Pagina 37 di 37 PrimoPrimo ... 2728293031323334353637
Mostra risultati da 541 a 553 di 553

Discussione: Lazio : situazione neve, aperture impianti, piste, strade...

  1. #541

    Post Novità Livata

    Ciao a tutti,

    allego una locandina pubblicata sul gruppo facebook di Monte Livata per un incontro in cui parleranno di novità per il comprensorio.
    speriamo bene :D
    Anteprime allegati Anteprime allegati Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	Livata.jpg
Visite:	28
Dimensione:	114.0 KB
ID:	73752  

  2. #542

    Predefinito

    Non conosco la località. Qual è la quota alla base degli impianti, e quale la quota più alta di sbarco? Quale la quota massima de monte? Piste tante o poche? Anche oltre linea arborea?

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #543

    Predefinito

    intanto una delle mie gite sul terminillo ha presentato il conto....autovelox perchè andavo a 91Km/h...problema terminillo risolto, per me può anche chiudere qui....140 euro se pago subito....20 euro di spese postali per mandare qui a Roma la notifica, neppure se arrivava in ferrari costava tanto

    hahahahahahha

    e si che sono stato stra attento...limite 70 km/h per far cassa? per me i rietini possono morire di fame da oggi in poi ....ed ho anche casa a cittaducale (i miei nonni erano della zona)


  5. #544

    Predefinito

    Mi dispiace, il problema della Salaria è che non ti puoi mai distrarre...
    Io sto con l'ansia per un sorpasso fatto nei pressi del sorpassometro, raduno di Vespa che procedevano a 50/60kmh, macchine accodate, vado a sorpassare d'istinto nell'unico tratto possibile e mi accorgo/ricordo troppo tardi delle telecamere. Speriamo bene.
    In ogni modo concordo pure io, una strada del cavolo proprio.

  6. #545

    Predefinito

    Ciao,
    allora base impianti 1618 - arrivo 1758, quota più alta monte Autore 1856m e piste 6 per circa 8 km.

    Ciao




    Citazione Originariamente scritto da Vettore2480 Vedi messaggio
    Non conosco la località. Qual è la quota alla base degli impianti, e quale la quota più alta di sbarco? Quale la quota massima de monte? Piste tante o poche? Anche oltre linea arborea?

  7. #546
    Bivalente: sci+snowabard Skifoso
    Attrezzatura
    tavola K2 turbodream, sci e scarponi Nordica "da migliorare..".

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da roby751 Vedi messaggio
    Ciao,
    allora base impianti 1618 - arrivo 1758, quota più alta monte Autore 1856m e piste 6 per circa 8 km.

    Ciao

    analizzando i dati viene da se che con 140 m di dislivello è impossibile avere 8 km di piste, parlare di km di piste a monna è un po "controsenso", si parla di centinaia di metri...sommandole tute se sono la metà è grasso che cola, di cui la verde topolino è molto piu lunga perché quasi pianeggiante..
    se potessero espandersi fino ad avere 10-12 km reali sarebbe un bello scenario
    Ultima modifica di turbodream; 13-08-2020 alle 02:02 PM.

  8. #547

    Predefinito

    In effetti facendo 2 conti al volo su mappa ora sono circa 5km :P , se può far piacere come novità al convegno che hanno fatto il 16 agosto su "Rilancio Livata", fra le tante cose (innevamenteo artificiale, rimodulazione anello con piscina, parco avventura e altro, nuovo Hotel, etc) hanno presentato un progetto con un ampliamento delle piste (credo proprio intorno ai 10km).
    Senza troppe speranze, speriamo bene...



    Citazione Originariamente scritto da turbodream Vedi messaggio
    analizzando i dati viene da se che con 140 m di dislivello è impossibile avere 8 km di piste, parlare di km di piste a monna è un po "controsenso", si parla di centinaia di metri...sommandole tute se sono la metà è grasso che cola, di cui la verde topolino è molto piu lunga perché quasi pianeggiante..
    se potessero espandersi fino ad avere 10-12 km reali sarebbe un bello scenario

  9. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre


  10. #548
    Bivalente: sci+snowabard Skifoso
    Attrezzatura
    tavola K2 turbodream, sci e scarponi Nordica "da migliorare..".

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da roby751 Vedi messaggio
    In effetti facendo 2 conti al volo su mappa ora sono circa 5km :P , se può far piacere come novità al convegno che hanno fatto il 16 agosto su "Rilancio Livata", fra le tante cose (innevamenteo artificiale, rimodulazione anello con piscina, parco avventura e altro, nuovo Hotel, etc) hanno presentato un progetto con un ampliamento delle piste (credo proprio intorno ai 10km).
    Senza troppe speranze, speriamo bene...
    Ho sentito tutto: tante buone initiative, purtroppo ancora niente di rilevante per l'inverno la prossima stagione, i programmi sono tutti a medio termine...l'innevamento servirebbe già ieri, cambierebbe la stagione invernale con apertura certa per le feste, il rifugio, altro tassello fondamentale, è ancora fermo, temo per le solite follie amministrativo-giuridiche..
    l'apertura dell'albergo un bel segnale, anche perchè la ricettività attuale è minima, e forse qualche soluzione in più potrebbe "drenare" i tanti giornalieri che salgono e scendono senza soggiornare..
    con effetto covid quest'estate erano abitate case chiuse da decenni, un pienone quasi grottesco perchè "involontario"..

    la piscina e il potenziamento estivo sono fondamentali, perchè livata attune vale 70% estate e 30% inverno come stazione, anche 80/20 . Il centro sportivo dell'esagono è già una bella struttura, se fosse gestito alla "trentina" sarebbe una macchina da soldi, attualmente popolato ma abbastanza confusionario..

    Va sicuramente sviluppata la potenzialità del settore MTB, a oggi lasciato a sole Ebike di livello molto "turistico", una volta c'era il Libre , ma spesso in appennino si va in controtendenza purtroppo,. La zona ha maggiori potenzialità di trail rispetto alle stazioni marsicane che sono molto pietrose e scoperte, i simbrunini hanno pendii più boscosi e verdi fondo di terra naturale molto buono.
    Nel centro sportivo del esagono si potrebbe facilmente creare una area bike school con pump-track, percorsi scuola, strutture , cose molto abbordabili per dimensioni e costo, e se gestita bene diventa una miniera, ma c'è da sviluppare l'approccio organizzativo e gestionale, la buona volontà non è sufficiente...

  11. #549

    Predefinito

    Spero proprio che qualcuno della Livata 2001 legga quanto hai scritto!
    Devo dire che l'impegno è vero che non è tutto, però c'è da dire che almeno a livello Laziale mi sembra siano quelli che ci credono e provano di più , certo poi tutto è migliorabile.
    Per la MTB devo dire che ne hanno parlato al convegno e molto, mi pare di ricordare anche pensando di sfruttare 2 vecchie piste da sci proprio a livata vicino all'anello, comunque su Anionews su facebook ci sono i video dell'incontro.
    Un'unione fra più attori (pubblico e privato) in passato almeno a Livata non c'era mai stata così forte, molti dei rallentamenti passati derivavano proprio da questa disunione, spero non spunti qualche ente ambientalista estremista che blocchi il tutto e che si riesca finalmente a decollare!!

    P.s. premetto che non è mia intenzione offendere nessuno, però certe volte quello che proprio nel centro Italia non mi va giù è la mentalità "Paesana, tutto un pò da sagra"!
    Di suo è una cosa meravigliosa, sia a livello mangereccio che culturale, però lo trovo poco adatto ad un ambiente montano, forse sbaglierò io, ma posti di montagna devono essere il più possibile "montagnosi", certo centro e nord hanno culture diverse, e questo va rispettato, ma credo che una buona via di mezzo si possa sempre trovare altrimenti rimane sempre tutto ...incompleto!


    Citazione Originariamente scritto da turbodream Vedi messaggio
    Ho sentito tutto: tante buone initiative, purtroppo ancora niente di rilevante per l'inverno la prossima stagione, i programmi sono tutti a medio termine...l'innevamento servirebbe già ieri, cambierebbe la stagione invernale con apertura certa per le feste, il rifugio, altro tassello fondamentale, è ancora fermo, temo per le solite follie amministrativo-giuridiche..
    l'apertura dell'albergo un bel segnale, anche perchè la ricettività attuale è minima, e forse qualche soluzione in più potrebbe "drenare" i tanti giornalieri che salgono e scendono senza soggiornare..
    con effetto covid quest'estate erano abitate case chiuse da decenni, un pienone quasi grottesco perchè "involontario"..

    la piscina e il potenziamento estivo sono fondamentali, perchè livata attune vale 70% estate e 30% inverno come stazione, anche 80/20 . Il centro sportivo dell'esagono è già una bella struttura, se fosse gestito alla "trentina" sarebbe una macchina da soldi, attualmente popolato ma abbastanza confusionario..

    Va sicuramente sviluppata la potenzialità del settore MTB, a oggi lasciato a sole Ebike di livello molto "turistico", una volta c'era il Libre , ma spesso in appennino si va in controtendenza purtroppo,. La zona ha maggiori potenzialità di trail rispetto alle stazioni marsicane che sono molto pietrose e scoperte, i simbrunini hanno pendii più boscosi e verdi fondo di terra naturale molto buono.
    Nel centro sportivo del esagono si potrebbe facilmente creare una area bike school con pump-track, percorsi scuola, strutture , cose molto abbordabili per dimensioni e costo, e se gestita bene diventa una miniera, ma c'è da sviluppare l'approccio organizzativo e gestionale, la buona volontà non è sufficiente...

  12. #550
    Bivalente: sci+snowabard Skifoso
    Attrezzatura
    tavola K2 turbodream, sci e scarponi Nordica "da migliorare..".

    Predefinito

    roby magari la gestione si aprisse a sentire consigli e idee di chi non è di subiaco, manca ancora una apertura mentale "strutturata", anche se c'è voglia di fare e innovare...L'approccio è ancora troppo "subiacoentrico" come se in trentino pensassero a stazioni per abitanti della val rendena o della val di non invece che a turisti di tutta europa...

    Hai perfettamente centrato il punto con la tua sintesi cit " mentalità "Paesana, tutto un pò da sagra"!". Bisogna cambiare e subito, innanzi tutto con maggiore percezione che il bacino di utenza sono milioni di abitanti a cento km o meno e non i soliti 10.000 della vallata sottostante, che paradossalmente sarebbero gli ultimi di cui preoccuparsi..

    Una mia fantasiosa ipotesi, visto che il gap è incolmabile, è che si possa almeno "scopiazzare" qualcosa dal nord; per abbreviare i tempi bisognerebbe "Importare know how" prendendo qualche operatore da stazione del nord o "formare" i giovani per qualche stagione al nord, anche facendo lavori operativi nelle strutture invernali o estivi si potrebbe assorbire un po dell'approccio organizzativo..

    in inverno ci sono limiti strutturali difficili e costosi da superare, ma in estate il problema economico è minimo, con le strutture che si anno si può già fare un bel po se si passa da un organizzazione "tipo sagra" dove si vive alla giornata a una strutturata e pianificata...le iniziative attirano clienti ma è ovvio che inizialmente bisogna spendere e investire per attirarli senza un immediato ritorno, ma sulle attività estiva i costi e i tempi di ritorno sono assai piu agevoli che sul settore invernale...

  13. Skife per turbodream:


  14. #551

    Predefinito

    "è che si possa almeno "scopiazzare" qualcosa dal nord" .... sono d'accordo al 1000*1000 su questa idea!!
    In passato mi raccontava un esercente del posto, una persona del nord si occupò per un pò dell'organizzazione degli eventi...fu un bel periodo, tutta un'altra mentalità, speriamo possa accadere di nuovo.
    Sempre nell'incontro, devo dire, hanno accennato più volte alla platea romana e quindi a milioni di possibili utenti, oltre al fatto di essere riusciti anche a coinvolgere comuni vicini come Camerata nuova e Vallepietra mi pare (vorrebbero collegare Livata a Campaegli con una strada degna).
    Forse sarò sempre io fuori tema, però oltre alla "Sagra di Paese", ho la sensazione che l'utenza media del centro si "accontenta" di quello che trova ed è soddisfatta anche da piccole novità da "Sagra", certo è che se la domanda è di un certo livello, gli operatori hanno anche meno interesse ad azzardare...io sono Romano, quindi mi sento nel diritto di dire che spesso siamo un'utenza...strana come richieste, ovviamente non tutti!
    voglio essere positivo, vedere un impegno e amore per i propri luoghi così spiccato è sempre e comunque un piacere, spero di riuscire, scindendo tempo personale e tempo libero, a partecipare alla vita "Livatese" almeno un pò e magari dare qualche spunto anche prendendo qui dal Forum idee.
    Un sogno...che tutte le località ancora in essere nel centro Italia capiscano che essere uniti non vuol dire che uno toglie all'altro...ma proprio il contrario!


    Citazione Originariamente scritto da turbodream Vedi messaggio
    roby magari la gestione si aprisse a sentire consigli e idee di chi non è di subiaco, manca ancora una apertura mentale "strutturata", anche se c'è voglia di fare e innovare...L'approccio è ancora troppo "subiacoentrico" come se in trentino pensassero a stazioni per abitanti della val rendena o della val di non invece che a turisti di tutta europa...

    Hai perfettamente centrato il punto con la tua sintesi cit " mentalità "Paesana, tutto un pò da sagra"!". Bisogna cambiare e subito, innanzi tutto con maggiore percezione che il bacino di utenza sono milioni di abitanti a cento km o meno e non i soliti 10.000 della vallata sottostante, che paradossalmente sarebbero gli ultimi di cui preoccuparsi..

    Una mia fantasiosa ipotesi, visto che il gap è incolmabile, è che si possa almeno "scopiazzare" qualcosa dal nord; per abbreviare i tempi bisognerebbe "Importare know how" prendendo qualche operatore da stazione del nord o "formare" i giovani per qualche stagione al nord, anche facendo lavori operativi nelle strutture invernali o estivi si potrebbe assorbire un po dell'approccio organizzativo..

    in inverno ci sono limiti strutturali difficili e costosi da superare, ma in estate il problema economico è minimo, con le strutture che si anno si può già fare un bel po se si passa da un organizzazione "tipo sagra" dove si vive alla giornata a una strutturata e pianificata...le iniziative attirano clienti ma è ovvio che inizialmente bisogna spendere e investire per attirarli senza un immediato ritorno, ma sulle attività estiva i costi e i tempi di ritorno sono assai piu agevoli che sul settore invernale...

  15. Skife per roby751:


  16. #552
    Bivalente: sci+snowabard Skifoso
    Attrezzatura
    tavola K2 turbodream, sci e scarponi Nordica "da migliorare..".

    Predefinito

    roby
    io ho la sensazione che l'utenza che si "accontenta" sia sopratutto quella "pippofrantistica", quelli che si portano il divano da casa sul tetto...sono comunque tanti, si parcheggiano al lato strada e montano tavola bbq sul ciglio della strada, senza manco fare 10 passi, probabilmente il ciglio di una statale montana è gia un paradiso rispetto alle giungle di cemento delle periferie romane..questo tipo di utenti non porta "Una lira" alle stazioni, hanno tutto da casa, non pernottano, non spendono ma spesso in compenso sporcano lasciando rifiuti..
    gli altri utenti sono "costretti" o adeguati ad accontentarsi della scarsa offerta, ritornano in estate alla casa in montagna per prendere un po di fresco, ma se devono spendere soldi per una vacanza invernale sulla neve li spennando, giustamente al nord..e anche per una settimana estiva ormai..la situazione covid ha creato un bum fittizio per limitiazione di alternative e minore disponibilità economica, ma potrebbe essere un punto di partenza da sfruttare.

    il paradosso è che non solo per sciare, ma anche per fare mtb a un certo livello finisce che vai sempre in trentino, o vda o livigno...certo i panorami e le potenzialità sono tropo superiori, ma per weekend lunghi o settimane corte, la montagna "Locale" potrebbe offrire di piu, oltre a dare nuova vita alle utenze "domestiche" che sono il 90% delle stazioni appenniniche fondate du seconde case di romani. I clienti dovrebbero essere invogliati a soggiornare e tornare piu spesso. Queste categorie di clienti a differenza dei "pippofranchisti" spendono in loco, e lo sciatore come il biker sono abituati a "spendere" per il loro sport, diversamente da chi fa escursioni o trekking in giornata che magari si porta sempre il panino nello zaino e non spende granchè...
    bisogna sapere attirare chi ha propensione a spendere, investire, perchè il mordi e fuggi o il pippofranchismo contribuiscono ai costi e all'inquinamento da autovetture ma poco lasciano allo sviluppo di una stazione...l'appennino purtroppo attira per lo pià questa categoria di clienti, in parte figli della disorganizzazione atavica

  17. Skife per turbodream:


  18. #553

    Predefinito

    Non posso che essere d'accordo!
    Comunque se dovessero pubblicare il piano industriale lo posto, così magari uno si fa un'idea più precisa!

    Citazione Originariamente scritto da turbodream Vedi messaggio
    roby
    io ho la sensazione che l'utenza che si "accontenta" sia sopratutto quella "pippofrantistica", quelli che si portano il divano da casa sul tetto...sono comunque tanti, si parcheggiano al lato strada e montano tavola bbq sul ciglio della strada, senza manco fare 10 passi, probabilmente il ciglio di una statale montana è gia un paradiso rispetto alle giungle di cemento delle periferie romane..questo tipo di utenti non porta "Una lira" alle stazioni, hanno tutto da casa, non pernottano, non spendono ma spesso in compenso sporcano lasciando rifiuti..
    gli altri utenti sono "costretti" o adeguati ad accontentarsi della scarsa offerta, ritornano in estate alla casa in montagna per prendere un po di fresco, ma se devono spendere soldi per una vacanza invernale sulla neve li spennando, giustamente al nord..e anche per una settimana estiva ormai..la situazione covid ha creato un bum fittizio per limitiazione di alternative e minore disponibilità economica, ma potrebbe essere un punto di partenza da sfruttare.

    il paradosso è che non solo per sciare, ma anche per fare mtb a un certo livello finisce che vai sempre in trentino, o vda o livigno...certo i panorami e le potenzialità sono tropo superiori, ma per weekend lunghi o settimane corte, la montagna "Locale" potrebbe offrire di piu, oltre a dare nuova vita alle utenze "domestiche" che sono il 90% delle stazioni appenniniche fondate du seconde case di romani. I clienti dovrebbero essere invogliati a soggiornare e tornare piu spesso. Queste categorie di clienti a differenza dei "pippofranchisti" spendono in loco, e lo sciatore come il biker sono abituati a "spendere" per il loro sport, diversamente da chi fa escursioni o trekking in giornata che magari si porta sempre il panino nello zaino e non spende granchè...
    bisogna sapere attirare chi ha propensione a spendere, investire, perchè il mordi e fuggi o il pippofranchismo contribuiscono ai costi e all'inquinamento da autovetture ma poco lasciano allo sviluppo di una stazione...l'appennino purtroppo attira per lo pià questa categoria di clienti, in parte figli della disorganizzazione atavica

Pagina 37 di 37 PrimoPrimo ... 2728293031323334353637
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •