Pagina 8 di 8 PrimoPrimo 12345678
Mostra risultati da 106 a 120 di 120

Discussione: Chi ascolta musica classica, tra gli utenti del forum?

  1. #106

    Predefinito

    Sto vivendo (da qualche anno) una vera e propria riscoperta personale della musica di Schostakovich.

    Sempre in bilico tra presunto conformismo al regime e sperimentazione.

    Fu spesso accusato in occidente di essere un compositore asservito al potere sovietico, e d'altra parte in Patria fu sempre visto come filo occidentale, se non addirittura borghese.

  2. #107

    Predefinito

    Tolta la sinfonia Leningrado, che ha un respiro epico ovviamente, è un compositore che mi dice nulla, come Sibelius. Prokof'ev che lo precede di un paio di decenni in confronto è un gigante. Sia detto come chiacchiera tra amici, beninteso.

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #108

    Predefinito

    classica ne ho sentita, ne sento, ma non sono un appassionato o profondo conoscitore, al massimo riconosco le 4 stagioni di vivaldi se mi capita di ascoltarle per caso, comunque vi sono strumenti che preferite di piu o di meno? (ovviamente da ascoltare)

    a me piace un sacco il violino, ma le corde in generale, invece non ho idea del pecrhè, ma il piano mi crea una sorta di fastidio

  5. #109

    Predefinito

    Shostakovich va preso a piccole dosi e metabolizzato. La sua musica è la voce della sofferenza del suo popolo, tra i suoi suoni le tragedie della sua vita durissima.
    Il concerto per violino, i quartetti, i quintetti , le sinfonie e la musica per pianoforte sono musica meravigliosa.

    Si parte da qui per capire e fare ordine: “Sono un compositore sovietico e vedo la nostra epoca come qualcosa di eroico”. Shostakovich

  6. #110

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da LuigiXV Vedi messaggio
    Shostakovich va preso a piccole dosi e metabolizzato. La sua musica è la voce della sofferenza del suo popolo, tra i suoi suoni le tragedie della sua vita durissima.
    Il concerto per violino, i quartetti, i quintetti , le sinfonie e la musica per pianoforte sono musica meravigliosa.

    Si parte da qui per capire e fare ordine: “Sono un compositore sovietico e vedo la nostra epoca come qualcosa di eroico”. Shostakovich
    Approfondirò senz'altro, se questa è la Sua opinione è palese che ne ho una conoscenza superficiale.

  7. #111

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kaliningrad Vedi messaggio
    Uno dei più grandi pianisti di tutti i tempi in una magistrale interpretazione del capolavoro:




  8. #112

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    Sto vivendo (da qualche anno) una vera e propria riscoperta personale della musica di Schostakovich.


    Citazione Originariamente scritto da apo Vedi messaggio
    Tolta la sinfonia Leningrado, che ha un respiro epico ovviamente, è un compositore che mi dice nulla
    ... tu hai ascoltato troppo Ludovico Van

    Già le prime battute dell'8^ sono da pelle d'oca:


  9. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  10. #113

  11. #114
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da cocojambo Vedi messaggio
    classica ne ho sentita, ne sento, ma non sono un appassionato o profondo conoscitore, al massimo riconosco le 4 stagioni di vivaldi se mi capita di ascoltarle per caso, comunque vi sono strumenti che preferite di piu o di meno? (ovviamente da ascoltare)

    a me piace un sacco il violino, ma le corde in generale, invece non ho idea del pecrhè, ma il piano mi crea una sorta di fastidio
    Hai orecchio assoluto?

  12. #115

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da madflyhalf Vedi messaggio
    Hai orecchio assoluto?
    ho dovuto fare un giro su wikipedia e non credo proprio di avere questa caratteristica

  13. #116

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da madflyhalf Vedi messaggio
    Hai orecchio assoluto?
    Se lo chiedi per via del temperamento, bisogna considerare che oggi ormai anche gli strumenti a intonazione naturale, come il violino, seguono il temperamento equabile del pianoforte per comodità.
    Sarà più una questione legata al timbro.

    Personalmente il mio strumento preferito è l'orchestra. Se possibile unita ad un coro.

    Se invece devo guardare proprio a un singolo strumento, quello che preferisco è il pianoforte, per possibilità tecniche e repertorio.
    Mi affascina anche l'organo, ma non farei mai l'organista.

    Edit: per semplicità di lettura per tutti

    il pianoforte si dice "temperato" perché per necessità pratiche le note non sono intonate correttamente, ma sono un compromesso con le note vicine. Per esempio re diesis e mi bemolle sul pianoforte sono esattamente lo stesso tasto. Questa è una forzatura, ma è talmente radicata nelle nostre orecchie, e ci sembra tanto naturale, che anche gli strumenti, come gli archi, che hanno la possibilità di fare tutte le vere, e piccole differenze tra una nota e l'altra, seguono il compromesso del pianoforte, per comodità e abitudine.
    A meno che non siano musicisti specializzati in musica antica (ossia precedente a Bach)

  14. #117

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    Personalmente il mio strumento preferito è l'orchestra. Se possibile unita ad un coro.
    Come direste voi: "quotone"!

    PS: Grazie per la spiegazione del concetto di temperato (non sapevo).

  15. #118

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    seguono il temperamento equabile
    Ok, la sai. Adesso spiegacela cosicchè la possa capire anche il volgo.

  16. #119

    Predefinito

    Riprendo il passaggio in cui spiego a grandi linee cos'è il temperamento:

    per semplicità di lettura per tutti

    il pianoforte si dice "temperato" perché per necessità pratiche le note non sono intonate correttamente, ma sono un compromesso con le note vicine. Per esempio re diesis e mi bemolle sul pianoforte sono esattamente lo stesso tasto. Questa è una forzatura, ma è talmente radicata nelle nostre orecchie, e ci sembra tanto naturale, che anche gli strumenti, come gli archi, che hanno la possibilità di fare tutte le vere, e piccole differenze tra una nota e l'altra, seguono il compromesso del pianoforte, per comodità e abitudine.
    A meno che non siano musicisti specializzati in musica antica (ossia precedente a Bach).

    Aggiungo che equabile è il nome del tipo di temperamento che è stato scelto e viene usato.
    L'hanno chiamato così (equabile) perché hanno suddiviso la scala in 12 intervalli (tasti) uguali in ampiezza.

    O meglio, hanno diviso l'ottava, che è l'intervallo tra due note con lo stesso nome (per esempio un do e il do più alto che si trova sette tasti bianchi a destra del primo, contando anche il do basso i tasti bianchi sono 8, da cui il nome di ottava. Dal punto di vista fisico le frequenze delle due note con lo stesso nome poste agli estremi dell'ottava sono relazione di 1 a 2, quindi salendo di ottava in ottava la frequenza raddoppia, scendendo si dimezza).
    Se si contano i 7 tasti bianchi, e i 5 tasti neri che compongono l'ottava abbiamo i nostri 12 intervalli, tutti della medesima ampiezza
    Prima dell'invenzione del temperamento l'ottava era sempre divisa in 12 intervalli, ma di ampiezza diversa tra loro.
    Gli strumenti come il violino, dove l'altezza delle note è variabile e spostando il dito sulla corda si può ottenere qualunque altezza il violinista voglia, questo non è un problema, ma sul pianoforte, le altezze sono già predeterminate e associate a dei tasti. Col vecchio sistema bisognava riaccordare lo strumento ogni volta che si cambiava tonalità, e quando la musica ha iniziato a cambiare più tonalità all'interno di uno stesso brano, si è posto il problema. La soluzione è stato quello di creare 12 intervalli uguali, che sono un compromesso rispetto ai sistemi precedenti (l'accordo maggiore temperato, è crescente rispetto a quello precedente, definito "naturale").
    Oggi siamo tutti abituati a questo sistema, e non ci facciamo caso. Se paradossalemente ascoltassimo solo musica rinascimentale dalla nascita, e poi ascoltassimo all'improvviso musica con note temperate, come quelle del pianoforte, ci sembrerebbero decisamente "stonate".
    A noi che suoniamo, il calcolo esatto di questi intervalli non interessa. Ci interessa però il risultato empirico e le sue conseguenze pratiche, specialmente quando suoniamo con gli strumenti a fiato, che devono sforzarsi per intonare le stesse note del pianoforte.

  17. #120

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da apo Vedi messaggio
    Tolta la sinfonia Leningrado, che ha un respiro epico ovviamente, è un compositore che mi dice nulla, come Sibelius. Prokof'ev che lo precede di un paio di decenni in confronto è un gigante. Sia detto come chiacchiera tra amici, beninteso.

    La quinta di Shostakovic è straordinaria. Ha dei passaggi davvero rock

Pagina 8 di 8 PrimoPrimo 12345678
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •