Posizione classifica anno 2019: 52/182 | Posizione in classifica generale: 1428/3442.

icona Skitags: Limone Piemonte - Riserva Bianca [13]

Pagina 2 di 2 PrimoPrimo 12
Mostra risultati da 16 a 30 di 30

Discussione: Quando "entrare in Riserva (Bianca)" non è una brutta notizia - 26 genn 2019

  1. #16

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da matteo81 Vedi messaggio
    Domanda. Ma le piste di rientro come mai sono ancora chiuse ? non hanno l'innevamento artificiale ?
    È un grosso peccato a mio avviso ma quella pista l'avrò trovata aperta tre volte in vent'anni.

    Specifico: con frequentazioni "a caso e ogni tanto" non è che sono lì ogni weekend. Però ci vuole una bella fortuna, ed anche quando era aperta il fondo era bruttino. Secondo me dovrebbe essere un progetto prioritario l'attrezzarla con l'impianto di innevamento artificiale.

  2. #17

    Predefinito

    mamma mia Fabio, ho aperto il tuo reportage di Ladurns ,poi giro pagina e vedo stà roba.. mi trattengo va
    poi scusa , Cuneo città dei sogni de che? Trento e Bolzano che sono allora!?

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #18

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da boss!! Vedi messaggio
    poi scusa , Cuneo città dei sogni de che? Trento e Bolzano che sono allora!?
    Ci possono essere più città dei sogni Anche Lienz, Bressanone, Domodossola(!), Ginevra, Innsbruck, Torino, Trieste, Trento e quella ancora al primo posto nella classifica Bolzano (seguita da Belluno).

    Ma le piste di rientro come mai sono ancora chiuse ? non hanno l'innevamento artificiale ?
    Mi pare sia una sola. Sì è senza innevamento artificiale ma arriverà il prossimo anno. Pare sia una priorità anche per collegare la zona principianti del maneggio e gegia con la cabinovia principale.

    Citazione Originariamente scritto da masgram Vedi messaggio
    se l'avessi trovato al 100% cercavi casa!!!
    Calma. Prima devo abituarmi a sciare senza sentir parlare tedesco.




    Mi sono dimenticato di dire che poco prima di Limone (poco dopo andandosene) c'è il cappannone outlet del competitor italiano di sport konrad: outlet bottero. Ho preso degli sci da caldo a 17.5€ (modello campione/sample, speriamo vadano bene). Il paese chiamasi Vernante.

  5. #19

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Fabio Vedi messaggio
    Ci possono essere più città dei sogni Anche Lienz, Bressanone, Domodossola(!), Ginevra, Innsbruck, Torino, Trieste, Trento e quella ancora al primo posto nella classifica Bolzano (seguita da Belluno).
    e Sondrio?? hai vicino Chiesa e raggiungi tutta la Valtellina

  6. Skife per atomicfabio:


  7. #20

    Predefinito

    Ginevra e Trieste mi sembrano ben lontane dagli impianti. Invece io aggiungerei Aosta, Grenoble, Albertville e Sion

  8. Skife per ID19:


  9. #21

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da boss!! Vedi messaggio
    poi scusa , Cuneo città dei sogni de che? Trento e Bolzano che sono allora!?
    Effettivamente, volevo scriverlo io...

    Cuneo penso che sia uno dei luoghi del nord Italia più limitati dal punto di vista sciistico sicché è vicina solo a Limone e al Mondolè. Vars, Praloup e Super Sauze sono inaccessibili per più di metà della stagione perché il colle della Maddalena è chiuso... E poi cosa rimane?

    - - - Updated - - -

    Una ski-city a mio avviso è una località comoda ad un ventaglio di località a 360 gradi, se poi le località presentano anche aree sciistiche differenti come ambiente naturale ed altitudine che permettono di sciare per più mesi consecutivi il valore è maggiore. In Europa ma forse nel mondo credo che non ci sia nulla come Innsbruck.
    Altrimenti Granada sarebbe una delle migliori ski-city.

  10. Skife per Edo:

    pat

  11. #22

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ID19 Vedi messaggio
    Ginevra e Trieste mi sembrano ben lontane dagli impianti. Invece io aggiungerei Aosta, Grenoble, Albertville e Sion
    È più lontana di altre, ma non così tanto. In 50 minuti sei a Megève e in un’ora a Chamonix, per citarne due...

  12. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre


  13. #23

    Predefinito

    Però il recensore non ha mica detto che la città è circondata dai mega-comprensori...
    ha detto che è uno dei paradisi dello skialp (valle Gesso, valle Stura con una decina di lunghi valloni laterali, valle Grana e val Maira solo per citare una manciata di destinazioni con un centinaio di uscite possibili, impianti in vista praticamente zero) affermazione ineccepibile.
    Poi ci sarebbero da aggiungere una decina di micro stazioni, sgarrupate quanto vuoi ma sotto certi aspetti valide (Argentera per qualità della neve ed ambiente alpino, Crissolo e Pontechianale più per il secondo aspetto).

    Vorrei puntualizzare che sono due i rientri in paese a Limone la rossa che costeggia l'ex-seggiovia di arroccamento e la nera Olimpionica sotto la cabinovia, si uniscono 800 mt. prima del paese trasformandosi in skiweg.

  14. Lo skifoso Cuneo_ski ha 2 Skife:


  15. #24

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Cuneo_ski Vedi messaggio
    Però il recensore non ha mica detto che la città è circondata dai mega-comprensori...
    ha detto che è uno dei paradisi dello skialp (valle Gesso, valle Stura con una decina di lunghi valloni laterali, valle Grana e val Maira solo per citare una manciata di destinazioni con un centinaio di uscite possibili, impianti in vista praticamente zero) affermazione ineccepibile.
    Poi ci sarebbero da aggiungere una decina di micro stazioni, sgarrupate quanto vuoi ma sotto certi aspetti valide (Argentera per qualità della neve ed ambiente alpino, Crissolo e Pontechianale più per il secondo aspetto).

    Vorrei puntualizzare che sono due i rientri in paese a Limone la rossa che costeggia l'ex-seggiovia di arroccamento e la nera Olimpionica sotto la cabinovia, si uniscono 800 mt. prima del paese trasformandosi in skiweg.


    Quando qualcuno ha la “sciagurata” idea di definire un posto quale luogo “dei sogni” subito si alzano le manine per sottolineare quanto i “loro” siano più da sogno: e allora XYZ? Maddechè? ABCD tuttalavitaaaa!!!!

    Magari, anzi quasi sempre, senza esserci mai andati. Solo per sentito dire. O più semplicemente perché fortunatamente non siamo tutti uguali e ciascuno di noi vede le cose sotto ottiche differenti annettendo maggiore importanza a fattori eterogenei.

    Può anche essere che Fabio, mai stato nel cuneese, sia stato sorpreso positivamente quanto inaspettatamente e questo gli abbia provocato un eccesso di entusiasmo.
    Come può anche essere che lui abbia visto cose che lo attraggono particolarmente, alle quali attribuisce grande importanza e che gli hanno fatto definire Cuneo città dei sogni.

    Indubbiamente Cuneo è una cittadina vivibilissima, circondata da splendide montagne “vere” (nel senso di non antropizzate) paradiso degli amanti della natura quasi selvaggia e degli sport senza aiuti tecnologici esterni impattanti.

    Non a caso la percentuale di frequentatori della montagna anche in estate nel cuneese è elevatissima. Intere famiglie anche giovani con i piccolini nello zaino che si arrampicano come camosci, comitive di ragazzi e ragazze che arrampicano e scalano. Le stesse persone che d’inverno non cercano seggiovie con il riscaldamento per le chiappe ma che salgono con le pelli o le ciaspole. O scalano cascate di ghiaccio.

    Vi sono vallate remote, splendide, stupefacenti con una accoglienza di qualità che molte zone più markettare si sognano. Certo non ci vai per carvaminkiare....

    Poi ci sono anche stazioni e stazioncine sciistiche sullo stile dell’interesse comune alla maggioranza degli utenti di questo forum. Non saranno all’altezza delle moderne stazioni francesi austriache o dolomitiche, ma possono regalare buone emozioni e soddisfazioni ad un determinato tipo di clientela.

    In definitiva: i sogni ognuno se li dorme a suo sentimento. Non esiste un sogno unico.

  16. Lo skifoso Terios2 ha 2 Skife:


  17. #25

    Predefinito

    😀 bei commenti! Ribadisco meglio:
    UNA delle città dei sogni, una.
    E personalmente non nella mia top3 ma se uno dà molto peso all’ alpinismo allora avrà un parere diverso.

    Anche sondrio è una, una, città dei sogni, idem per L aquila.

  18. Skife per Fabio:


  19. #26

    Predefinito

    Bel report, esaustivo come sempre!!!
    Anch'io quando ci andai due anni fa trovai la pista "Olimpica" chiusa, come anche il rientro dalla ex seggiovia del Sole che però feci, pur se sconsigliato da tutti, e le solette ringraziano ancora oggi.
    La vegetazione tendenzialmente appenninica (ma anche delle prealpi non più sciatorie) è uno dei motivi per cui qualche volta mi fa piacere andare in quelle zone.

  20. #27

    Predefinito

    Io vivo a nord di Milano e non vedo la Provincia Granda come provincia top per lo sci alpino: ha due località sciistiche famose che non mi attirano molto per il paesaggio (ebbene sì, mi piacciono larici, pini ed abeti e anche grandi montagnone da vedere) con quote un po' bassine (si scia tra 1000 m e 2000 m).
    Ma appunto condivido l'opinione di molti forumisti: è la culla della "montagna vera", con montagne mitiche come il Monviso e la Meija, dove si possono praticare lo scialpinismo, l'escursionismo e il trekking nelle Marittime o nelle Cozie, tra laghi, postazioni militari e spazi aperti: è con questi scopi che negli anni passati ho trascorso qualche giornata in questi luoghi.
    Non dimentichiamo che in provincia di Cuneo vi sono salite mitiche del Giro d'Italia come il Fauniera e la Madonna del Colletto.

  21. Skife per pudra:


  22. #28

    Predefinito

    Condivido, bei commenti, il bello delle Alpi è che c'è varietà di 'configurazioni' e tutto il nord italia ha località di riferimento in prossimità, fattore importante per il movimento agonistico.
    Anche io amo le montagne con l'imponenza dei 4k e i grandi boschi di conifere, non per niente ogni anno scio almeno 5/6 volte fra Monte Rosa e Retiche, poi ho una passione 'paesaggistica' per Chiesa e San Domenico (dove si trova la conca alpina per me top per paesaggio, fortunatamente senza impianti, l'Alpe Veglia).
    Per puntigliosità vorrei chiarire che non mancano i boschi di conifere nel cuneese... dal vallone di Palanfrè (appena ad ovest di Limone) fino alla val Pellice solo abeti e larici (a Pontechianale la foresta di cembri in purezza più estesa d'europa) decine di valli e valloni e quasi 200 km di strade d'alta quota, il tesoretto da spendere in chiave turistica differente da seggiovie e mega alberghi lusso e spa.

    - - - Updated - - -

    Aggiungo un suggerimento video per facili (solo come accesso) freeride in Riserva.



    (spezzone da video ufficiale di Riserva Bianca, nota x copyright)

  23. Skife per Cuneo_ski:


  24. #29

    Predefinito

    I boschetti del Colle di Tenda mi sono sembrati troppo fitti però il Vallone Cabanaira: ed anche il Vallone di San Giovanni.
    A proposito del Vallone San Giovanni, scesi dalla seggiovia Alpetta, si prende e poi dove si rientra? Agli impianti in paese o prima?

  25. #30

    Predefinito

    Sì i boschetti solo per il grande che si vede nel filmato ed i pazzi del simolimo team, se il S. Giovanni lo prendi dall'Alpetta ti perdi 2/3 del godimento, l'attacco classico è dall'arrivo Pancani con 15/20 minuti di pellata raggiungi il colletto Campanin (ma c'è chi se li fa a piedi i 500/600 mt. e 2 tornanti dell'evidente strada che al colletto costituisce la partenza della via del sale), per il rientro ravanando un poco dovresti raggiungere la partenza della cabinovia (il paio di volte che l'ho fatto ci siamo fatti recuperare alla chiesetta omonima), secondo me se riesci a contattare simolimo che è iscritto anche qui potresti recuperare dritte last minute...

Pagina 2 di 2 PrimoPrimo 12
-

Tags per questo thread

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •