Pagina 16 di 23 PrimoPrimo ... 67891011121314151617181920212223 UltimoUltimo
Mostra risultati da 226 a 240 di 333

Discussione: Lazio : situazione neve, aperture impianti, piste, strade...

  1. #226

    Predefinito

    Apparentemente sembra e forse lo è un declino inarrestabile.
    Però non era così. Parlo principalmente del Terminillo. Molti di voi non lo ha vissuto per ragioni anagrafiche o altro. Ma a fronte di una gestione che è stata sempre scellerata era un gioiello. Parlo di quando gli sci erano dritti e alti 15/20 cm oltre la propria statura. Oltre lo sci c'era un paese di montagna vivo. Non il deserto dopo le 16:30. C'erano hotel, seconde case, negozi, il cinema, locali, lo "struscio" serale, feste,...

  2. Lo skifoso PaoloL ha 2 Skife:


  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  4. #227
    Dalle Murge ... alle Alpi Skifoso
    Attrezzatura
    Kneissl Black Star SM 183R21 - Salomon BBR 8.9 186 - Fischer RC4 110 Vacuum - Casco Ruroc RG1-DX

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da PaoloL Vedi messaggio
    Apparentemente sembra e forse lo è un declino inarrestabile.
    Però non era così. Parlo principalmente del Terminillo. Molti di voi non lo ha vissuto per ragioni anagrafiche o altro. Ma a fronte di una gestione che è stata sempre scellerata era un gioiello. Parlo di quando gli sci erano dritti e alti 15/20 cm oltre la propria statura. Oltre lo sci c'era un paese di montagna vivo. Non il deserto dopo le 16:30. C'erano hotel, seconde case, negozi, il cinema, locali, lo "struscio" serale, feste,...

    Il che fa incazzare ancora di più....

    Ma uno che non ha casa li, salvo condizioni eccezionali (tipo quelle dell'anno passato) oggi vede (poche) piste, persino scoperte in alto, battute male, folla nei weekend, skipass neanche bassissimo, cosa dovrebbe andarci a fare??

    E considera che io muoio dalla curiosità di sciarci... (ma non a ogni costo).

  5. #228

    Predefinito

    Nuovo sito internet per Campo Stella...in fase di installazione anche 2 web-cam...completata invece la copertura della rete per cellulari su tutto il comprensorio...

    http://campostella.info/


  6. Lo skifoso Miri ha 2 Skife:


  7. #229

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da MAXINMARE Vedi messaggio
    Le solite guerre tra poveri....

    I soldi, oltre ad averli, bisognerebbe tanto per cominciare essere anche capaci a spenderli.
    Il Terminillo (che pure avrebbe bisogno e diritto dell'intera dotazione, che invece vedo che man mano viene erosa) sono eoni che si dimostra incapace a spendere i soldi già stanziati, prreso com'è tra lotte intestine e contro il resto del mondo.
    Gli unici in zona Terminillo che sono stati capaci di spendere benone i soldi stanziati sono stati quelli di Leonessa per Campo stella ... gli altri??

    A Livata almeno una seggiovia l'han fatta.. certo le possibilità di espansione sciistica sono poche e limitate (se non nulle).

    Tutti vorremmo vedere l'espansione ed il rilancio di ogni comprensorio Laziale, ma se cominciamo a buttare soldi a pioggia, invece di concentrarci su singoli progetti fino al loro completamento, nessuno comprensorio avrà alcun vantaggio (i vantaggi, casomai, resteranno in qualche tasca)
    in alcune zone del Matese (alto casertano) molti fondi POR furono utilizzati non per ampliare l'offerta turistica ma per porre in essere una squallida truffa. Al posto di ristrutturare per creare b e b (come richiesto e previsto) ristrutturarono le abitazioni private. Fu abbastanza semplice per la Guardia di Finanza accertarlo. Iniziarono a chiamare sta gentaglia fingendosi clienti e richiedendo disponiblità. Non vi era mai posto ma guarda caso non venivano emesse fatture. Con gente così come vuoi far ripartire il turismo invernale ? Se poi come accade nel Lazio i fondi vengono distribuiti pro e contro....

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da turbodream Vedi messaggio
    Il lazio sciisticamente vede come una chimera non l'alto adige, ma la sicilia...tutto il lazio messo insieme se le sogna piste e impianti come i due versanti dell'etna..una sitauzione veramente misera se pensiamo ai fasti di 30-40 anni fa.
    Un accorcco di rottami sparsi ovunque dal reatino al frusinate, circa un 20-30 % dei quali ancora funzionanti, borghi e stazioni semispopolate, fabbricati abbandonati..piu stazioni montane si ha l'impressione di "discariche architettoniche" di edilizia anni 60-70-80, con alcune miscroscopiche realtà diginitose come campo stella e livata...ma parliamo di stazioni che stanno aperte un paio di mesi l'anno...
    A oggi non esiste una stazione dotata di innevamento artificiale "serio", non esiste una stazione con un raporto impianti-comprensorio-piste che sia paragonabile alle piu piccole dell'abruzzo, non esiste una stazione che abbia un accesso stradale agevole e rapido come quelli abruzzessi...La via dello sci nel lazio è veramente in salita, e la mediocrità è confermata dalle polemiche di vicinato sempre piu aspre che alimentano la "guerra tra poveri", che impersevera tra anni inutilmente in tutti i comuni limitrofi alle stazioni...
    non so se sarà prima il clima (l'inverno laziale è un ibrido autunno/primavera come temperature, con neve sempre piu rara) o l'economia a decretare la fine dello sci nella nostra bistrattata regione, ma sinceramente tra tutti e due non vedo più di dieci anni di vita nello scenario attuale, anche perchè l'abruzzo è sempre piu vicino e sempre più in crescita..
    il lazio si potrebbe riprendere con almeno una delle iniziative di cu si parla da decenni che vada a buon fine: ampliamento e recupero del terminillo, con collegamento di cs a pdv, ampliamento di monte livata con cannoni e creazione di almeno un totale di 3 impianti (quasi impossibile) che garantirebbe una ministazione anzichè una "monoseggiovia" breve, e iinfine ecupero di una delle "difficili" stazioni del frusinate, di buon potenziale sciistico (sopratutto staffi) ma gravate da isolamento e abbandno sempre maggiori...
    mi sa che tra un po sulle montagne del lazio si andra sopratutto in bici e a piedi, e gli sci e tavole si utilizzaranno altrove...
    Il Lazio, che a quanto leggo sta veramente mal messo, è comunque avanti alla Campania che probabilmente si piazza ultima nello sci.
    Tutto è andato in malora, salvo Campitello Matese che però è nel versante molisano e che fatica a sopravvivere (leggevo di debiti, partecipate statali da fondere per ripartire etc.). Nella zona a confine tra l'alto casertano ed il Molise la neve non manca. Tutto il resto, nel versante campano, è inesistente. Il virtuoso Abruzzo giustamente e con pieno merito si allontana sempre di più (per quantità di offerta e qualità) e i turisti vanno tutti li, salvo una minoranza che affettuosamente frequenta Campitello Matese. Le cose difficilmente accadono per caso ed anzi ritengo che la buona e la cattiva sorte (lavorativamente parlando) sia una componente residuale. I risultati si conseguono con impegno. In Campania per lo sci si sono impegnati solo a distruggere.

  8. Lo skifoso il Matesino ha 2 Skife:


  9. #230

    Predefinito Terminillo.

    Un anno fa sono stato con un amico a fare una chiaccherata con il proprietario di Terminillo. Come molti voi sapranno è una persona ormai anziana e a me è sembrata anche stanca. A me ha detto testuali parole: Posso rimetterci pure 500 mila euro a stagione ma la stazione non la svendo. Ripetendo più volte che sta facendo un miracolo a tenerla aperta.

    L'intento è chiaro non molla. Poi che la stazione sia ridotta ai minimi termini non ci sono dubbi. Come non ci sono dubbi sulla bellezza del posto.....sulle piste alcune bellissime....sul fatto che ci sono potenzialità enormi non sfruttate.

    Ma tanto non molla.

  10. Lo skifoso Pereira ha 2 Skife:


  11. #231
    Dalle Murge ... alle Alpi Skifoso
    Attrezzatura
    Kneissl Black Star SM 183R21 - Salomon BBR 8.9 186 - Fischer RC4 110 Vacuum - Casco Ruroc RG1-DX

    Predefinito

    Sempre più convinto che uno, ad una certa età, anche se tantissimo ha fatto in vita sua, dovrebbe liberarsi per tempo di tutto e godersi la vita/pensione.

    Se continuano a pensare di gestire le proprie cose anche quando gli affari declinano, invece di ribaltare il tavolo e cambiare, si incaponiscono e ripetono sempre le stesse cose, fanno gli stessi errori, e pretendono di convincere l'universo che loro hanno ragione e gli altri sono nel torto. Il risultato?? Inevitabilmente si rischia di far andare tutto in malora.

    Di esempi ne abbiamo a bizzeffe.

    Il signore in questione, probabilmente, ricorda i fasti di un tempo, ma non riesce a comprendere fino in fondo che questi fasti non ci sono più e che, rebus sic stantibus, mai ritorneranno.

    La responsabilità sarà anche altrui, ma non solo altrui... inoltre tener duro all'infinito senza cambiare tattica non servirà a nulla.



    “Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi.”Albert Einstein

  12. Lo skifoso MAXINMARE ha 2 Skife:


  13. #232

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da MAXINMARE Vedi messaggio
    Sempre più convinto che uno, ad una certa età, anche se tantissimo ha fatto in vita sua, dovrebbe liberarsi per tempo di tutto e godersi la vita/pensione.

    Se continuano a pensare di gestire le proprie cose anche quando gli affari declinano, invece di ribaltare il tavolo e cambiare, si incaponiscono e ripetono sempre le stesse cose, fanno gli stessi errori, e pretendono di convincere l'universo che loro hanno ragione e gli altri sono nel torto. Il risultato?? Inevitabilmente si rischia di far andare tutto in malora.

    Di esempi ne abbiamo a bizzeffe.

    Il signore in questione, probabilmente, ricorda i fasti di un tempo, ma non riesce a comprendere fino in fondo che questi fasti non ci sono più e che, rebus sic stantibus, mai ritorneranno.

    La responsabilità sarà anche altrui, ma non solo altrui... inoltre tener duro all'infinito senza cambiare tattica non servirà a nulla.



    “Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi.”Albert Einstein
    Il tempo passa per tutti, stare al passo in età avanzata è contro natura. Specie in un tempo dove tutto gira in maniera velocissima. Encomiabile la volontà di impegnarsi ma in una situazione obiettivamente difficile tutto si complica.
    Molti anni fa se non erro fa si suicidò il proprietario o ex proprietario dell'Africana, notissimo locale della costiera amalfitana. Nel suo locale erano passati tutti i personaggi più in vista del mondo. Il successo irripetibile degli anni 60 e 70, con l'ampliamento dell'offerta turistica, si era trasformato in declino poiché la gente andava anche altrove. I giornali descrivevano allora un uomo addolorato dal declino della sua azienda.
    In piccolo, anche il Matese (scusate se parlo sempre della mia terra), negli anni 60/70, complice il boom economico, ebbe un buon successo turistico, poi un declino pauroso certamente meritato. Chi sa cedere il passo o sa rinnovare attraverso i suoi familiari, in luoghi che non conoscono mai crisi, può sopravvivere commercialmente. Diversamente vi è solo il declino. La gente cambia abitudini, ha esigenze diverse. Roccaraso ha saputo rinnovare ed ampliare la sua offerta e vanno in massa li, specie dalla Campania. Ma come dargli torto ? Gli impianti funzionano sempre, ogni anno vengono parzialmente rinnovati, l'offerta alberghiera è ampissima. Il successo garantito anche dall'altrui pochezza.

  14. Lo skifoso il Matesino ha 2 Skife:


  15. #233

    Predefinito

    Adoro questi piccoli excursuo OT...
    putroppo sul nostro appennino viviamo di memorie deglia anni 70-80-90 perchè la maggior parte delle infrastrutture risalgono a quei tempi..l'offerta non si è ne adeguata ne aggiornata, anzi tutte le stazioni del lazio offorno un comprensorio ridotto dal 30 al 70 % rispetto a come era 40 anni fa, non è cosi a roccaraso, neanche a rocca di mezzo e ovindoli e non c'è tutto sto rimpianto del passato..

    soprauttto l'offerta deve essere conomicamente adeguata, si rimane nel paradosso di sperare di ricavare decine di milgiaia di euro da vendite di immobili che se te il regalano ci rimetti...oltre all'offerta turistica, inesistente, c'è lo scenario di tutto l'indotto residenzali dove il rapporto attuale dei costi gestionali sul reddito dei prprietari rende moridbondo e semza speranze tutto il settore immobiliare di stazioni sempre piu abbandonate. 40 anni fa il gasolio o la corrente per scaldare le case in montagna erano costi irrisori..ora tra imu, tasi, nettezza urbana ti costano piu della casa dove abiti, e per farci una settimana spendi centinaia di euro di utenze...ovvio che i proprietari se ne vanno in settimana bianca al nord, e al limite ci fanno quallche giorno in estate quando i costi sono minimi...non c'è stato ricambio generazionale, ma è mancata l'offerta a trainare la domanda.Solo con un enorme rialncio e agevolazioni fiscali si potrebbe "riadeguare" tutta l'offerta residenziale e turistica necessaria al recupero delle stazioni...Effficacia energetica, cambio delle pollitiche fiscali dei comuni sanguisughe, nuovi servizi..altrimetni ti uccidono prima i costo dello zero termico a 2500 metri per metà inverno...
    il lazio montano è morto, in abruzzo ci sono realta vive (alto sagnro), altre in crescita (rocche) altre morenti o agonizzanti, ovvio che se devi spendere 3-400 euro a presona per 3 giorni in una stazione mediocre, con un piccolo sacrifico te ne vai al nord con servizi e paesaggi assai superiori, dove il dominio sciabile incontra un grande domanda in alto sangro, il mercato ha prezzi fuori controllo, ma se vuoi riportare la gente in stazioni "ignobili" come quelle del lazio, devi offire skiapss a 10 euro in settimana, bambini gratis, solo campo stella lo fa, gli altri dormono e si lamantano e basta...Se durante la settimana, con piste poco affollate e in ottime condizioni con 20-24 euro scii a ovindoli con cabinovia, 2 esaposto e 2 triposto nessuno sano di mente va a spendere circa altrettanto per sciare a livata, campo staffi, terminillo con qualche rottame di impianto, pochissimi impianti decenti e pochissime piste..Infatti le stazioni sono deserte, ma i costi li sopportano ugualmente, di weekend si godono il vantaggio di chi fugge dalla folla dei maxi resort, ma sono sempre briciole, e soprattutto molto meno del mercato che potrebbero aggredire, con gli stessi impianti mediocri ma con politiche di prezzo "accattivanti".
    la scarsita otlre che da un devastante contesto normativo amministrativo nasce anche da una incapacità commericiale turistica di fondo, quasi imbarazzante
    per capire come si arriva a grandi differenze basti pensare che il nonno di uno degli attuali gestori dell'alta badia, forse il comprensorio piu "famoso" in italia, a suo tempo andava con i pulman a prendersi i clienti nelle citta piu vicine e faceva pagare un biglietto di seggiovia (allora di prorpieta diretta) ongi 100 clienti per promozione.Invece al terminillo abbiamo un gestore che fa pagare un bambino di 4 anni come un adulto tutta la settimana tutto l'anno con 3 impianti fatiscenti e piste di neve marcia e poi si lamenta pure che non vuole svendere...ma che svnedere, se non esiste un valore commerciale, o investi o quelli sono "ruderi" meccanici, per non parlare che tutto cio che ormai non ha licenza non ha nessuno valore neanche teorico...
    queste persone sono i primi parassiti che succhiano il sangue all'animale quando è giovane e forte, indebolendolo con gli anni fino alla morte e continunano a cercare l'ulitma goccia di sangue raffermo sulla carcassa ormai putrefatta...
    sono la rovina...

  16. #234

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da turbodream Vedi messaggio
    Adoro questi piccoli excursuo OT...
    putroppo sul nostro appennino viviamo di memorie deglia anni 70-80-90 perchè la maggior parte delle infrastrutture risalgono a quei tempi..l'offerta non si è ne adeguata ne aggiornata, anzi tutte le stazioni del lazio offorno un comprensorio ridotto dal 30 al 70 % rispetto a come era 40 anni fa, non è cosi a roccaraso, neanche a rocca di mezzo e ovindoli e non c'è tutto sto rimpianto del passato..

    soprauttto l'offerta deve essere conomicamente adeguata, si rimane nel paradosso di sperare di ricavare decine di milgiaia di euro da vendite di immobili che se te il regalano ci rimetti...oltre all'offerta turistica, inesistente, c'è lo scenario di tutto l'indotto residenzali dove il rapporto attuale dei costi gestionali sul reddito dei prprietari rende moridbondo e semza speranze tutto il settore immobiliare di stazioni sempre piu abbandonate. 40 anni fa il gasolio o la corrente per scaldare le case in montagna erano costi irrisori..ora tra imu, tasi, nettezza urbana ti costano piu della casa dove abiti, e per farci una settimana spendi centinaia di euro di utenze...ovvio che i proprietari se ne vanno in settimana bianca al nord, e al limite ci fanno quallche giorno in estate quando i costi sono minimi...non c'è stato ricambio generazionale, ma è mancata l'offerta a trainare la domanda.Solo con un enorme rialncio e agevolazioni fiscali si potrebbe "riadeguare" tutta l'offerta residenziale e turistica necessaria al recupero delle stazioni...Effficacia energetica, cambio delle pollitiche fiscali dei comuni sanguisughe, nuovi servizi..altrimetni ti uccidono prima i costo dello zero termico a 2500 metri per metà inverno...
    il lazio montano è morto, in abruzzo ci sono realta vive (alto sagnro), altre in crescita (rocche) altre morenti o agonizzanti, ovvio che se devi spendere 3-400 euro a presona per 3 giorni in una stazione mediocre, con un piccolo sacrifico te ne vai al nord con servizi e paesaggi assai superiori, dove il dominio sciabile incontra un grande domanda in alto sangro, il mercato ha prezzi fuori controllo, ma se vuoi riportare la gente in stazioni "ignobili" come quelle del lazio, devi offire skiapss a 10 euro in settimana, bambini gratis, solo campo stella lo fa, gli altri dormono e si lamantano e basta...Se durante la settimana, con piste poco affollate e in ottime condizioni con 20-24 euro scii a ovindoli con cabinovia, 2 esaposto e 2 triposto nessuno sano di mente va a spendere circa altrettanto per sciare a livata, campo staffi, terminillo con qualche rottame di impianto, pochissimi impianti decenti e pochissime piste..Infatti le stazioni sono deserte, ma i costi li sopportano ugualmente, di weekend si godono il vantaggio di chi fugge dalla folla dei maxi resort, ma sono sempre briciole, e soprattutto molto meno del mercato che potrebbero aggredire, con gli stessi impianti mediocri ma con politiche di prezzo "accattivanti".
    la scarsita otlre che da un devastante contesto normativo amministrativo nasce anche da una incapacità commericiale turistica di fondo, quasi imbarazzante
    per capire come si arriva a grandi differenze basti pensare che il nonno di uno degli attuali gestori dell'alta badia, forse il comprensorio piu "famoso" in italia, a suo tempo andava con i pulman a prendersi i clienti nelle citta piu vicine e faceva pagare un biglietto di seggiovia (allora di prorpieta diretta) ongi 100 clienti per promozione.Invece al terminillo abbiamo un gestore che fa pagare un bambino di 4 anni come un adulto tutta la settimana tutto l'anno con 3 impianti fatiscenti e piste di neve marcia e poi si lamenta pure che non vuole svendere...ma che svnedere, se non esiste un valore commerciale, o investi o quelli sono "ruderi" meccanici, per non parlare che tutto cio che ormai non ha licenza non ha nessuno valore neanche teorico...
    queste persone sono i primi parassiti che succhiano il sangue all'animale quando è giovane e forte, indebolendolo con gli anni fino alla morte e continunano a cercare l'ulitma goccia di sangue raffermo sulla carcassa ormai putrefatta...
    sono la rovina...
    Mi piace da morire sto scritto

  17. #235

    Predefinito

    Ho appena prenotato per 4 notti al Leo Hotel...

    http://www.leohotel.it/

    Hotel 4 Stelle, in mezza pensione a 45,00 Euro per persona e la bambina di 8 anni con il - 30%.



    Poi la mia idea è quella di spostarsi da martedì a Pescocostanzo all'Hotel Vallefura....

    http://www.hotelvallefura.it/

    Ma una cosa alla volta, tanto ho visto che per prenotare ora e bene, basta una telefonata la sera prima...



    Domattina partenza entro le 10.00...stanotte mediterò e deciderò quale strada fare, la più lunga ma con più autostrada passando da Firenze e Perugia, la più breve ma anche più tortuosa passando da Volterra e Siena oppure quella costiera forse la più logica ma in una vergognosa e malconcia superstrada fino a Grosseto poi da Montalto di Castro, per Viterbo e Terni?

    Vi aggiornerò al ritorno, speriamo bene, temo solo il meteo uggioso, il vero tallone di Achille del nostro Appennino italico.

    Ciao!!!

  18. #236
    Dalle Murge ... alle Alpi Skifoso
    Attrezzatura
    Kneissl Black Star SM 183R21 - Salomon BBR 8.9 186 - Fischer RC4 110 Vacuum - Casco Ruroc RG1-DX

    Predefinito

    A giudicare dalle foto di oggi CS è ancora in splendide condizioni.

    Tienici aggiornato

  19. Skife per MAXINMARE:


  20. #237
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Scarponi Rossignol Track 130 '17/'18, Sci Head SSS 177 (in noleggio)

    Predefinito

    Molto probabilmente Sabato riuscirò a regalarmi una mezza giornata.
    Pensavo a Livata, visto che poi il pomeriggio devo andare a recuperare il resto della famiglia a Roma, ma da qualche parte ho letto che ci saranno delle scolaresche e difficilmente la scuola sci sarà disponibile.
    Dato che vorrei andare a fare lezione, probabilmente dirotterò su Staffi.

  21. #238
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Völkl Racetiger Speedwall GS UVO 180|Rossignol Bandit B3 184|NORDICA S.M 14|UVEX HLMT 300

    Predefinito Battesimo pelli al terminillo

    ..allora oggi dopo lunga attesa (ho iniziato a procurarmi il materiale lo scorso ottobre..) finalmente ho battezzato l' attrezzatura di skialp e come location ho scelto il terminillo.
    A livello meteo giornata strepitosa, 0 vento, 0 nuvole e protezione solare 50..

    L'escursione è stata veramente minima ma per me era una prima volta in skialp per cui sono comunque contento.
    Arrivati a pian de valli intorno le 08:45, rapida salita fino alla Sella del vento e poi veloce sciata fino alla base della quadriposto. Da li applicazioni pelli e salita fino all' attacco del primo muro della valle dell' inferno.
    Poi abbiamo desistito in quanto la pendenza era forte e la neve non teneva assolutamente (di base era un FIRN ma salendo di fatto si spappava) nonostante pelli e coltelli. Abbiamo invertito la rotta e siamo tornati alla base della quadriposto a cui abbiamo "scroccato" (ringrazio ancora il gestore) una corsa...
    Arrivati al terminilluccio rapida discesa sulla giusti e poi scarpinata fino al ristorante sella del vento per degna chiusura....
    Ricapitolando:

    • meto spettacolare (visbilità perfetta, si vedeva perfettamente il Gran Sasso)
    • pelli experience
    • pochissima gente


    Note dolenti

    • se non nevica tra una settimano o 2 max è finita la neve!!!!!!!


    qui di seguito qualche scatto.
    Buone sciate a tutti!





    Ultima modifica di Arkin; 01-03-2019 alle 08:41 AM.

  22. Skife per Arkin:


  23. #239
    Dalle Murge ... alle Alpi Skifoso
    Attrezzatura
    Kneissl Black Star SM 183R21 - Salomon BBR 8.9 186 - Fischer RC4 110 Vacuum - Casco Ruroc RG1-DX

    Predefinito

    Martedì si scia GRATIS a Campo Stella

  24. Skife per MAXINMARE:


  25. #240
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Scarponi Rossignol Track 130 '17/'18, Sci Head SSS 177 (in noleggio)

    Predefinito

    Segnalo che, per quel che riguarda Monte Livata, la pagina FB della scuola sci, la pagina tramite la quale avevo provato a chiedere informazioni, è stata chiusa.
    Sul sito web livata.com, riporta alcune informazioni sul piccolo resort, ma se si fa "click" su "Lezioni di sci", non si va da nessuna parte.



Pagina 16 di 23 PrimoPrimo ... 67891011121314151617181920212223 UltimoUltimo



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •