con questa spatola largotta, lo sci è diventato un mix favoloso: magari sono di parte perché – come scritto più sopra – ho sempre adorato spatole importanti). Lo sci non si scompone nemmeno su fondi duri, mantenendo un livello alto di stabilità anche a buone velocità. Dei due 175 mi è parso ovviamente più manovrabile dei due, di converso il 180 è sembrato più stabile e piantato. Sci bellissimi!

    RIMPIANTI
    Il tempo si sa, non è mai abbastanza in questi test, e dunque ci sono spesso (se non sempre) dei piccoli rimpianti per sci non provati. In primis, Rossignol LT e React, che avrei voluto provare la domenica, ma mi sono tritato le gambe con sci anche molto impegnativi girando al passo sullo skilift come un criceto.
    Poi anche Head iSpeed “normale”, per un miglior confronto vs. Pro.
    Infine, Atomic S9 e Voelkl Racetiger SL (è un bel po’ che non provo qualche bello SL...).
    Vabbé, ci sarà PMC 2020...


  14. #23
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Rossignol Hero Master18, Rossignol Radical RX WC Fis, Rossignol Hero Fis SL, Lange WC RP ZA

    Predefinito

    bellissime recensioni, fabio!


    ma quanti sci hai provato? sei una macchina...

  15. #24

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alfpaip Vedi messaggio
    bellissime recensioni, fabio!


    ma quanti sci hai provato? sei una macchina...
    Come commentavo in loco, soprattutto al Passo Monte Croce dove si hanno le 2 piste vuote, lo skilift libero e gli stand a disposizione, in sostanza avviene la trasposizione del principio industriale Fordiano (leggasi la catena di montaggio) applicandola allo skitest...

  16. Skife per thefabius:


  17. #25

    Predefinito

    Complimenti per la recensione Fabio! Sei riuscito a trasmettere le sensazioni che hai provato durante il test, e sui modelli provati in precedenza da me, concordo in pieno le tue impressioni!

  18. Skife per Gianpa79:


  19. #26

    Predefinito

    Grande Fabius, come sempre preciso e “didattico” . . .
    Il Master 21 (Dynastar) pistonato é veramente uno sci “fuori-categoria” come prestazioni e, purtroppo
    anche come prezzo . . .
    (anche se non costa € 3.500 ma SOLO € 2.000 )

    Ps. Avendo il M21 - 2019 “normale” ti posso confermare che il “pistonato” é meglio in tutto ! ! !

  20. Skife per wow:


  21. #27

    Predefinito

    Strano che Thefabius ed io abbiamo avuto impressioni così diverse sul G9R. Probabilmente dipende fal fatto che abbiamo un tipo di sciata molto diversa. Probabilmente se lo scii con cercando la carvata capisco che possa risultare stancante, mentre se si scia in modo più "tradizionale" probabilmente si riesce ad apprezzare di più, proprio perché assomiglia molto ad un FIS come risposte. Sono curioso di leggere qualcha altro commento su questo sci.

    Mi sembra che invece abbiamo le stesse impressioni sull'X9 75...

  22. Skife per renntiger:


  23. #28

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da renntiger Vedi messaggio
    Strano che Thefabius ed io abbiamo avuto impressioni così diverse sul G9R. Probabilmente dipende fal fatto che abbiamo un tipo di sciata molto diversa. Probabilmente se lo scii con cercando la carvata capisco che possa risultare stancante, mentre se si scia in modo più "tradizionale" probabilmente si riesce ad apprezzare di più, proprio perché assomiglia molto ad un FIS come risposte. Sono curioso di leggere qualcha altro commento su questo sci.

    Mi sembra che invece abbiamo le stesse impressioni sull'X9 75...
    Renn, non essendo più un ragazzino neanche io, mi è abbastanza chiaro il concetto di "tradizionale", toglimi una curiosità: quale è stata la tua primissima impressione con gli Head IRace Pro?
    Te lo chiedo perchè a dicembre me li sono presi, la mia prima uscita, complice anche una pista ghiacciata e scalinata, è stata disastrosa... volevo gettarli direttamente in un cassonetto!!!
    Poi riprovati un altro giorno ci ho preso le misure ed adesso li adoro, però o carvi o carvi, a mio avviso sono poco adatti al corto raggio che.... alla fine della fiera si fa come una volta!
    Adesso li trovo troppo divertenti questi spatoloni più o meno da slalom.
    A te come è andata?

  24. #29

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da renntiger Vedi messaggio
    Strano che Thefabius ed io abbiamo avuto impressioni così diverse sul G9R. Probabilmente dipende fal fatto che abbiamo un tipo di sciata molto diversa. Probabilmente se lo scii con cercando la carvata capisco che possa risultare stancante, mentre se si scia in modo più "tradizionale" probabilmente si riesce ad apprezzare di più, proprio perché assomiglia molto ad un FIS come risposte. Sono curioso di leggere qualcha altro commento su questo sci.

    Mi sembra che invece abbiamo le stesse impressioni sull'X9 75...
    Non saprei bene cosa sia causa e cosa invece sia effetto.
    Posso dirti che le mie impressioni sono state suffragate da Tommaso, il quale lo trovava simile in tutto e per tutto ad uno sci da gara (e non menziono i miei due amici solo perché parlando assieme in cabinovia potrei averli influenzati in qualche modo).

  25. #30

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da simbrend Vedi messaggio
    Renn, non essendo più un ragazzino neanche io, mi è abbastanza chiaro il concetto di "tradizionale", toglimi una curiosità: quale è stata la tua primissima impressione con gli Head IRace Pro?
    Te lo chiedo perchè a dicembre me li sono presi, la mia prima uscita, complice anche una pista ghiacciata e scalinata, è stata disastrosa... volevo gettarli direttamente in un cassonetto!!!
    Poi riprovati un altro giorno ci ho preso le misure ed adesso li adoro, però o carvi o carvi, a mio avviso sono poco adatti al corto raggio che.... alla fine della fiera si fa come una volta!
    Adesso li trovo troppo divertenti questi spatoloni più o meno da slalom.
    A te come è andata?
    Quando avevo provato per la prima volta l'i.race prima versione non mi era piaciuto più di tanto perché forse non lo avevo capito io. Lo avevo giudicato, probabilmente sbagliando, un i.speed troppo sciancrato. Nelle versioni successive mi era piaciuto sempre di più e dalla scorsa stagione mi sono letteralmente fatto stregare dalla versione pro, perché probabilmente ho cominciato a giudicarlo non come un race carve GS, ma come un allround top, come i vari XT, X9, Xlab, ecc. E sotto questo punto di vista è quello che probabilmente mi piace di più. Diciamo che un po' mi ha aiutato anche il fatto che ormai da qualche anno scio prevalentemente con l'i.sl, sempre di casa Head, per cui ho imparato da tempo a modificare la mia sciata in funzione dello sci che ho sotto i piedi, per cui non pretendo di sciare un GS FIS solo mettendolo sulla lamina perché non sono in grado di farlo girare, così come tento di sfruttare al meglio le potenzialità degli sci ipersciancrati. Concordo totalmente con te che questa tipologia di sci vuole solo una cosa: girare, girare, girare e diventano addirittura entusiasmanti, mentre se spazzoli le code se ne vanno per i fatti loro.

    Citazione Originariamente scritto da thefabius Vedi messaggio
    Non saprei bene cosa sia causa e cosa invece sia effetto.
    Posso dirti che le mie impressioni sono state suffragate da Tommaso, il quale lo trovava simile in tutto e per tutto ad uno sci da gara (e non menziono i miei due amici solo perché parlando assieme in cabinovia potrei averli influenzati in qualche modo).
    Anche secondo me sono sci "sostanziosi", ma non mi sono sembrati eccessivamente impegnativi. Sono curioso a questo punto, come dicevo, di leggere altri pareri su questo sci.


  26. Skife per renntiger:


Pagina 2 di 3 PrimoPrimo 123 UltimoUltimo



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •