Pagina 1 di 9 123456789 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 133

Discussione: Valanghe 2019

  1. #1

    Predefinito Valanghe 2019

    Un giovane è morto sotto la valanga che si è abbattuta sul monte Spicco, in Valle Aurina.
    L'incidente è avvenuto questa mattina, durante un fuoripista a circa 2.400 metri di quota.
    La vittima, un ragazzo di Valdaora in Val Pusteria, era in
    compagnia di un gruppo di amici quando la slavina si è staccata inghiottendo sei sciatori.
    Mentre cinque sono stati estratti vivi, lui purtroppo non ce l'ha fatta, nonostante i tentativi di rianimazione del medico d'urgenza arrivato sul posto.

  2. Skife per Childerique:


  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #2

    Predefinito

    "... Il secondo morto sulle montagne dell'Alto Adige si è invece registrato in Vallunga, una laterale della Val Gardena. Un 35enne di Novara è stato travolto da una valanga mentre stava scalando una cascata di ghiaccio. L'uomo è stato trascinato dalle masse nevose per centinaia di metri ed è morto sul colpo." http://www.altoadige.it/cronaca/vala...agna-1.1879756

  5. #3

  6. #4

    Predefinito

    weekend movimentato dalle notizie ai tg di stamattina

    A Courmayeur 3 morti e un disperso, valanga sulla strada che porta al passo Sella blocca delle automobili (risolto), giovane di 17 anni ci ha lasciati sulla Croda Rossa (Pusteria)

  7. #5

  8. #6

    Predefinito

    anche qui è andata bene

    http://www.ladige.it/news/cronaca/20...iovane-canazei

    erano sotto Col de Cuch (zona notoriamente valanghiva, qualche hanno fa li è morto un danese)

    in zona Pordoi / Belvedere sabato si formavano fratture con propagazione elevata ovunque (nel mio caso nei boschi) con anche numerosi distacchi naturali in campo aperto

  9. Lo skifoso mariodb ha 3 Skife:


  10. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  11. #7

  12. #8

    Predefinito

    Io questo weekend ero a casa, domenica mattina mi sono svegliato già incazzato sapendo che la sera avrebbero diramato un bollettino di guerra. Alle 16,30 ero raggiante su ANSA, poiché non avevano ancora battuto alcuna ultima'ora direttamente correlata a sciaplinismo o freeride.
    Profono dolore per chi ha perso la vita. R.I.P.
    Se però posso permettermi c’è qualcosa che non funziona benissimo, in primo luogo il fatto di vivere mesi d’astinenza dovuti a questa meteo sempre più balorda, per poi sentire quasi in dovere di lanciarsi ovunque, quando le condizioni sono pessime, non solo per ciò che risulta a livello mediatico, ma anche oggettivamente.
    Rimango convinto del fatto che non bisogna incaponirsi ad inseguire disperatamente le condizioni nella località che si è individuata da mesi come meta, bisogna spaziare muovendosi verso le località dove la situazione è più sicura e, anche a costo di andare all'estero. Se si è impossibilitati a farlo, è meglio rimanere a casa.
    E’ vero che le valanghe sono imprevedibili e che i primi ad andarci dentro sono spesso i più esperti e anche i più prudenti, ciò non toglie che l’approccio conservativo mantiene in ogni caso il suo inestimabile valore.
    Al di à del rischio 1 o 4, che in alcuni casi può lasciare il tempo che trova, visto che è impossibile fare bollettini puntuali metro per metro di ogni discesa, a mio avviso buttarsi sotto al Plan de Gabba (tra l’altro da sempre vietato per gli innumerevoli morti che ha mietuto), oppure su versanti aperti e pendenti di grande sviluppo, con un metro di neve nuova a scarsa coesione, vento, tempaccio …ed in presenza di bollettini così allarmanti, non è un approccio conservativo.


  13. #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Vettore2480 Vedi messaggio
    Io questo weekend ero a casa, domenica mattina mi sono svegliato già incazzato sapendo che la sera avrebbero diramato un bollettino di guerra. Alle 16,30 ero raggiante su ANSA, poiché non avevano ancora battuto alcuna ultima'ora direttamente correlata a sciaplinismo o freeride.
    Profono dolore per chi ha perso la vita. R.I.P.
    Se però posso permettermi c’è qualcosa che non funziona benissimo, in primo luogo il fatto di vivere mesi d’astinenza dovuti a questa meteo sempre più balorda, per poi sentire quasi in dovere di lanciarsi ovunque, quando le condizioni sono pessime, non solo per ciò che risulta a livello mediatico, ma anche oggettivamente.
    Rimango convinto del fatto che non bisogna incaponirsi ad inseguire disperatamente le condizioni nella località che si è individuata da mesi come meta, bisogna spaziare muovendosi verso le località dove la situazione è più sicura e, anche a costo di andare all'estero. Se si è impossibilitati a farlo, è meglio rimanere a casa.
    E’ vero che le valanghe sono imprevedibili e che i primi ad andarci dentro sono spesso i più esperti e anche i più prudenti, ciò non toglie che l’approccio conservativo mantiene in ogni caso il suo inestimabile valore.
    Al di à del rischio 1 o 4, che in alcuni casi può lasciare il tempo che trova, visto che è impossibile fare bollettini puntuali metro per metro di ogni discesa, a mio avviso buttarsi sotto al Plan de Gabba (tra l’altro da sempre vietato per gli innumerevoli morti che ha mietuto), oppure su versanti aperti e pendenti di grande sviluppo, con un metro di neve nuova a scarsa coesione, vento, tempaccio …ed in presenza di bollettini così allarmanti, non è un approccio conservativo.
    Quoto e aggiungo

    Ieri ero a Madesimo, zona Colmenetta chiusa con raffiche registrate fino a 100km/h, Val di lei neanche a parlarne. Mi e` capitato di stare in seggiovia con gente che si lamentava della chiusura, che "c ' e il frescone di la`ma se ci dobbiamo andare a piedi e` troppo sbatti". Ovviamente moltissima gente attrezzata e conscia della situazione, ma sappiamo che ne basta uno per causare la tragedia

  14. Lo skifoso sigigno7 ha 2 Skife:


  15. #10
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Head i.GS RD 178, Rossignol Soul7 180, Black Crows Orb Freebird 172

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Vettore2480 Vedi messaggio
    Io questo weekend ero a casa, domenica mattina mi sono svegliato già incazzato sapendo che la sera avrebbero diramato un bollettino di guerra. Alle 16,30 ero raggiante su ANSA, poiché non avevano ancora battuto alcuna ultima'ora direttamente correlata a sciaplinismo o freeride.
    Profono dolore per chi ha perso la vita. R.I.P.
    Se però posso permettermi c’è qualcosa che non funziona benissimo, in primo luogo il fatto di vivere mesi d’astinenza dovuti a questa meteo sempre più balorda, per poi sentire quasi in dovere di lanciarsi ovunque, quando le condizioni sono pessime, non solo per ciò che risulta a livello mediatico, ma anche oggettivamente.
    Rimango convinto del fatto che non bisogna incaponirsi ad inseguire disperatamente le condizioni nella località che si è individuata da mesi come meta, bisogna spaziare muovendosi verso le località dove la situazione è più sicura e, anche a costo di andare all'estero. Se si è impossibilitati a farlo, è meglio rimanere a casa.
    E’ vero che le valanghe sono imprevedibili e che i primi ad andarci dentro sono spesso i più esperti e anche i più prudenti, ciò non toglie che l’approccio conservativo mantiene in ogni caso il suo inestimabile valore.
    Al di à del rischio 1 o 4, che in alcuni casi può lasciare il tempo che trova, visto che è impossibile fare bollettini puntuali metro per metro di ogni discesa, a mio avviso buttarsi sotto al Plan de Gabba (tra l’altro da sempre vietato per gli innumerevoli morti che ha mietuto), oppure su versanti aperti e pendenti di grande sviluppo, con un metro di neve nuova a scarsa coesione, vento, tempaccio …ed in presenza di bollettini così allarmanti, non è un approccio conservativo.
    Credo di essere d'accordo con te: non comprendo tanto il discorso sull'astinenza da powder (secondo me, figlio di una concezione consumistica della montagna che non approvo, e men che meno condivido), quello che osservo attorno a me è una generale e dilagante ignoranza nei confronti di una attività che è oggettivamente rischiosa, e lo diventa ancora di più in queste condizioni particolari.
    Ho sentito "amici" parlare di sciate nei boschetti (in una località valdostana) per questo sabato, con un bollettino che fa spavento, e l'esplicita menzione di pericolo valanghe anche nel bosco.
    Gente ex pistara che ha comprato lo sci largo ed ora è convinta che "sono un freerider".
    Cosa puoi dire, o fare, di fronte a qualcuno che non ha nemmeno la buona creanza di leggersi un bollettino valanghe di 10 righe con le figurine e i colori?
    Per quanto riguarda poi il discorso di approcci conservativi e non conservativi, questa gente non ha nemmeno un approccio: vede un pendio non tracciato e "pheeega questo lo traccio io".

    Poi, è vero che esser esperti non ti salva... ma figuriamoci quanto possa salvarti non sapere cosa stai facendo, e dove sei.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da sigigno7 Vedi messaggio
    Quoto e aggiungo

    Ieri ero a Madesimo, zona Colmenetta chiusa con raffiche registrate fino a 100km/h, Val di lei neanche a parlarne. Mi e` capitato di stare in seggiovia con gente che si lamentava della chiusura, che "c ' e il frescone di la`ma se ci dobbiamo andare a piedi e` troppo sbatti". Ovviamente moltissima gente attrezzata e conscia della situazione, ma sappiamo che ne basta uno per causare la tragedia
    Roba da randellarli col bastoncino. Mi stupisco tu ti sia trattenuto.

  16. Lo skifoso matyt ha 2 Skife:


  17. #11

    Predefinito

    Io ieri ero a casa a guardare la neve dal divano consapevole che se fossi uscito con le pelli non avrei resistito dal salire oltre il limitedel bosco.

    Giovedí avevo litigato con una "guida" che stava vendendo l'evento "domenica freeride in Marmolada". No comment.

  18. #12

    Predefinito

    +21caratteridifateunpo'voiName:  IMG_0329-1.jpeg
Visite: 991
Dimensione:  55.8 KBName:  IMG_0328.jpeg
Visite: 993
Dimensione:  54.3 KBName:  IMG_0330.jpeg
Visite: 1002
Dimensione:  74.9 KB

  19. Lo skifoso Matteo Harlock ha 7 Skife:


  20. #13

    Predefinito

    di tutti gli sciatori che conosco penso di essere l'unico davvero flessibile e che si diverte sempre: tutti gli amici o sciano solo in pista pur sapendo andare fuoripista, o cercano solo la podwer intonsa e tutto il resto è noia.


    LA NEVE E SCIARE SONO BELLI SEMPRE.


    Sabato uscito coi fattoni per qualche bordopista, boschetto e itinerario sicuro, neve pesante anche a 2500, ieri uscito con sci medi e fatto pista e qualche fuoripista dove mi ispirava divertimento e sicurezza.

  21. Lo skifoso pierr ha 4 Skife:


  22. #14

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da matyt Vedi messaggio
    ... non comprendo tanto il discorso sull'astinenza da powder (secondo me, figlio di una concezione consumistica della montagna che non approvo, e men che meno condivido), quello che osservo attorno a me è una generale e dilagante ignoranza nei confronti di una attività che è oggettivamente rischiosa, e lo diventa ancora di più in queste condizioni particolari
    Mi riferisco alla scimmia che in passato avevo un po' anche io, quando ero alle prime fiammate d'entusiasmo...
    Si passa tutta l’estate a sognare l’inverno, e sognare di fare freeride nei pendii predestinati (generalmente quelli della propria home resort). Poi arriva l’inverno da calendario, ma non quello che ci si attendeva, tira l’aria contrario e il proprio orticello viene regolarmente saltato, per mesi!
    La scimmia si trasforma in frustrazione e tutte le energie e soldi spesi a sognare, attrezzarsi e programmare ...sembrano vanificati.
    Poi succede che il modello vede un cambio di circolazione, è un classico, quando una zona è sfigata questo cambiò può tradursi solo in due cose: o l’ennesima fregatura, o una nevicata immane.
    Comunque vada, in queste situazioni, quella località sfigata sarà sempre il posto peggiore dove andare a cercare.
    Nel caso di nevicata immane si sente come una “chiamata,” una chiamata però che sul posto traduce soprattutto nervosismo e competizione.
    Non era meglio fare la prima metà stagione dove nevicava abbondantemente, un po’ alla volta e… senza vento?

  23. Skife per Vettore2480:


  24. #15

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da matyt Vedi messaggio

    Roba da randellarli col bastoncino. Mi stupisco tu ti sia trattenuto.
    Dubito ne sarebbero usciti ragionamenti sani. D'altronde il loro argomento era: pago lo skipass (e qui bisognerebbe aprire un altra discussione su skipass pieni e 30% impianti aperti) e quindi posso fare quello che voglio.

    Ma come ha detto pier, sono pochi quelli in grado di divertirsi anche con boschetti tracciati o moguls a bordo pista, piu` o meno gli stessi in grado di giudicare se la situazione di un pendio e` critica o meno

  25. Lo skifoso sigigno7 ha 2 Skife:


Pagina 1 di 9 123456789 UltimoUltimo



Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •