Pagina 7 di 7 PrimoPrimo 1234567
Mostra risultati da 91 a 101 di 101

Discussione: Chi ascolta musica classica, tra gli utenti del forum?

  1. #91

  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  3. #92

    Predefinito

    Io non sono un conoscitore della musica di Wagner. Sono un pianista e Wagner lo ascolto e non lo studio.

    Penso che parlare di armonia e contrappunto su un forum di sci dove almeno 8 lettori su 10 non hanno modo di capire (perché noi diamo per scontato che siano concetti intuitivi, ma avendo a che fare coi bambini si capisce che parlare di armonia prima di aver impiegato moooolto tempo a parlare prima di scale, poi di toni e semitoni, poi di intervalli, poi del giro delle quinte, poi di accordi veri e propri ne della loro funzione armonica, non è possibile).

    Si può dire molto semplicemente che nella musica occidentale la sovrapposizione di note diverse e simultanee, dal Medioevo a Wagner, ha sempre seguito regole e principi comuni, che sono andati modificandosi nel corso dei secoli. Le sovrapposizioni consentite nei secoli sono cambiate e prima di Wagner la dissonanza era già parecchio usata.

    Ma, sempre semplificando, possiamo dire che il principio generale della nostra musica era che tutte le dissonanze devono risolvere su consonanze (terze, quarte e quinte giuste, ottave e unisoni sono consonanti, tutti gli altri intervalli dissonanti). Nel corso del tempo si è teso a prolungare le risoluzioni, ossia le voci che compongono la dissonanza prima di raggiungere una consonanza di riposo, passano da diverse successioni di dissonanze. Queste le premesse.


    L'accordo del Tristano è fondamentalmente un accordo nuovo, ossia un agglomerato di note e intervalli senza precedenti nella musica occidentale (così disposte, perché in musica non conta solo la somma delle note ma anche la loro disposizione), ma soprattutto Wagner prolunga il processo di risoluzione a tal punto che perde il suo senso tonale. Di fatto la risoluzione su una consonanza non arriva mai. E questo sarà un punto fondamentale di non ritorno per il superamento della tonalità.

    Ma di questo Wagner probabilmente non era consapevole o almeno intenzionato. Cercava strumenti espressivi nuovi per esprimere i concetti filosofici che stanno dentro al Tristano. In opere successive (soprattutto l'ultima, Parsifal) ,torna a usare una scrittura tonale più tradizionale. A lui non interessava superare la tonalità, tant'è che dopo il Tristano non ebbe paura a usare di nuovo procedimenti più tradizionali.

  4. #93

  5. #94
    Magggica!ɐɔıƃƃƃɐɯ Skifoso
    Attrezzatura
    Head Magnum 163- garmont g_2 - per il TLMRK sci Rossignol S3W-HH-garmont Minerva_skialp atomic drifter&dyn&gea
    Blog Entries
    2

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da skiss,skiss Vedi messaggio
    Si l'ascolto
    Mi diverto a trovare le somiglianze tra composizioni
    Esempio
    Chiaro di luna Debussy
    https://youtu.be/CvFH_6DNRCY

    The last emperor ryuichi sakamoto
    https://youtu.be/PcGY0dStHuA
    E ci aggiungo anche questo il tema sempre lo stesso (secondo me)
    https://youtu.be/GBxZGJXXLLI

  6. #95

    Predefinito

    Esa-Pekka Salonen, Philharmonia Orchestra

    Berg: Lulusuite
    Mahler: 9^ sinfonia





    Che dite, mi piacerà?

  7. #96

  8. #97

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kaliningrad Vedi messaggio
    Esa-Pekka Salonen, Philharmonia Orchestra

    Berg: Lulusuite
    Mahler: 9^ sinfonia





    Che dite, mi piacerà?
    Parentesi sociale: se l'accesso alla musica classica è per certi versi paragonabile a quello all'arte dei musei e gallerie d'arte, ai libri delle biblioteche, alle esposizioni scientifiche dei musei tecnici e scientifici, questo accesso deve essere considerato un diritto. Se l'accesso al British Museum (che è gratuito) costasse 90 sterline, penso che ci scandalizzeremmo tutti.
    E allora perché consentiamo che la Scala metta in vendita i suoi biglietti a 200 euro l'uno (salvo poi lavarsi la coscienza mettendo i posti nel loggione in palio il giorno stesso a pochi euro costringendo centinaia di persone a fare ore di coda all'aria, senza garanzie)?

    La riflessione è ispirata dal prezzo del biglietto, che in Lussemburgo è comunque molto più coerente dei 200 euro della Scala.
    Perdonate.

  9. #98

    Predefinito

    Il migliore ascolto è tra le mura domestiche, in totale solitudine. Per me è così. Che poi è il bello della musica: non c'è bisogno di esser lì, perchè con la tecnologia oggi è fruibile ovunque e da tutti a prezzi accessibili.

  10. #99

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da subsahara Vedi messaggio
    Alla fine le è piaciuto?
    Soprano di coloratura deboluccio. A parte questo, grande orchestra e grandissimo direttore. E programma fantascientifico: Lulu Suite e 9^ di Mahler ... cosa si vuole di più? Serata memorabile.

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    La riflessione è ispirata dal prezzo del biglietto, che in Lussemburgo è comunque molto più coerente dei 200 euro della Scala.
    C'è anche da dire che questi erano i biglietti più cari. Si trovava anche a meno e a molto meno. Comunque, va anche detto che far venire dall'estero un'intera orchestra con annesso direttore non è proprio economico. Non ho indagato, ma credo che lo Stato lussemburghese sovvenzioni lautamente questi (e altri) concerti.

    Citazione Originariamente scritto da apo Vedi messaggio
    Il migliore ascolto è tra le mura domestiche, in totale solitudine. Per me è così. Che poi è il bello della musica: non c'è bisogno di esser lì, perché con la tecnologia oggi è fruibile ovunque e da tutti a prezzi accessibili.
    L'una cosa non esclude l'altra. Ma vuoi mettere avere l'orchestra davanti a te? Non c'è tecnologia che tenga ...

  11. #100

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kaliningrad Vedi messaggio
    L'una cosa non esclude l'altra. Ma vuoi mettere avere l'orchestra davanti a te? Non c'è tecnologia che tenga ...
    Ovviamente di concerti e opere dal vivo ne ho visti. Ciò precisato, e parlo a titolo personale naturalmente, in pubblico non mi sento a mio agio e non riesco ad astrarmi come vorrei. Secondariamente, partendo da determinate incisioni su disco a volte il concerto risulta deludente. Qualche concerto esaltante però l'ho visto, erano gli anni '90 ormai: Schiff e Mullova, su tutti. Rimpiango di non aver sentito Ashkenazy, che era in cartellone varie volte ma poi non so perchè non è venuto.

  12. #101

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kaliningrad Vedi messaggio
    Soprano di coloratura deboluccio. A parte questo, grande orchestra e grandissimo direttore. E programma fantascientifico: Lulu Suite e 9^ di Mahler ... cosa si vuole di più? Serata memorabile.


    C'è anche da dire che questi erano i biglietti più cari. Si trovava anche a meno e a molto meno. Comunque, va anche detto che far venire dall'estero un'intera orchestra con annesso direttore non è proprio economico. Non ho indagato, ma credo che lo Stato lussemburghese sovvenzioni lautamente questi (e altri) concerti.



    L'una cosa non esclude l'altra. Ma vuoi mettere avere l'orchestra davanti a te? Non c'è tecnologia che tenga ...
    La musica classica è sovvenzionata in tutto il mondo, più o meno lautamente (in Italia, poco lautamente, il FUS è meno di mezzo miliardo all'anno, e finisce solo in parte alla musica). Non si regge, né si può reggere sul mercato (anche nel passato si è sempre retta sulle sovvenzioni dell'aristocrazia europea). L'opera poi non ne parliamo, non può matematicamente creare utili.
    D'altronde i costi sono esorbitanti. E la possibilità di suddividerli sui biglietti inesistenti. Pensiamo a quanta gente si può stipare in uno stadio o in un aeroporto per un concerto pop/rock e a quanta ne entra in un teatro tradizionale.
    Ecco, e il concerto pop/rock costa probabilmente meno di un'opera (i cui costi, per una produzione totalmente nuova, compresa regia, sfondi e costumi, viaggiano sui 2 milioni di euro, poi dipende dalla produzione, esistono anche quelle a basso costo, come quelle del circuito lirico lombardo, che girano nei teatri di provincia).

    Ma proprio perché la musica classica è sovvenzionata, Scala compresa, non trovo etico mettere tutti i posti decenti (platea e tutte le prime file dei palchi) a 200 euro come spesso fa la Scala (e non solo).

    Sottolineo che quando l'orchestra sinfonica della Scala suona al forum di Assago, amplificata, il forum si riempie come a un concerto commerciale, e si possono fare anche degli utili.
    Ma oggettivamente l'orchestra amplificata è un'esperienza forzata, perché ai concerti si va per sentire il suono naturale degli strumenti, altrimenti, per ascoltare uno stereo, si può davvero stare a casa.
    E in teatro o in auditorium mediamente ci stanno mille persone, o poco di più.

    - - - Updated - - -

    Chiedo scusa. Altro che mezzo miliardo il FUS (ero rimasto fermo ai miei studi, dove era meno, parecchio meno di 500 milioni, ma volevo fare un'iperbole). Nel 2018 è stato di 178 milioni di euro. Cioè pochissimi.

    Ora forse capisco il costo dei biglietti. Ma è comunque una situazione insostenibile. Non si può trasformare la musica in un lusso.


    Comunque di produzioni liriche totalmente nuove, se ne fanno pochissime, e quelle poche vengono vendute anche ad altri teatri (oppure prodotte insieme ad altri teatri) per contenere i costi.
    Ma comunque anche una produzione fatta al risparmio è nell'ordine delle centinaia di migliaia di euro.

    Con produzioni ridotte, spartane e per piccoli teatri si può scendere nell'ordine delle decine di migliaia.
    Un concerto costa molto meno. Ma certamente ospitare un'orchestra sinfonica in trasferta costa molto. Dipende dall'orchestra, ma sono cifre che si contano nell'ordine delle decine di migliaia di euro ad ogni concerto.
    Un'orchestra stabile ha pure i suoi costi (anche se per contenerli in Italia, si stabilizzano sempre meno orchestrali, e si usano gli "aggiunti", precari pagati a produzione, e pagati poco (fanno fatica a mettere insieme 1200 euro al mese, con poche tutele).

Pagina 7 di 7 PrimoPrimo 1234567



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •